Libreria
Italiano

Rubato dall'alfa

182.0K · Completato
Genara
85
CapitolI
25.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Voglio che cerchiate in ogni angolo della città. Trovatemi quella ragazza... viva. Voglio torturarla io stesso?", ruggì Jax con rabbia. Come osa? Crede che lui sia stupido per non aver capito che era lei quella giusta? Deve essere davvero stupida, ma deve confessare che era davvero una persona intelligente e intrigante per riuscire a fare una cosa del genere. * * Aurora è una licantropa di 23 anni, appartenente al branco della Luna di Sangue, che vive nei bassifondi con la madre e la sorella minore; per provvedere all'istruzione della povera madre e della sorella ha iniziato a compiere piccoli crimini, come rubare ai vicini e borseggiare. Era riuscita a passare indenne dai suoi crimini fino a quando non è stata agganciata quando ha rubato il portafoglio di Jax, un alfa spietato e senza pietà che si dà il caso sia l'alfa del suo branco. (Lei non ne aveva idea). Cosa succede quando, a causa della malattia della madre, deve tornare a casa e incontra l'uomo a cui ha rubato il portafoglio come suo presunto Alfa? Continuate a leggere per scoprirlo!!!.

AlfaRagazzoAmoreSegreti

1

NEW YORK CITY...

La sirena della polizia soffiava in tutta la zona, si sentivano spari da lontano. L'intera città era nel caos, mentre la gente correva a destra e a manca in cerca di copertura.

Erano di nuovo loro. Il micidiale gruppo mafioso che opera in città causando il caos e togliendo la vita alle persone.

Una giovane donna di circa 23 anni è stata vista correre accanto alla folla che si liberava. I tacchi sulla coda.

Ha dato un'occhiata da un lato all'altro e, dopo essersi assicurata che nessun occhio fosse puntato su di lei, ha iniziato a infilare le mani nelle tasche estraendo borse, telefoni e denaro.

Aprì la borsa e ne versò frettolosamente il contenuto mentre correva tra la folla.

Quando fu sicura di aver raccolto abbastanza, deviò verso un edificio isolato e fatiscente dove si fermò, respirando aria.

Togliendosi la borsa a tracolla, versò il contenuto sul pavimento, sfoggiando un sorriso smagliante.

Felice di aver raccolto abbastanza cose da poter vendere per sfamare la madre e la sorella minore, intascò il denaro e risistemò la borsa uscendo dall'edificio fatiscente.

La zona, un tempo disorientata, era ora calma, poiché lo sparo si era attenuato. Le persone avevano ripreso a muoversi come se nulla fosse accaduto pochi minuti prima.

La ragazza si fermò in un mercato locale, dove di solito vendeva le sue cose rubate.

"Anche oggi sei qui", sorrise un uomo grasso e sporco, biondo, mostrando i suoi denti sporchi e incompleti.

"Sì, oggi è stato meraviglioso", ricambiò il sorriso la ragazza versando i numerosi telefoni che aveva scelto.

"Lo vedo qui", disse il biondo ridendo indicando i telefoni.

L'uomo prese tempo per esaminare i telefoni e quando ebbe finito tirò fuori una pila di soldi, li contò e li diede alla ragazza che li raccolse sorridendo.

Uscendo dal negozio di cellulari, la ragazza si diresse verso la stazione degli autobus, dove salì su un autobus che la riportava nei bassifondi.

****NEI BASSIFONDI***

"Aurora quando sei uscita di casa?". Una donna vestita in modo trasandato chiamò la ragazza mentre entrava nella casa dall'aspetto malandato dove viveva con la madre e la sorella minore.

"Abbastanza presto, buongiorno mamma", salutò la donna ed entrò in casa.

"Che giornata tranquilla", fischiettò, salendo le scale quasi logore che portavano al tetto, dove lei usava come stanza.

Nella stanza, che era piccola, il suo materasso di gommapiuma con una coperta logora giaceva all'angolo della stanza.

I suoi vestiti erano impacchettati in un sacco e alcuni erano appesi a una corda proprio sopra il letto.

Non c'era nient'altro nella stanza, a parte i suoi vestiti, che erano pochissimi, e il letto. Si tolse la giacca di pelle e si accasciò sul letto respirando pesantemente.

"Sorella Rora" sentì e alzò lo sguardo per vedere la sorella minore che sbirciava dalla porta. "Maya entra e smettila di sbirciare", rimproverò la bambina di circa 8 anni che entrò nella stanza.

"Come stai? Hai mangiato qualcosa?". Chiese e la bambina scosse la testa sbadigliando.

"Perché non hai mangiato?", Aurora fece scorrere lo sguardo lungo il corpo della sorella e la sorellina si avvicinò a lei, poi si chinò e le sussurrò all'orecchio.

"Tsk, tsk!!!, Ecco, vai a dare questi soldi alla mamma e dille di non chiedersi da dove vengono" disse e la bambina annuì correndo fuori dalla stanza.

Aurora sospirò e fissò la porta chiusa. Avrebbe fatto qualsiasi cosa per assicurarsi che la sorellina fosse nutrita bene e iniziasse la scuola come i suoi compagni.

Tirò fuori i soldi ricavati dalla vendita di quegli oggetti e li contò. "Abbastanza bene" mormorò e si alzò in piedi, salendo su un piccolo sgabello, allungò le mani e spostò il lato del soffitto, tirò giù un salvadanaio e piegò il denaro, gettandolo nella scatola dal piccolo foro fatto in cima al salvadanaio.

Restituì il salvadanaio e si assicurò di coprire bene il soffitto prima di scendere e ricadere sul letto.

Sono passati 9 anni dalla morte di suo padre. Nessuno sapeva che suo padre era coinvolto in un gruppo mafioso finché il rivale di quel gruppo non si presentò a casa loro una notte fedele e lo uccise con un colpo di pistola.

Un tempo erano ricchi e vivevano comodamente in città prima della morte del padre. Allora sua madre era incinta di cinque mesi della sorellina Maya.

Quella sera era andata nella boutique della madre, che era andata in ospedale a tarda sera e non era ancora tornata.

Quando la madre finalmente tornò, tornarono a casa insieme solo per vedere il padre steso sul pavimento nella sua pozza di sangue, con un foro di proiettile sulla fronte.

Su un foglio con il suo sangue c'era scritto in grassetto "Nessuno si mette contro il capo". Quella notte fu la peggiore della loro vita, perché tutto andò in frantumi.

Dopo la sepoltura del padre, tutte le sue proprietà furono confiscate e portate via dal gruppo che lo aveva ucciso. Sua madre non aveva nulla e nutrirsi divenne difficile.

Fortunatamente si era laureata prima della morte del padre e aveva usato il suo diploma per cercare lavoro, ma non era riuscita a trovarne nemmeno uno, nemmeno un lavoro di pulizia, che non aveva ottenuto.

Sua madre voleva che tornassero a casa, nel loro branco, ma Aurora si rifiutava con veemenza, odiava il fatto di non essere un'umana, ma una specie di creatura che sua madre chiama licantropo e il fatto di avere un po' di lupo dentro di sé che spesso salta fuori per parlarle la irritava ancora di più.

Odiava condividere la sua privacy con il cosiddetto lupo, ma non poteva fare altro che urlare contro il lupo che diceva di chiamarsi Aliya ogni volta che le parlava.

Non era mai andata al branco e non aveva intenzione di farlo a breve, quindi preferiva restare e morire di fame piuttosto che tornare in un luogo che riteneva non fosse un buon posto.

Poiché la madre le voleva così bene da non volerla costringere ad andare in un posto che non le piaceva, dovettero trasferirsi nei bassifondi alla fine della città, dove iniziarono a nutrirsi coltivando i terreni della gente.