Libreria
Italiano

Ty. La sua ossessione

61.0K · Completato
Valeria Ivanova
51
CapitolI
4.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

- Hai detto che mi avresti sposato! - Sposarti? Non sei degna di un abito bianco o di un matrimonio con me. Hai fatto la tua scelta, Elsa. Volevi che mi allontanassi da te: il tuo desiderio è stato esaudito", sorride freddamente. Due anni fa, Ty Imanov era ossessionato da me. Diceva che sarei diventata sua in tutto e per tutto. Gli ho riso in faccia e sono scappata via. E ora quest'uomo è la mia unica possibilità di sopravvivere. E ho fatto la cosa che mi avrebbe salvato la vita: ho mentito.

MiliardarioRomanticoAmoreEnemiestoloversPossessivoprepotente

Capitolo 1

Elsa

2 anni fa

Ero arrabbiato. Molto arrabbiata.

Dentro di me scoppiava l'indignazione.

Odio mio padre!

E la cosa è reciproca.

- Ti sta solo dando via per sposare il primo che vede", sibilai selvaggiamente.

Guardai Marianna, il suo viso era sparito: era tutta pallida e si premeva i palmi delle mani sullo stomaco. Da un paio di giorni la sorella maggiore non aveva un bell'aspetto. Non c'è da stupirsi. È stata costretta a sposare un uomo adulto. Mi viene da vomitare solo a pensarci.

Salto giù dal letto e inizio a camminare da un angolo all'altro. Non riesco a stare ferma.

- Non può farci questo! Dobbiamo scrivere un rapporto di polizia, contattare giornalisti, blogger, chiedere aiuto e asilo! Questo è solo l'inizio. Siamo in quattro, ci farà sposare tutti come mucche stupide. E questo Ty? Ha detto che sposerà me. Io! Lo odio. Io non mi sposo e non dovresti farlo neanche tu.

Penso agli occhi grigi di Imanov e comincio a rabbrividire. Mi lecco le labbra e giuro che riesco ancora a sentire il suo sapore. Non posso credere che abbia osato bloccarmi contro il muro e accarezzarmi! Stronzo.

- Elsa, basta così", chiede Marie stancamente.

- Ne hai abbastanza? - Grido.

Non posso farci niente, sono sempre stata molto emotiva e rumorosa. Non sono facile, lo so.

- Che cosa otterrete gridando? È già deciso. Non avvelenarmi l'anima", chiede mia sorella, poi si allontana da me sul letto.

Rimango lì a fissare la sua schiena in stato di shock.

A volte vorrei che le mie sorelle fossero più forti. Per tenere testa a mio padre e alla mia matrigna per una volta. Ma non possono. Hanno troppa paura. E io... ho paura per loro. Non mi importa della mia punizione. Il dolore... passa. Ma non mi lascerò mai spezzare. Combatterò fino all'ultimo uomo, e loro dovranno farlo! Nessuno si batterà per noi se non noi stessi. Il Padre ci odia. Lo ha detto lui stesso più di una volta. Ed è andato all'inferno.

Prendo le mie cose e vado in bagno, sbattendo forte la porta. Quando torno, la luce è spenta e Marianna dorme. Mi sdraio anch'io, tanto non c'è niente da fare. Pensavo che non sarei riuscita a dormire a causa delle emozioni che mi tormentavano l'anima, ma mi sono addormentata con sorprendente rapidità e facilità.

Mi svegliai di soprassalto. Mi guardai intorno assonnata, senza riuscire a capire cosa mi avesse svegliato. Poi sentii un singhiozzo sommesso. Mi accigliai, chiedendomi se mi stessi immaginando qualcosa. Ma il suono si ripeté. Mi resi conto che era mia sorella che piangeva. Il mio cuore si stava spezzando in mille pezzi a causa sua. Quanto era ingiusto. Uscii da sotto la coperta, mi sdraiai accanto a Marie e la abbracciai da dietro.

- Non piangere, ti prego, forse con Theoman starai meglio... Uscirai da questo inferno", sussurrai.

Dopo aver detto questo, la sorella maggiore pianse ancora più forte.

Volevo prendere il suo dolore per me, se avessi potuto, avrei offerto me stesso al posto di mia sorella. Ma è già deciso.

- Dai, Marish... Ty ha detto che mi sposerà e vivremo vicini", cercai di scherzare. - Andrà tutto bene.

- Non lo farà... È davvero brutto.

- Scusate, sono io che vi ho fatto arrabbiare, prometto che cercherò di tenere la bocca chiusa....

Marianne si girò verso di me e mi abbracciò forte. Stava tremando. Non l'avevo mai vista così smarrita e vulnerabile.

- Sono una sciocca, Elia... Cosa ho fatto... Cosa succederà..." singhiozzava la sorella.

Le mie viscere si raffreddarono, capii che era successo qualcosa di molto grave.

- Cosa c'è che non va?

- Non voglio..." cominciò scuotendo la testa.

- Marianne! - Mi alzai di scatto e le afferrai l'avambraccio. - Che cosa è successo.

Non c'era nessuna luce notturna nella stanza, ma potevo vedere perfettamente il viso pallido e piangente di mia sorella alla luce della luna.

- Sono... sono incinta", sussurrò la sorella.

E sembrava che quelle parole facessero esplodere fuochi d'artificio nel silenzio della stanza.

- Cosa? - Chiesi con le labbra inaridite.

Dire che sono rimasto scioccato è un eufemismo.

Come è potuto accadere? Quando? A chi? Mio padre non permette a nessun uomo di avvicinarsi a noi. Non posso crederci.

L'orribile pensiero mi ha fatto venire un gran freddo dentro.

No, non poteva!

- Chi? Chi è il padre del bambino? - Ho chiesto.

- Non lo dirò.

- Marianne!

- Non lo dirò!

- È..." Non riuscivo a dire quelle parole ad alta voce.

- No! È un mostro, ma non ha mai toccato me o te in quel modo.

Dio, non mi ero nemmeno accorto di aver trattenuto il respiro.

- Non so cosa fare, Elia.....

- Cosa fare? Niente. Il matrimonio è alle porte, vi sposerete e basta", la mia voce suonava così strana.

- Non funzionerà... Credo di essere al quarto mese di gravidanza.....

- Cosa? - Sibilai e saltai giù dal letto.

Guardai mia sorella con orrore. Ma la conosco? Condividiamo la stessa stanza, pensavo di sapere tutto di lei! Com'è potuto succedere?

Marianne si alzò a sedere, avvolse le braccia intorno alle ginocchia e cominciò a dondolare da una parte all'altra. Non abbiamo parlato. Cosa si può dire? Il padre stava lodando la purezza e l'innocenza delle sue figlie e se Imanov lo avesse scoperto... Avrebbe ucciso Marianna e il padre avrebbe ucciso le altre. Non si può scherzare con gente del genere.

Quarto mese...

Presto avrai la pancia.

Il sudore freddo cominciò a scendere lungo la schiena. Non sapevo cosa fare, ma sapevo con certezza che Marianna e il bambino sarebbero morti. Mio padre non lo avrebbe mai perdonato.

- Chi è il padre del bambino, Marianne? - Ho chiesto di nuovo.

- Non te lo dirò, non chiedermelo", scosse la testa.

- Chi? - si è avvicinato.

- Basta, Elsa! Non dirò nulla, rimane solo per me! È così!

- Stupido! - Urlai e le diedi diversi schiaffi sul viso con il palmo della mano.

Stavo tremando di rabbia.

- Sei felice ora? Scopato e felice? Hai pensato a cosa succederà a te, a noi? Ci ucciderà! Al massimo. Che cosa hai fatto, puttana egoista!

- Lo so, lo so, mi dispiace", pianse di nuovo. - Ho tanta paura, Elia... Cosa devo fare? Non voglio liberarmi del bambino.....

Non saremmo riusciti a liberarci di lui.

- Dobbiamo correre.

- Corsa B? Come? Dove?

- Non lo so ancora, ma dobbiamo farlo in fretta.

- E Vija e Vika?

- Non possono saperlo", lo interruppi.

Le parole successive sembravano vetri rotti sulla lingua.

- Siamo solo io e te.

- Li teniamo? - Gli occhi di Marie si spalancarono.

- Li salveremo.

Quattro ragazze casalinghe attirerebbero troppa attenzione. È più difficile per quattro di noi correre e nascondersi. Se ci trovano, ci uccideranno tutte. E così... Vija sarà affidata a Theoman, e Vika... Vika dovrà crescere.

Mi addolora pensarci, ma cercherò di salvare Marianna e il suo bambino.