Libreria
Italiano

Un'attrazione inaspettata

1.0M · Completato
Pesce99
982
CapitolI
86.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Freya Stone si è sposata, ma lo sposo è un enigma sfuggente, che non appare mai dall'inizio alla fine. Alimentata dalla rabbia, la prima notte di nozze si abbandona a un misterioso sconosciuto. Non sa che questo incontro la lega a un uomo che intreccerà il suo destino con il suo in modi che non avrebbe mai immaginato. Nell'arazzo urbano delle loro vite aggrovigliate, i segreti e la passione tessono un'avvincente storia d'amore e d'intrigo.

RomanticourbanosentimentomodernitàPresidentePossessivoprepotente

Capitolo 1 La cosa più ribelle che abbia mai fatto

Freya Stone si trovò in quel crudele scherzo del destino chiamato matrimonio, dove lo sposo era vistosamente assente dall'inizio alla fine. Le lenzuola cremisi, i caratteri della "felicità" che adornavano le pareti e i colori vivaci le sembravano schiaffi pungenti sulle guance. Si scontrava con le profondità dell'umiliazione e del risentimento, intrappolata in una vita dettata da altri, comprese le catene di un matrimonio nato dall'avidità del padre.

Suo nonno, un tempo autista di Jack Silverton, aveva sacrificato la sua vita per salvare l'uomo in un incidente. Il peso di debiti colossali e dell'imminente bancarotta gravava sulla piccola impresa di famiglia. L'astuto padre di lei, prevedendo che la richiesta di aiuto finanziario avrebbe avuto un costo, escogitò un piano egoistico: pretese che Elijah Silverton sposasse Freya in cambio di una sostanziosa dote finanziata dalla ricca famiglia Silverton.

I Silverton, legati dalla reputazione, dallo status e dalla fedeltà al defunto nonno di Freya, accettarono con riluttanza. Tuttavia, Elijah Silverton, insoddisfatto dell'unione forzata, boicottò il ricevimento di nozze a cui parteciparono solo due famiglie. Arrivò persino a proibire a Freya di riconoscere pubblicamente il loro matrimonio senza il suo consenso o la sua presenza, lasciandola senza voce in capitolo.

Con occhi di sfida e ciglia sottilmente arricciate, Freya, incerta su come trascorrere la prima notte di nozze, ricevette un messaggio da un collega che le chiedeva aiuto al lavoro. Dopo essersi tolta l'abito da sposa rosso per indossare il camice bianco, si diresse all'ospedale. Nella stanza di servizio, l'oscurità scese bruscamente quando la porta si aprì con forza.

"Chi è...?" Prima che potesse finire di parlare, però, qualcuno premette con forza sul suo corpo immobilizzandolo contro il tavolo, mentre teneva un coltello affilato contro il collo dicendo minacciosamente: "Non dire niente!".

Nella penombra, un volto insanguinato incontrò il suo, emanando rabbia. L'odore del sangue aleggiava nell'aria, rivelando le ferite dell'uomo.

Mantenendo un contegno calmo, Freya tentò un attacco discreto, ma i suoi movimenti furono ostacolati.

"L'ho visto venire da questa parte".

Qualcuno si stava avvicinando alla porta. L'uomo, disperato, baciò Freya per distogliere l'attenzione. Freya resistette e spinse facilmente via l'uomo, che non si fece male con l'arma che aveva in mano. Rimase per un attimo stordita.

In quel momento, la maniglia della porta fu girata con un clic.

Con la determinazione nel cuore, Freya inclinò la testa all'indietro e posò un bacio sulle labbra dell'uomo, avvolgendogli le braccia intorno al collo. La voce le tremava, ma si costrinse a rimanere calma. "Posso salvarti".

Il pomo d'Adamo dell'uomo si sollevò e si abbassò, e in un secondo passò da passivo ad attivo. Il suo respiro caldo le cadde sull'orecchio, profondo e sexy: "Sarò responsabile per te".

No, aveva capito male. Lei voleva solo recitare in una commedia.

Nel momento in cui la porta fu spalancata, Freya gemette in un modo che aveva imparato dalla televisione, e quel sussulto trattenuto, affascinante e gentile rese l'uomo affascinato.

Fa persino commuovere le persone alla porta.

"Accidenti, hanno avuto una relazione segreta in ospedale mentre giocavano una partita di battaglia campale. È così eccitante!".

La porta fu aperta a spinta, rivelando un'ampia fessura attraverso la quale la luce obliqua del corridoio si riversò su Freya. L'uomo si strinse al suo corpo, bloccando qualsiasi sguardo indiscreto dall'ingresso. Nella penombra si vedevano solo figure intrecciate che facevano ribollire il sangue.

"Non sarà Elijah Silverton. È così gravemente ferito che, anche se gli venisse concessa una bellezza, non sarebbe in grado di godersela".

"Questa donna sta davvero gridando con grande entusiasmo".

"Cazzo, sbrigatevi a trovarlo, altrimenti moriremo tutti!".

Fruscio e scalpiccio, i passi si sono gradualmente affievoliti.

Mentre gli intrusi si allontanavano, l'uomo, incapace di controllarsi, fu catturato dallo spirito ribelle di Freya. Abbracciando l'inaspettato desiderio, la ragazza seguì il suo esempio, arrendendosi per la prima volta in barba alle sue costrizioni.

In seguito, l'uomo le baciò la guancia e la sua voce profonda e roca si riempì di una raucedine soddisfatta.

"Verrò a cercarti". Disse prima di andarsene velocemente.

Freya non si alzava da molto tempo, la sua vita premeva contro il bordo del tavolo, bruciando di dolore.

All'improvviso, il telefono squillò e fu spinto sul bordo del tavolo, quasi cadendo. Allungò la mano e afferrò il telefono, sentendo una voce urgente all'altro capo. "Dottoressa Valentine, c'è stato un grave incidente stradale al centro di emergenza e abbiamo bisogno del suo aiuto per salvare il ferito. Per favore, venga subito".

Freya aggiustò la voce e rispose con calma: "Va bene, sarò lì presto".

I vestiti spettinati e la sensazione di appiccicosità sotto di lei le dissero che quello che era appena successo non era un sogno. Era reale. La prima notte di nozze era andata a letto con un ragazzo che non conosceva. Era la cosa più ribelle che avesse mai fatto in vita sua. Ma non era il momento di rimuginarci sopra. Si vestì velocemente e si precipitò al centro di emergenza, dove trascorse l'intera notte occupandosi dei pazienti. Quando tornò nella stanza di servizio, i ricordi dell'agitazione la sopraffecero.

"Grazie per aver coperto il mio turno, dottoressa Stone". Liora Valentine la ringraziò per aver coperto il turno, ignara del disordine.

Freya ricambiò con un sorriso forzato. "Non c'è problema".

"Ora ho finito il mio lavoro, dovresti andare a riposare". Liora notò il disordine intorno a loro e sollevò un sopracciglio. "Che cosa è successo qui?".

Freya si voltò, mascherando ogni accenno di panico nei suoi occhi. "Ho accidentalmente rovesciato alcune cose... visto che ora sei qui, torno indietro per prima".

Liora trovò strano il comportamento di Freya, ma non ci pensò molto mentre entrava nella stanza per pulire.

Nello stesso momento, il direttore dell'ospedale apparve sulla porta con l'assistente di Elijah Silverton, Xander Cross, al suo fianco.