Libreria
Italiano

Prigioniera dell'Alpha

140.0K · Completato
Valkyria Wolf
109
CapitolI
25.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

È un omega puro e regina del suo branco fino a quando il marito non l'ha detronizzata e imprigionata. Due dei suoi figli scoprono la verità e chiedono aiuto all'alfa dell'orgoglio nemico. Ma accetterà solo a una condizione. Lei deve essere sua. E non apparterrà mai più a nessuno.

LicantropiLunaVendettaMagiaRomanticoBugiePossessivoTradimento

Capitolo 1. Il nostro peggior nemico.

Ade, alfa del Branco d'Argento, non poteva credere ai suoi occhi. Due dei figli del suo più grande nemico erano inginocchiati davanti a lui, implorandolo di rovesciare nientemeno che il loro padre. Questo sì che era uno scherzo di pessimo gusto. Non era una persona di vedute ristrette, ma avrebbe voluto dare una bella strigliata a quei due cuccioli che osavano prendersi gioco di lui. O forse era solo una strategia del padre per togliergli il potere.

Era noto per essere gentile con i cuccioli, ma non con chi cercava di manipolarlo. Per il momento, però, si sarebbe prestato al gioco. Nessuno sa dove potrebbe portare.

"E che senso ha venire a chiedermi una cosa del genere?". Seduto sul trono della sala grande, si faceva rispettare come il magnate che era. Gli altri presenti erano a disagio per la situazione attuale, ma senza il suo ordine non avrebbero fatto nulla.

I due giovani abbassarono lo sguardo per evitare il suo, simbolo di totale sottomissione, anche se le mani di quello apparentemente più anziano si chiusero sulle ginocchia, mostrando di non essere d'accordo con quella posizione. Essendo figli di alfa, quell'atteggiamento era memorabile e Hades ammirava che non si fosse già ribellato. Forse la sua richiesta non era così inverosimile.

"Recentemente", esordì, tendendo le spalle, "abbiamo scoperto le azioni di nostro padre e non lo tollereremo più, non quando è nostra madre a essere in pericolo".

Ci fu un silenzio imbarazzante e Ade appoggiò i gomiti sulle cosce, interessato.

"Vai avanti".

Il ragazzo alzò la testa, ma la abbassò non appena si rese conto che l'alfa lo stava interrogando con ogni poro del suo corpo.

"Abbiamo scoperto che nostra madre è viva e imprigionata in uno dei sotterranei. Nostro padre l'ha tenuta prigioniera per molto tempo e ha preso il suo posto come alfa a tutti gli effetti del branco, usando il suo corpo solo per la procreazione".

"E pensate che crederò a una cosa così assurda?" i due ragazzi ora lo guardavano con occhi selvaggi, come se la speranza stesse sfuggendo loro. Hades lo ignorò, se mentivano, prima o poi la verità sarebbe venuta fuori.

"È risaputo che la madre si ammalò dopo il primo erede e che in seguito fu confinata fino alla morte. La storia che sono tutti fratelli della stessa madre è una sciocchezza. Non dopo le molteplici relazioni dell'alfa".

"Ma noi non mentiamo!", gridò disperato il più giovane, ricevendo un sopracciglio inarcato dall'alfa.

"Dici sul serio? Dammi una prova e forse penserò alla tua offerta". se non si sbagliava, sua madre era l'unica omega purosangue del branco e per le leghe in circolazione la cosa era seria.

I ragazzi si guardarono a disagio: chiedere una prova quando non ce l'avevano era crudele. Il ragazzo più grande si morse il labbro inferiore fino a farlo sanguinare. Sapeva che era stata un'idea sciocca andare a chiedere aiuto al più grande nemico di suo padre, ma nessun altro poteva tenergli testa.

Ade possedeva un branco altrettanto grande e potente del loro. Inoltre, le loro terre confinavano, andare a cercare un altro alfa avrebbe richiesto troppo tempo, e il tempo era qualcosa che non avevano. Alan fece ciò che non avrebbe mai fatto in nessun'altra situazione. Abbassò la testa fino quasi a toccare il suolo e supplicò.

"Siete la nostra unica speranza. Ti prego, riconquistala".

Il fratello al suo fianco ha copiato la sua posizione, ripetendo le stesse parole.

Gli occhi argentei dell'alfa osservarono la scena con incertezza. Sentiva l'odore della paura dei cuccioli, ma non la paura di mentire, bensì quella di sapere che si può perdere tutto.

"Guardie", chiamò, "portateli via".

I due giovani alzarono la testa con un'espressione mista di terrore e delusione.

"Alfa." Alan ci riprovò.

"Non rispondermi ragazzo, aspetta come un bravo cucciolo, non posso prendere questa decisione così alla leggera".

Poteva vedere gli occhi del ragazzo brillare, un accenno di speranza, anche se lui stesso non prometteva nulla.

***

Siran si chiuse la porta alle spalle e si sedette, dopo che il suo alfa aveva fatto altrettanto, dietro il suo scrittoio di mogano splendidamente intagliato.

"Mio fedele consigliere, cosa ne pensi di quello che è successo?".

Il lupo, che aveva appena 300 anni ma non sembrava più di un umano di 25, si toccò la fronte come faceva sempre ogni volta che traeva una conclusione.

"Penso che questa sia una buona opportunità per te di prendere il controllo del Branco Grigio, alfa".

"Sempre così saggio, amico mio".