Libreria
Italiano

Ti amo mille volte: l'amore troverà una via

158.0K · In corso
Vanessa Monda
193
CapitolI
8.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Noemi, la vera figlia della famiglia Moretti, un tempo sposata ciecamente con il mascalzone Domenico, rinsavisce e a poco a poco si lega sentimentalmente al potente Daniele. Cosa accadrà alla sua famiglia, al suo amore e alla sua carriera?

AlfaRomanticoEnemiestoloversMatrimonioAmore

Capitolo 1 Rimorso

La figlia di Noemi Moretti è morta.

È stata uccisa da suo marito Domenico Rossi e dalla sua cosiddetta sorella Rebecca Moretti.

La piccola aveva solo sette mesi, sapeva solo stare seduta, bianca e tenera, come una bambola, molto carina, un sorriso rivelava anche due piccole fossette, così carina la bambina è stata lasciata morire da loro per negligenza.

“Noemi, Domenico è mio, mio figlio è sangue del sangue di Domenico, tua figlia è una bastarda.”

"Non puoi immaginare, Domenico non ti ha mai toccato, l'uomo di quella notte non era affatto lui, chi sia il vero padre di tua figlia, ahah, non lo sappiamo nemmeno noi, è solo una bambina selvaggia con un padre sconosciuto!".

“Noemi, sai come sono morti i tuoi genitori?”

"Sono stati uccisi da me, volevano lasciare tutte le proprietà della famiglia Moretti a te, dicendo che sono anche la loro figlia, trattandoci in modo uguale, ma di fronte agli interessi, consideravano solo te, la figlia con il loro sangue nel corpo".

“Noemi, vai a morire con la tua bastarda!”

Le parole di Rebecca risuonarono nelle sue orecchie.

“Aaah...”

Il pianto della figlia gettata a terra stava squarciando il cuore di Noemi, che ascoltava le grida della figlia sempre più deboli, in preda al panico, inginocchiandosi e pregandoli di mandare la figlia all'ospedale per salvarla, il Gruppo Moretti, Domenico Rossi, non li voleva entrambi, voleva solo che sua figlia vivesse.

Ma ...

Non le era rimasto nulla.

Noemi uscì dall'ospedale passo a passo, stringendo i minuscoli resti di sua figlia.

Fuori piovigginava, era inverno e l'arrivo della pioggerella rendeva la temperatura già bassa ancora più bassa.

L'espressione di Noemi era legnosa e i suoi occhi erano vuoti, ma le lacrime agli angoli degli occhi non si fermavano, scivolando giù goccia a goccia.

La pioggia scendeva sul suo corpo, penetrando a poco a poco nei capelli e nei vestiti, il suo cuore era come morto, non riusciva a sentire il freddo, sentiva solo il rimpianto.

Era la figlia biologica erroneamente scambiata della famiglia Moretti, ed è stata recuperata solo quattro anni fa, diventando la seconda signorina della famiglia Moretti, perché la prima signorina Moretti, Rebecca, aveva vissuto nella famiglia Moretti per più di vent'anni e aveva stretto un legame profondo con i suoi genitori.

I genitori non potevano sopportare di allontanare la figlia adottiva, così entrambe le ragazze scambiate erroneamente rimasero nella famiglia Moretti.

Quando Noemi tornò alla famiglia Moretti, aveva già venticinque anni; i suoi veri genitori si sentirono colpevoli per lei e, dopo che ebbe familiarizzato con la vita dell'alta società, vollero organizzarle un buon matrimonio.

A quel tempo, c'erano diverse famiglie potenti a Nonase che volevano sposare la famiglia Moretti.

Persino la famiglia Leone, la famiglia più potente di Nonase, si presentò alla porta per fare una proposta di matrimonio ed era interessata a Noemi, la vera figlia della Famiglia Moretti.

Tuttavia, il giovane padrone della famiglia Leone aveva avuto un incidente d'auto e le sue gambe erano paralizzate, il che lo rendeva ancora più difficile da avvicinare, e le giovani donne che erano solite fare la fila per sposare il giovane padrone della famiglia Leone evitavano tutte di sposarlo come serpenti e scorpioni.

I genitori di Noemi avevano probabilmente paura di offendere la famiglia Leone, quindi hanno lasciato che Noemi prendesse la sua decisione.

Era cieca nel cuore, si innamorò di Domenico Rossi e rifiutò di sposare Daniele Leone.

Sebbene i suoi genitori non si aspettassero che accettasse di sposare la famiglia Leone, non volevano nemmeno che si sposasse con la famiglia Rossi. Fu lei a insistere per sposare Domenico Rossi e i suoi genitori non poterono discutere con lei, quindi non poterono che acconsentire.

Nel matrimonio, un passo falso è un abisso.

Dopo che Noemi ebbe sposato Domenico come desiderava, si rese conto che Domenico e Rebecca erano innamorati l'uno dell'altra, ma quando le due famiglie si unirono in matrimonio, Domenico non disse nulla e nemmeno Rebecca; uno di loro era disposto a sposarla e l'altra appoggiava il suo matrimonio.

Avevano già scavato una fossa e stavano aspettando di seppellirla.

Era lei che era troppo stupida per rendersi conto del loro complotto.

Con la successiva morte dei genitori in un incidente e la nascita della figlia, Domenico è diventato sempre più indifferente nei suoi confronti, portando apertamente Rebecca Moretti a casa per fare sesso, lei ha anche cercato di proteggere il suo matrimonio, ma purtroppo non era all'altezza di Rebecca.

Anche la famiglia Rossi non aveva nessuno dalla sua parte.

...

Noemi attraversò la strada in modo legnoso.

"Stridio..."

Il suono dei freni di emergenza risuonò.

"Bang..."

Noemi fu sbalzata e cadde rapidamente a terra accanto all'auto.

Il sangue si è sparso rapidamente.

Noemi sentiva solo dolore, dolore in tutto il corpo, lottava per strisciare verso la figlia, ma l'impatto dell'auto quando l'ha colpita è stato troppo forte e ha fatto sì che la figlia che aveva in braccio venisse scaraventata via.

"Bambina ... "

Noemi si sforzò di strisciare in avanti, centimetro dopo centimetro, avvicinandosi sempre di più a sua figlia, allungò la mano, ma non riusciva ancora a toccare la sua bambina.

"Bambina ..."

Un paio di grossi piedi con scarpe di pelle nera apparvero nella sua visione sempre più offuscata, poi l'uomo si chinò a raccogliere ciò che restava di sua figlia prima di infilarsela tra le braccia.

"Bambina..."

Noemi era estasiata mentre abbracciava la figlia, ma il sangue che le usciva dall'angolo della bocca scorreva su tutta la figlia.

Era troppo ferita per sostenersi ulteriormente e, prima che l'oscurità la inghiottisse, si sforzò di alzare lo sguardo verso l'altra parte, ma vide solo l'uomo vestito di nero seduto su una sedia a rotelle.

Anche il fatto di essere seduto su una sedia a rotelle non intaccava minimamente la sua aura onorevole.

Lo riconobbe: ieri, dopo che la sua bambina era stata gravemente ferita da Domenico e Rebecca facendola cadere a terra, era corsa fuori all'impazzata con la sua bambina in braccio, fermando un'auto e chiedendo a qualcuno di portarla all'ospedale.

In quell'auto sedeva l'uomo sulla sedia a rotelle, che l'ha fatta salire in macchina e ha ordinato all'autista di guidare l'auto a tutta velocità per portare la madre e la figlia all'ospedale.

Anche se alla fine la bambina non si è salvata, Noemi gli era comunque grata.

Quando i loro occhi si incontrarono, Noemi gli sorrise.

Se ci sarà un aldilà, lo sposerà sicuramente.

Daniele Leone.

...

"Quando si sveglierà?"

Una voce bassa e fredda martellò le orecchie di Noemi.

"Giovane padrone, il dottor Mancini ha detto che ha perso solo un po' troppo sangue che le ha fatto perdere i sensi; ora che l'emorragia si è fermata, dovrebbe potersi svegliare presto".

Ha perso solo un po' troppo sangue?

Pensava che sarebbe morta.

Bambina!

La sua bambina!

Noemi aprì violentemente gli occhi, la prima cosa che vide non fu il soffitto bianco dell'ospedale, ma incontrò un paio di occhi profondi e gelidi; il proprietario di quegli occhi aveva un bel viso, l'espressione era molto seria, abbinata a occhi acuti e gelidi, che lo facevano sembrare particolarmente freddo.

Questo volto, Noemi lo ricordava.

Daniele Leone.

L'unica persona che le ha dato un briciolo di gentilezza quando non aveva più nulla.

"Signor Daniele ..."

Noemi chiamò Daniele Leone con gratitudine.

A Nonase, tutti si rivolgevano a Daniele Leone come Signor Daniele.

Anche se era storpio, era ancora il dio degli affari di Nonase.

Gli occhi di Daniele Leone che guardavano Noemi non avevano alcuna mezza temperatura.

Spingeva la sedia a rotelle ordinando freddamente alle guardie del corpo personali dietro di lui.

"Quando si sveglierà, rimandatela indietro, dite a Riccardo Moretti che anche se io, Daniele Leone, sono storpio, non sposerò a forza sua figlia come mia moglie, e ditegli di tenere d'occhio sua figlia, e non lasciare che corra davanti a me per mettere in atto il suo suicidio, quel sangue, mi sporca gli occhi".

Suicidio?

Questa scena era ancora abbastanza familiare.

Sì, quando la famiglia Leone si presentò alla porta per proporle il matrimonio, nominando Noemi Moretti, la vera figlia.

Pensò che se Daniele Leone era disabile e voleva comunque sposarla, era chiaro che voleva trascinarla a fondo per il resto della sua vita, così si nascose dai suoi genitori e corse alla villa della famiglia Leone per cercare Daniele Leone, dicendogli in modo così drastico, tagliandosi le vene e suicidandosi, che avrebbe preferito morire piuttosto che sposarlo.