Libreria
Italiano

RIVENDICANDO CIO' CHE E' SUO GLI EREDI VALETTI

117.0K · Completato
Serene
72
CapitolI
5.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Brielle non aveva idea che un'avventura di una notte con un affascinante sconosciuto italiano avrebbe riscritto tutta la sua vita e il fatto di avere e crescere i suoi bambini ha suggellato ulteriormente la sua fede... Giovanni non ha mai voluto figli né moglie. Essendo il Don mafioso delle due organizzazioni più potenti, non ha bisogno di punti deboli, ma tutto è cambiato quando ha messo di nuovo gli occhi su Brielle... ed è allora che ha capito di aver finalmente trovato la sua REGINA... e lo farà. tutto pur di tenerla al suo fianco... eppure Brielle non condivide le idee di Giovanni tutto ciò che vuole è allontanarsi da lui ma presto si rende conto che non c'è via d'uscita dalla mafia... soprattutto quando lo stesso boss ha gli occhi fissi su di te....

MafiaMiliardarioAlfaMatrimonioSesso18+sentimentourbanoDominanteBadboyBrava RagazzaPossessivoprepotenteforte

UNO

Giovanni abbassò lo sguardo sulle scarpette minuscole che lo fissavano, i bambini non sono mai stati nella sua agenda. La vita che sta conducendo non è adatta ai bambini... una famiglia e ora tutto è cambiato. Un'avventura con una certa testa rossa ,capelli che sembrano quasi arancioni.La migliore scopata della sua vita,la sua prima vergine Mary.Brielle....

Proprio prima di andare in prigione, sette anni fa, lei è stata la sua ultima scopata e mentre era lì non riusciva a smettere di pensare a lei. Anche adesso, solo pensare a lei lo eccita in un modo che nessuna donna può fare, non ha relazioni o impegni. e tutti i sentimenti e le stronzate emotive che ne derivano. Scopa e va avanti, non va a letto con la stessa donna due volte, li porta solo a pensare che ci sia dell'altro in quella fregata veloce.

Eppure con lei ciò che era cambiato era diverso in un modo in cui non riusciva a capire tutte le cose che sentiva, gli era così estraneo anche adesso che ancora non riesce a dargli un senso e questo non gli va bene. A peggiorare le cose, lei ha avuto i suoi bambini e ora sta per essere trascinata in una vita che non è pensata per un'anima innocente come lei... una vita che nessuno desidera... una vita in cui sei costantemente in pericolo .

La povera anima non ha idea che la sua vita sta per cambiare tutto perché ha avuto gli eredi Valetti, gli eredi del suo impero. Potrebbe odiarlo per quello che sta per fare ma a lui non importa, tutto ciò che conta sono i suoi figli, figli che probabilmente non ha idea di lui o di che tipo di uomo sia il loro padre. Quando era uscito di prigione un anno prima, Sienna, la sua governante gli aveva dato una scatola contenente tutti i suoi effetti personali dal suo precedente attico qui a New York, lui non si è mai preso la briga di esaminarlo fino a un mese fa ed è stato allora che si è imbattuto nella piccola scatola regalo bianca avvolta in un nastro blu con sopra il suo nome. Nel momento in cui l'ha aperta ha capito che le cose stavano per cambiare e aveva ragione.

Ecco perché aveva chiesto a Rocco, suo amico e uno dei suoi uomini più fidati, di fare un controllo completo dei suoi precedenti e di raccogliere tutte le informazioni che poteva ottenere su di lei, ha finito di esaminare il suo file, non c'è nulla che non sappia di lei o dei suoi bambini, i loro nomi, cognomi, quanti anni hanno, le scuole che frequentano l'elenco potrebbe continuare. Ha una sorella di nome Arielle che ha ventiquattro anni, un padre ubriaco con debiti di gioco. Sua madre è morta sei anni fa a causa di cancro.

Di recente si sono trasferiti a Manhattan perché Brielle ha trovato un lavoro migliore come segretaria per l'azienda di Lorenzo, ovvero il suo rivale, non passerà molto tempo prima che unisca i punti e una volta che ciò accadrà saranno in pericolo e scoppierà una guerra tra due mafie. Dons. Già! Fa parte della mafia, non solo è nella mafia ma la gestisce e la possiede. Il Don delle due mafie più grandi del mondo: Italia e Spagna. Ora possiede anche l'intera città di New York.

Ovunque vada la gente lo teme, solo il suo nome li fa sudare e tremare di paura. EL DIABLO. Questo è il nome che tutti lo chiamano, il nome con cui è famoso, il nome che porta rispetto, instilla paura. Un diavolo non ha cuore ,nessuna paura, nessuna emozione. Non prova né si preoccupa di qualcosa di così stupido come l'amore. Tutto ciò che cerca, brama è sangue, tortura e morte. Questo è il suo parco giochi: trova piacere nell'uccidere le persone, nutrendo la loro paura nei suoi confronti. gli piacciono soprattutto le loro urla di dolore e agonia mentre li tortura.

Chiamatelo un sociopatico malato, non importa, è chi è e cosa fa. La mafia è la sua vita, ci è cresciuto, ha visto e fatto cose che non potrà mai annullare o riprendere. Ha cicatrici sul corpo per dimostrare che questa vita non è per tutti, soprattutto per i figli e una moglie. Sua madre è morta per mano di uno dei nemici di suo padre, è stata stuprata di gruppo ripetutamente e torturata per tutto il tempo mentre lui e suo padre guardavano. Era ancora giovane all'epoca. Aveva sedici anni e ha dovuto guardare tutto ciò, lo ha incasinato dentro... lo ha cambiato, lo ha trasformato nel mostro che è adesso. il rapporto con suo padre è teso a causa di quell'incidente.

Suo padre è un freddo bastardo e non gli è mai importato niente di sua madre, non ha nemmeno provato a salvarla per tutto il tempo in cui lei lo implorava, ma tutto ciò che ha fatto è stato guardare. Ha giurato che avrebbe ottenuto la sua vendetta e loro hanno pagato con il sangue, si è goduto ogni secondo, si è divertito ascoltando le loro suppliche mentre imploravano per le loro vite, non ha mostrato pietà perché non ne hanno mostrata a sua madre. La vendetta viene pagata. sangue, niente di meno e tutto di più. Un colpo alla porta del suo ufficio lo distolse dai suoi pensieri. "Avanti." Il suo profondo accento italiano e spagnolo risuonò in tutta la stanza.

Rocco, Santino, Marcelo e Marco sono intervenuti, quattro dei suoi uomini più fedeli. Non si fidava di nessuno tranne di loro. "Capo... hai chiamato tu", disse Marcelo una volta che tutti si furono seduti.

"Senza offesa perché." Santino intervenne. "Non sei un po' troppo grande per queste?" Prese le scarpe da bambino che erano sul tavolo.

Giovanni gli lanciò uno sguardo mortale invece di tirarsi indietro, sorrise compiaciuto. "Stai zitto, Tino!" Ringhiò. "Non sono dell'umore giusto per le tue battute. Rocco. Compilale."

"Raccontaci cosa. Un'altra missione." È Marco, suo fratello, a parlare.

"Se riesci a stare zitto abbastanza a lungo, potrai sentire." L'irritazione cominciava a trasparire nel tono di Giovanni.

"Quando è stata l'ultima volta che hai scopato?" chiese Santino con lo stesso sorrisetto stampato in faccia. "Sei nervoso ultimamente. Di solito una bella figa fa il trucco."

“Non tutti siamo controllati da una figa!” sbottò Gio. “Rocco. Continua." Tino stava per dire qualcos'altro quando è esploso un colpo di pistola, il silenzio ha riempito la stanza." Giuro su Dio se pronunci un'altra parola ti taglierò la lingua." Una minaccia che ha fatto capire tutto. Si versò un bicchierino di bourbon come

Rocco li informa sugli ultimi sviluppi riguardanti Brielle e i gemelli.

"Tutto quello che devi sapere è lì." Gio lo sentì finire mentre consegnava a ciascuno un fascicolo. "Quanto a te, Tino, tieniti per te le brutte osservazioni. A meno che, ovviamente, tu non voglia davvero tagliarti la lingua e noi tutti sanno che non potrai sopravvivere senza di essa.”Ha sentito Marco e

Marcello ride.

Ed è così che sono iniziati i litigi tra i due, fino a quando lui non li ha messi fine. Una volta che iniziano non c'è fine. "Qualche domanda?" Chiese dopo venti minuti di silenzio.

"Da quando ti piacciono le ragazze con i capelli arancioni?"

“Ed eccolo lì.” Rocco sospirò.

“Testa rossa. Idiota.” Lo corresse Giovanni. “Con riflessi aranciati”.

"Non mi dispiacerebbe sbatterle la fi-..." Il caricamento di una pistola lo fece fermare a metà della frase quando alzò lo sguardo, stava fissando la canna della pistola di Gio.

"Ti sfido a finire quella frase." Il suo tono freddo fece abbassare la temperatura nella stanza.

"Whoa... Capo, non volevo mancare di rispetto." Il leggero tremito nella sua voce disse a Gio che aveva capito il suo punto. "Lei è vietata. Ho ricevuto il messaggio."

"Che sia per tutti." Disse con la stessa voce fredda.

“Si Capo...” risuonavano le loro voci.

"Piano d'azione." volle sapere Marcelo.

"Guardali. Non dovrebbe essere troppo difficile per te Marcelo, nascondersi nell'ombra ed essere l'uomo invincibile è la tua specialità."

"Sono uno zio", ha aggiunto Marco, "Non per mettere in discussione la tua decisione, ma è saggio semplicemente guardarli, sapendo che è nelle grinfie del nemico. Ricorda cosa è successo a mamma."

"Hai dimenticato cosa ho fatto a suo padre e ai suoi uomini?" Solo loro quattro in questa stanza sanno cosa è successo alla loro madre." È così che ho preso il mio soprannome."

"El Diablo...lo so."

"Dubiti di me?" Scosse la testa. "C'è un motivo per cui sono seduto su questo posto, perché così tanti vogliono prendere il mio posto. Perché sono rimasto in cima anche se sono stato in prigione per sette anni. Io non prendere o prendere decisioni impulsive. Lorenzo non li sa, non ancora comunque, ma quando lo scoprirà saranno al sicuro e lontani da lui. Per ora tienili d'occhio e aspetta ulteriori istruzioni.

"Capo ha ragione, Marco." Ha detto Rocco. "Anche il minimo movimento allerterà Lorenzo e sappiamo che sta cercando il punto debole di Capo, qualcosa che può usare per abbatterlo."

"Pensavo che Capo non avesse punti deboli, ecco perché è rimasto al top per tutti questi anni", ha aggiunto Santino. "Perché dovrebbero essere i suoi punti deboli?"

"Loro sono familia... e noi non voltiamo le spalle alla famiglia." Fu Marcelo a rispondergli.