Libreria
Italiano

Soffrire

140.0K · Completato
C. P. Cruz
73
CapitolI
984
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Amaia Leyva è una ballerina esotica in un lussuoso strip club. Il suo corpo imponente e la sua preparazione fisica, oltre ad alcune conoscenze di danza classica e contemporanea, sono state le sue uniche opportunità per evitare di finire per strada, senza avere nulla da mangiare o per sfamare sua figlia. I suoi studi nel paese natale non erano serviti a nulla. A nulla sono servite le parole pronunciate dall'uomo che ha finto di amarla, per poi andarsene senza voltarsi indietro. Non c'era alcun miglioramento tra la sua vita in un altro Paese e quella attuale. Nemmeno un barlume del "sogno americano". Tanto meno di "insieme per sempre". Ora, mentre danza aggrappata al tubo che è diventato il suo sostegno, lo fa con rabbia e disprezzo. Odia se stessa ogni notte, quando deve abbandonarsi agli occhi di tutti quegli uomini che vogliono toccarla, anche se nessuno di loro può farlo. Quando chiude gli occhi e si immagina lontana; quando piange lacrime di rabbia che tutti fraintendono. Amaia è la migliore in quello che fa, perché è la sua natura. Tutti pensano che le piaccia, ma nessuno conosce la sua vera storia di sofferenza. Qualcuno riuscirà mai a vedere oltre la sua maschera di perfezione? Amaia riuscirà a rinunciare alla sicurezza che le è stata tolta tante volte? A volte basta trovare la ragione, decidere di crescere: lo farà?

MiliardarioCEOMatrimonioTriangolo AmorosoVendetta18+SessoRomanticoAmoreDominante

Prefazione

Tutto è buio. Quindi dovrebbe essere.

L'attesa creata dall'attesa, unita al non sapere quando inizierà lo spettacolo, crea uno stato di nirvana di cui chi muove questo mondo sa approfittare.

Ed è il mio momento.

Con il corpo luccicante di oli che mi faranno risplendere, la dose esatta di cera per non scivolare nel tubo, dovrei sentirmi nervosa; ma non lo faccio. In questo momento precedente, un solo sentimento mi riempie, la rabbia. E durante la mia presentazione, di solito ripongo la mia fiducia nella rabbia e nella delusione, sentimenti forti ed energici che mi portano a perfezionare i miei movimenti, a renderli improvvisi e perfetti allo stesso tempo.

-Amaia, parti tra cinque, conto alla rovescia…

Chiudo gli occhi e faccio un respiro profondo.

-Cinque quattro…

Faccio un passo, mi avvicino alla tenda di velluto nero che separa la tana dalla zona posteriore.

-Tre due…

mormora. fischi. Musica strumentale in sottofondo che ravviva l'atmosfera.

-Uno.

Le tende si aprono e una luce rossastra si riflette intorno al tubo. Pochi hanno notato la mia silhouette in fondo a tutto e di solito approfitto di quel momento per fare colpo. Cammino lungo la passerella e mentre passo sento i sussurri di chi mi ha già visto. Presto l'hanno fatto tutti e comincia il rumore assordante, che per qualche secondo impedisce di sentire la sensuale musica di sottofondo.

Raggiungo il tubo, la mia mano lo avvolge con un movimento delicato ed è lì che inizia lo spettacolo.

Erotico e provocatorio, il mio corpo si contorce, va su e giù per il tubo, al ritmo di una melodia ipnotizzante. Luce bassa. Silenzio. Molti sguardi. Tutto sopra di me. La musica cambia e ora tutto procede in crescendo; i miei movimenti si induriscono e comincio a sentire quella rabbia che mi corrode e che espello, ad ogni secondo. Una rabbia che tutti vedono, ma interpretano male, con passione, con devozione. inarco il mio corpo; i miei capelli toccano terra quando sono appeso a testa in giù tenendomi solo sui piedi. Figure sexy e sconvenienti; il tipo che mostra un po' di tutto, il tipo che ti fa desiderare di più.

Tutto perfettamente dettagliato; ben lucidato. Provocare. Stimolare. Incitare.

E lo raggiunge.

È evidente quando, cadendo in ginocchio con il corpo inarcato all'indietro, la sala esplode in un fragoroso applauso.