Libreria
Italiano

Propone alla sua ex moglie

2.0M · Completato
Eleanor Hughes
1288
CapitolI
156.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Prima di divorziare da Stella, Clarence pensava che fosse una donna dalla mente malvagia che avrebbe fatto ricorso a mezzi subdoli per raggiungere il suo obiettivo. Ma dopo aver divorziato da lei, ha cambiato atteggiamento nei suoi confronti. Clarence disse con calma: "Se ti penti di aver divorziato, posso considerare di darti un'opportunità". Stella era sconcertata quando ha sentito le parole. Lei ha risposto senza pensarci due volte: "Non preoccuparti".

CEOMatrimonioRomanticoVero Amore

Capitolo 1: Buon Divorzio

"Buon terzo anniversario, torna a casa prima, ho preparato una sorpresa per te, ti piacerebbe". Dopo aver inviato quel messaggio, Stella Radomil mise giù il telefono ed entrò di nuovo in cucina. Spense la fiamma dei fornelli e si mise a tagliare le verdure, divertendosi a darsi da fare, come se la risposta al messaggio che non avrebbe mai ricevuto non influisse minimamente sul suo umore.

La domestica la interruppe e disse: "Lasci che l'aiuti, signora".

"Non c'è problema, vai a farti i fatti tuoi. Voglio preparare la cena per lui stasera da sola". La cameriera, con aria invidiosa, disse. "Tu e il signor Conrad vi amate davvero". Stella sorrise e non rispose. Lei e Clarence Conrad si amavano davvero? O doveva dire che stavano solo recitando?

Clarence arrivò a casa alle 19.00 e la domestica fu abbastanza assennata da andarsene. Appena Stella ebbe finito di sistemare le ciotole e le bacchette, poté percepire i caldi respiri dell'uomo da dietro. Le fu stretto il mento e fu baciata a forza sulle labbra. Sentendosi spaventata, lo spinse via.

Clarence le mise una mano intorno alla vita e le pizzicò il mento. Strinse gli occhi scuri e disse con indifferenza: "Non l'hai voluto tu chiedendomi deliberatamente di tornare?". Stella spiegò dolcemente: "No. Oggi è il nostro terzo anniversario di matrimonio. Ho davvero dei regali da farti".

Clarence la lasciò e si rassettò la camicia leggermente stropicciata, dicendo blandamente: "Non devi farmi nessun regalo. La tua sorpresa non mi dà mai gioia, ma solo shock". L'angolo delle labbra di Stella si contrasse. Non replicò, ma si voltò ed entrò in cucina. L'ultimo piatto fu messo in tavola in breve tempo.

Stella si sedette di fronte a Clarence e gli versò del vino rosso nel bicchiere. Poi versò anche per sé. Prese il bicchiere e disse: "Al nostro terzo anniversario di matrimonio, salute". I tratti del viso di Clarence apparivano favolosi e maturi sotto la luce. Aveva una mascella ipnotica e un naso dritto. Le sue labbra sottili leggermente arricciate lasciavano intendere che non era soddisfatto della cena per l'anniversario di matrimonio che si era svolta solo tra di loro.

Stella sorrise. Non si aspettava che lui le rispondesse e alzò il bicchiere di vino, tracannando il vino rosso. Una volta finito, versò il secondo bicchiere, uno dopo l'altro. Alla fine era leggermente ubriaca. Si sdraiò sul tavolo e guardò l'uomo di fronte a lei che non aveva mostrato alcun cambiamento di espressione per tutto il tempo. Disse: "Clarence, solo per oggi, non puoi almeno mostrarmi un po' di sorriso?".

"Cosa vuoi che faccia? Che faccia il matto con te o che festeggi con te questo maledetto e noioso anniversario?".

"Come potrebbe essere noioso? Quanti anniversari avresti avuto nel corso della tua vita? Potrebbero non esserci più anniversari dopo questo".

Come se stesse raccontando una barzelletta, Clarence sogghignò. "Lo faresti succedere?". Stella scosse il vino rimasto nel bicchiere e le vennero le lacrime agli occhi dopo essere stata illuminata da una luce delicata. "Forse... no". Clarence non voleva più perdere tempo con lei. Si alzò e andò di sopra.

Si tolse la cravatta e il blazer con fastidio. Mentre stava per sbottonarsi la camicia, un paio di mani morbide gli circondarono la vita dalla schiena e l'odore dell'alcol lo inondò. Stella disse: "Rilassati, non ti ho ancora dato il mio regalo...". Clarence si girò e mise le mani in tasca. La guardò senza dire una parola.

Stella era arrossita e lo fissava con occhi limpidi e innocenti. Era difficile distogliere lo sguardo da lei. Il pomo d'Adamo di Clarence si mosse. Anche se si rifiutava di ammetterlo, la donna davanti a lui era davvero splendida ed era in grado di smuovere il cuore di un uomo. Altrimenti, non si sarebbe fatto ingannare da lei.

Spostò lo sguardo verso il basso ed ecco le sue labbra inzuppate di vino rosso. Erano rosse e seducenti. Quando lei infilò le mani nella sua camicia, lui le sollevò quasi subito il mento e le baciò le labbra con forza, senza esitare. Stella gemette per il dolore.

I suoi occhi si erano già annebbiati quando erano sul letto. Gli mise le braccia intorno al collo. Clarence le mise le mani ai fianchi e alzò le sopracciglia, come se la stesse prendendo in giro in silenzio. "Pensavo che non lo volessi".

"Sono sicuro che sai che quando una donna dice no, significa sì".

Clarence sogghignò. Si chinò ancora una volta e la baciò. Stella era eccezionalmente entusiasta stasera. Gli morse le labbra e l'odore di ruggine del sangue si diffuse tra le loro bocche. Quel bacio sembrava essere una battaglia. Il vincitore avrebbe avuto l'autorità di controllare l'altro.

Mentre lui stava per allungare la mano per prendere qualcosa dal comodino, Stella parlò bruscamente: "Clarence, divorziamo". Colui che si librava sopra di lei si fermò. "Che cosa hai detto?". Anche se Stella sapeva che lui aveva sentito chiaramente, ripeté comunque con chiarezza: "Divorziamo".

Clarence perse immediatamente la sua eccitazione. Si alzò lentamente e chiese freddamente: "Quanti soldi vuoi questa volta?". Lei era sempre stata così, si dava molto da fare per i soldi. I suoi trucchi continuavano ad evolversi. "Non voglio nemmeno un centesimo". Stella tirò fuori da sotto il cuscino un accordo di divorzio e disse. "Dia un'occhiata. Puoi firmare se non ci sono problemi".

Clarence abbassò il viso e disse: "Quando è troppo è troppo, non ho tempo per fare un gioco così ridicolo con te".

"Non ho detto che voglio farti una sorpresa stasera? Senti, non è forse la più bella notizia di sempre?".

Clarence la guardò con un volto inespressivo. Inspiegabilmente pensava che il suo sorriso fosse un po' un pugno nell'occhio. Stella sorrise e disse: "Clarence, buon divorzio". Clarence strinse le labbra. Dopo qualche secondo parlò: "Dici sul serio?". Stella annuì. "Com'è, c'è solo gioia, ma stavolta niente shock".

"Bene. È meglio che non te ne penta". Se ne andò subito dopo aver detto solo quelle parole. La porta fu sbattuta. Stella abbassò la testa e guardò l'accordo di divorzio tra le mani, che Clarence non aveva mai guardato. Si lasciò andare a un lungo sorriso.

Quella sera Stella impacchettò tutte le sue cose, che erano troppo poche e riempivano solo un bagaglio. Non prese gioielli, borse, scarpe e vestiti comprati da Clarence. Dopo tutto, lui era riluttante a comprarli per lei a quel tempo. Quei beni lussuosi erano diventati insignificanti dopo il divorzio. Erano completamente inutili per lei.

Stella guardò l'accordo di divorzio lasciato sul tavolo del tè freddo quando se ne andò, e lo raccolse ancora. Passò davanti alla sala da pranzo e diede un'occhiata al tavolo da pranzo. Le posate davanti a Clarence erano pulite e lucide. Lui continuava a non usarle affatto.

Quella festa per l'anniversario di matrimonio era così poco accogliente come aveva immaginato. Ma per fortuna si sovrapponeva all'anniversario del loro divorzio. Clarence avrebbe potuto sorridere dopo averci rimuginato a lungo quando ci avrebbe pensato in futuro. Quella poteva essere la cosa più soddisfacente che lei gli avesse fatto da quando si erano sposati per un periodo così lungo.

Seduta all'interno del taxi, Stella guardò il panorama che cambiava all'esterno e sentì improvvisamente che il peso era stato tolto dalla sua mente. Per tre anni era diventata la finta nuora di una famiglia ricca e dignitosa. Era giunto il momento di tornare nel suo quartiere.