Libreria
Italiano

L'erede del primo magnate

1.0M · In corso
Deca Coda
870
CapitolI
7.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Giovane maestro, devi impegnarti di più per spendere soldi! La famiglia ti ha dato il miliardo un mese fa e tu ce l'hai ancora adesso?" L'erede del primo magnate com'era, Finn Chen si sentiva così irritato che mentre altri avrebbero dovuto tornare in campagna solo se non avessero combattuto, avrebbe dovuto ereditare trilioni di ricchezze se non si fosse sposato con una donna famiglia. La vita era troppo dura per questo pover'uomo.

RagazziRagazzoVendettaPaura

Capitolo 1 Trilioni di beni

"Tornare alla famiglia Chen?"

Sulla porta di un ristorante, strada pedonale, Città C. Finn Chen, in uniforme gialla da fattorino, guardava indifferente.

"Sì, il padrone ha detto che se il giovane padrone torna indietro, tu erediterai tutti i trilioni di beni della Famiglia Chen". Di fronte a Finn, un vecchio con una tunica grigia Tang parlò rispettosamente.

"Humph... Trilioni di beni?" Finn rise e sospirò. "La famiglia Chen è davvero ricca".

Come se trovasse il sarcasmo nelle parole di Finn, il vecchio dovette dire: "Giovane maestro, hai ancora a cuore la cosa che è successa tre anni fa?"

Finn non rispose. Jones Chen, il vecchio, disse con amarezza: "Giovane maestro, è stato veramente un errore del maestro tre anni fa, ma in questi tre anni, il maestro ha anche pagato abbastanza per questo. Perché non dai una possibilità al maestro?".

"Possibilità?" Un ghigno si alzò sul volto di Finn. Ora, Jason Chen stava chiedendo una possibilità a Finn, ma Jason aveva dato una possibilità alla madre di Finn?"

Finn non avrebbe mai dimenticato come sua madre era morta davanti a lui tre anni fa.

La famiglia Chen possedeva trilioni di beni, ma Jason non era disposto a offrire un milione per curare la madre di Finn. Anche se Finn si inginocchiò per implorare come un cane, Jason non si commosse affatto ma guardò la madre di Finn morire.

Ora, Jason chiedeva una possibilità. Humph...

Finn scosse la testa con grande ironia.

"Sei disposto a fare il fattorino per tutta la vita?" Scoprendo che Finn non era affatto commosso, Jones sospirò. Jones sapeva che in questi tre anni, da quando Finn aveva lasciato la Famiglia Chen, Finn aveva vissuto duramente. Era stato il genero della Famiglia Shawn, dove tutti lo guardavano dall'alto in basso. Aveva vissuto una vita completamente diversa da quella della famiglia Chen.

"Consegnare il cibo è meglio che consegnare la vita". Finn si mise a scherzare.

La faccia di Jones cambiò. "Giovane maestro, che cosa vuoi dire con questo?"

"Non significa molto." Finn scosse la testa: "Jones Chen, puoi tornare indietro. Di' a Jason Chen che prima o poi tornerò alla Famiglia Chen, ma non per i trilioni di beni!"

Jones era scioccato. Guardando Finn che se ne andava, sembrava impotente.

Lungo la strada, l'umore di Finn era complicato.

Dal giorno in cui era nato, era rimasto nella Famiglia Chen. Tuttavia, per la sua identità illegittima, non lo trattavano bene. Persino i servi potevano maledirlo e maltrattarlo.

Finn aveva pensato di poter essere un cane nella famiglia Chen per tutta la vita. Solo quando sua madre si ammalò, Finn capì che la famiglia Chen non gli dava nemmeno la possibilità di essere un cane.

Quella notte, la madre di Finn era gravemente malata. Finn si inginocchiò davanti alla gente della Famiglia Chen per supplicarli di salvare sua madre, ma nessuno lo aiutò.

Tutte quelle persone erano estremamente indifferenti.

Alla fine, la madre di Finn morì di malattia.

Finn era profondamente addolorato. A quel tempo, aveva cominciato a sapere che le vite di sua madre e di lui erano meno importanti persino delle formiche!

Quel giorno Finn lasciò la famiglia Chen.

E quel giorno.

Finn giurò che un giorno sarebbe tornato alla Famiglia Chen e, con il potere assoluto, avrebbe costretto tutte le persone della Famiglia Chen a inginocchiarsi e a pentirsi davanti alla tomba di sua madre!

Ma questo era solo il suo giovane e frivolo pensiero. Il giorno dopo, quando arrivò nella Città C, fu braccato. Se non ci fosse stato Grant Shawn a salvarlo, sarebbe diventato defunto.

Ovviamente, le persone che gli davano la caccia erano della Famiglia Chen.

Di fronte alla bestia gigante, la Famiglia Chen, Finn era piccolo come una formica.

Dopo essere diventato il genero della Famiglia di Shawn, la vita di Finn tornò in pace. Anche se veniva deriso, era vivo.

Ma l'albero poteva desiderare la calma, ma il vento non si fermava. La famiglia di Chen lo cercò di nuovo.

E gli chiedevano di tornare in famiglia e di ereditare i beni.

Ma la terza generazione della famiglia Chen conteneva più di 100 uomini. Era impossibile permettere a un illegittimo di ereditare i beni.

Ovviamente, era una cospirazione.

Prima era umile come un cane, ma oggi valeva migliaia di miliardi.

Questa cospirazione era troppo falsa!

"Finn!" Mentre Finn si accigliava e rifletteva, una bella donna in abito bianco apparve di fronte a lui. I tratti delicati del viso, la figura attraente e il temperamento aggraziato rendevano la donna piuttosto brillante.

Era la moglie di Finn, Maura Shawn.

"Maura, qual è il problema?"

Il sorriso spuntò di nuovo sul volto di Finn. Non importa cosa accadesse, finché c'era Maura, l'umore di Finn sarebbe stato di nuovo brillante.

Ma Maura non sembrava stare bene. Guardò Finn e disse freddamente. "Seguitemi al Santuario Ancestrale. La cerimonia di adorazione degli antenati sta per iniziare".

"Il Santuario Ancestrale?" Finn si ricordò ciò che Maura le aveva detto ieri sera. Oggi si sarebbe tenuta la Cerimonia degli Antenati, e tutte le persone della Famiglia Shawn avrebbero dovuto venerare gli antenati nel Santuario Ancestrale.

Ma...

Finn guardò la sua uniforme gialla da fattorino, imbarazzato. Aveva appena consegnato del cibo e aveva parlato con Jones per un po', quindi non si era ancora cambiato.

Non poteva indossare abiti così inappropriati per un'attività così seria.

"Maura, potresti aspettare che io vada a casa a cambiarmi i vestiti?" Disse Finn con cautela.

Maura sembrava insoddisfatta. "Che cosa hai fatto? Non te ne ho parlato ieri?"

"Io... l'ho dimenticato". Finn abbassò la testa come un bambino che aveva commesso un errore.

"Bene, al bisogno. Comunque, nessuno ti presta attenzione. Vai e basta. Il nonno stava aspettando". Disse Maura con impazienza. Era più insoddisfatta di Finn. Come poteva dimenticare un evento così importante?

"Bene..." Finn stava per dire qualcosa, ma Maura si voltò e se ne andò, così lui dovette seguirla.

La famiglia di Shawn era una rispettabile famiglia locale della città C, il cui antenato era il primo ministro della dinastia Han. Da quando l'antenato aveva fondato questa famiglia, erano passati più di 2000 anni.

Negli ultimi anni, anche se la Famiglia Shawn era decaduta e aveva perso il suo antico splendore, nessuno osava guardarla dall'alto in basso.

La Cerimonia del Culto degli Antenati ogni tre anni era una delle attività più importanti.

Quando Finn arrivò con Maura, c'erano molte persone nel Santuario Ancestrale.

Maura fece un respiro profondo e poi entrò nel Santuario Ancestrale. Finn la seguì, ma quando arrivò al cancello, fu fermato da una mano.

"Aspetta. Finn Chen, cosa stai facendo qui?" Con l'ironia sul volto, il giovane che fermò Finn era Hank Shawn, il cugino di Maura.

"Per venerare gli antenati". Finn guardò Hank con confusione. Per la cerimonia del culto degli antenati, tutti i membri della famiglia Shawn dovevano venire qui. Era stato adottato come genero, quindi era sicuramente uno della famiglia.

"Antenati?" Hank sogghignò. "Quale antenato veneri? Ci sono solo i nostri antenati della Famiglia Shawn, quindi cosa c'entri tu?"

L'implicazione era che Finn era un estraneo che non meritava di entrare nel Santuario Ancestrale.

"Hank Shawn! Cosa vuoi dire?" La faccia di Maura divenne fredda.

Hank lanciò un'occhiata a Maura e poi disse con noncuranza. "Nient'altro, ma l'estraneo o il cane non possono entrare.

Se le parole precedenti erano solo ironia, le parole "forestiero" e "cane" erano decisamente umiliazioni.

A Finn non importava, perché era già stato confrontato con umiliazioni più forti.

Ma Maura sembrava infuriata. Dopo tutto, Finn era legalmente suo marito!

"Finn è mio marito, quindi perché dici che è un estraneo?"

"Tuo marito? Hahaha!" Come se sentisse una grande barzelletta, Hank scoppiò a ridere. "Maura Shawn, parla con la tua coscienza. Prendi davvero questa spazzatura come tuo marito? So che voi due non avete nemmeno dormito insieme dopo che vi siete sposati per tre anni!"

Non avevano fatto sesso nei tre anni di matrimonio?

Molte persone della famiglia di Shawn qui hanno sorriso in modo significativo, e anche lo sguardo di Finn era pieno di ironia. Quanto era codardo Finn! Finn era stato con la bella Maura per tre anni ma non aveva mai fatto sesso. Aveva qualche problema con la sua sessualità?

Il volto di Maura cambiò. In effetti, era stata sposata con Finn per tre anni, ma per non parlare del sesso, Finn non le aveva nemmeno tenuto la mano. Era solita pensare che poche persone sapessero di questa faccenda, ma ora, sembrava che tutte le persone della famiglia di Shawn lo sapessero.

"Maura, entra prima tu. Mi sono improvvisamente ricordato che c'è ancora un ordine da consegnare". Finn sorrise con amarezza. Poteva affrontare il ridicolo di queste persone, ma non voleva che Maura fosse coinvolta.

Guardando la maschera di noncuranza di Finn, Maura si sentì afferrare il cuore. Erano sposati da tre anni. Anche se lei non considerava Finn come suo marito nel cuore, Finn era abbastanza buono per lei. Non importava se c'era vento o se pioveva, Finn andava a prenderla e la mandava al lavoro. E non importava quanto lei si arrabbiasse, Finn la affrontava con un sorriso.

Di fronte a lei, quest'uomo non si arrabbiava mai, come se non potesse sentire il dolore. Si limitava ad assecondarla e a prendersi cura di lei.

Con il passare del tempo, ci sarebbero sempre stati dei sentimenti.

Maura non poteva fare a meno di singhiozzare. Perché? Perché Finn era così gentile con lei.

Finn fece un respiro profondo e si preparò ad andarsene. Sapeva che più a lungo sarebbe rimasto lì, più umiliazioni avrebbe ricevuto.

Ma quando si voltò, una voce decisa venne dalla sua schiena. "Lui entra, io entro!"

Non appena la voce si affievolì, Finn sentì la sua mano stretta da una mano morbida ma abbastanza potente.