Libreria
Italiano

Più che lussuria

140.0K · Completato
Cherry
70
CapitolI
40.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Attenzione: contenuto per adulti. Grace fece un passo indietro per la paura quando lui fece un passo avanti. "Fallo di nuovo e ti spezzo le gambe..." avvertì. I suoi occhi si riempirono di lacrime. "Capo, mi dispiace... non volevo ma è successo all'improvviso... non ne avevo idea..." singhiozzò. Dominick le afferrò il mento con forza. "Apri la bocca solo per una cosa davanti a me..." strinse. Singhiozzò e singhiozzò quando lui lo lasciò andare con uno scatto. "Per favore, non punirmi... mi dispiace..." implorò ma le sue parole caddero nel vuoto. "Non voglio farlo... Capo, per favore... Ho paura di questo... Per favore... Per favore..." gridò. "Strip..." ordinò mentre camminava verso il muro. I suoi occhi si spalancarono quando lo fece. Non riusciva a pensare correttamente. Per paura corse verso la porta ma poveretta non sapeva di non poterla aprire. ***** Grace è una ragazza simpatica e intelligente, ma la sua gentilezza è la sua nemica. Viveva una vita felice e pacifica fino a quando il boss della mafia non bussò alla sua porta. Grace ha dovuto sacrificarsi al diavolo per gli errori di suo padre. Ma questo diavolo ha cuore? Per quanto tempo può farlo per suo padre? Come si comporterà Grace con quest'uomo silenzioso e crudele che non le parla nemmeno? Dopotutto, non è facile fare sesso con il boss della mafia.

MafiaMiliardarioMatrimonioRomanticoSesso18+Brava RagazzaPossessivo

1) Un tocco indesiderato!

Il punto di vista di Grace

Sentivo il cinguettio degli uccelli mattutini fuori dalla finestra, lo scorcio di luce solare mi riempì il cuore di sollievo quando capii che il mattino aveva fatto sentire la sua presenza e ora sarebbe finito. Scaccerà la notte buia.

Ho gli occhi ben chiusi e faccio del mio meglio per non urlare, ci provo sempre, ma non posso farne a meno. Lui mi fa sempre urlare. Le mani hanno iniziato a farmi male dopo essermi aggrappata alle lenzuola per tutta la notte. Ma il dolore alle mani non mi preoccupa più, mi fa male tutto il corpo. Sono esausta per le sue torture.

Non riesco ad aprire gli occhi, non voglio vedere me stessa in questa posizione. So che mi perseguiterà per sempre. Ma anche se non posso vedere, posso sicuramente sentire. Sono sdraiata nuda sotto di lui, il suo grande corpo ha coperto la mia piccola struttura. Le mie gambe sono doloranti dopo essere state aperte per così tanto tempo. Spero solo che la mia testa non colpisca la spalliera del letto, visto il modo in cui mi sta penetrando, posso solo sperare, non posso fare nulla.

Un'altra ondata di brividi mi percorre tutto il corpo quando la sua lingua calda sfiora la mia pelle che è già tra i suoi denti. La lasciò andare lasciando dietro di sé una sensazione di bruciore e io ansimai per prendere aria.

Cercai di muovere le gambe indolenzite, ma la sua presa era troppo forte per permettermi di muovermi. Sento le sue labbra sfiorarmi il collo, ma non è questa la sensazione più intensa. Come posso sentire altri tocchi quando lui mi sta letteralmente squarciando con la sua durezza. Ogni sua spinta mi fa girare la testa.

Ormai ho perso il conto di quante volte ho sborrato. Non so quante volte mi abbia scopato nel corso di questa notte.

Mentre aumentava la velocità e io mi stringevo forte alle lenzuola. Il mio cuore si stringeva a ogni sua spinta. La mia pelle bruciava mentre il suo corpo perfettamente costruito scivolava su di me.

Non voglio questo piacere, non voglio provare questa sensazione euforica. Non voglio gemere di soddisfazione. Non voglio le sue mani su di me, ma sto godendo.

Non è nessuno, è solo un estraneo. Mi sta usando.

I miei pensieri si confondono quando una sensazione familiare e intensa si fa strada nel mio basso ventre. Mi sono morsa le labbra mentre le dita dei piedi si arricciavano automaticamente.

Cercai di non urlare, ma non ci riuscii come al solito. Mi sono lasciata andare a un urlo strozzato mentre raggiungevo l'orgasmo.

Tenevo gli occhi chiusi, mentre cercavo di respirare e di espellere per lenire la gola secca e dolorante. Sembrava un'infinità, non so quanto ci metterà a raggiungere l'orgasmo. Per come sta andando, non credo che lo farà prima.

Non so come faccia ad avere così tanta resistenza. Sono sul punto di svenire. Ancora un minuto e me ne andrò. Le tenebre hanno già iniziato a farsi strada nella mia testa.

Forse se n'è accorto, non so se ha deciso di avere pietà di me o se ha davvero finito, ma ha raggiunto l'orgasmo. Ho ansimato mentre mi riempiva con i suoi semi caldi.

Il suo alito caldo rimase sul mio collo per qualche altro secondo, ma non osai guardarlo. Non posso, è spaventoso. Quei freddi occhi grigi mi perseguitano nei sogni. Non so quando è stata l'ultima volta che l'ho guardato negli occhi. Sembra che non gli importi nulla.

Dopo qualche tempo ho sentito il suo corpo pesante lasciare il mio spazio personale. Non appena il suo corpo caldo è scomparso, il vento freddo ha schiaffeggiato il mio corpo nudo. Non ho nemmeno la forza di trovare l'angolo giusto del lenzuolo per proteggermi dal freddo.

Aprii lentamente gli occhi e lo guardai con la vista annebbiata. Se ne andò senza dire una sola parola, non che mi aspettassi che dicesse qualcosa.

Non riuscii più a tenere gli occhi aperti e lasciai che l'oscurità mi avvolgesse. L'ultimo suono che sentii fu il familiare clic della porta del bagno. Come al solito, si starà facendo la doccia.

Non so quanto tempo sia passato, ma mi è sembrato solo un battito di ciglia, quando ho sentito la porta del bagno aprirsi.

Sto dormendo in una posizione fatale, in questo momento voglio raccogliere abbastanza energie per poter correre a casa. Lui uscì solo con l'asciugamano e io guardai rapidamente il pavimento. Non voglio guardare i suoi occhi, non ci riesco, è diventata la mia fobia.

Le sue gambe si sono fermate, deve guardarmi con rabbia. Non gli piace che io rimanga nella sua stanza dopo aver fatto sesso. Mi sono aggrappata con forza alle lenzuola, cercando di sparire sotto di esse. Il suo sguardo mi brucia il corpo, lo sento. Dopo pochi secondi entrò nella sua stanza più intima e chiuse la porta.

Ho sospirato e sono scesa dal letto caldo e morbido. Questo letto è il mio ennesimo incubo. Raccolsi i miei vestiti e mi diressi verso il bagno per lavarmi. Dopo tanti giorni, ho finalmente imparato a camminare normalmente dopo il suo sesso estremo.

Prima che uscisse mi sono lavata velocemente e ho indossato il vestito. Ho preso la mia borsa e sono corsa al piano di sotto e infine fuori dalla villa.

Questa casa mi perseguiterà sempre, questa non è una casa, è un inferno per me e quell'uomo è Lucifero.

Dominick Moretti, boss della mafia italiana.

Odio lavorare per lui, ma allo stesso tempo sono fiera di me stessa perché sono abbastanza esperta da lavorare con lui. Sono il suo contabile personale. Gestisco i suoi conti. E questo è ciò che tiene in vita me e mio padre.

Non riesco ancora a credere di essermi fatta coinvolgere da lui. Non so chi maledire, se me stessa o mio padre. Odio mio padre per questo. Ho dovuto vendermi per lui.

Non riesco ancora a dimenticare quella notte, quando il mio destino ha bussato alla nostra porta e la mia vita si è capovolta.