Libreria
Italiano

Sei mio, mio piccola mate !

327.0K · Completato
Writer danger
100
CapitolI
5.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Star Cronin è una licantropa con poteri soprannaturali e figlia di un uomo potente, un alfa per i lupi e un milionario per gli umani; è stata nascosta per dieci anni per evitare il matrimonio con il suo compagno, che è il figlio del nemico di suo padre, ma la sua testardaggine la fa tornare; suo padre, accorgendosi che sua figlia è tornata, non può portarla fuori di nuovo perché molti lo tengono d'occhio, quindi cerca di continuare a nasconderla fino a quando non pianifica come evitare che il matrimonio non avvenga. Ross Zanetti è la cotta di Star e un guerriero licantropo destinato a diventare alfa, ma per questioni legate a un amore proibito che tiene segreto, rifiuta di diventare alfa per non ferire la ragazza che ama, sapendo che il suo obbligo è quello di soppiantare il padre di Star, a prescindere da ciò che questo può causare, diventa la guardia del corpo di Star per proteggerla dai nemici dell'alfa; tuttavia, c'è un imprevisto ed è che la compagna di Star sapeva già che era tornato, ma lui tiene nascosta la sua identità per raggiungere i suoi obiettivi. Star è in pericolo, non sa che sposare il suo compagno, il figlio del nemico, mette la sua situazione in cattiva luce, Star avrà il coraggio di farsi notare dalla sua cotta e Ross riuscirà a guardarla come qualcosa di più della figlia proibita del capo? Oppure si innamorerà del suo compagno e lascerà andare l'amore proibito?

AlfaLicantropiLunaMatrimonioTriangolo AmorosoMysteryRomantico18+Enemiestoloversamore triste

Capitolo 1

Avvertenze

Quanto segue è pura finzione, non ha lo scopo di romanticizzare o far sembrare giusto questo tipo di relazione, ed è destinato ai maggiori di 18 anni in quanto include violenza, sesso e droga.

Avete mai pensato di non trovarvi bene a casa vostra e per questo siete stati mandati via? Beh, lasciatemi dire che nemmeno io mi trovo bene nel posto in cui sono stata mandata, gli umani mi considerano una ragazza strana, ma non dovrei nemmeno tornare indietro perché a casa mi considerano un pericolo.

Tuttavia, sono passati dieci anni da quello che è successo e penso che sia arrivato il momento di tornare indietro, so che l'alfa, mio padre non sarebbe d'accordo, ma io sono pronta.

I miei nonni in Scozia mi hanno aiutato in tutto, sono più che in grado di tornare indietro e di avere il controllo su di me senza causare disastri, perché è per questo che mio padre mi ha tolto dal branco.

Torno perché non sopporto più la lontananza dalla mia famiglia, e sì, anche i miei nonni sono la mia famiglia e abbiamo anche un gregge qui, ma anche io sono un'estranea qui, quindi non c'era motivo di allontanarmi dal luogo in cui sono nata.

Anche se trasferirmi mi ha aiutato un po' ad affrontare i miei problemi, il senso di colpa e la depressione, visto che ho ucciso mia madre ed è una cosa che non mi perdonerò mai più.

Non so cosa voglio ottenere tornando indietro, forse voglio sentire il suo spirito nella foresta, so che è ancora lì, a proteggere tutti loro da qualsiasi cacciatore, forse a seconda di come mi sento deciderò di rimanere per sempre o di fare solo una visita.

Non devo rovinare le loro vite se il branco sta meglio senza di me. Mi sono adattato a fatica alla mandria dei miei nonni, mi vedono come un pericolo, ma mi trattano comunque con rispetto, prima di integrarmi il nonno mi ha insegnato molte cose.

Era ovvio che non voleva essere criticato per non avere il controllo su di me, per questo all'inizio mi teneva nascosto e mi addestrava, almeno aveva il coraggio di farlo, non come mio padre che l'unica soluzione era mandarmi via da lui, forse lo faceva perché mi odiava per aver ucciso sua moglie, mia madre.

Mi chiamo Star Cronin, sono una ragazza lupo, figlia unica, di pelle marrone e capelli ricci quando sono umana, quando sono diventata un lupo la mia pelliccia è di colore marrone scuro, e comunque io sia trasformata, i miei occhi alla nascita erano sempre uno rosso e uno marrone.

In questo momento sono sull'aereo per tornare in Grecia, la mia vecchia casa. È stato doloroso salutare i nonni, ma hanno capito che mi mancava la mia casa e prego di essere accettata di nuovo nel branco, perché non so come spiegherò a mio nonno che gli ho mentito solo per tornare, gli ho detto che avevo contatti con mio padre e che mi aveva chiesto di passare del tempo lì.

Ma è tutta una bugia, non comunico con mio padre da molto tempo, abbiamo parlato solo il giorno del mio compleanno, che è stato un anno fa. Il nonno non può provare che gli ho mentito perché non è molto bravo con la tecnologia umana, inoltre non c'era motivo di diffidare di me, sono stata una nipote esemplare, secondo il nonno sono riuscita a essere una studentessa migliore di mio padre.

Ogni lupo ha una vita umana, ci incontriamo solo di notte per fare la guardia alla foresta, che è la nostra vera casa, ma di giorno ci sono i cacciatori e qualche tempo fa si è deciso di vivere di giorno come gli umani per mimetizzarci tra loro e di notte fare onore alla nostra origine, questo per tenerci più uniti. Soprattutto a ogni luna piena, facciamo una specie di riunione con tutti i branchi che custodiscono la loro parte di foresta.

Questo per andare d'accordo pacificamente e per essere uniti piuttosto che nemici, dato che siamo tutti della stessa specie.

Probabilmente vi starete chiedendo: "Ehi Star, come fai a mimetizzarti tra gli umani? Beh, non è normale per un umano avere un occhio rosso e uno marrone", molto semplice, uso le lenti a contatto anche se mi irritano l'occhio, mi trattengo, a volte ho messo delle lenti scure perché non ce la facevo più.

Ricordo che da bambina sono stata vittima di bullismo alla scuola umana, i miei genitori hanno dovuto spostarmi da una scuola all'altra, ma l'uso delle lenti a contatto, stranamente non obbligato qui in Scozia, mi ha insegnato che devo essere orgogliosa di come sono nata, indipendentemente da ciò che pensano gli altri.

Questo consiglio mi ha portato molta fiducia in me stessa, ma non mi ha portato amici umani, ma chi ne ha bisogno? Sono semplici e noiosi.

Se ho degli amici? Solo una, la mia migliore amica, si chiama Meghan, grazie alla tecnologia umana ci siamo tenute in contatto, ma non la vedo da quando mio padre mi ha mandato dai miei nonni, sono entusiasta di rivederla, lei e suo cugino Ross, quel ragazzo mi ha fatto impazzire fin da quando ero piccola, non so che aspetto abbia adesso, ma sono sicura che è estremamente bello.

È sempre stato carino fin da quando era piccolo, beh, era davvero un nerd e nessuno gli andava a genio, ma vedevo il suo valore, mi piaceva così com'era, spero che sia ancora lo stesso ragazzo adorabile, anche se era fuori dalla mia portata, perché mi ha sempre visto come un'altra sorella o qualcosa del genere, per essere la migliore amica di suo cugino.

-Attenzione passeggeri! L'aereo sta per decollare, quindi prendete posto e assicuratevi di avere le cinture ben allacciate, perché il membro dell'equipaggio Sanchez vi spiegherà come usarle", annuncia una hostess al telefono, facendo risuonare il telefono sopra le voci forti dell'aereo.

Essendo il mio primo volo dopo tanto tempo, ho prestato molta attenzione, anche se la mia attenzione è stata distolta da un ragazzo che stava entrando nell'aereo, sembrava avesse corso una maratona.

-Grazie a Dio mi hai fatto salire, pensavo di perdere il volo", dice, molto sollevato, il che mi fa ridere.

Si vede che è venuto di fretta, indossa persino una scarpa da uno e un'altra dall'altro, è piuttosto divertente.

-La preghiamo di prendere posto, stiamo per decollare", dice la hostess.

-Sì, certo, mi dispiace. -Risponde scusandosi e controlla il suo biglietto, credo per sapere quale posto gli è stato assegnato.

Quando il ragazzo si avvicina a me, noto un odore che non è molto piacevole per il mio naso, così lo prego di non sedersi accanto a me. Le mie preghiere arrivano troppo tardi quando il ragazzo si siede accanto a me e capisco che l'odore proviene dal suo animale domestico: aveva un gatto e io non vado molto d'accordo con i gatti, anzi sono allergica, quindi non ci vuole molto prima che inizi a starnutire.

-Mi dispiace", si scusa il ragazzo e io non so perché.

-Perché ti dispiace? -chiesi confusa, tappandomi il naso.

-Per aver interrotto il tutorial su come indossare una cintura, posso dire che non sei riuscito a finire per colpa mia", spiega, guardando la mia cintura slacciata, "posso? - indica la mia cintura come se chiedesse il permesso di avvicinare le mani.

Annuii lentamente, aveva ragione, avevo bisogno di aiuto, così mi aiutai e gli feci un mezzo sorriso.

-Grazie.

-Non c'è di che, è il minimo che possa fare. -Mi sorride e poi mi guarda in modo strano. Credo di dovermi scusare anche per il mio odore, non ho avuto il tempo di fare la doccia perché non volevo perdere il volo", spiega molto imbarazzato.

-Anzi, credo che il tuo profumo abbia nascosto bene la tua puzza", scherzo e forse lui si sente più in imbarazzo, "ma io ho tenuto il naso chiuso perché sono allergico ai gatti, scusami".

-Oh, mi dispiace! Non lo sapevo e non l'avrei saputo perché non ti conosco. -Il ragazzo si sente più stupido ogni volta che parla.

Questo mi fa ridere, così ride anche lui, sembra così carino mentre cerca di correggere ogni singola cosa che dice o fa.

-Va bene. -Gli sorrido.

-Mi dispiace molto, è il mio primo volo e non esco mai con lei, è la mia migliore amica, solo lei riesce a farmi passare i nervi, ma credo che questa volta non ci sia riuscita", dice nervosamente e io non capisco cosa voglia dire.

-Forse ti sei reso conto che sull'aereo può succedere di tutto e che il tuo gatto potrebbe non essere in grado di rimediare a meno che non voli, quindi posso capire il tuo nervosismo", risposi, cercando di indovinare cosa volesse dire, e lui rise.

-L'ho detto davvero perché non sono mai stato così nervoso con una ragazza prima d'ora, il mio gatto mi ha aiutato così tanto con la fiducia in me stesso che si potrebbe dire che sono un Don Giovanni", disse maliziosamente.

Ho riso quando ho capito che il ragazzo stava flirtando con me o almeno questo è ciò che Internet e Meghan dicono che gli esseri umani fanno per portare avanti un'avventura o una relazione.

Noterete che questo è strano per me, perché nessuno si è mai avvicinato a me con un'intenzione diversa, a meno che non si tratti di un interesse comune.

-Funziona con tutte le ragazze? -Io gioco duro per ottenere, come mi ha insegnato il mio amico di internet.

-Non lo so, dimmelo tu, sei il primo a cui lo dico. -Ride di sé stesso.

-Don Juan, non costringermi a competere con la tua lunga fila", lo prendo in giro e lui ride.

-Ok, me lo merito per essere un bugiardo e per aver cercato di essere interessante, ma non puoi biasimarmi, avevo bisogno di attirare almeno l'attenzione di quegli occhi particolari che si vedono raramente al mondo", mi sorride.

Questo complimento mi fa sentire una certa corrente che mi attraversa il corpo. Anche se si sbaglia, non trovo attraente un uomo che ha una lunga fila dietro di sé.

-Come le tue scarpe", sbotto senza pensarci e lui abbassa lo sguardo sul pavimento, "Scusa! -Mi rimangio tutto.

Quel povero ragazzo mi stava solo facendo un complimento e io non so nemmeno come riceverlo o rispondere.

-Dannazione! Ora sembro più stupido di quanto non lo fossi già. -Si sbatte la mano contro la fronte.

-Se ti può consolare, non sei sembrato così sciocco ad aiutarmi con la cintura per la prima volta", dissi, cercando di fargli vedere il lato positivo.

-Credimi, lo devo alle centinaia di tutorial che ho guardato ieri sera, ero così nervoso che ho iniziato a guardare i video tutorial e ho finito per guardare anche gli incidenti", dice più imbarazzato e mi fa ridere. Cazzo! -Si strofina la fronte con le dita.

-Va tutto bene, giovanotto? -chiede una hostess che sta controllando i posti a sedere.

-No, mi scusi, non ha un altro posto libero? È allergica ai gatti. -Mi indica il suo gatto chiuso in una cuccia.

-Non è necessario cambiare posto, potete chiedere a qualcuno di tenervi in piedi durante il volo. -Cercate di risolvere la situazione.

-Non potevo lasciare Ariel da sola, è una mia responsabilità e probabilmente è più nervosa di me al suo primo volo", disse il giovane.

-Va bene. -Ero a disagio.

-Seguimi da questa parte, giovanotto", dice la hostess e il ragazzo si alza.

-Una cosa. -Si china verso di me e sussurra. La prossima volta rispondi che la tua qualità non compete, che ti rende più speciale del bel colore dei tuoi occhi.

E se ne va lasciandomi con la parola in bocca. Mi sentivo in colpa, il ragazzo era simpatico e carino, capelli neri, occhi chiari e carnagione chiara.

Ho sbagliato a causa della mia mancanza di esperienza con gli esseri umani, avrei potuto rispondere meglio per non farlo sentire rifiutato.

Eccellente Stella, il primo ragazzo che mostra interesse e tu lo allontani ancora una volta con la tua stranezza.

Osservo il ragazzo mentre viene fatto accomodare all'altro capo della cabina, la hostess ha fatto in modo che l'odore del gatto non mi colpisse così forte il naso, l'ho scoperto, ma questo non ha impedito qualche starnuto per il pelo che il gatto si era già lasciato dietro.

Non sapevo nemmeno il suo nome e lui non conosceva nemmeno il mio, beh, forse il nostro destino era solo quello di incontrarci e non rimanere, facendomi capire che ci sono più persone come lui che vedranno i miei difetti nelle virtù.

Dopo quasi quattro ore di volo, scendo dall'aereo con le istruzioni dell'assistente di volo. Scrivo alla mia migliore amica che sono arrivata mentre aspetto di ricevere la mia valigia grazie a una strana macchina.

Lo starnuto torna a farsi sentire e posso facilmente capire che manca poco prima che il ragazzo si avvicini a me.

-Spero che non sia troppo tardi per riprovarci", dice, spostandosi al mio fianco.

-Allora di' al tuo amico che i suoi consigli per flirtare non funzionano", scherzai.

Non posso fare a meno di rispondere in questo modo, non so cosa c'è di sbagliato in me, è come se fossi programmato per allontanare le persone.

-Beh, internet può essere un alleato e a volte un nemico", riflette, "ora che me ne rendo conto, forse dipende dai siti che si frequentano".

-Beh, forse non sono pieno di conoscenze come internet, ma credo che essere se stessi possa fare tutto, no? -Chiusi leggermente la testa.

-Sì, certo, in alcune cose, perché il sistema ti consiglia di essere come vogliono loro, ma non di essere felice. -Mette giù la cuccia e tira fuori dalla tasca un paio di occhiali.

-E fingere di essere Don Giovanni ti renderebbe felice? -chiesi con curiosità.

-No, è stato un errore. -È imbarazzato. È per questo che ho cambiato posto. -Avvicina le labbra al mio orecchio per sussurrare. Il gatto era solo una scusa, non è nemmeno mio, è della mia sorellina, sono venuto a portarglielo.

Mi sono sentita ancora più confusa e credo che lui se ne sia reso conto.

-Mi dispiace, mi sono comportato come un idiota e, come se non bastasse, sono scappato invece di affrontare la situazione. -Lui sospira e io credo di capire.

Mi sentirei anche a disagio se le cose non funzionassero come vorrei, come se mi stessi rendendo ridicolo e, per non continuare a sbagliare, fosse meglio allontanarsi.

-Qual è la verità su quel poco di cui abbiamo parlato? -chiesi, e se non fosse stato per il mio telefono che ci interrompeva, avrei potuto sentire la risposta.

Meghan era già vicina, vedo la mia valigia che mi arriva grazie alla macchinetta, la prendo velocemente e la faccio rotolare.

-È stato un piacere, ma ora devo andare. -Saluto e mi incammino per andarmene.

-Aspetta, non so come ti chiami", dice il ragazzo.

Mi giro e cammino all'indietro per guardarlo.

-Mi chiamo Star", risposi sorridendo.

-Mi stai dando il tuo...? -Si interrompe e mi guarda con attenzione: "Attento! -Era già tardi quando la mia schiena si scontrò con qualcuno.

-Fottuto inferno, guarda dove vai! -dice una voce maschile molto scontrosa.

-Mi dispiace! -Mi volto a guardarlo con il cuore pesante.

Il ragazzo aveva con sé due gelati e io glieli ho rovesciati sulla camicia. Non ha alzato lo sguardo per vedermi, ma sembrava davvero infastidito nel tentativo di pulirsi la camicia, non voglio immaginare come fossero i miei capelli e la mia schiena.

-Le scuse non risolveranno la situazione", risponde stizzito.