Libreria
Italiano

Vendetta sul mio primo amore(Drake Riley & Sophia Lawson)

1.0M · Completato
Harper Sharp
723
CapitolI
185.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Non solo è stata tradita dal suo primo amore, ma è stata anche odiata dalla famiglia del suo primo amore. Anche la matrigna non la vedeva di buon occhio. Quando è tornata, è diventata una miliardaria in città. Allo stesso tempo, aveva 4 fratelli che le volevano molto bene. Quando il suo primo amore la incontrò di nuovo, le disse: "Esci dal mio mondo!".

MiliardarioMatrimonioVendettaTriangolo AmorosoAmoreRomanticoTradimentoVero Amore

Capitolo 1 Ehi, assomigli molto al mio ex-ragazzo

"Stai bene, Sophia? Devo venire con te?" Chloe Thomas chiese preoccupata, in piedi davanti alla porta di una suite KTV premium a Sealand.

La sua migliore amica, Sophia Lawson, aveva le vertigini dopo aver bevuto.

"No, grazie. Vado in bagno. Non sono ubriaca. Divertitevi".

Sophia agitò la mano, si aggrappò al muro e uscì barcollando dalla suite.

Sfoggiava la sua figura formosa in un abito nero aderente.

Espirando, dovette ammettere che quelle persone erano brave a bere.

Il bagno della suite era occupato, quindi dovette usare quello pubblico all'esterno.

Dopo essere uscita dal bagno delle donne, Sophia si guardò perplessa, dimenticando il numero della suite.

Studiò attentamente i numeri delle stanze e le porte, ma non riuscì a vedere alcuna differenza, così si diresse a caso verso una di esse.

Quando aprì la porta, trovò luci al neon colorate che scintillavano nella stanza buia.

Sophia era troppo ubriaca per vedere chiaramente. La sua vista si offuscava.

Per coprire l'imbarazzo, prese una bottiglia di liquore e gridò agli altri: "Forza! Facciamo un brindisi!".

Le persone nella suite la guardarono confuse.

"Chi sei?”

Tuttavia, Flynn Price la riconobbe.

"Drake, non è lei...".

L'uomo elegantemente seduto al centro emanava una vibrazione potente.

Aveva una presenza così forte che era difficile per gli altri non notarlo.

Quando Sophia apparve nella suite, la riconobbe.

Non vedendo nessuno muoversi, Sophia si mise a camminare con la bottiglia di liquore in mano e chiese: "Non vuoi bere?

Hai paura di ubriacarti?".

Improvvisamente il suo sguardo cadde su un uomo affascinante.

Come se fosse sicura che lui potesse bere con lei, Sophia scacciò le gambe che la intralciavano, dondolandosi verso di lui.

Poi si sedette naturalmente accanto a Drake Riley.

L'atmosfera divenne tesa.

Drake sentì l'odore familiare di lei che gli era mancato tutti questi anni.

Anche se sembrava calmo, nessuno poteva capire quanto stesse reprimendo le sue emozioni.

Avvicinandosi a lui, Sophia vide vagamente un volto familiare.

Il suo sguardo si spostò dalle belle sopracciglia, gli occhi intensi, il ponte del naso dritto e le labbra perfette, che indicavano che si trattava di un uomo freddo e riservato.

All'improvviso, sollevò il mento cesellato con l'indice, lo fissò e osservò: "Accidenti...

Assomigli tanto al mio ex ragazzo".

Flynn abbassò gli angoli della bocca, chiedendosi se Sophia era davvero ubriaca o stesse fingendo.

Tenendo il viso di Drake, Sophia lo studiò attentamente.

L'uomo dei suoi ricordi aveva usato tutti i mezzi possibili per rompere con lei tre anni prima.

Prima chiese a sua madre di darle dei soldi. In seguito, lasciò che tutta la sua famiglia e i suoi parenti la maltrattassero. Persino i suoi domestici e le sue cameriere la insultavano.

Inoltre, si scoprì che aveva già una fidanzata.

Tuttavia, la inseguì e le mentì che avrebbe sposato solo lei per tutta la vita.

Ricordare il passato mandò Sophia su tutte le furie.

Gli diede uno schiaffo in faccia.

"Brutto bastardo, Drake Riley!".

Apparentemente non aveva sfogato la sua rabbia. Un attimo dopo, versò il liquore contenuto nella bottiglia sulla testa di Drake. Ben presto il liquido giallastro macchiò il suo splendido viso.

Le persone presenti rimasero a bocca aperta di fronte a quella scena.

Drake era l'uomo più ricco di Sealand. Dopo aver rilevato l'azienda di famiglia, in tre anni aveva monopolizzato la vita economica di Sealand.

Aveva solo una fidanzata.

Nessun'altra donna osava avvicinarsi a lui. Quelle che ci provavano con coraggio finivano miseramente.

Perciò le altre si coprivano gli occhi, non avendo il coraggio di guardare la scena successiva.

Sophia non badò allo sguardo feroce di Drake su di lei.

Tirò fuori a fatica dei soldi dalla borsetta e glieli gettò in faccia.

"Pensi di essere fantastico perché sei ricco?

Pensi di poter fare il prepotente con me, eh?

Ti ho appena colpito. Questo è il risarcimento".

Mentre parlava, gettò tutti i soldi e le monete sul viso di Drake.

Poi tirò un respiro di sollievo, sentendosi rilassata.

Sophia prese un bicchiere sul tavolo e ne bevve un sorso soddisfatta.

Salutandoli, disse: "Signore e signori, divertitevi. Oggi sono molto felice. Vi prego di scusarmi. Ci vediamo".

Poi uscì dalla suite con la gioia di avere vissuto un'esperienza gioiosa.

La suite era avvolta dal silenzio.

Nessuno osava guardare Drake. Avevano paura che Drake sfogasse la sua rabbia su di loro.

Drake strinse forte i pugni.

Brava, Sophia Lawson!

Sono passati tre anni. Mi hai impressionato".

...

La mattina dopo, Sophia fu svegliata dalla suoneria del suo telefono.

Sentiva una leggera emicrania dovuta ai postumi della sbornia della notte precedente.

"Perché mi chiami così presto, Chloe? Sto ancora dormendo".

"Mia principessa, hai offeso Drake Riley, il demone di Sealand. Come puoi avere ancora voglia di dormire?".

Sophia quasi smise di respirare.

"Che cosa hai detto?

Chi ho offeso?".

"Il demone di Sealand, Drake Riley".

Chloe non riusciva a spiegarle nei dettagli.

"Tesoro, hai abbastanza soldi?

Se no, posso prestartene un po'. Compra un biglietto aereo e scappa. Sbrigati!"

Drake Riley?

Aveva visto e persino offeso Drake Riley ieri sera?

"Non hai molto tempo, tesoro". Chloe chiuse la telefonata.

Poco dopo trasferì 20.000 dollari a Sophia.

Prima che Sophia si riprendesse, sentì suonare il campanello e pensò che dovesse essere suo fratello maggiore.

Perciò non si cambiò la camicia da notte di pizzo, ma indossò le pantofole prima di aprire la porta.

Fuori c'era un uomo alto e robusto. Rimase a bocca aperta di fronte al suo volto familiare, sopraffatta dal suo profumo di menta.

Non era suo fratello maggiore, ma Drake.

Quando tornò in sé e stava per sbattere la porta, Drake entrò in casa sua, intrappolandola contro il suo petto e il muro.

I suoi occhi sinistri erano fissi su di lei in modo scherzoso, con un lieve sorriso sulle labbra.

"Non mi riconosci?", le chiese dolcemente, con una voce che le ricordava il violoncello.

Il cuore di lei iniziò a battere forte.

Sophia sapeva che era bello, ma aveva un aspetto più affascinante rispetto a tre anni prima.

"Ci siamo visti ieri sera. Come puoi dimenticarmi? Hai bisogno che ti aiuti a ricordarlo?".

Il suo respiro caldo le arrivava sul collo, facendola irrigidire.

Con un sorriso fatalmente attraente, aggiunse: "È passato molto tempo. Non pensavo che il tuo punto sensibile fosse ancora qui".

Sophia tornò in sé, lottando per liberarsi.

Tuttavia, non era forte fisicamente come lui e non ci riuscì.

"Che diavolo vuoi?" Sophia lo fissò.

I suoi begli occhi rivelavano disappunto.