Libreria
Italiano

Rivendicato dal re della mafia (possederla)

202.0K · Completato
Siren
132
CapitolI
12.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Sono una creatura dell'oscurità. Per sbaglio ho rapito la ragazza sbagliata e, in circostanze atroci, è sbocciato un amore inaspettato. Ho sopportato ogni colpo e tormento destinato a lei. Per mesi ho protetto Everleigh, solo per perderla quando finalmente ci siamo liberati. Sono passati anni, ma lo spirito di Everleigh Adams continua a perseguitarmi. L'angoscia di perdere l'unica donna che potrò mai amare mi ha portato sull'orlo della follia. E ora la sua presenza si manifesta ovunque mi giri. La sua essenza eterea trascende i miei incubi, tormentandomi nel regno della veglia. A quanto pare, Everleigh non è mai morto, nascondendomi un segreto. Quando finalmente ci troviamo faccia a faccia dopo quattro anni di puro tormento e agonia, lei rimane appena fuori dalla mia portata. Ma se la follia mi ha insegnato qualcosa è che le regole non hanno potere. Rivendicherò ciò che è mio di diritto. Non c'è rifugio dove Everleigh possa sfuggire alla mia ricerca.

AlfaMafiaRomanticoAmoreSessosentimentoDominanteVero AmoreBGBadboyBrava RagazzaPossessivoforteprepotente

1

Capitolo 1

Alek

(Venti anni…)

La cannella aleggia pesante nell'aria, il delizioso aroma mi attira in cucina dove trovo mamma e Tiana che ammirano la torta al miele che hanno appena sfornato.

È il mio odore preferito al mondo: la mamma che cucina in cucina. È casa.

Appena la mamma mi vede mi lancia uno sguardo severo. “Non osare provare a rubarne una fetta. È per il dopocena."

Oggi è il compleanno di Vincent. Mio fratello ha tre anni più di me. Non lo abbiamo visto molto negli ultimi anni mentre si stava allenando per prendere il suo posto nella bratva.

Dato che mio padre è un capo, è naturale che seguiamo le sue orme.

Mi siedo al tavolo e guardo la torta come se fosse il mio ultimo pasto. "Vuoi un caffè?" mi chiede Tiana.

"Per favore." Sorrido alla ragazza che per me è come una sorellina.

I miei genitori hanno adottato Misha e Tiana Petrov e, anche se all'inizio le cose erano difficili, Misha ora è la mia migliore amica.

Guardo Tiana che prepara il caffè come piace a me, cremoso e dolce, e sorrido di nuovo quando me lo mette davanti.

"Grazie, T." Dopo aver assaporato il primo sorso di caffeina della giornata, chiedo: "Hai preparato solo una torta?"

È normale che la mamma si alzi alle prime luci dell'alba quando è uno dei nostri compleanni. E ne prepara sempre abbastanza per un piccolo villaggio.

La mamma scuote la testa mentre cerca di nascondere il sorriso che le tira sulla bocca. Taglia una fetta enorme dalla torta appena sfornata. "Vivrai di pasticcini e dessert se ti do una mezza possibilità." Tuttavia, impiatta la fetta e me la avvicina. “Solo una fetta.”

Mi avvicino e faccio un respiro profondo, con l'acquolina in bocca per l'aroma. "Non posso promettere nulla", ridacchio. "Ecco perché cucini di più." Rivolgo alla mamma un sorriso grato. "Mi ami troppo per lasciarmi soffrire fino all'ora di cena."

"Hmm." I suoi occhi sono fissi su di me mentre prendo il primo morso.

Quando il sapore della panna e della cannella mi esplode sulla lingua, emetto un gemito soddisfatto. Chiudo gli occhi mentre assaporo la bontà dei dolci di mia madre. "Perfetto."

Entusiasta, Tiana batte le mani. "Veramente? Ti piace?"

Le mie sopracciglia si alzano e deglutisco prima di chiedere: "Questo l'hai preparato tutto da solo?"

Lei annuisce, l'orgoglio danza nei suoi occhi celesti.

"Bene, sorellina", annuisco in segno di approvazione, "è esattamente come piace a me."

Tiana lancia un piccolo grido prima di cadere sulla sedia accanto a me. “Dimmi che sapore ha. C'è abbastanza crema? Ho fatto bene il dulce de leche? Non troppa cannella?"

Alzo una mano e le do una pacca dolcemente sulla schiena. "Tutto è perfetto." "Cosa è perfetto?" chiede Misha mentre entra in cucina.

"La torta al miele che ho preparato", risponde Tiana, con l'orgoglio che le illumina il viso. "Sedersi. Devi assaggiarlo.

"È troppo presto", protesta Misha. Si siede, poi mi guarda. Scuotendo la testa, mormora: “Come puoi mangiare la torta per prima cosa?

Mattina?"

Mi metto un grosso morso in bocca e gemo di nuovo. "Così buono", mormoro attorno alla torta.

Tiana mette una tazza di caffè davanti a Misha, insieme ad una fetta di torta molto più piccola. "Assaggiatelo e basta", implora.

Tiana potrebbe aver accettato me e Vincent come suoi fratelli, ma non c'è nessuno che ama più di Misha. Prima che i miei genitori li adottassero, erano rinchiusi in un orfanotrofio e avevano solo l'altro, quindi è comprensibile che siano inseparabili.

La mamma inizia a preparare la colazione e presto l'aroma delle uova fritte, del formaggio fuso e delle salsicce affettate riempie l'aria.

Vincent e papà entrano in cucina e Tiana si dà da fare a preparare loro il tè.

"Buon compleanno, Zaika", dice la mamma prima di abbracciare Vincent.

Ci prendiamo tutti un momento per augurare buon compleanno a Vincent e, mentre mamma e Tiana sistemano tutti i piatti in tavola, papà mormora: “I ragazzi verranno con me. Staremo via tutta la notte."

"Ma è il compleanno di Vincent!" esclama la mamma. “Ceniamo sempre insieme. È tradizione."

Papà scuote la testa, lanciando alla mamma uno sguardo impaziente. "Il lavoro non può aspettare."

La mamma sembra visibilmente infelice, ma non forza l'argomento. "Faresti meglio a mangiare", dice, guardandosi attorno. "Vieni vieni. Più cibo." Alzandosi, la mamma comincia a preparare altre uova fritte, segno evidente che è incazzata con mio padre. Cucinare la calma sempre.

"Tiana, prenditi cura di tua mamma mentre siamo via", ordina papà. "Sì, papà", risponde.

Tiana fu la prima a chiamarlo papà, dove Misha impiegò un paio d'anni. Si alterna ancora tra il signor Ashlanhov e papà. Tuttavia è stato più facile per entrambe passare dalla signora Ashlanhov alla mamma.

Solo per compiacere la mamma, mangiamo tutti il doppio. Mi sento come se stessi per scoppiare quando mi alzerò dal tavolo. Bacio la mamma sulla guancia prima di abbracciarla forte, poi mi sposto verso Tiana per abbracciarla velocemente.

"Stai attento", dice la mamma al papà. "E prenditi cura dei nostri bambini." "Bambini, che culo", brontola papà. "Sono uomini completamente adulti."

La mamma gli lancia uno sguardo di avvertimento. "Saranno sempre i miei bambini."

Ci vogliono altri dieci minuti prima che riusciamo a uscire di casa, e solo quando ci siamo tutti sistemati nel SUV blindato papà dice: "Stasera prendiamo la figlia di Ivanov".

Che cosa?

I miei occhi si spalancano e lo shock mi attraversa il corpo. Misha e io abbiamo appena iniziato il nostro allenamento bratva. Siamo stati assegnati a un capo junior e lo seguiamo ovunque come fottuti cuccioli smarriti. Finora ho picchiato solo un paio di stronzi che devono dei soldi a Bratva. Ho ucciso solo una volta.

Rapimento? Questo è un livello completamente diverso. Soprattutto se la ragazza ha mezzo cazzo di esercito a proteggerla.

I miei occhi si spostano su Misha e ci fissiamo per un momento.

“Alek, prenderai la ragazza mentre Vincent ti proteggerà le spalle. Io e Misha, insieme ai miei soldati, ci prenderemo cura delle sue guardie."

Cristo.

Annuisco perché non è consentito discutere. Fai quello che ti viene detto nella bratva. Devo rapire la ragazza. Preferirei di gran lunga aiutare a prendermi cura delle guardie.

Facendo un respiro lento, rivolgo la mia attenzione allo scenario innevato che ci passa accanto mentre ci dirigiamo verso il cuore di Mosca.

Contro il mio buon senso, chiedo: "Cosa succede alla ragazza dopo che l'abbiamo presa?"

Gli occhi di papà rimangono sulla strada mentre mormora: "Sarà nostra ostaggio finché Ivanov non si ritirerà dal nostro territorio o non accetterà un'alleanza".

Fanculo. Ciò può richiedere anni.

Sfidando la fortuna, faccio un'altra domanda: "Verrà tenuta in una delle case sicure?"

"NO."

Ho sulla punta della lingua l'ennesima domanda, ma so che farà arrabbiare mio padre.

«Resterà con noi», mormora.

Che cazzo? La mamma perderà la pazienza.

Una volta papà tornò a casa con un bambino che avevano rapito e la mamma non parlò con papà per due mesi interi.

"Non durerà a lungo", aggiunge papà.

Il ragazzino rimase solo due giorni. Speriamo che anche questa volta le cose vadano bene.

Oppure le cose resteranno tese a casa per molto tempo.

"Mi renderai orgoglioso", chiede papà. "Fai come ti è stato detto e porta a termine il lavoro."

"Sì, papà", rispondiamo tutti all'unisono.