Libreria
Italiano

Una luna per il CEO

78.0K · Completato
Iraya Baute
59
CapitolI
5.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

In una società in cui sono scomparsi molti clan di lupi, interi branchi molto antichi, motivati dalla vita moderna, dalla mancanza di risorse e dalla scomparsa di foreste secolari soprattutto nella vecchia Europa, per mantenere vivo e forte il proprio clan, Alpha Arcel Wagner, del clan Roter Mord, uno dei più forti degli antichi clan tedeschi, decide di combinare le sue vecchie abitudini con quelle della vita moderna in Canada, una delle ultime foreste naturali rimaste per i lupi del suo branco, e di fondare un'azienda specializzata nella protezione dell'ambiente, per mantenere il suo branco e il futuro dei suoi. Ora è un amministratore delegato di una famosa multinazionale in cui lavorano molti dei suoi uomini e donne, un lupo nel tempo libero e un lupo assassino negli affari. In questo mondo, a causa della mancanza di lupi, molte coppie di lupi non si uniscono con il loro compagno predeterminato dalla dea Luna, ed è per questo che molti branchi si sono indeboliti o sono scomparsi. Ma il nostro amministratore delegato si rifiuta di lasciare che questo accada a lui per il bene del suo branco, ha aspettato per centinaia di anni la sua Luna, cosa accadrebbe se in uno di essi la trovasse? A un evento di beneficenza in un orfanotrofio, dove ha lasciato Elizabet Patrick alla nascita, per proteggerla, lei non sa chi è veramente, né che i licantropi esistono, e hanno persino impedito al suo lupo di diventare maggiorenne finché non troveranno il suo compagno. All'Alfa resta solo una soluzione: rapirla e farla sua, ma prima deve aiutarla a scoprire chi è davvero la Luna del branco Roter Mord e il suo compagno per la vita.

MiliardarioCEOLicantropiLupiLunaRomanticoBrava RagazzaPossessivo

Prologo.

Narratore.

Lauterbach, 1930, Germania.

Arcel si muoveva fuori dalla capanna, inquieto e dolorante, non aveva bisogno di entrare per sapere cosa stava succedendo all'interno. Il legame che aveva con suo padre e con tutti i membri del branco gli serviva per sapere che ciò che stava realmente accadendo all'interno, suo padre stava morendo.

Il dolore gli riempiva il cuore e il suo lupo interiore voleva esprimerlo, squarciando la notte con i suoi ululati pietosi.

"Alfa, puoi entrare ora, tuo padre desidera parlarti", sentì una voce nella sua testa, era la beta di suo padre, Dagmar Weber. Il momento era arrivato.

Lentamente, cercando di mantenere la calma, come gli aveva insegnato il padre, entrò nella casetta di legno, ricordando le parole del padre.

"Un Alfa non deve mai mostrare debolezza, mai. Arcel ricorda, il suo comando dipende da lui, e il comando è tutto", gli insegnamenti di suo padre erano impressi a fuoco nel suo cuore.

"Alfa", dissero tutti gli uomini del suo clan che si trovavano accanto al padre, chinando il capo in segno di rispetto per colui che sarebbe diventato, da quella notte, il loro nuovo capo.

Con un solo cenno della testa di Arcel, tutti lasciarono rapidamente la capanna, compreso il beta del branco, che non ebbe nemmeno bisogno di usare la connessione mentale per dare il suo comando di Alfa. Arcel era il più forte dei lupi del branco, persino più forte di suo padre, era uno degli Alfa più forti, se non il più forte, dei clan europei, come aveva dimostrato in più di un'occasione nelle diverse battaglie che si erano svolte tra clan, per il territorio.

La modernità che stava iniziando a prendere piede in Europa dopo la rivoluzione industriale aveva distrutto le foreste di cui i licantropi avevano bisogno per vivere, molte delle streghe e degli stregoni che proteggevano questi paradisi naturali con la loro magia erano morti, o avevano lasciato i loro contratti di protezione per lavorare per gli umani, i veri responsabili della morte delle foreste, che erano il sostentamento dei branchi di licantropi.

Per questo i lupi avevano iniziato a combattere tra loro per il territorio rimasto. Fu in uno di quei combattimenti che suo padre fu ferito a morte, ed è per questo che Arcel ora lo guardava mentre, dal suo letto, con le forze a malapena rimaste, suo padre lo fissava con quegli enormi occhi blu, ormai semichiusi.

Con un movimento suo padre rese muto il collegamento, lo faceva spesso, quando voleva che solo lui e suo padre parlassero come padre e figlio, non come Alfa e Alfa.

"Non è necessario che tu ti mostri forte davanti a me, figlio, d'ora in poi porterai un fardello sufficiente affinché, per qualche secondo, tu non possa piangere tuo padre", quelle parole furono come l'apertura delle porte di una diga.

Arcel cadde in ginocchio accanto al letto del padre, con le lacrime che gli scendevano sulla guancia.

"Padre!", disse, abbassando la testa e appoggiandola al corpo flaccido del padre, proprio come quando erano bambini.

"Lo so, e conosco anche te, lupo mio, ma questa è la legge della vita, almeno io morirò per difendere i miei, ricorda che questa è la funzione di un Alfa, proteggere e prendersi cura del suo branco. Tua madre lo capisce, per questo combatto fino alla fine come luna di questo branco", disse accarezzando la testa del figlio.

La madre di Arcel era una mezzosangue, metà lupo e metà strega; il nonno materno era l'ex beta del padre, ereditato dal padre, l'Alfa prima di lui. La nonna materna era una maga indiana, venuta dal Canada, perché nelle sue visioni aveva visto che il suo compagno predestinato era in Europa. Quindi la madre di Arcel, l'ultima Luna del branco, oltre a essere un lupo mannaro, aveva il potere di predire il futuro. Fu in una delle sue visioni che lei e Hilda, la compagna dell'attuale beta di suo padre, videro come si sacrificarono per combattere per il branco. E così è stato, diversi anni fa, per proteggere il branco, quando suo marito e i suoi uomini stavano combattendo lontano dal territorio del branco, invaso dai lupi di frodo.

La madre di Arcel, Aimeé Wagner, insieme alla madre del suo migliore amico e futuro beta del branco dopo la morte del padre, Isaak Weber, affrontò i lupi per proteggere le donne e i bambini del branco, riuscendo a ucciderli tutti, a costo della loro vita. Il padre di Arcel non si è mai perdonato per aver lasciato sola la moglie, che era l'amore della sua vita e che sapeva essere la sua luna fin dal giorno della sua nascita.

Da quel momento in poi, il sacrificio di Aimeé Wagner la rese il miglior esempio per tutti, compreso suo figlio. Meno che mai voleva nulla, la sua luna doveva essere forte.

"Lo so, padre, il gregge viene prima di tutto", rispose l'Alfa triste.

"Devi portarli in Canada, la famiglia di tua madre ti aspetta lì, ci sono le sorelle di tua nonna e le cugine di tua madre, hanno promesso a tua madre che avrebbero protetto il manda, sono tutte maghe, molto forti, e il loro sangue scorre nelle tue vene. I poteri che hai ereditato da tua madre lo confermano. Mi dispiace non aver mantenuto la promessa fatta a tua madre, ma non potevo lasciarla qui senza di me, devo riposare al suo fianco. Presto scoppierà una grande guerra, molti dei nostri popoli moriranno e anche molti umani. Ci sarà un vero e proprio massacro, tua madre ha visto tutto ed è per questo che mi ha fatto promettere di portarti via. Devi proteggere il nostro popolo, sempre, promettimi, figliolo, promettimi che eseguirai la volontà di tua madre, che io, a causa del dolore per la sua perdita, non ho eseguito", gli disse il padre, già abbastanza debole e con l'ultimo respiro.

"Ti prometto, padre, che ci trasferiremo in Canada, nella terra della famiglia della madre", con la promessa fatta dal figlio Klaus Wagner, sorrise e infine, dopo aver esalato l'ultimo respiro, spirò.

Il dolore attanagliava il cuore dell'Alfa, ma non riusciva a esprimerlo, anche se all'esterno il suo branco ululava forte per la morte del loro Alfa e per la fine di un regno lungo un secolo di uno dei migliori Alfa dei Manda europei.