Libreria
Italiano

Una vergine per un milionario

58.0K · Completato
Passion Novels
56
CapitolI
46.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Per salvare mia sorella morente, faccio un passo disperato. Ho messo all'asta il mio corpo e la mia verginità in un club privato per uomini ricchi. Il diritto di prendere la mia verginità viene dato a un uomo milionario, prepotente e cinico, che tutti temono come il diavolo in persona. Ora mi possiede. Il giocattolo preferito di un tiranno feroce! Come avrei fatto a sopravvivere alla sua diabolica prigionia e a sopportare questa notte di tempesta? Perché la sua fantasia sessuale e il suo appetito vizioso non conoscono limiti...

MiliardarioAmoreSessoBaciVero AmorePossessivoVergine

Capitolo 1

- Cinquecento!

- Ottocento!

- Un milione!

Veniva da tutte le parti con voci rauche e importanti.

Oh, mio Dio...

Non riesco a credere a quello che sento.

Mi stanno mettendo all'asta come una specie di cosa?

- Consideriamo meglio il lotto! - Offre il banditore.

Si avvicina a me e mi strappa la vestaglia leggera e setosa, senza nient'altro sotto.

In un attimo, nella stanza si diffondono boati entusiastici. Alcuni hanno persino fischiato e altri hanno urlato battute volgari.

- Pulito. Giovane. Innocente. Sì, signori! Nessun uomo ha mai toccato questa bambina.

Rabbrividisco, vorrei coprire il mio corpo nudo con le mani, ma devo seguire rigorosamente le regole del contratto che ho firmato. Altrimenti, se i clienti rimangono insoddisfatti, mi becco una multa salata o addirittura la galera. Secondo il contratto, darò il mio corpo e la mia innocenza per una notte all'uomo che pagherà di più.

Qualcosa di morbido mi tocca la spalla e scivola giù fino al petto. Si appoggia sul mio capezzolo, che diventa immediatamente duro. Minuscoli granelli di lievito si spargono sul mio corpo, credo di essere stato appena sfregato da una soffice piuma. Potrebbe essere la piuma di un pavone. I miei capezzoli divennero rapidamente duri e i miei seni si riempirono di caldo e freddo per l'eccitazione. Allo stesso tempo.

La piuma scivolò dolcemente lungo il mio ventre piatto, solleticò il mio triangolo liscio e depilato e poi si spostò sul mio sedere. Rabbrividii per la sensazione non proprio piacevole. Forse in un altro ambiente mi sarebbe piaciuto farmi accarezzare i capezzoli o le pieghe con una piuma. Ma sicuramente non qui. È qui che i papà maturi si riuniscono per spendere i loro "milioni duramente guadagnati". In qualche modo mi sembra che sia così.

- Guardate che bellezza", ride il presentatore. - Un angelo.

Mi trovo in mezzo a una sala piena di uomini ricchi e aspetto il mio destino. Ma sono completamente cieco. Sono bendato.

Sono pulita, immersa in un bagno aromatico, depilata nei punti più intimi. Con un bel taglio di capelli e senza un grammo di trucco, come desiderava l'ospite del Durman Club, la società segreta degli uomini più ricchi della Russia.

- Uno e mezzo!

- Due!

- E chi darà di più? - L'annunciatore sta scaldando la folla. - Un promemoria per ricordare che la ragazza è vergine. Il bambino è tutto naturale! Tette, labbra, culo. Non contaminato da alcun chirurgo, un dono della natura. Un diamante grezzo!

Mi afferra il polso e mi fa girare, mostrando al pubblico l'oggetto più costoso dell'asta di oggi.

- In attesa di altre offerte", rantola nel microfono.

Per un attimo vengo liberato.

Vorrei ritirarmi per la paura o, meglio ancora, scappare via.

Ma sono venuto qui volontariamente.

Per vendermi...

Il mio corpo. La mia innocenza.

Per mia sorella che sta morendo.

Non avevo scelta!

- Tre.

I miei pensieri sono interrotti dalla voce sonora e tonante dello straniero.

E... silenzio.

Sento solo il rumore dei passi.

La pelle d'oca mi sale a valanga dalla testa ai talloni.

- Mi sono chiesto cosa stesse succedendo.

Il banditore è sotto shock.

E la sala si sente come se fosse morta...

Ma non posso vedere i volti dei presenti, né posso apprezzare il luogo in cui sono stato trascinato come una specie di schiavo nell'epoca della servitù della gleba. Dopotutto, i miei occhi erano bendati da una spessa benda di pura seta. Per l'entourage, per così dire.

Nessun altro osò fare offerte quando LUI entrò nella sala delle offerte. Probabilmente i ricchi si resero conto che era inutile discutere con il possessore di quella voce fredda come l'acciaio.

Comandante. Una voce spaventosa che metteva i brividi.

- Tre volte. Tre due. Tre... tre!

L'eccitazione è massima.

Mi dimentico come si respira.

Immagino di essere un condannato alla forca. So che la mia innocenza, il mio giovane e tenero corpo, non andrà a nessuno.

E se sarà un oligarca cinquantenne panciuto, che fuma come una locomotiva sigari pesanti ogni cinque minuti?

O peggio...

Un maniaco sessuale. Un pervertito. Uno stupratore violento con una fantasia malata. Ora mi sto davvero spaventando a causa dei miei pensieri di panico.

Non sarei dovuto venire qui. Non avrei dovuto ascoltare Rada, la mia ex compagna di classe. Dopo tutto, era stata lei a portarmi in questo posto per aiutarmi con i soldi.

Ma d'altra parte... farei tutto ciò che è in mio potere per salvare la mia amata sorella. Lo faccio? Mi sdraierò sotto un grasso cinghiale, ma non lascerò morire Masha.

- Venduto! Al signor Bestuzhev.

Bam!

Il martello di legno suona, dopodiché la sala scoppia in applausi e applausi. Purtroppo non riuscii a sentire il nome dell'acquirente a causa degli applausi fragorosi e del battito frenetico che mi rimbombava nelle orecchie.

Le mie gambe si sono quasi piegate...

Qualcuno mi ha afferrato sotto le braccia e mi ha trascinato da qualche parte.

- Desiderate che il vostro acquisto venga consegnato nella vostra villa?

- No. Lo voglio qui e ora.

Ecco di nuovo quella voce...

Ora è il più vicino possibile.

- Bene, questo bambino vale la pena di prenderlo subito. Ti preparerò la stanza migliore. La Suite Reale.

- Le darò altri cinquecentomila dollari. Per la sua ospitalità.

- Oh, siete così generoso, signore! Grazie mille! Ci assicureremo che siate molto soddisfatti.

Improvvisamente dita calde mi scavano gli zigomi. Mi sfiorano leggermente le labbra, percorrendole dal basso verso l'alto. È emozionante. L'odore gradevole di un profumo costoso si diffonde nelle mie narici, fino a provocarmi una dolce e incomprensibile vertigine, che all'improvviso mi fa sentire stranamente bene.

La voce e il profumo del cliente sono fin troppo piacevoli. Chi possiede un baritono così languido non può essere un mostro o un assassino.

Mi tiene fermo e con forza, facendomi capire subito chi è il padrone qui, e allo stesso tempo valutando da vicino la qualità della merce acquistata.

- Legatele le mani. I suoi occhi dovrebbero essere bendati. Il mio acquisto dovrebbe essere in ginocchio nella mia stanza, completamente nudo e... in attesa obbediente del suo Padrone.

- Sarà fatto, signore.

L'ordine dello sconosciuto mi sconvolge quasi fino a spezzarmi il cuore.

Vengo afferrato per le braccia e portato via velocemente.

Non riesco a sentire nient'altro, tanto meno a vederlo.

A causa del forte battito del mio cuore, da qualche parte nelle mie orecchie.

Calmati, Anya. Prendetevela con calma.

Devo riuscire a superare la mattinata.

Solo... sette ore, più o meno.

E poi me ne andrò. Con i soldi.

Soldi per una buona causa.