Libreria
Italiano

Matrimonio sbagliato ma dolce (Joyce e Luther)

3.0M · In corso
Gioia Asaro
2071
CapitolI
192.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Era una cecchino che sparava con una precisione di 0,01 mm. Era la figlia di un grande magnate, ma è stata sostituita da una ragazza intrigante. Era un devoto presidente di un grande magnate, ma ha avuto un matrimonio lampo con lei perché ha identificato erroneamente il suo salvavita. Non aveva mai pensato che un giorno lei gli avrebbe indicato il cuore con il muso freddo. "Ti farò seppellire con mio figlio!" Poi ha premuto il grilletto...

CEOMiliardarioMatrimonioRomanticoAmore

Capitolo 1

Ufficio Affari Civili.

Joyce Knowles si è sposata oggi.

Quando ha firmato il suo nome e stava per scrivere quello del marito, ha alzato lo sguardo verso l'uomo che le stava accanto.

Quell'uomo era così bello che anche il personale dell'Ufficio Affari Civili gli lanciava di tanto in tanto un'occhiata.

Suvvia, una donna doveva essere proprio fortunata per sposarsi con un uomo del genere, no?

"Come ti chiami? Scusa, l'ho dimenticato". Joyce fece una pausa.

Il bel viso di Luther Warner si oscurò. Davvero questa donna non conosceva il suo nome?

O stava solo fingendo troppo bene?

Poteva esistere una donna a Khebury che non conoscesse il nome di Luther?

Aveva un viso così bello e un corpo così perfettamente proporzionato. Era il sogno di ogni donna di Khebury.

Naturalmente, era anche a capo del Gruppo R&S, un vero e proprio re della finanza, del commercio elettronico, del settore immobiliare e dell'intrattenimento.

Strappò il modulo dalle mani di Joyce e lasciò cadere direttamente il suo nome.

La calligrafia mostrava apparentemente la sua personalità audace e dominante.

Questo è tutto, dopo il timbro.

Joyce preparò le sue cose in modo ordinato.

Luther stava per parlare.

Ma alla fine fu interrotto da Joyce: "Quando è il divorzio?".

"Il medico ha detto che la nonna potrebbe non superare il mese". Lui replicò con voce fredda.

Le parole di lei lo misero in uno stato d'animo estremamente depresso.

Quando è il divorzio? Non dovrebbe essere lui a preoccuparsi?

Che fretta aveva lei?

Joyce si accigliò.

Tre mesi fa aveva incontrato una signora anziana sul ciglio della strada.

L'anziana aveva un pneumotorace e una grave occlusione delle vie aeree e la sua situazione era critica. Per fortuna è riuscita a sottoporre l'anziana alla pericardiocentesi appena in tempo.

L'ambulanza è arrivata di lì a poco e l'anziana si è salvata.

Non sapeva che la signora anziana era una malata di cancro ai polmoni allo stadio terminale che insisteva perché il nipote sposasse Joyce prima della fine della sua vita.

"Perché non puoi usare un certificato falso?". Joyce era ancora perplessa.

In questo modo avrebbero risparmiato tutti i problemi.

Luther le rivolse uno sguardo vuoto: "Non possiamo. La nonna manderà qualcuno a controllare".

"Ho una richiesta", disse Joyce.

"Cosa?" Luther sollevò leggermente le sue belle sopracciglia, aspettandosi qualsiasi scherzo lei avrebbe fatto.

"Per quanto mi piacerebbe che la nonna vivesse a lungo e si godesse i suoi giorni. Ma arriverà un momento in cui questo finto matrimonio finirà, e spero che per allora userai i tuoi poteri per rimuovere le tracce che tu e io abbiamo ricevuto una tale licenza". Disse Joyce con un'espressione seria.

"..."

Pensa un po' che uomo era, con il suo grande potere e il suo aspetto quasi perfetto, non dovrebbe essere lui a preoccuparsene invece?

Questa donna sembrava così ansiosa di concludere il loro matrimonio. Questo lo rendeva molto infelice.

"Nessun problema". Strinse i denti e sputò le parole solo attraverso i denti.

"Va bene." Joyce alzò le spalle: "Ciao, e non dimenticare gli 800.000 dollari promessi, ecco il numero della carta".

Porse a Luther un biglietto, con il suo nome e il numero della carta bancaria ben scritti.

Luther sogghignò.

Finalmente si trattava di soldi.

Fin da bambino era stato allevato dalla nonna e il loro rapporto era straordinario. La nonna soffriva di malattia in età avanzata e lui sperava solo che non avesse rimpianti in vita.

Ma la nonna era stata ingannata da una donna del genere e, quando lui le propose un finto matrimonio per rendere felice la nonna, lei gli chiese subito 800.000 dollari.

"Quindi hai salvato la nonna di proposito?". La sua voce era fredda come il ghiaccio, mentre lei si girava e stava per andarsene.

Joyce si voltò, con le labbra rosse leggermente sollevate, e fece un leggero sorriso: "Se lo pensi".

Il suo sorriso era incredibilmente bello.

Dopo aver detto questo, se ne andò senza il minimo cenno di indugio.

A parte gli scherzi, non lo conosceva nemmeno, figuriamoci sua nonna.

Quest'uomo era irrimediabilmente delirante.

Se l'aveva fatto davvero apposta, avrebbe dovuto chiedergli almeno 8 milioni, e 800.000 dollari non sarebbero bastati per il vestito fatto a mano che indossava.

Luther rimase stordito per un po' prima di tornare in sé.

Accidenti, il sorriso di quella donna lo aveva davvero attratto.

Abbassando lo sguardo, accarezzò il certificato di matrimonio che aveva in mano con un'espressione scherzosa.

Su di esso c'era la foto di loro due insieme. Lei era lontana da lui, con un'aria distante e strana.

In realtà, nella foto, aveva proprio tutti quei lineamenti delicati.

I suoi occhi a mandorla sembravano acuti. Le sue lunghe sopracciglia avevano la giusta angolazione. Le sue labbra erano sexy. C'era qualcosa che andava oltre il fascino e l'acutezza della sua bellezza, e lui riusciva a malapena a vedere attraverso questa donna.

Le sue labbra fredde si sollevarono un po': un giorno questa donna che scava nell'oro rivelerà la sua vera natura.

Uscendo dall'Ufficio degli Affari Civili, si lasciò sfuggire una bassa imprecazione.

Dannazione, aveva dimenticato di chiederle il numero di telefono.

Questa donna, sorprendentemente, non glielo aveva chiesto.