Libreria
Italiano

RIFIUTATO DA DRACULA

76.0K · Completato
FANNY NUÑEZ
51
CapitolI
518
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Madre Luna assegna Lucius come compagno al re dei vampiri Dracula e lui lo rifiuta causandogli un grande dolore, non è interessato perché è innamorato di una bella vampira, incontrerete il Re maledetto, sadico, terrificante che uccide per piacere, i suoi ordini sono legge in tutto il mondo, è così potente che niente e nessuno può ucciderlo, è così crudele che l'Onnipotente stesso deve scendere per combatterlo.

AlfaLicantropiSanguePassionePossessivoVampiriTriangolo AmorosoVendettaTradimentoViolenza

IL DANNATO DRACULA

Il Sovrano del mondo è l'essere più sadico, maledetto e crudele, il vampiro più potente chiamato Dracula, non ha compassione per niente e nessuno, solo i suoi desideri malevoli sono esauditi e nessuno può nemmeno rispondergli o lo punirebbe nel modo più crudele inventato da lui

Ha avuto un figlio con una regina di un altro luogo lontano ma è morto di parto, ma la vita del figlio del re Giulio era così oscura che è stato violentato dal proprio padre all'età di 118 anni, secondo lui, era il suo personale regalo di compleanno, lo ha lasciato sanguinante senza preoccuparsi di dargli aiuto nelle sue ferite, graffi, morsi e altro, un servitore del dolore lo ha curato e quando ne ha avuto l'opportunità lo ha nascosto in modo che non continuasse a subire violazioni, perché Dracula era furioso a cercarlo, questo servitore lo aveva già visto che quando va a cercarlo nella sua stanza è per violentarlo, secondo Dracula assomiglia a sua madre e lo vuole.

Ma la vita non è piacevole con nessuno, Dracula era già sospettoso e un giorno mandò un soldato travestito da Re e si stava nascondendo, si accorse che suo figlio veniva portato fuori dalla falsa porta e lo portarono via, li seguì in silenzio, e Giulio Aveva compiuto 119 anni e aspettò finché non vide che lo avevano messo in una stanza nascosta con la magia delle streghe, sorrise tra sé, il servo non lo vide quando uscì e se ne andò.

Dracula era più potente di una strega e conosceva tutti gli incantesimi esistenti di tutte le streghe, non invano aveva vissuto più di 2000 anni, fece l'incantesimo che sapeva avrebbe aperto la porta e si aprì, entrò silenziosamente e sentì il doccia, passeggiata Andò lì e vide suo figlio fare il bagno, dato che non lo aveva da mesi, gli piaceva quello che vedeva, aveva un corpo da sogno, il desiderio lo faceva impazzire per l'eccitazione.

Ha messo un potente incantesimo sulla porta che nessuno avrebbe mai potuto rimuovere. Si spogliò ed entrò nella doccia, era dietro Julius che lo guardava malizioso senza farsi vedere, si leccò le labbra, suo figlio finì di fare il bagno, stava per uscire e sentì che lo abbracciavano, gli baciavano la schiena, e sentì il voce con orrore di suo padre

-Amore mio!, qui ti sei nascosto da me, sapendo che ti voglio!.

Era spaventato e cominciò a tremare, sentiva il pene eretto di suo padre sulla schiena

-Papà, ti prego non farlo, sono tuo figlio, sono già un uomo!

Dracula sentendo ciò, lo fece voltare per guardarlo faccia a faccia, Giulio guardò il volto forte e imponente di suo padre, ne era terrorizzato.

-Allora sei già un uomo, hahahaha, sei mio!Lo sei sempre stato

Disse queste parole, mettendolo alle strette contro il muro e afferrandogli il pene, iniziando a massaggiarlo e guardandolo mentre cercava di non eccitarsi e rideva dei tentativi del figlio di trattenersi.

-Hahahaha, non trattenerti, sei solo di qui, sei vergine! Hahaha

E si masturbò più velocemente finché non lo sentì gemere di piacere, ma aveva le lacrime agli occhi.

-Perché piangi se dovresti essere felice di aver avuto il tuo primo orgasmo, ti piaccio ah!, hahaha.-disse Dracula

Julius guardò singhiozzando suo padre dicendo

-Papà, non farmi del male! Ti prego, ti prego, sono tuo figlio, non mi vuoi bene?!

Dracula lo guardò sorridendo e disse

-Certo che ti amo figlio mio, ti amo così tanto che ti desidero!Voglio sentire il tuo corpo tremare di piacere, proprio come stai tremando ora

E lo costrinse ad aprire la bocca per baciarlo, ne approfittò perché era molto più alto e forte di suo figlio, lo sottomise in un batter d'occhio

- Che lingua ricca! e la tua bocca ha un sapore delizioso proprio come tua madre, era squisitamente dolce!

Julius voleva colpirlo per allontanarsi da suo padre e ciò che ricevette fu una grande risata da Dracula.

-hahahaha, pensi di battermi? hahahaha, vieni qui sei mio! solo mio

E gli baciò i capezzoli, fece l'incantesimo dell'immobilità e il povero Julius rimase paralizzato, voleva muoversi, non poteva e vide suo padre carezzarlo con le mani e baciarlo, leccarlo e poi succhiargli i capezzoli con tanta furia che faceva male.

Dracula continuò ad accarezzarlo e baciarlo fino a raggiungere il fianco del figlio, fece scorrere la lingua da una parte all'altra, e guardò il viso di Julius che non riusciva a contenere il piacere che provava e che affascinava Dracula, lo faceva impazzire di desiderio, era così peccato che sia sceso sul pene e abbia ricominciato con la mano a masturbarlo, ma ora quel maledetto ragazzo ha iniziato a leccargli i testicoli e succhiarli fino a quando Julius non ce l'ha fatta più e si è allargato su tutte le mani e il viso di suo padre. si alzò e si fermò davanti a suo figlio leccando il suo seme sorridendogli.

-Mmmmm, buonissimo! Ha lo stesso sapore di tua madre, l'hai ereditato dalla tua bellissima mamma

Il povero Giulio era terrorizzato perché sapeva che stava arrivando il momento in cui lo avrebbe posseduto ed era l'atto più doloroso, quel dolore era quasi insopportabile e suo padre non si curava mai di vederlo soffrire.

Dracula lavò anche il suo corpo, tolse l'incantesimo di immobilità a Julius, fece un gesto magico ed erano entrambi asciutti, lo abbracciò e lo portò a letto ridendo e Julius tremando di terrore.

-Vediamo, sdraiati qui, fammi vedere il tuo bel corpo! Così bianca, pelle morbida, hai l'odore di tua madre! Quell'aroma che adoro

Julius singhiozzava di paura, quando suo padre gli salì sopra, e lo schiacciò con il peso del suo corpo, suo padre era enorme in confronto a lui e iniziò a baciarlo sulla bocca, infilandogli la lingua, giocando nella sua bocca , ascoltando suo padre che gemeva mentre la lingua gli scorreva in bocca.

Dallo spavento cominciò a spingerlo per toglierselo di dosso, quei tentativi fecero ridere suo padre

"Hahahaha, sei così debole che non riesci nemmeno a muoverti di un centimetro, hahaha", disse suo padre

Gli afferro le mani, se le mette sopra la testa fissandolo e sorridendogli

Julius iniziò a urlargli contro.

-Papà, noooo, lasciami! Non farmi del male! Sono tuo figlio, papaaaa

-Voglio solo sentirti chiedermi di darti di più, questo è quello che voglio sentire da te! Che me lo chiedi con desiderio, proprio come faceva tua madre, urlava di piacere quando facevamo l'amore!

“Non sono mia madre, non sono…perché non si vede!” disse Julius

-Zitto, zitto, sei mio, mio e mi godrò la vita, ti voglio così tanto!

Ancora una volta fece l'incantesimo e lo lasciò immobile con le braccia verso dove si trovava la sua testa, lasciando il suo corpo senza ostacoli e Dracula iniziò a baciargli il collo, mordendolo per succhiargli il sangue e gemette di piacere quando lo bevve, si fermò facendolo e gli ho leccato la ferita per chiuderla.

Cominciò a succhiarle i capezzoli e Julius si inarcò comunque, facevano male ma anche lui provava piacere, le mani di suo padre gli correvano sul petto, la vita, i fianchi gemevano di piacere.

-Che deliziosa!, morbida, che pelle deliziosa! cqrajo

Gli diede delle ventose sul petto, gli baciò le gambe e gli mise in bocca il pene di suo figlio e cominciò a succhiarlo facendo raggiungere l'estasi a Julius, che urlò dal tremendo orgasmo che aveva provato e ansimò e Dracula sorrise nel vederlo così.

Poi tolgo l'incantesimo e lo afferro girandosi e Julius iniziò a urlare di terrore perché sapeva che suo padre gli avrebbe fatto soffrire quel dolore così intenso.

-Noooo!, papà, noooo che fa un male orribile!, nooo, non farmi male!.

Si avvicinò all'orecchio di suo figlio dicendo

-Non farà male! Ti divertirai con me, ti inietterò il mio veleno così non fa male, voglio vederti divertire, non piangere, hahaha

Ed era vicino al collo di Julius e lo ha morso, ha iniettato il suo veleno e Julius ha sentito che il veleno di Dracula bruciava orribilmente. Sentì le mani del padre che le accarezzavano le natiche, le baciava, sentì che le metteva la lingua nell'ano mentre le sue mani le accarezzavano le gambe, le natiche, poi lo sentì salire sopra di lei e tremò di paura

"Non aver paura, amore! Non farà male, sentirai piacere, vedrai!", disse suo padre

E si leccò il lobo dell'orecchio, e si leccò la nuca, sentì che il pene di suo padre era al suo ingresso e all'improvviso lo morse sulla nuca e lo penetrò con un affondo, ma si sorprese che non non fa male come tante altre volte fa male.

-Hai notato?!, mmmm quanto sei ricco così stretto, così fragile, ti piace quello che provi?!- disse Dracula

Julius non ha detto niente, non ha fatto male, ma non gli piaceva quello che suo padre stava facendo con lui. Lo sentiva grande, molto grande. Dracula era assediato dai vampiri perché come amante era incredibile e il suo pene era enorme, lo penetrò come una bestia, lo sentì stretto e come se fossero passati mesi dall'ultima volta che lo aveva posseduto, non durò a lungo e lui ruggì con un orgasmo, ma continuò a penetrarlo e gli disse all'orecchio

"Ti piace?! Dimmi cosa ti piace, dimmi amore!" disse suo padre

Julius non voleva dirgli che, no, quello era già troppo.

-Dimmi amore! o ti mordo la nuca! Tiro fuori il mio veleno e ti farà di nuovo male

Julius non lo voleva e dovette dirlo suo malgrado

-Mi piace, sì, mi piace

-Sì! Questo è quello che volevo sentirti dire, sooooo, mi piace averti! sei così ricco, stretto!

Poi lo mise a 4 e continuò a penetrarlo, ma ora con una mano prese il pene di Julius e cominciò a masturbarlo Julius non aveva mai provato piacere, ma ora che lo stava penetrando forte e masturbandolo sentiva piacere e si riversava nel suo la mano del padre e il Re ebbe un orgasmo che ruggì forte

-Che buonissimo!, sei buonissimo Julius, per questo ti voglio, mmm che buonissimo averti!

Scese da suo figlio e si sdraiò e lo tirò a sdraiarsi accanto a lui, Julius stava comunque singhiozzando, ma Dracula lo abbracciò e lo fece sdraiare sul suo petto ed entrambi si addormentarono.

"E COSÌ INIZIA LA STORIA, INCONTRANDO IL DANNATO DRACULA, UN ESSERE PRIVO DI SENTIMENTI DI QUALSIASI TIPO"