Libreria
Italiano

Teoman. La sua tentazione

67.0K · Completato
Valeria Ivanova
54
CapitolI
6.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

- Non devi vedere la sposa prima del matrimonio. - La mia sposa è scappata, e tu sei solo un sostituto", dice con tono deciso. - Ma il nostro matrimonio sarà reale, e così la nostra prima notte di nozze. Sto pagando per la trasgressione di mia sorella. Sono stata data a lui come se fossi una cosa. È crudele, bello, pericoloso. E io devo diventare la sua moglie fedele. Non lo voglio! Lo odio! Ma ogni sera, quando viene nella mia camera da letto e mi insegna a essere sottomessa, mi sottometto alla sua volontà.... Dall'autrice: Non-lite, profanità, un eroe rude e un'eroina tenera!

RomanticoAmoreEnemiestoloversPossessivoBrava Ragazza

1

Capitolo 1

Betsabea

- Guardati", sibilò la mia matrigna alla mia sorella maggiore. - Grassa e goffa! Chi ti sposerà? Disonorerai tuo padre! Succhia la pancia! - ordinò e schiaffeggiò con la mano il ventre di Marianna.

- Sì, Antonina", acconsentì la sorella e fece come da istruzioni.

Marianna non era grassa, non lo era mai stata. Ma nessuno di noi osava discutere con lei, perché ci sarebbero state conseguenze che avrebbero lasciato lividi sul suo corpo per le settimane a venire, a ricordo della disobbedienza.

Annuì con soddisfazione e si avvicinò a me. Mi afferrò il viso con le sue mani fredde e lo fece girare, guardandomi come se fossi un cavallo da esposizione. Avrei voluto sottrarre il mento alla sua presa e dirle di non toccarmi, ma non lo feci.

- Sei pallido e malaticcio come una falena. Persino le persone si vergognano di mostrarti. Perché hai la coda? Le tue orecchie sono come quelle di un elefante, sporgenti!

Non risposi a nulla, mi limitai a fissare lo sguardo davanti a me.

Si avvicinò a Elsa e tutti si tesero. Nostra sorella era la più ostinata di noi. Non aveva paura di rispondere e più volte colpì Antonina stessa, che la ripagò duramente. Ma questo non fermò Elsa, che non aveva paura di essere picchiata. E Antonina aveva capito da tempo che il dolore fisico non la spaventava. Per punirla, ci picchiava. E mia sorella non sopportava il nostro dolore e la nostra sofferenza.

- Ecco, stai zitto, così forse verrai eletto. Spero che sia tu! Devi sbarazzarti delle erbacce", disse Tonya, soddisfatta di sé, e la sorella strinse i denti.

La matrigna canticchiò e tornò al centro della stanza, battendo le mani.

- Bene, indossate i vostri abiti, gli ospiti arriveranno presto. Oggi una di voi sarà scelta per sposare uno degli Imanov. È un grande onore che una di voi disgraziate sia così onorata. Non disonorate vostro padre e me", disse uscendo dalla stanza.

- Credo che le piacerebbe essere nei nostri panni", ridacchiò Elsa, che ricevette uno sguardo severo da Marie.

- Su, Elsa, non mettere alla prova la sua pazienza!

- Lo penso anch'io", canticchiai e mi sedetti sul letto accanto a Victoria, la più giovane di noi.

- Se fossi in te starei zitta, non mi stupirei se ci fosse una telecamera nascosta qui dentro", mormorò Marianne.

- Se fosse qui, andremmo in giro bastonati come capre al pascolo", osservai.

- È vero", sorrise Marianne.

Marianna, io, Elsa e Victoria siamo i figli non amati di mio padre, nati dal suo primo matrimonio. La mamma non è mai riuscita a dargli un erede. La mamma ci ha partorite una ad una e poi lui ha smesso di provarci. Si portò dietro un'amante, Antonina. Tre mesi dopo, nostra madre se ne andò. Un incidente d'auto, ci dissero. Otto mesi dopo nacque il primo figlio di papà. Da quel momento la nostra vita in casa divenne insopportabile.

Il padre è un uomo ricco e potente. Non sappiamo cosa faccia esattamente, ma è qualcosa di illegale, non c'è dubbio. Io e le mie sorelle siamo praticamente isolate dal mondo esterno, ci è persino permesso di guardare la TV solo due ore al giorno. Quando la mamma era viva, ci era ancora permesso di andare a scuola, ma dopo la sua scomparsa.....

Antonina insistette per farci studiare a casa. All'inizio sembrava una buona idea, perché eravamo sconvolti dalla morte improvvisa della mamma, ma poi... Era troppo tardi. Papà non voleva ascoltare. E non appena abbiamo detto una parola contro la sua nuova moglie, siamo stati zittiti nel modo più efficace: picchiati. E poi Tonya ci caricò sempre di più, alla fine ci trasformò in donne delle pulizie, cuoche e tate, e diede a mio padre altri due figli: un maschio e una femmina.

Di recente mio padre è entrato nella nostra stanza, cosa che non faceva da molti anni, e ci ha stupito con la notizia che una di noi sarebbe diventata la moglie di un certo Imanov. A lui, a mio padre, non importava chi fosse. Eravamo scioccati! No, certo, sapevamo che a mio padre non importava nulla di noi, ci aveva sempre trattate così... Ma darci via così, come una merce.... Non riuscivamo nemmeno a pensarci! Cercammo di parlargli, ma lui cominciò a minacciarci e a gridarci che eravamo bestie ingrate e che dovevamo chiudere la bocca finché avevamo i denti intatti. Dovevamo solo sopportarlo.

- Pensi che sia bello? - chiese timidamente Vika.

- Chi? - Elsa non capiva.

- Beh, il futuro marito di una di noi.

- Non hai proprio nulla da pensare, sei ancora piccolo", dissi.

- Non sono piccoli", disse indignato il più giovane. - In realtà, nel nostro paese...

- Bathsheba ha ragione", Marianne interrompe ogni ulteriore discussione. - Siete entrambe troppo giovani per pensare al matrimonio. E io sono la sorella maggiore, dopo tutto", sorrise tristemente.

Naturalmente, ognuno di noi sognava di più. Sognavamo di fuggire un giorno da questa vita e di essere semplicemente felici! Ma a quanto pare, abbiamo fatto arrabbiare qualcuno dall'alto... Alcuni sogni rimangono sogni irrealizzati.

- È ora", dissi e mi diressi verso il guardaroba per indossare il vestito che Antonina aveva scelto.

Anche se eravamo sorelle, eravamo tutte diverse. Marianna era la più alta e la più simile alla mamma, con i suoi capelli scuri, gli occhi marroni e i tratti del viso morbidi. Elsa e Vika erano bionde scure, con gli occhi azzurri e il viso da bambola. E io ero bionda chiara con gli occhi grigi. Tra tutte, ero quella che assomigliava di più a mio padre, e questo mi uccideva.

- Già", ha commentato Elsa commentando il nostro aspetto.

- Non potrei essere più d'accordo", dissi guardando il mio riflesso nello specchio.

Tonya aveva scelto per noi abiti azzurri abbinati. Erano scollati, con maniche a tre quarti, sotto le ginocchia e una fascia intorno alla vita.

- Il marito sarà difficile da sedurre con questo", ho aggiunto.

Almeno le scarpe di ognuno sono diverse.

Ci siamo messi in cerchio e ci siamo tenuti per mano.

- Qualunque cosa accada oggi, la supereremo! E chiunque di noi venga scelto come moglie... Cercheremo di uscire da questa casa", disse Marianne, guardando ognuno di noi negli occhi.

- Spero che Imanov sia un brav'uomo", sussurrò Vika.

Ho quasi sgranato gli occhi. Sarà anche più giovane di me di due anni, ma sembrava che avesse lo sviluppo di una dodicenne.

- Gli uomini buoni non sposano ragazze sconosciute", dissi.

- Fammi sognare! - esclamò Vika, e io le mostrai la mia lingua.

Antonina irruppe nella stanza senza bussare, con gli occhi che brillavano di una lucentezza febbrile.

- Sono già qui! È il momento.