Libreria
Italiano

Sono più ricca del mio miliardario ex marito

1.0M · Completato
Chloe Turner
974
CapitolI
65.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Era una donna ricca, ma fu trasformata in uno strumento utilizzato dal marito per salvare un'altra donna. Disperata, si gettò nel fiume che scorreva veloce, giurando di morire piuttosto che salvare la donna che lui amava. Anni dopo, è tornata splendidamente!

MiliardarioCEORagazzaMatrimonioVendettaAmoreRomanticoVero Amore

Capitolo 1 Scelta, disperazione

A luglio a Ingford faceva un caldo soffocante e irritante.

Alina Hughes, sulla soglia dello studio, tremava tutta.

I palmi delle mani, tremanti, si coprivano il ventre rigonfio e il respiro era incontrollabilmente rapido.

La conversazione tra i due all'interno dello studio continuava.

"Non mi aspettavo che le sue condizioni si deteriorassero in questo momento".

L'uomo tirò due pesanti boccate di sigaretta: "Quante volte ancora dovrà lavorare?".

"Circa tre volte, ma non è più utile limitarsi a prelevare il sangue di Alina, solo un trapianto di midollo osseo potrà aiutare".

Come medico, anche Nova Turner non poteva sopportarlo, ma doveva costringere Caleb Collins a fare una scelta per il bene dei suoi pazienti.

"Ma se l'operazione va a buon fine, sicuramente non potrà tenere il vostro bambino".

"Anche se riuscirà a malapena a tenerlo, diventerà deforme o mentalmente ritardato a causa dei farmaci, e la vita di Alina sarà in pericolo, quindi ci pensi bene".

Lo studio divenne silenzioso.

Alina guardò nervosamente la persona attraverso la fessura, solo per vedere l'uomo premere il mozzicone di sigaretta nel posacenere.

Prima di rimanere in silenzio per un momento, pronunciò: "Sbarazzati del bambino".

Con freddezza disse: "Organizza l'operazione il prima possibile".

Le pupille di Alina si strinsero e il suo corpo tremò violentemente.

In quel momento non riusciva più a sentire nulla.

Si voltò e fuggì nella sua stanza, chiudendo la porta a chiave.

Si precipitò in bagno, si tolse il pigiama che indossava e si guardò la schiena allo specchio.

La sua schiena liscia era piena di fitti fori di ago e di lividi penetranti intorno ai fori di ago, che erano i lividi della situazione causati dalla mancanza di pressione dopo aver estratto l'ago.

Si coprì la bocca per l'orrore e singhiozzò tremante.

Da quando era incinta, non si era mai lavata da sola, era stato suo marito a farle il bagno, quindi non si era mai preoccupata di prestare attenzione alla sua schiena.

La sua mente ha ripensato alle anornalità di lui durante questo periodo.

Si scoprì che la tenerezza che la commuoveva era tutta finta.

Non c'era da stupirsi che si sentisse sempre stanca in quel periodo e che dormisse sempre molto la notte.

Si scoprì che era perché qualcuno veniva a prelevare il suo sangue ogni sera dopo che lei era andata a dormire.

Così la sposò, non per amore.

Piuttosto, era per prendere il suo sangue e poi la sua vita.

Alina teneva il suo pancione di nove mesi.

Il bambino stava per nascere.

Non avrebbe mai permesso a nessuno di fare del male a suo figlio.

La sera, a tavola, il volto dell'uomo era indifferente, ma non così freddo come nello studio.

Le servì una ciotola di zuppa con le sue mani.

"Sei debole, bevila".

Da quando si è sposata, Caleb le ha sempre parlato con tono di comando e lei sembrava essersi abituata da tempo a obbedire.

Ma questa volta la mano di Alina con la forchetta si fermò.

Guardò l'uomo che era sposato con lei per due anni. In quel momento la sua tenerezza la inebriava come una droga, ma fu la fonte a toglierle la vita.

Disse che il bambino doveva essere eliminato.

Alina sobbalzò quando la ciotola della zuppa fu sbattuta a terra da lei, come il loro matrimonio, diviso.

La zuppa calda macchiò i pantaloni dell'uomo.

Caleb si infuriò all'improvviso e un attimo dopo represse la sua rabbia.

Le toccò dolcemente la fronte: "Cosa c'è che non va? Vuoi che Nova venga qui?".

"Vuoi che Nova venga a prelevarmi il sangue?".

Per un po' l'ambiente circostante rimase molto silenzioso.

Alina si mordeva il labbro, tratteneva le lacrime dagli occhi e guardava intensamente Caleb.

Stava aspettando che lui le desse una spiegazione.

Era stata trascinata da lui, che l'aveva sempre trattata con i movimenti più bruschi.

La sua gentilezza mascherata è scomparsa: "Lo sai?".

Lui le strinse forte il collo: "Allora dovresti avere ben chiara la tua situazione, puoi solo collaborare con le nostre azioni".

Sì, non ha mai avuto scelta di fronte a lui.

La famiglia Collins era una famiglia di alto livello con un enorme patrimonio commerciale.

Nessuno ha mai osato fermare ciò che lui voleva fare, nessuno poteva fermarlo.

Alina vide i suoi occhi freddi e le sue lacrime non poterono più essere controllate.

Il respiro le mancava, il collo era stretto nella sua morsa e arrossiva per il dolore.

Caleb la vide impallidire e la lasciò andare appena in tempo, dicendo torvo: "Ora che sai tutto, pensa a quale compenso vuoi e io ti accontenterò il più possibile".

Se ne andò senza voltarsi, mentre lei veniva spinta contro il muro e cadeva a terra.

Compenso?

Alina chiuse gli occhi, era possibile che questo matrimonio fosse una cospirazione fin dall'inizio?

Rabbrividì: "Dimmi chi è".

Quella che gli ha fatto abbandonare moglie e figlio.

Che tipo di persona poteva occupare un posto così importante nel suo cuore.

Caleb si fermò, non aspettandosi che lei volesse solo una risposta.

Ma non rispose.

"L'intervento è previsto tra tre giorni, quindi decida cosa vuole".

Caleb se ne andò senza voltarsi indietro, dandole quello che poteva.

Non aveva senso preoccuparsi di ciò che non poteva dare.

Dopo che la porta fu chiusa, Alina aprì gli occhi con disperazione e tristezza.

Ha raccolto le sue cose preziose e, quando si avvicinò alla porta, guardò per l'ultima volta la stanza in cui aveva vissuto per due anni.

La stanza era molto accogliente, pulita e piena di oggetti che lui le aveva regalato, tutti stravaganti.

Ma ora provava una grande ironia.

Lois la vedeva fisicamente debole e in difficoltà nel portare la valigia giù per le scale.

Quello sguardo teso spaventò i cuori degli astanti: "Signora Alina, è notte fonda, cosa sta facendo, me la dia".

"È incinta di nove mesi, non si sforzi, il padrone Caleb tiene a lei e al bambino sopra ogni altra cosa".

Alina poté solo ridere beffardamente.

Voleva uccidere suo figlio con le sue stesse mani.

Trattenne le lacrime e la sua voce roca la rese ancora più difficile: "Lois, portagli un messaggio".

Alina fece un respiro profondo: "Ho già preparato l'accordo di divorzio e l'ho inviato alla sua e-mail, e non ho intenzione di sottopormi a nessun intervento".

Dopodiché, incurante di ciò che diceva Lois, uscì dalla porta con la sua valigia.

Ogni passo di una donna incinta che stava per partorire e che andava in giro con una valigia era motivo di preoccupazione.

All'improvviso il tempo cambiò bruscamente e iniziò a piovere a dirotto.

Alina si trovò davanti alla villa, inzuppata di pioggia e tremante per il freddo, ma si mise con decisione sotto la pioggia.

Il suono dei freni d'emergenza e il tonfo delle ruote spruzzarono l'acqua su tutto il corpo di Alina.

Un uomo scese dall'auto e si avvicinò a lei con rispetto: "Signora Alina".

Era Brandon Porter, uno degli assistenti speciali di Caleb.

Alina sembrava non vederlo e passa davanti a Brandon come un fantasma.

Brandon la fermò: "Il signor Collins mi ha chiesto di portarla in ospedale".

Appena detto, la valigia fu afferrata da Brandon, che le aprì rispettosamente la portiera dell'auto.

Molte donne avrebbero voluto entrare nella sua auto.

Ma in quel momento Alina vedeva quell'auto come caro funebre che l'avrebbe portata alle pompe funebri.

Non appena fosse salita su quest'auto, sarebbe stata mandata dritta all'inferno.

"Non ci vado".

"C'è stato un incidente improvviso all'ospedale e l'operazione è stata anticipata. Il signor Collins ha detto di portarla lì a tutti i costi, signora Alina, la prego di non rendermi le cose difficili".

Il tono di Brandon sembrava educato, ma chiaramente minaccioso.

La bocca di Alina si sollevò agli angoli con un tocco di tristezza.

Quindi doveva andare.

Era una donna al nono mese di gravidanza e non poteva sopportare le angherie di un uomo forte.

L'auto si diresse verso l'ospedale e la sua voce era calma: "Se non vado, quella donna morirà, vero?".

"Sì."

"Allora lasciala morire".

In fondo aveva scelto lui quella donna.

Ma Caleb sapeva che era incinta di nove mesi. Il bambino nel suo ventre si moveva ogni giorno e stava per nascere.

Nessuno rispose alle sue parole.

Alina fece un respiro profondo, guardò fuori dalla finestra il ponte di Hasnan e parlò di nuovo: "Chi è?".

"Emma Bell".

Alina era scioccata.

Allungò improvvisamente la mano e afferrò con forza il volante.

La voce di Brandon, in preda al panico, si fece sentire: "Signora Alina, cosa sta facendo? Tolga le mani di dosso".

In questo momento Alina non poteva sentire più nulla, non aveva più niente ed Emma non meritava continuare la sua vita a costo di quella di suo figlio.

Con forza, la parte anteriore dell'auto si schiantò contro il parapetto del ponte Hasnan, direttamente nel fiume.

Soffocata dall'acqua fredda nei polmoni, Alina allargò le mani e lasciò che l'acqua fredda la avvolgesse.

Lo stomaco le fece improvvisamente molto male.

Suo figlio sapeva che era stato abbandonato?

In pochi minuti il ponte fu congestionato dal traffico.

Le auto della polizia e quelle della famiglia Collins erano bloccate alla fine del ponte da un lungo convoglio di traffico.