Libreria
Italiano

SAGA L'amico di mio padre (libro 1+2)

115.0K · Completato
Viviana
77
CapitolI
1.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Questa è la saga completa del libro L'amico di mio padre, quindi dovete leggere il secondo libro, la storia di Lance e Charlotte. Se avete letto L'amico di mio padre, iniziate a leggere dal capitolo 43 di questo libro. Se non avete ancora iniziato a leggere la saga. Benvenuti a leggere il primo capitolo. Lance è cresciuto, diventando un uomo d'affari di successo e piuttosto attraente, proprietario di quasi metà dell'azienda del padre. Ma questo amministratore delegato si è fatto valere da solo, accumulando la sua fortuna senza l'aiuto di Cauther. Per questo ama la sua compagnia. Charlotte è stata a lungo innamorata di Lance, ma l'arrogante castano le ha spezzato il cuore quando erano molto giovani e lei ha deciso di lasciare il paese lontano da lui. Tra i due c'è un divario aperto che l'amministratore delegato muore dalla voglia di colmare per dimenticare la figlia dell'amica di sua madre, e il modo migliore per chiudere i cicli con Charlotte è portarsela a letto... ma la brunetta non è disposta a cedere ai suoi capricci e finisce per fargli la guerra. Chi vincerà?

MiliardarioCEO18+SessoAmoreBullismodolceavventura di una notte

Capitolo 1 Vita infelice

La musica di sottofondo era seducente, allettante e avvolgente. L'idea principale era quella di attirare il cliente, agganciarlo e fargli spendere tutti i soldi che avrebbe portato con sé quella sera. Le ragazze erano più che disposte a soddisfare qualsiasi uomo, purché pagasse l'esorbitante somma di denaro richiesta da Otto per ognuna di loro.

E se qualcuna di loro si rifiutava di assecondare le richieste del padrone, quella che resisteva avrebbe pagato il prezzo della sua disobbedienza. Per Otto o per qualsiasi altro cliente, queste ragazze erano solo oggetti sessuali da usare per scopare e divertirsi, e niente di più... erano un affare redditizio, che riempiva i conti in banca del proprietario.

Uno sguardo blu feroce cadde sulla danza di una giovane donna snella e dalla pelle di cannella, che stava eseguendo movimenti erotici fino all'oscenità intorno a un palo di metallo piuttosto lucido. La ragazza era vestita solo di mutandine di pizzo che si abbinavano al reggiseno e di splendidi tacchi ricoperti di centinaia di strass scintillanti.

Il ragazzo che la guardava si chiedeva: come diavolo faceva a ballare così bene con dei tacchi così alti? La guardò ancora un po', aspettando che finisse la sua affascinante danza. Anche se era volgare, non poteva non essere eccitante. E poi, la verità è che non era fatta di pietra. Nonostante il fatto che ballasse molto bene e che fosse in grado di sollevare l'anima di un moribondo, lui si concentrò su ciò che lei stava facendo. Era più redditizio per lui.

-Sembri piuttosto interessato a quella ragazza, L.C.. Dimmi un po', la vuoi? -Un ragazzo si siede senza il suo permesso sulla sedia vuota del suo tavolo, il che gli fa stringere forte la mascella. Questo lo fa incazzare parecchio. Dai, amico, non essere timido. Se la vuoi, non devi far altro che parlarmene.

Improvvisamente una nove millimetri fu premuta sotto le guance dell'uomo che parlava ininterrottamente, il suono della sicura della pistola scattò, mettendo in allarme le guardie del corpo di Otto.

-Silenzio, silenzio..." dice Otto, inghiottendo il respiro, per un attimo la musica si ferma e con essa la giovane donna che balla.

-Quando ti ho detto di sederti? -La voce squillante di L.C. riecheggiò nel locale, attirando gli sguardi degli altri clienti.

-Mi alzo in piedi, se è questo che vuoi.

L.C. ritira la pistola e alla fine rilascia Otto. L'uomo si passa una mano sul collo, mentre deglutisce di nuovo. Si ricompone un po' e dà ordine di continuare lo spettacolo.

-Sei molto testardo L.C., dovresti migliorare il tuo carattere.

-Lo comprerò!

-Cosa stai dicendo? -Lo guarda accigliato.

-Alla ragazza", risponde, guardandola ballare. Questo mese, prenderò quella dalla pelle di cannella", sorride Otto, che non voleva sentire altro.

-Hai un buon occhio, è arrivata solo ieri... Non l'avevo ancora messa al lavoro come si deve, ma visto che la porti con te, avrà molto lavoro da fare con te", ride forte, ma non ottiene risposta dall'uomo davanti a lui.

-Venderete o continuerete a dire stronzate?

-Certo! Certo! Te lo vendo. Questo è il prezzo", gli presenta un foglio di carta con il prezzo, L.C. alza lo sguardo dopo aver visto una tale cifra.

Lo sguardo bluastro dell'uomo dai capelli rossi cadde su Otto, che sembrava sudare come un fottuto maiale. Eppure, in questo posto, faceva un freddo pazzesco.

-Stai cercando di truffarmi, Otto? Aguzza lo sguardo, facendo sì che l'uomo dai capelli castani deglutisca altra saliva, si asciughi la fronte con un fazzoletto e faccia un mezzo sorriso.

-Perché dici così?

-Quella ragazza non vale questa cifra, vuoi vedere la mia stupida faccia?

-Lei... è nuova, devi capirlo...

-È vergine? -La serietà del volto del suo cliente era sepolcrale, Otto pensò che sarebbe morto sul posto se avesse continuato a mentire.

-No, non è...

-L'hai violentata?

-Nessuno l'ha toccata, lo giuro. Il medico l'ha controllata, non era più vergine. Lo giuro", risponde velocemente, cercando di allontanarsi dalla morte.

-Pagherò solo la metà di quanto richiesto.

-Ma..." A questo punto L.C. si alza in piedi, facendo valere la sua autorità: "Sì, sì, sì, certo. Facciamo affari con la metà.

L.C. si gira e scompare dietro le pesanti tende di velluto rosso. Otto, vedendolo andare via, lascia andare il suo respiro maledetto. Improvvisamente dietro le stesse tende appare Santino, il braccio destro di L.C.. Era un tipo muscoloso e intimidatorio, ma non quanto il suo capo: con la reputazione che aveva, era molto difficile che qualcuno si mettesse in proprio.

-Santino! -Otto lo saluta con un sorriso.

-Ecco il suo pagamento", posa una valigia d'argento sul tavolo e fa scendere subito la ragazza dal palco. Tra 5 minuti verrò a prenderla". Apre la valigia e all'interno sono impilate file di banconote di taglio singolo.

-Sarebbe più facile se mi trasferissero", sorride Otto con un pericoloso luccichio negli occhi.

-4 minuti", aggiunge, mantenendo uno sguardo serio.

Santino si gira e si dirige verso i camerini dove era solito andare a prendere la ragazza che il suo capo comprava ogni mese.

-Otto, uno di questi giorni L.C. finirà per ucciderti. Quel tipo è molto pericoloso, non gli è importato che tutti noi abbiamo minacciato di ucciderlo se ti avesse fatto qualcosa", dice una delle guardie.

-È il miglior cliente che questo posto di merda possa avere, da quando L.C. è diventato un cliente abituale ho avuto un reddito migliore. Queste puttane del cazzo non attirano molta gente, ma con le entrate di quel ragazzo sto facendo un bel po' di soldi.

-Cosa vuoi che faccia adesso?

-Fai scendere dal palco quella puttana danzante e ordina a Serena di uscire e di fare bene il suo cazzo di lavoro questa volta, o vuole che le frusti il culo stasera.

Otto guardò la valigia argentata davanti a sé e sorrise ampiamente: per tutto il mese aveva aspettato quella vendita. Era quasi certo che a L.C. sarebbe piaciuta quella nuova. Prendeva sempre le ragazze nuove, era il primo a fare offerte. Gli altri pagavano solo per scoparsele e nient'altro, lui era l'unico che aveva il privilegio di prenderle e non riportarle indietro.

Qualunque cosa facesse con la ragazza, non era un suo cazzo di problema... ma presumeva che non fosse nulla di buono. In realtà, tutto ciò che importava a Otto era che sarebbe tornato mensilmente per un'altra delle sue puttanelle.

[...]

Tremando per la paura e versando lacrime senza sosta, la giovane donna che era stata comprata pochi minuti prima rimase in piedi mentre Serena le asciugava le lacrime e a sua volta le asciugava il viso annerito dal mascara sbavato.

-Devi smettere di piangere, non otterrai nulla di buono se continui a piangere, hai capito? La giovane bruna la incoraggiò a cambiare atteggiamento, perché sapeva bene cosa succedeva alle ragazze che piangevano senza sosta.

-Voglio solo andare a casa", risponde in lacrime.

-Ragazza, qui vogliamo tutti la stessa cosa. Ma una volta che questi maledetti maiali ci prendono, non c'è più niente da fare. Non pensate che ci sia un supereroe in strada a salvare le ragazze.

-Ma io..." risponde, mentre il suo labbro inizia a tremare.

-Basta! -Serena è costretta a schiaffeggiare la ragazza, se la beccano a urlare come una stupida, le picchieranno a sangue.

La ragazza le accarezza la guancia mentre singhiozza, con gli occhi ancora rivolti al pavimento. Serena la guarda e si dispiace per lei, sapeva che non avrebbe mai più rivisto quel povero diavolo. Era arrivata appena la sera prima e già veniva venduta al miglior offerente. Forse la sua vita sarebbe stata più miserabile di quella che tutti in quell'inferno stavano vivendo quotidianamente.