Libreria
Italiano

L'avventura di una notte con il migliore amico di mio padre

57.0K · Completato
Zina
38
CapitolI
3.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Dovrei cambiare il mio nome in piantagrane... Dopo aver dormito casualmente con un dottore sexy, ho scoperto qualcosa di inquietante. Quello stesso dottore caldo avrebbe partorito i miei gemelli - i nostri gemelli! Mark è il miglior ostetrico... forse dell'intero paese. Ciò significa che non ha tempo per i giochi. Non c'è tempo per l'amore. E sicuramente nessuno per il grande segreto che sto nascondendo. L'elenco dei problemi non finisce qui. Lavoro come receptionist nello stesso ospedale. E Mark è il migliore amico di mio padre. Quindi immagina il mio shock quando scopro che sto per avere i suoi gemelli. Nascondere questo segreto potrebbe essere la cosa peggiore che abbia mai fatto. Ma ho scelta se voglio mantenere intatti il mio cuore e il mio lavoro? Riesco a malapena a immaginare la reazione di Mark quando scopre che non sono solo una sua paziente... ma anche la sua piccola mamma!

MiliardarioRagazzaRomanticoSesso18+Possessivo

Uno

1

SEGNO

h, mio Dio, Mark vieni qui, fa così freddo là fuori.

Sono stato molto contento che Karen DeBoise non mi abbia fatto aspettare

chinarsi in avanti per molto tempo dopo aver suonato il campanello.

Sono entrato. La casa era calda e profumava della vacanza imminente.

"Oh, questa sembra una buona annata", tubò quando le porsi la bottiglia di vino che avevo portato. Mi sono scrollato di dosso il cappotto e, avendo familiarità con la famiglia DeBoise, ho riposto il cappotto nell'armadio dell'ingresso. Mi tolsi il berretto di maglia dalla testa e lo infilai nella tasca del cappotto.

Ho arruffato e poi lisciato i capelli. Avere i capelli scompigliati dall'indossare cappelli non è mai stato un bell'aspetto, ma era insolitamente troppo freddo per non indossarne uno.

"Entra, i ragazzi stanno giocando ai videogiochi nella sala bonus."

L'ho seguita più in profondità nella casa. Un alto albero di Natale bloccava la finestra panoramica dal pavimento al soffitto. Ghirlande e sfoggi di ornamenti rosso vivo decoravano il resto della casa. Karen era sempre una persona da decorare, non importa la vacanza.

Ho seguito Karen nella sua cucina. I caldi odori di arrosto e noce moscata erano più forti lì. Potevo solo presumere che Karen avesse passato la maggior parte della sua giornata a preparare la cena di stasera, ma la sua cucina era immacolata. Tutta la sua casa lo è sempre stata. Salone perfetto.

"È un freddo o un caldo?" chiese, sollevando la bottiglia.

"Questo è un vino a temperatura ambiente." Non avevo dubbi sul fatto che sapesse davvero come servire il vino e mi stava mettendo alla prova per vedere se lo sapevo.

"Peyton ha preparato un cocktail se vuoi servirti da solo." Con un gesto della mano indicò la grande stanza dall'altra parte della cucina.

«Prendo solo una birra», dissi mentre aprivo il frigorifero.

"Sai dove trovarli." Mi aveva voltato le spalle e stava facendo qualcosa ai fornelli.

Quando mi sono rialzato e ho chiuso la porta del frigorifero, sono stato colto alla sprovvista da un bel viso sorridente. ho deglutito. Di solito le belle donne non hanno un impatto simile su di me. C'era qualcosa di familiare in questo. Sentivo che avrei dovuto conoscerla. Ma lei mi ha sorriso come se mi conoscesse.

"Ehi, dottor Mark, come sta?" ho deglutito. "Si Bene."

Mi è passata accanto e ha aperto il frigorifero. Quando lo richiuse, aveva in mano due birre. Mi guardò di nuovo, scrollò leggermente le spalle, si voltò e se ne andò. Salì le scale che portavano alla stanza bonus. Ho guardato il suo culo ben fatto dimenarsi su per le scale in un paio di pantaloni attillati da yoga, che dovrebbero essere illegali per i pensieri che mi stavano precipitando in testa.

Guardai Karen da sopra la spalla per assicurarmi che non mi avesse visto fissare il suo ospite come un ragazzo di una confraternita.

"Quando hai detto che i bambini erano di sopra, intendevi anche Peyton, giusto?" "Sì, vai su." Ero stato licenziato.

«Chi altro c'è qui?»

“Solo i bambini. La cena dovrebbe essere pronta in quindici, venti minuti al massimo.

Solo i bambini? I figli di Karen e Peyton erano bambini. Adolescenti l'ultima volta che li ho visti. Se quella donna non era un'ospite, doveva essere...

"Era Brooke?"

"Sì, perché?"

«Adesso le lasci bere birra?»

"Stai bene?" Karen rise. Si voltò e appoggiò un fianco contro il bancone. «Ha ventiquattro anni. Praticamente non ho voce in capitolo nel lasciarla bere se lo desidera.

Mi sono soffocato con la bevanda in bocca.

"Ventiquattro? Quando diavolo è successo? Non si è appena diplomata al liceo?"

“Sbatti le palpebre e loro crescono quando non presti attenzione. Non osare dire niente sul fatto che stai invecchiando. Fidati di me, ad ogni compleanno che ha, mi ritrovo un anno in più".

"Non sei vecchio, perché ciò significherebbe che sono vecchio e sono nel fiore degli anni."

“Pensi di essere uno scapolo con tutto il tempo del mondo per mettere su famiglia mentre Peyton è di sopra a contemplare la sua crisi di mezza età. Sai che l'ho beccato a guardare auto sportive online. Non sono ancora pronto a rinunciare al mio minivan e lui sta acquistando decappottabili rosse.

Mi strofinai la mascella, grattandomi i capelli ispidi che non mi ero preso la briga di radere quella mattina.

«Be', è vecchio. Tu ed io, non siamo vecchi. Ho appena quarantacinque anni, e tu ne hai ancora, quanti trentanove? ho preso in giro; Sapevo che avevamo la stessa età.

Lei scosse la testa. “Ho deciso che una volta raggiunti i quarant'anni, smetterò di festeggiare il mio compleanno e comincerò a invecchiare all'indietro. Al momento ho trent'anni…” arricciò la bocca di lato e alzò lo sguardo. "Cinque. Penso. O forse ho trentaquattro anni. Forse smetterò una volta tornato a venticinque anni. Sarà più facile che doverlo costantemente capire".

"Oppure potresti invecchiare come tutti noi?"

"Dov'è il divertimento in questo?" Qualcosa ha iniziato a ronzare. "Vai di sopra e digli che la cena è pronta, va bene?"

"Devo prendere un deambulatore per il vecchio?"

“Zitto,” rise e scosse la testa. “Hai ragione però, è vecchio. Cinquantadue l'anno prossimo.»

«Oh, non c'è da stupirsi che stia guardando le macchine rosse. È un requisito.

Salii le scale due alla volta e mi fermai mentre il pianerottolo si apriva sulla stanza bonus. In tutti gli anni in cui ero venuto a casa DeBoise, avevo visto questa stessa scena così tante volte. Peyton era sul divano con un controller di gioco in mano, ei due bambini seduti di fronte a lui sul pavimento con i loro controller. Diavolo, molte volte ero stato su quel divano con lui. Ma questa volta quei bambini non erano bambini. Adesso erano adulti.

Non avevo già riconosciuto Brooke, era stupenda. E l'uomo accanto a lei, beh, doveva essere suo fratello, Rhys. Se Karen non avesse detto nulla, onestamente avrei pensato che fossero una giovane coppia che Karen e Peyton avevano invitato a cena.

Ho guardato la partita per un minuto. Qualcuno si stava prendendo a calci in culo. "Sei tu quello che sta perdendo?" Ho chiesto.

Peyton mi guardò e riportò la sua attenzione sul videogioco. “Ehi, quando sei arrivato? Vieni dentro."

"Sono io quello che mi ha dato il culo", Brooke non ha distolto la sua attenzione dal gioco, ha spostato tutto il suo corpo mentre giocava come se controllasse il suo avatar sullo schermo.

Rhys sedeva immobile, i suoi occhi focalizzati come un laser sul grande schermo del televisore, le sue dita che volavano sui controlli. “Ti fai sempre dare il culo. Non capisco perché insisti a giocare.

“Perché, a un certo punto, ti sconfiggerò. Lo farò!"

"Beh, forse perdi un po' più in fretta, Karen mi ha detto di farti sapere che la cena è pronta."

Peyton gettò da parte il suo controller di gioco con un gemito. "Sono fuori."

"Dammi un minuto per vincere, e saremo subito giù", disse Rhys con tutta la sicurezza di chi sapeva che stava per vincere.

Tornai giù per le scale.

“Non vedo i bambini da un'eternità. Rhys ha la barba, non è strano», dissi.

Peyton mi diede una pacca sulla spalla. “È bello averli a casa. Ma sì, sono tutti cresciuti. Karen continua a fare rumore per trasformare la stanza di Rhys in un rifugio artigianale. Ma non ne sono così sicuro. Voglio dire, Brooke è tornata con noi per un po' finché non capisce cosa farà dopo.

«Lavati le mani», gridò Karen dalla sala da pranzo.

Mi sono fermato nel bagno degli ospiti prima di raggiungerli in sala da pranzo.

"Brooke", ho iniziato mentre si sedeva di fronte a me. “Tuo padre stava dicendo che stai cercando di capire cosa c'è dopo? Cosa hai fatto tutto questo tempo?"

Brooke emise un grande respiro, facendole volare via i capelli dal viso. “Mi sono ufficialmente laureato, quindi non potevo restare in Scozia. Niente più visti per studenti. Ora si tratta di trovare un lavoro, che si spera non sia cameriere o fast food. Ho già fatto entrambe le cose.

Annuii, incerto su cosa dire dopo. "E tu Rhys, cosa hai combinato?"

"Rhys ha una ragazza", ha detto Brooke in un modo molto stuzzicante, abbastanza da infastidire suo fratello.

“Non una ragazza, una fidanzata. Passerò il Natale con la sua famiglia. La mamma non ne è contenta».

«Sei troppo giovane», disse Karen. “Hai tutta la vita davanti a te. Guarda Mark, ha una buona età per sposarsi. Perché non sei ancora sposato, Mark? Ha deviato la conversazione.

“Mamma, sono più vecchio di te quando tu e papà vi siete sposati”, disse Rhys. "Non ci sposeremo finché non avrò finito la scuola di legge."

"Scuola di legge? Oh."

"Forse dovrei andare a scuola di legge?" Brooke rifletté.

Karen si allungò e diede una pacca sulla spalla di Brooke. "Penso che la scuola di legge richieda più concentrazione di quella che ti farebbe comodo."

"La scuola di legge ti mangerebbe vivo", ha aggiunto Rhys.

Brooke fece una smorfia nello stesso modo in cui aveva fatto sua madre prima. Mi guardò e fece una grande alzata di spalle.

In quel momento, nemmeno io sapevo cosa fare.