Libreria
Italiano

La fenice rifiutata

95.0K · Completato
Golden_Ink
65
CapitolI
20.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Io Alpha Ryker Dante del parco della Luna Crescente respingo te, debole ragazza meticcia, come mia compagna e Luna del mio parco. Con la presente non ti è permesso di mostrarmi ancora il tuo volto, a meno che tu non lo voglia rosso! " Quelle parole rabbiose e ingannevoli fanno a pezzi Melanie. Era stato il suo compagno a respingerla a prima vista. È sempre stata rifiutata e contaminata, ma quest'ultimo rifiuto ha dato uno strattone doloroso e spaventoso al suo cuore perduto e in frantumi. Sorrise per non far cadere le lacrime e si voltò indietro. Se era questo che lui voleva, allora andava bene! Le andava bene. Guardò di lato verso suo padre che aveva uno sguardo insondabile. Aveva un'aria furiosa e fiammeggiante. "Padre... " Lei mormorò e il suo volto divenne rosso di rabbia, mentre gli ospiti lo guardavano scioccati e increduli. Con la voglia di sapere se fosse davvero lui il padre della debole e brutta lupa. No! Anche un semplice umano è più potente di lei. Tutti quelli che conoscevano Melanie sapevano che non aveva un lupo. Guardò il suo unico fratello. L'espressione sul suo volto era uguale a quella degli altri. L'ha avvilita. E alle sorellastre non importava nulla. "Ok. Ho capito.... Nessuno mi vuole... Nessuno vuole vedermi... Va bene, me ne andrò. Non mi vedrete mai più! Almeno il brutto me! " Scattò. Si asciugò le lacrime e si voltò. Si sentì il rumore dei sandali ruvidi e duri, mentre si scrollava di dosso il freddo. La vita era davvero crudele con lei. Fin da piccola era sempre stata messa in ridicolo dai suoi amici e compagni di età. Amava le avventure, ma era questo che aveva portato sua madre al letto di malattia. Una mattina era uscita per inseguire una farfalla ed era stata attaccata da un lupo arrabbiato. Di conseguenza, la madre si ruppe la spina dorsale per salvarla e da allora rimase confinata nella sua stanza. Suo padre la odiava profondamente per questo. Vagò per giorni lungo i confini di diversi parchi e non fu facile. Era debole e abbattuta, senza cibo e senza riparo. Sicuramente si vendicherà del suo parco malvagio, se mai riuscirà a sopravvivere. All'improvviso, un raggio di speranza la illumina. Non vuole più essere l'Haman debole e avvilito di un parco di lupi. Ha una vita di vendetta da lasciare. Riuscirà a portare avanti la sua battaglia per la vendetta o si ridurrà a domare emozioni e sentimenti di cui non è riuscita a liberarsi. Perché non lo scoprite?

StregheLicantropiAnimeLunaRagazzoRagazzaAmoreRomantico18+

01 i suoi incubi

Capitolo 1.

Sottotitolo: IL SUO INCUBO

Melanie era di nuovo lì.

Era ancora nel mezzo di un deserto vuoto.

Era arido e portava con sé un umorismo bandito.

Era spaventata a morte.

Faceva freddo e si congelava.

Aveva solo un cappuccio e un paio di sandali sporchi e strappati.

Era una cosa dura da incontrare.

La brezza le agitava le orecchie emettendo suoni rabbiosi.

Rabbrividì e si morse le labbra.

Era come se qualcuno la vedesse.

"Chi è là? "

Chiese.

La sua voce risuonò nell'oscurità e fece più voci mentre risuonava lungo la strada.

"Per favore, non fatemi del male... Voglio solo passare... "

Aggiunse.

Ci fu un improvviso cambiamento del tempo. La brezza era troppo forte e i suoi capelli volavano in quattro direzioni diverse.

I suoi vestiti lottavano per abbracciare il suo corpo mentre volavano.

Una figura enorme e scura apparve davanti a lei.

Era così grande che quasi svenne.

La bestia era enorme e sembrava avere le ali.

Lei mugolò e si spostò all'indietro.

A ogni passo che fa, la bestia ne fa uno dopo di lei.

E quando la bestia parlava aveva la voce più insolita di sempre.

Era dolce come il pane di un flauto e melodiosa come la ninna nanna di sua madre.

Lei allargò gli occhi per la sorpresa.

"hmmmm. Quanto ci avresti messo a trovarmi? "

Chiese la bestia.

Lei rabbrividì.

"Ti prego, non mangiarmi... Passerò qui e non tornerò più... "

Mormorò ancora tornando indietro.

"Passare dove? Ho aspettato diciannove anni che tu venissi da me e ora vuoi passare? Che ridondanza!"

La bestia era arrabbiata mentre rifletteva con la sua voce femminile.

Aurora capì che la bestia era una femmina dal modo in cui parlava così dolcemente, ma la sua figura scura tradiva la sua voce dolce.

Non riusciva ancora a capire cosa fosse esattamente.

"Chi... chi sei... Ti prego, non mangiarmi. "

Aurora aggiunse mentre inciampava su una pietra e cadeva sulla sabbia.

Strisciò indietro.

"Non ti mangerò. Sono la leggendaria fenice di fuoco e regina dei deserti della Fenice.

Sono passati trent'anni da quando mi sono rifugiata qui dopo aver perso il mio uccello di fuoco.

Sono troppo vecchia e ho ancora pochi giorni di vita.

Tu sei il mio parente più prossimo e anche l'ultimo. Devi prendere il mio posto prima che io muoia! "

La bestia scattò e Melanie quasi svenne per la confusione.

"No, ti prego, non so di cosa stai parlando, ti prego.

Non mangiarmi.

Non ti conosco... "

Era brasata fino alle ossa.

La bestia era infastidita.

"Zitto! "

La bestia scattò e Melanie urlò e cadde a terra.

"Sono la tua regina e non hai il diritto di rispondermi. Sei solo una principessa fenice. Devi fare come dico io!".

La bestia scattò di nuovo e Melanie chiuse gli occhi.

Sembra che non riuscirà a sfuggire alla bestia.

"Se vuoi davvero che ti creda, allora dovresti mostrarmi il tuo aspetto". "

Raccolse un po' di cautela e parlò.

"Giusto. "

La bestia rispose e un improvviso fuoco rosso la avvolse, facendo tornare il deserto selvaggio al vento.

Melanie si coprì gli occhi perché non riusciva a guardare la bestia.

Era troppo luminoso.

"Guarda! "

Le ordinò la bestia.

Si girò di fronte alla bestia e poi.....

Ops!

Un secchio d'acqua fredda fu gettato proprio sul viso di Melanie che sussultò e si svegliò dal suo sonno spaventoso.

Era in qualche modo grata all'acqua per averla svegliata, altrimenti avrebbe potuto svenire durante il sogno.

"Che diavolo di problema hai, stupida ragazza. Esci da questo letto marcio e prepara i miei vestiti per la cerimonia.

Come puoi dormire così tardi come se fosse casa tua! "

La voce arrabbiata di Quinn.

La voce della sorellastra le rimase forte nelle orecchie dopo che l'acqua che le era stata lanciata addosso le aveva colpito il viso.

"Sto arrivando... "

mormorò, mentre respingeva le lacrime che le si erano accumulate negli occhi.

Era davvero una loro schiava, non è vero?

"Beh, è meglio che tu lo sia, altrimenti te la vedrai con me. "

Quinn sogghignò e se ne andò dopo aver scaricato il secchio proprio sulle ginocchia di Melanie.

Melanie si guardò in faccia non appena Quinn se ne andò e scoppiò a piangere.

Sarebbe sempre stata trattata come una schiava nella casa di suo padre.

Brutte notizie!

*

*

*

Melanie sospirò mentre imboccava alla madre un altro cucchiaio di zuppa di verdure.

Aveva preparato le sue sorellastre gemelle ventenni per la festa dell'incoronazione e loro erano partite insieme al padre e a Jaxon, suo fratello.

"Non ti unisci a loro...?".

Chiese sua madre.

Sorrise e si aggiustò una ciocca di capelli dal viso delle sue madri.

"Sai che non mi è permesso uscire.

Non ho mai partecipato a una funzione prima d'ora.

Mio padre si vergogna di me come figlia e non vuole vedermi...". "

Melanie sospirò.

"Non è stata colpa tua, tesoro. Non hai pianificato che io venissi attaccata dal malvagio re dei lupi. Spero solo che non venga più qui o saremo tutti condannati". "

Sua madre sospirò.

"Anche se non fossi stata confiscata in questo letto, sarei stata odiata lo stesso. Sono l'unica ragazza senza lupo. Papà è un beta dell'ex re alfa e Jaxon sarà accanto al nuovo re. Le mie due sorelle hanno capacità di combattimento incredibili e lupi enormi, ma io? Non ho niente... "

Si interruppe e si asciugò le lacrime per l'ennesima volta.

"Tu hai me, piccola... "

Sua madre le sorrise.

"Dovresti davvero partecipare alla cerimonia. Non capita tutti i giorni che un nuovo re dei lupi venga incoronato. Divertiti per la prima volta nella tua vita. Dimentica tuo padre. Può andare all'inferno per quel che mi importa.... "

Disse sua madre.

"Stavo anche pensando di uscire di nascosto per dare un'occhiata al nuovo re... Ho sentito dire da Candice che è bellissimo...". "

Melanie si avvicinò e sorrise alla madre...

Candice era la gemella di Quinn. Ed era molto peggio della sorella.

"Sciocchina... Vai prima che sia troppo tardi. Mi sono già ripulita. "

Sua madre la zittì.

Melanie sorrise e lasciò la stanza dopo aver sparecchiato i piatti.

È la prima volta che partecipo a una funzione nei miei diciannove anni di vita. Spero solo di non essere beccata! '

Pensò mentre usciva dalla stanza.