Libreria
Italiano

Reclamare la sua compagna resistente

125.0K · Completato
Raina Lori
79
CapitolI
34.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Reese era pronta a vivere la sua vita da canaglia dopo il tragico passato. Senzatetto, senza compagno e rifiutata, non ha speranze per il suo futuro con un termine felice, fino a quando una volta ha salvato il suo compagno nel bosco. Era fuori dal suo piano, eppure si è trovata intrappolata in esso. L'aiuto che ha offerto è diventato il suo più grande errore, un errore che non ha potuto evitare. John l'ha rifiutata una volta, ma rivedendola dopo aver creduto alla dura verità della sua morte, non è riuscito a rassegnarsi a lasciarla andare di nuovo. Dopo aver vissuto per anni una vita infernale senza la sua compagna, ora che gli è stata data una seconda possibilità farebbe di tutto per tenerla con sé. Anche a costo di costringerla ad accettare, legandola al suo branco. Questa volta, per quanto lei possa resistere, la rivendicherà come sua. "Non me ne andrò, lo prometto", gridai. "Hai promesso?" Mi strinse il sedere già gonfio. Sibilai stringendo i denti per sopportare il dolore. "Sì" annuii frettolosamente. "Allora giura con la Dea della Luna" pronunciò, facendomi spalancare gli occhi. Ma che diavolo.

18+LicantropiVero AmoreRomanticoPossessivo

Capitolo 1 - Rifiutare di lasciarsi andare

PUNTO DI VISTA DI REESE

"Lasciami andare".

Urlai più forte che potevo, ma l'uomo continuò a camminare senza muoversi di un millimetro. Ora mi pento davvero delle mie azioni. Aiutarlo è stata la peggiore decisione che abbia mai preso. Non avrei dovuto intromettermi nelle loro faccende e avrei dovuto restarne fuori.

A cosa cazzo stavo pensando? - Gemetti nella mia mente.

"Non imprecare", lo sentii dire, "non ti porterà da nessuna parte".

Non potei fare a meno di guardare il suo sedere perfettamente modellato. Appeso alla sua spalla non era il risultato che mi ero immaginato. Ma non mi aspettavo nemmeno che lui agisse così. Il nostro legame si è spezzato quando mi ha respinto tempo fa, quindi perché lo fa ora? La vista della foresta cominciò a scomparire quando raggiungemmo il ciglio della strada.

La mia mente urlò di nuovo: "Non va bene".

Strinsi i denti: "Te ne pentirai", sibilai, "ti consiglio di lasciarmi andare subito".

Mi aspettavo che si arrabbiasse o che si fermasse, invece lo sentii ridacchiare: "Pensi di poter scappare ora che sei qui? Avresti dovuto pensarci prima di buttarti nella missione di salvataggio".

Aaarrrggg... Adesso mi sta incolpando per la mia stessa situazione?

"Dovresti essermi grato, ti ho aiutato e dovresti dimostrarmi la tua gratitudine lasciandomi andare", sbottai con rabbia.

"Ti sono davvero grato", rispose, "ma ti dimostrerò la mia gratitudine in un altro modo".

"Di che diavolo stai parlando?".

Finalmente si fermò prima di mettermi a terra per alzarsi. Sarei riuscita a scappare se non mi avesse tenuto il polso in una stretta morsa. Lo fulminai con lo sguardo. Che cosa pensa di se stesso?

"Amico" disse, facendomi accigliare. Non capisco di che cosa stia parlando e prima che io abbia la possibilità di chiederglielo ha detto di nuovo: "Mi considero il tuo compagno".

Sapeva a cosa stavo pensando? Mi sono interrogata. Sentivo il mio lupo fare le fusa dentro di me, ma scelsi di ignorarlo.

"Ci siamo già rifiutati l'un l'altro, se stai dimenticando questo fatto" sibilai, tirando la mano per cercare di liberarmi dalla sua presa.

"Lo so", la sua risposta fu breve, ma i suoi occhi sostennero i miei pieni di determinazione. "Ma sai una cosa? Non me ne importa un cazzo".

Il mio cuore si strinse e il mio lupo fece di nuovo le fusa. È tutto sbagliato. Non potrei mai permettere che questo accada, qualunque cosa accada. Devo trovare un modo per allontanarmi da tutto questo.

"Ti sbagli di nuovo. Il nostro legame è già spezzato e non c'è modo di ripararlo. Inoltre, ho ancora la mia opinione di anni fa. Che io stia con un altro uomo o meno, non voglio stare con te", sbottai. Il mio lupo ringhiò con rabbia. Ma non ho altra scelta.

Il suo bel viso si accigliò leggermente. Ho sempre pensato che Avan fosse l'uomo più bello che avessi mai visto, ma mi sbagliavo. Ho visto il compagno di Savannah e ora quest'uomo davanti a me. Perché mai l'ho rifiutato quando l'ho trovato? Perché ero così disperata per un altro uomo a cui non ero nemmeno destinata? Ma in questo momento questo rimpianto non influisce sulle mie azioni passate e so cosa è meglio per noi.

"Ti è mai stato ricordato da qualcuno che le tue bugie sono evidenti sul tuo viso quando cerchi di dire?". La sua domanda mi ha fatto scattare dal pensiero. Cosa sta cercando di spiegare?

"Puoi mentire a te stessa, ma non a me" aggiunse ancora. "Ti ho dato una possibilità prima, perché ho visto quanto ti piaceva quel maschio alfa, ma ora con quelle parole stai solo cercando di ingannare te stessa. Non me la bevo affatto. Sei già libera da quella relazione intossicata che avevi un tempo. Stai ancora pensando a lui?".

Come potevo rispondergli ora? Se fosse stato solo per la questione di Avan, non mi sarebbe importato nulla. Ma il vero problema non è Avan. C'è qualcosa di più. Avrei voluto cedere alla tentazione di queste parole, ma non potevo. Non quando le cose sono così incasinate. Non posso trascinarlo a fondo con me, non quando posso evitarlo.

Io e lui, pur essendo compagni legati dal vincolo, non potremo mai stare insieme. Mai.

Il mio volto si indurì al pensiero. Devo indurirmi di più, non posso cedere. Devo allontanarmi da lui. Se resto con lui troppo a lungo, forse il mio cuore perderà il controllo che ho su di lui e non potrò più resistere.

Tirai la mano con forza e lo fulminai: "Come osi? Come osi portare il passato e sbattermelo in faccia?". Gli urlai contro.

"Che cosa stai spuntando?". Si lasciò sfuggire un gemito, "sai che non dicevo sul serio. Volevo ricordarti che non ci sono più barriere tra noi. Ora voglio che tu venga con me".

"Non voglio" rifiutai ferocemente "quante volte devo dirlo? Non riesci a capire questo semplice linguaggio?".

"No, ora è meglio non discutere. Dovremmo sbrigarci" mi ha risposto senza cambiare espressione. Quest'uomo. Perché è così insistente? Non può lasciarmi andare? Mi sta rendendo le cose più difficili.

Strinsi i denti mentre la rabbia mi esplodeva nel petto. Discutere con lui è inutile. Ora non vuole capire le mie parole. Che cosa devo fare?

"Ti ho detto che non voglio venire con te. Perché non riesci a capirlo?". Sbuffai: "Non ce la faccio più. Ti ho tollerato abbastanza, ma non più. È stata colpa mia, mi sono buttato per aiutarti. Avrei dovuto lasciarti andare con il tuo destino. È stata colpa mia, cazzo", urlai voltandomi con l'intenzione di scappare.

Prima che potessi fare un altro passo, fui afferrato per la vita. Il mio corpo sobbalzò all'indietro premendo sul petto duro. È così veloce. Pensavo di essermi allenato abbastanza per diventare più veloce in questi anni, ma no, mi ha battuto in questo.

"Sembra che non ti siano chiare le mie parole", sentii il suo fiato caldo sulle guance mentre sussurrava "Devo usare un altro metodo per farti capire, vero?".

"Bastardo, lasciami andare" urlai ignorando la tentazione del suo corpo duro premuto contro la mia schiena.

"Ah, sembra che debba usare un altro metodo per tenere occupata quella tua boccuccia" ridacchiò "forse potresti anche godere".

Sentii le mie guance diventare bollenti. Cosa c'è di sbagliato in quest'uomo? Adesso usa parole volgari?

"Vaffanculo" urlai con rabbia.

Lui ridacchiò di nuovo "volentieri, tesoro, ma prima dobbiamo andare. Non posso lasciarti qui in mezzo alla strada mentre tutti guardano la scena selvaggia. Come sai, questo corpo dovrebbe essere visibile solo a me".

Le sue parole mi strinsero il cuore. Solo suo? Ho sentito il mio cuore stringersi forte. Ma il mio corpo non è abbastanza puro per lui. Come posso farglielo capire? Prima di rendermene conto fui spinta in macchina. La portiera era chiusa a chiave e siccome sapeva che avrei cercato di aprirla, l'ha bloccata. Gli lanciai un'occhiataccia. Lui si limitò a sorridere prima di passare dall'altra parte e sedersi al posto di guida.

"Andiamo?" Chiese.

"Mi sentirei meglio se mi lasciassi andare", sbottai.

"Sei così testarda, tesoro. Non sapevo che avessi un atteggiamento feroce", ridacchiò, "ma ripeto, mi piace. È attraente. Mi chiedo se sarai una selvaggia anche a letto".

"Non dire sciocchezze. Chi ha detto che voglio fare qualcosa con te?". Lo guardai, anche se il mio corpo cominciò a formicolare al pensiero. Selvaggio a letto? Il solo pensare al suo corpo duro che mi premeva addosso e a lui che mi toccava dappertutto mi faceva deliziare il corpo. È questo il desiderio dei compagni? Ma non è un po' tardi per avere questi pensieri? Il mio corpo era già rovinato dal giorno in cui mi sono concessa ad Avan. La mia verginità, la mia purezza erano tutte rovinate. Come posso dimenticare tutto questo? Come se non fosse successo nulla? Scossi la testa dentro di me.

No, non posso permettere che accada. Devo pensare a un modo. L'auto cominciò a muoversi. Lo guardai. È così bello. E me ne sono resa conto proprio oggi. Vorrei non essere stata abbastanza egoista. Il rimpianto ha lavato il mio cuore e ha iniziato a stringersi dolorosamente. Il mio lupo si contorse per il dolore. So che mi sta rimproverando. Stavo annegando nel mio dolore quando sentii di nuovo la sua voce.

"Puoi pensare tutto quello che vuoi. Una cosa è chiara: questa volta non ti lascerò andare", la sua voce è dura e impassibile. "E ti avrò presto, il tuo corpo, il tuo cuore e la tua mente saranno solo miei".

E questa volta non so come rispondere perché sono troppo sopraffatta.