Libreria
Italiano

Perso e ritrovato: Il ritorno della mia fidanzata misteriosa

454.0K · In corso
Ivy Lily
315
CapitolI
26.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

“La proposta di matrimonio di Jared Farrell è stata rifiutata da una ragazza di campagna che non ha mai conosciuto!" “Signore, la signorina Reed vuole pagarti cinque milioni di dollari per annullare il fidanzamento”. Jared Farrell alzò solo leggermente il sopracciglio: “Non è possibile”. “Signore, la signorina Reed ha appena alzato la sua offerta a venti milioni”. Le labbra di Jared Farrell si arricciarono in un sorriso: “Dille che le offro cinquanta milioni e non se ne parla”. “La signorina Reed ha appena alzato la cifra a cento milioni e il fidanzamento deve essere annullato”. ”...“ Jared Farrell non poté fare a meno di avvertire un mal di testa. La sua fidanzata ha davvero intenzione di gettargli i soldi solo per annullare il fidanzamento?”.

RomanticosentimentourbanoGiovinezzamodernitàMatrimonio combinatoVero AmoredolcePresidenteMiliardarioBG

Capitolo 1: Incontro

Era una sera di luglio, alle sette, e la luce del cielo non era ancora svanita.

Sulla cima del Serenity Ridge, davanti a una lapide senza nome, si trovava Tina Reed in abbigliamento casual nero. Il suo viso delicato, come scolpito con cura, era toccato dall'aria fresca: "Mamma, domani è il giorno giusto. Ho ascoltato il tuo consiglio, ho tenuto a bada il mio carattere per dieci anni e domani tornerò dalla famiglia Reed".

L'ambiente circostante era silenzioso, l'unica risposta era il rumore del vento.

"Bang!"

Un forte rumore si riverberò; Tina girò la testa, i suoi occhi incantevoli si restrinsero leggermente, poi guardò verso il disturbo vicino.

Una berlina nera era parcheggiata lì, con la carrozzeria inclinata in modo strano a causa dello scoppio di una gomma.

Un uomo in abiti sportivi neri uscì dall'auto, barcollando in avanti come se fosse ferito.

Poi, una decina di persone in abiti neri lo seguirono.

Jared Farrell si voltò, il suo volto austero era avvolto da uno strato di freddo. Con una mano che si stringeva l'addome, le sue labbra erano pallide.

"Non disturbarti a scappare. Abbiamo pagato troppo per lasciarti scappare", gli si avvicinò un uomo in nero, il cui capo emanava un'aria di calma mortale, con il volto privo di emozioni.

"Solo con te?" I suoi occhi si restrinsero, la voce era fredda come il ghiaccio.

Il dolore all'addome gli stava assalendo il cervello e sentiva il sangue defluire dal corpo: non avrebbe resistito a lungo.

"Vediamo allora", disse il capo degli uomini in nero e attaccò.

"Eh?"

In quel momento, una pietra, apparentemente proveniente dal nulla, colpì l'uomo in nero, facendogli tremare le mani e inginocchiando il corpo a terra.

Il volto dell'uomo cambiò drasticamente e ringhiò: "Chi?".

Tina Reed parlò con voce flebile, priva di emozioni: "Stai disturbando il riposo di mia madre".

Una dozzina di sguardi si rivolsero verso di lei, tutti carichi di gravità.

Anche l'uomo dagli occhi scuri e cupi mostrò un accenno di sorpresa.

Questi uomini davanti a lui erano assassini internazionali, ognuno in grado di affrontare dieci uomini, eppure sono stati tutti abbattuti da una pietra di questa adolescente.

Questa ragazza era straordinaria!

"Fatti gli affari tuoi, o cerchi la morte!" Lo sguardo del capo divenne freddo e ordinò a bassa voce: "Uccidete!".

Gli altri si precipitarono immediatamente in avanti.

Gli occhi di Tina si restrinsero, emettendo una traccia di freddezza.

"Attenti!" Jared si mosse mentre gli uomini in nero caricavano contro Tina.

All'improvviso, i suoi passi si fermarono, le sue pupille scure si riempirono di incredulità.

La dozzina di assassini non ebbe nemmeno la possibilità di colpire: caddero tutti davanti a Tina.

Lei rimase immobile, con un'espressione calma, senza battere ciglio.

Se non fosse stato per le mani che non si erano ancora ritratte, avrebbe pensato di avere le allucinazioni.

"Sparisci!" La mascella di Tina si sollevò leggermente, la voce fredda come il gelo.

Gli uomini in nero la guardarono come se fosse un fantasma: "Chi sei? Che cosa ci hai fatto?".

Non sapevano ancora come erano caduti.

Tutto ciò che videro fu la ragazza che alzava leggermente la mano, spargendo una sostanza polverosa, e poi furono abbattuti.

E non avevano toccato nemmeno un capello della ragazza.

Prima che Tina potesse rispondere, tutti gli uomini in nero erano già caduti a terra.

Tina li guardò brevemente prima di guardare verso Jared, poco distante.

Un solo sguardo e il cuore di Jared tremò: quegli occhi erano così chiari, come una luna luminosa.

Jared raccolse i suoi pensieri e si avvicinò, con un tono gentile: "Grazie".

Tina lo guardò con indifferenza: "Non l'ho fatto per salvarti!".

Non voleva che la conversazione con sua madre fosse disturbata.

Con ciò, Tina si voltò e accarezzò la lapide: "Me ne vado, abbi cura di te".

Si voltò per andarsene, ma fu fermata da una telefonata: "Posso sapere il tuo nome? Forse un giorno potrò ripagarti".

"Non avevo intenzione di salvarti". Tina agitò la mano e continuò a camminare.

"Aspetta... bum!". Prima che Jared potesse finire di parlare, crollò a terra.

Tina si voltò indietro, aggrottando le sopracciglia, poi si allontanò.

Inaspettatamente, soffiò una folata di vento e Tina si fermò, guardando la lapide senza nome: "Vuoi che lo salvi?". La risposta fu il silenzio. Dopo un attimo, Tina parlò con una punta di riluttanza: "Così sia!".

Tina si inginocchiò e gli sollevò i vestiti; aveva notato a colpo d'occhio che era ferito all'addome, e piuttosto gravemente.

Tuttavia, non era un problema significativo.

Tirò fuori dalla borsa una bottiglietta di porcellana, spruzzò un po' di polvere medicinale sulla ferita, poi tirò fuori un'altra bottiglietta e gli diede una pillola.

Se fosse stato sveglio, l'avrebbe riconosciuta come la ricercatissima Tavoletta della Calma del Loto del mercato nero, una singola tavoletta venduta per cinque milioni di dollari, senza che il prezzo di mercato potesse eguagliare il suo valore.

Dopo aver somministrato la pillola a Jared, Tina non indugiò oltre e si allontanò.

Nel frattempo, nella tenuta Moon Gate di Ensford.

"Finché avrò vita, Tina non metterà mai piede qui!", disse una voce furiosa, udibile in tutta la villa.

Nel salotto, lo sguardo di Tina si spostò leggermente verso l'infuriata nonna Elizabeth, con gli occhi di fiori di pesco leggermente abbassati, che non tradivano alcun segno di turbamento sotto le pupille consapevoli.

Da un angolo invisibile, l'angolo della sua bocca si arricciò in un sorriso beffardo.

Era stata riportata da suo padre, Hugo Reed, e prima ancora che riuscisse a calmarsi, Elizabeth ricevette la notizia e chiese che venissero alla tenuta di Moon Gate per vederla.

Tuttavia, appena entrata, Elizabeth chiarì la sua posizione, opponendosi al ritorno di Tina.

Hmm.

"Mamma! Tina è mia figlia, tua nipote".

Le mani di Hugo, appese ai fianchi, si strinsero con forza. Strinse i denti, trattenendosi a forza.

Dopo dieci anni, aveva finalmente ritrovato sua figlia, pieno di gioia, per poi trovarsi di fronte al rifiuto della madre di accettare Tina, negandole persino la faccia davanti a tutta la famiglia.

"È indegna! Non la riconoscerò mai!". Elizabeth sbatté un palmo sul tavolo: "La mia unica nipote è Amber".

Lo sguardo di Elizabeth si rivolse a Tina, i suoi occhi invecchiati e annebbiati sembravano inciderla come coltelli.

Gli occhi di Tina si sollevarono leggermente, incontrando lo sguardo di Elizabeth per un attimo prima di distogliere lo sguardo, indifferente allo scrutinio di Elizabeth.

Hugo alzò bruscamente lo sguardo: "Da quando ho trovato Tina, non le permetterò più di allontanarsi da me. Siamo già separati dagli affari di famiglia, quindi non devi occuparti dei miei affari!".

"Come osi!" Elizabeth si alzò bruscamente in piedi, gridando con rabbia: "Se la riporti indietro, ti spoglierò della tua posizione e mi riprenderò le tue azioni!".

Hugo rise beffardo: "Posizione? Azioni? Mamma, ora sono solo un supervisore minore dell'azienda e guadagno appena quattromila dollari al mese. Da tempo volevo lasciare l'azienda; sei stata tu a non permettermelo. Quanto alle azioni... non te le sei già riprese tutte?".

"Tu!" Elizabeth digrignò i denti con furia: "Lo fai apposta? Così ti opponi a me?".

Non avrebbe mai potuto immaginare che suo figlio, sempre così debole e inefficace, si sarebbe opposto a lei ancora e ancora per Tina.

Lo sapeva. Tina e la sua defunta madre non erano altro che guai, venuti per mettere i bastoni tra le ruote a lei e a suo figlio.

Mentre Hugo stava per parlare, Amber, che era rimasta in silenzio per un po', disse improvvisamente: "Nonna, per favore, accetta di far tornare Tina a casa".

"Hmph!" L'espressione di Elizabeth si ammorbidì leggermente nei confronti di Amber Reed, ma sbuffò ancora freddamente: "Sogna pure!".

"Ma... Tina è la fidanzata del signor Farrell!". Amber sbatté le palpebre, con un sorriso sulle labbra.