Libreria
Italiano

Mr. Devil

102.0K · Completato
Passion Novels
65
CapitolI
8.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Mi chiamo Marina e ho un gran bisogno di soldi. Nascondendo il mio volto dietro una maschera, ho venduto il mio corpo all'asta in un club privato per ricchi. Ho trovato un uomo potente e terribilmente ricco. Il diavolo! E quale fu la mia sorpresa quando scoprii che il "signor Incognito" che mi aveva comprato per la notte era... il mio arrogante e brutto capo! Il mio nuovo capo, con cui avevo da poco accettato un lavoro. Ha già reso la mia vita un inferno! Mi chiama topo grigio, mi umilia in continuazione e mi schiavizza con il lavoro come una specie di schiavo. Non si può accontentare quel bastardo! Ma cosa succederà quando scoprirà il mio perverso segreto? Con chi ha trascorso un'indimenticabile notte bollente? Chi esattamente gli ha dato un piacere ultraterreno e, soprattutto, gli ha regalato la mia verginità....

MiliardarioAmoreRomanticoSegretiPoteriPossessivo

Capitolo 1

Ci muovemmo nei corridoi bui e tortuosi ancora per qualche minuto. Devono essere stati i minuti più dolorosi per il mio sistema nervoso e soprattutto per il mio povero cuore, che stava per uscire dal petto. Il battito era così forte che cominciavo a perdere l'udito. E, a dire il vero, stavo iniziando a perdere il senso della realtà, cadendo in un abisso freddo e molto, molto spaventoso.

Il ritmo rallenta. Ci fermiamo davanti a una massiccia porta di quercia decorata con ornamenti dorati. Il corridoio è buio e silenzioso. Le uniche fonti di luce sono applique di velluto, più decorative che lampade, che creano un'atmosfera unica di intimità.

- Siamo qui. Non un suono ora. Sei pronta? - Valeria mi ha lanciato uno sguardo tagliente, intriso di ghiaccio. Un minuto prima la ragazza mi guardava in modo completamente diverso: probabilmente è nervosa quanto me. 
Sono io che devo svolgere il ruolo di... 
vittima. Un giocattolo. Un gingillo. 


Quale? Mi dispiace, non lo so. Non lo so. Qualsiasi cosa desideri il mio attuale Maestro.

In risposta, faccio qualche respiro profondo, chiudo gli occhi e annuisco. Non è niente, niente. La prima volta fa sempre paura. E fa male. È un momento inevitabile che bisogna superare. L'importante è pensare al bene. Alla ricompensa per la mia sofferenza. Al fatto che molto presto pagherò i miei debiti, restituirò alla casa i mobili confiscati, l'acqua, il gas e l'elettricità, e non dormirò più sul pavimento come un cane. La migliore ricompensa per il dolore, l'umiliazione e la paura è, ovviamente, il denaro.

Tre colpi decisi e senza fretta alla porta. La tensione sale. Il sangue nelle vene ribolle. Il cuore scoppia in fiamme! La porta si apre silenziosamente. Senza aspettare il permesso del Maestro, Lera mi conduce all'interno dell'alloggio privato del cliente. L'uomo che ha appena comprato l'opportunità di prendere la mia verginità per una somma di denaro incredibilmente alta. Ma per "Mister X" non è niente. Trecentomila dollari per lui, un famoso uomo d'affari miliardario, sono come un viaggio di una sola volta in un fast-food per me, un povero senza valore.

La stanza è buia e fresca. Odora di tabacco di alta qualità. Mi gira la testa. L'adrenalina mi pulsa nelle tempie. Mi tremano le mani, le gambe sono tremanti e instabili. Devo sollevare l'orlo della vestaglia per evitare di calpestarne il bordo e, Dio non voglia, di cadere. Sono abbastanza bravo in questo, sapete: inciampare e cadere nel bel mezzo del nulla, colpire, far cadere e rovesciare oggetti di valore.

Ecco fatto. Eccoci qui. Che il cielo mi aiuti!

- Signore", sussurrò Valeria con un tono freddo e docile. - Il vostro acquisto è qui.

Sussurrò e improvvisamente tirò la corda del cappuccio della veste. La seta nera del mantello scivolò dolcemente lungo il suo corpo minuto sul costoso tappeto.

- Una giovane, fragile... vergine. Godete, mio signore. Questa ragazza vi appartiene. Siete libero di fare di lei ciò che volete.

Lera! Che diavolo! Che cos'è questo? Che razza di stupida esibizione hai appena fatto?

Anche le tue espressioni fanno parte di uno spettacolo volgare? 


Sono stato scosso da quelle frasi pretenziose e intrise di pathos. È tutta una recita. Una recita. Solo una parte dello spettacolo, che a quanto pare viene recitato non solo dai clienti ma anche dai dipendenti di questo locale, solo per compiacere la ricca borghesia.

Dopo che mi hanno tolto l'accappatoio, mi sono bloccato come un uomo morto. Come se in questo momento mi trovassi di fronte a uno sconosciuto completamente nudo. Imbarazzato, terribilmente nervoso, mi avvolsi le braccia intorno a me, non osando alzare la testa verso il mio cliente. A piedi nudi, con indosso solo una vestaglia bianca e traslucida, mi sembrava di essere senza pelle. Sentivo anche il suo sguardo autoritario e bruciante su di me. Lo associai alla lava velenosa.

Non si parla.

Nessun contatto visivo.

Non fare niente di stupido.

Ripetevo queste importanti regole nella mia mente come una preghiera. Continuavo a ripeterle e a tremare, senza riuscire a controllare quel maledetto tremito. E se non gli fosse piaciuto il mio comportamento? Se mi avesse colpito in testa, se mi avesse preso con la forza e se mi avesse fatto seppellire nel bosco? Solo perché pensava che fossi troppo vile, troppo malconcio, troppo sgradevole? I ricchi sono così... pazzi.

- Buona serata. Se ha bisogno di qualcosa, mi chiami pure.

Valerie si congedò e si allontanò velocemente. Ebbi solo il tempo di sentire la porta d'ingresso sbattere dolcemente, quasi in silenzio.

E di nuovo il silenzio. Morto, freddo, spaventoso. 


Cosa succederà adesso? Continueremo a giocare in silenzio? Finiamola con queste sciocchezze. Prima iniziamo, prima finiamo, prima me ne vado. "Sì! Se lo fai..." - ridacchiò il mio demone interiore.

Osai alzare leggermente la testa. Ma continuai a recitare il ruolo di statua, stando lì con le mani contro il petto nudo, sentendo lo stesso sguardo affamato e arrogante, che, tra l'altro, mi sembrava sospettosamente familiare. C'era solo un uomo che poteva possedere uno sguardo così ardente. Il mio capo, che gli operai semplici come me chiamavano "modestamente e laconicamente" - il signor Diavolo.

Che meraviglia! A quanto pare non è l'unico mostro unico al mondo. Qui nella stanza, credo, c'era il suo fratello gemello o doppio. Lo sentivo. Lo sentivo nella mia pelle e nella mia anima.

- Girati", sentii per la prima volta la voce del mio cliente.

Vellutata, roca, leggermente ubriaca. Direi addirittura che è di una bellezza imponente. Il baritono del cliente già crepitava di eccitazione con un tocco di potenza. E il suo proprietario respirava spesso, balbettando di tanto in tanto, ingoiando le ultime lettere. Era davvero così eccitato e così in fretta? Bene, mettiamoci al lavoro.


Cercai di eseguire l'ordine dell'acquirente: feci una piroetta in senso orario, tenendo le mani in posizione, come se fossero incollate al petto.

- Lentamente", dissi, con un tono infelice. - Voglio vedere bene.

Ho rallentato.

- Mani. Toglimi le mani di dosso", ringhiai.

Evidentemente non è un uomo facile. Se non vuoi, devi obbedire. Anche a costo di rompermi. Mi caddero le braccia. E continuai a torcermi e a girarmi come un tronchetto di legno, in attesa del prossimo ordine.

- Basta così. Per quanti anni?

Mi sono bloccato. Alzai per un attimo lo sguardo e guardai nella direzione da cui provenivano gli ordini. Riuscii a vedere solo una sagoma scura di altezza considerevole. Robusta, ben nutrita, era adagiata su una poltrona di pelle in una posa dominante, come se un uomo fosse seduto su un trono. Non riuscivo a vedere il volto del cliente. È troppo buio. La luce cade per lo più sul luogo in cui mi trovo al momento. Inoltre, senza occhiali, non vedo quasi nulla. E questa maschera di puro materiale sintetico mi pizzica fastidiosamente la pelle intorno agli occhi.

- Ah. Stupide regole! Mostrami le tue dita.

Ne ho fatto un po'. Le mie mani tremano ancora come se ci fosse passato sopra un camion.

Basta! Non c'è niente di imbarazzante? La sua voce.

Quando mi abituai all'ambiente circostante, mi resi conto che la voce dello sconosciuto assomigliava a quella del mio capo. E l'accento?


No! Sciocchezze! Non è così che si fa! Quanti uomini milionari al mondo hanno un accento?

Sono paranoico! In una situazione di stress può succedere di tutto.

- Ventiquattro", fece le fusa soddisfatto. - Mi piaci. Direi che mi piaci molto. Sei carina. Modesta e timida... Hai paura?

Annuisco.

- È una buona cosa. Proprio quello di cui ho bisogno. Mi piace che le tue emozioni siano naturali. Sono così vive, così genuine. Prima di te, mi sono imbattuto per lo più in ragazze mocciose senza talento e senza gusto. Sono insipide e insipide da scopare. È come mangiare il tuo piatto preferito senza sale e senza salsa. O un sostituto scadente", l'uomo fece una pausa, tirò indietro il colletto della camicia come se non riuscisse a respirare, poi ringhiò un nuovo ordine: "Alzati il vestito. Prima la parte inferiore. Poi la parte superiore. Ma non lo tolga.

La cosa si fa più difficile. Sollevai un po' la gonna, mettendo in mostra la mia fighetta liscia, che era già perfettamente visibile sotto il tessuto trasparente della vestaglia. Sentii un'esalazione rauca in risposta, e nella penombra vidi lo sconosciuto contrarsi e spalancare immediatamente le gambe.

- Basta così, bambola. Ora mostrami i tuoi seni. Cosa nascondi lì? А? Sotto la tua bella camicia di pizzo? Abbassa le spalline, Habibi.

Improvvisamente la voce dello sconosciuto si riempì di una strana tenerezza. E il fatto che mi chiamasse Habibi (bambino, preferito) mi fece sentire piacevolmente stordita. Si complimentava con me. Si è complimentato con il mio corpo. Sembrava che gli piacesse la mia nudità. Mi sono sentita improvvisamente più sicura di me. La paura si allontanò gradualmente e il mio basso ventre vibrò piacevolmente. Nessuno mi aveva mai fatto un complimento. Nessuno mi aveva mai fatto sentire una donna. Per gli uomini ero sempre stata un topo grigio e malconcio. E ora... ora sono diventata una bambina. Habibi. Mi chiamava così con affetto. Mi rallegrava. Mi ha anche fatto eccitare un po'.

In bocca sentivo un dolce sapore di frutti di bosco. Le mie cosce erano oscenamente bagnate, calde. E nel mio petto sentivo che di quell'uomo ci si poteva fidare, che questo sconosciuto non mi avrebbe fatto troppo male. Volevo sinceramente credere in una favola, che gli piacessi davvero. Che il nostro incontro non fosse un gioco volgare e che le sue azioni ed emozioni venissero dal cuore.

- Di solito ordino sharmut (puttane) più esperte e libere. Poi, all'improvviso, sono stata attratta da quelle del cinema. Volevo cambiare, per così dire. È passato molto tempo dall'ultima volta che ho fatto sesso con delle vergini", ha detto Mr X accendendo l'accendino. Lo accese, continuando a fissarmi avidamente. Non riuscivo ancora a vedere il suo volto, ma potevo sentire la fame bestiale con cui mi fissava. Il cliente si nascondeva nel buio. E con la mia vista era impossibile vedere l'uomo ricco.

La stanza si riempì di fumo. L'aroma di sigari costosi mi fece girare ancora di più la testa. Rimasi lì con le spalline abbassate e la gonna tirata su, non più pallida ma rossa come un pomodoro, in attesa del prossimo verdetto. Nessun uomo mi aveva mai visto completamente nuda. Tranne mio padre, tranne forse. Nella mia prima adolescenza. Era così insolito. È un bene che io abbia infranto la mia paura. E lo sto facendo proprio adesso. La paura di stare da sola con un uomo. La fobia più forte che abbia mai avuto. E l'ho infranta, ovviamente, sotto la minaccia di una paura ancora più grande, quella di essere picchiata o uccisa, o nella migliore delle ipotesi multata per insubordinazione dai proprietari di questo locale.

- Accarezzati", un vortice di vapore speziato turbinò nell'oscurità mentre l'uomo espirava, e con l'espirazione mi diede un nuovo ordine: "Sii coraggioso.

Ugh! Sta peggiorando di ora in ora.....

Comincio ad accarezzarmi i seni. Faccio scorrere lentamente le dita lungo il collo, le clavicole, fino alla base. Metto entrambe le mani intorno a due rigonfiamenti ordinati e li stringo. La mia testa si inclina involontariamente all'indietro. Voglio espirare. Fischia! Non mi rendo nemmeno conto che sto entrando nel personaggio. La dolce tensione nel mio inguine non fa che aumentare.

Vorrei solo che lo sconosciuto non fosse troppo brutto. E non fosse grasso. Preferibilmente senza barba. Ma ha una voce così bella... La mia immaginazione stava già disegnando le sembianze del mio attore preferito della serie Sultan.

- Eccellente, - brontola il cliente, imitando una bestia selvaggia, e comincia a contorcersi sulla sedia, come se si fosse accidentalmente seduto su un punteruolo. A quanto pare, i suoi pantaloni sono già stretti. - Mele piccole e dolci. Le morderò lentamente e avidamente. Una alla volta. E poi accarezzerò la tua pesca succosa. Fammi vedere, ragazza. Oh, sì!