Libreria
Italiano

L'enigma del milionario

198.0K · Completato
Ginya Les
111
CapitolI
18.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Arya Harley è una delle ragazze più promettenti nella sua carriera di medico. Tuttavia, ha ottenuto questo risultato da sola, poiché non ha il sostegno della sua famiglia. I debiti e il fatto che il fratello abbia rubato la borsa di studio per giocare d'azzardo le hanno fatto prendere in considerazione l'idea di diventare una madre surrogata, perché in questo modo avrebbe guadagnato molto denaro per aiutare la madre e finire l'università. Esita, ma quando viene a sapere che la madre ha una grave malattia, decide di accettare la proposta di un amministratore delegato milionario, bello ma solo, di diventare la madre di suo figlio. La condizione: deve sparire dalla loro vita dopo il parto. Arya Harley accetta un accordo milionario con Ayden Emory, un magnate di New York, in cambio di dargli un figlio e di avere una relazione fittizia, ma con la regola inderogabile di non toccarlo e di non innamorarsi. Riuscirà a scoprire l'enigma che circonda il milionario?

MiliardarioMatrimonioPoteriseconda possibilitàVero AmoregravidanzaBrava Ragazza

Capitolo 1. Il problema

Gli sembrava stupido essere costretto ad avere un figlio. Dover dimostrare a suo padre che poteva avere un patrimonio genetico non era una cosa che interessava ad Ayden Emory. Gli bastava essere uno dei migliori uomini d'affari degli Stati Uniti, più volte premiato per le sue capacità imprenditoriali, e per giunta dirigere l'azienda di famiglia con eccellenza.

Non è stato sufficiente?

Ayden rise mentre usciva dall'ufficio di suo padre: sarà anche un buon uomo d'affari e avrà anche molti premi, ma sa che cosa serve quando si tratta di negoziare con l'uomo che gli ha insegnato tutto quello che sa.

"Katty, chiama il mio avvocato", ordina attraverso l'altoparlante alla sua assistente, "digli che ci vediamo tra un'ora a casa mia".

Riaggancia.

Non aspetta che siano d'accordo, né tanto meno che lo ringrazino. Dopo tutto, sono solo impiegati e fanno quello che gli viene detto. Sale in macchina e si dirige dalla villa del padre alla periferia della città fino al cuore di Manhattan, lungo la 5th Avenue.

Quando arriva, rallenta e consegna le chiavi della sua Aston Martin al portiere perché le custodisca. Sale nel suo appartamento e cerca direttamente su Internet qualcosa che gli dia una risposta a ciò di cui ha bisogno, un figlio.

(Sono vecchio e malato) ricorda le parole del padre, come se fosse accanto a lui.

"Vecchio ricattatore", risolve ad alta voce.

Lascia il portatile sul tavolo e va direttamente in camera da letto, si toglie una delle centinaia di tute che indossa quotidianamente e lascia il petto nudo, indossando solo una tuta da ginnastica. Va al piano della sua palestra personale e si fissa allo specchio.

"Il mio corpo è mio, sto bene, questo è mentale", dice alla sua immagine di fronte a lui, "Il mio corpo è mio, sto bene, questo è mentale".

Lo ripete in continuazione finché non suona il campanello. Scende al primo piano e va ad aprire al suo avvocato, fiammeggiante e arrogante.

"Daniel, è bello vederti qui", saluta, aprendo la porta, "Entra, ho ordinato la pizza. Non ci vorrà molto".

Daniel, che è a conoscenza del segreto di Ayden, aspetta che Ayden avanzi per non invadere il suo spazio personale.

"Una delle qualità di Daniel Cheng è quella di non menare il can per l'aia.

Ayden va al tavolo della cucina, prende il portatile e si siede di fronte all'avvocato in salotto. Gli mette davanti lo schermo e Daniel lo guarda con attenzione, come se lo studiasse.

"Vuoi adottare?", chiede confuso.

"No, non è un'opzione", chiarisce, ricordando che suo padre pretendeva che avere un figlio adottivo non fosse un'opzione. Voleva portare avanti la discendenza e che il nipote ereditasse assolutamente tutto da loro, "ho bisogno di una madre surrogata".

Daniel sbatte le palpebre per capire le parole del suo cliente preferito. Gli faceva guadagnare centinaia di migliaia di dollari all'anno.

"È sicuro di volere questo?", chiede titubante il suo avvocato.

"No, ma è quello che mi serve perché mio padre mi lasci tutta l'azienda", chiarisce, provocando la sorpresa di Daniel, "Sta per morire e vuole che gli assicuri che l'eredità di famiglia non andrà persa in un fondo governativo. Vuole che mi sposi e che mi faccia una famiglia. Tu sai di me..." fa una pausa, perché non vuole dire ad alta voce quello che entrambi già sanno, "è più che chiaro che non sarò mai in grado di essere intimo con una donna così. Questa è un'opzione".

"Ma tuo fratello? Potrebbe essere in grado di dargli il nipote che il vecchio Gerard desidera".

Ayden si alza in piedi ridendo per il commento.

"Sai che mio padre lo tollera a malapena... e la verità è che non lo tollero nemmeno io", confessa senza vergogna.

Tutte quelle brevi risposte fecero capire meglio a Daniel la situazione. Non sapeva che Gerard Emory stesse morendo. Avrebbe dovuto chiedere a suo padre se lo sapeva già. Avere la famiglia Emory come clienti non era un caso. I Cheng si erano fatti un nome in città grazie al fatto che padre e figlio lavoravano come loro avvocati.

"Devo essere sincero Ayden, tu sei single e questo è un grosso problema quando si tratta di trovare la donna giusta. Non hai riferimenti sul tipo di donna che ti piace perché non hai mai avuto una relazione", dice, ricordando la sua ultima conferenza sulla maternità surrogata nello Stato di New York, "Hai bisogno di ovuli e vorrei sapere se vuoi che la madre li doni o dobbiamo procurarceli noi.

Ayden non ci aveva pensato, quindi esita un attimo.

"Se la madre li dona, deve essere coinvolta anche dopo il parto?", chiede, sperando che non sia così.

"Certo che no, possiamo definire il contratto come vuoi tu", chiarisce, facendo sperare Ayden.

"Ok, cercatela, offrite una buona somma", avverte con aspettativa, "voglio che sia chiaro che una volta avuto mio figlio non la vedremo mai più".

"Va bene, metto al lavoro i miei uomini", dice Daniel, alzandosi in piedi.

"No, voglio che sia una cosa privata, non voglio che nessuno lo sappia", osserva ostracisticamente, "e un'altra cosa, voglio intervistarla personalmente".

Daniel ha centinaia di altre domande, ma non le pone, sa cosa deve sapere per trovare la madre surrogata. Come crescerà un bambino che ha bisogno di essere portato in grembo quando lui stesso non tollera di essere toccato non è affar suo.

La pizza arriva ed entrambi la gustano mentre chiariscono alcune delle altre clausole del contratto. Come l'assistenza, l'ospedale e le esigenze della futura madre, dall'acquisto di vestiti ai massaggi per il corpo.

"Voglio davvero viziare la donna che porterà in grembo mio figlio", dice il milionario, "chiedo solo, preferibilmente una donna intelligente che non abbia malattie degenerative. Cercatela".

***

Arya giace emozionata alla cerimonia di premiazione dell'università, l'IG Nobel. Tutto sembrava andare a gonfie vele. Il premio nel campo della psicologia stava per essere nominato quando una chiamata sul cellulare interrompe le sue riflessioni sul futuro vincitore.

"Pronto", risponde mentre risponde alla chiamata.

"Sei tu Arya Harley?" chiede una voce femminile all'altro capo del filo.

"Esatto".

"Sua madre, Mirella Harley, ha avuto un incidente al centro commerciale. Ha avuto un collasso ed è stata portata alla clinica Carney", spiega con calma la donna.

"Sta bene?", chiede, sentendo la paura salire lungo la schiena e sudando freddo.

Il suo cuore batte forte e ha paura per sua madre. È l'unica persona che la ama incondizionatamente. È la sua ancora.

Dopo aver appreso le nozioni di base, riattacca e si dirige verso la clinica.

"Ehi, aspetta!" chiede la sua migliore amica quando la vede sgusciare fuori dalla folla per andarsene.

"Non posso, devo andare, mia madre è malata!" dice Arya, uscendo dalla stanza e lasciandosi alle spalle i premi tanto desiderati.

Mentre guida verso la clinica, non riesce a smettere di pensare al benessere di sua madre, che è malata da mesi, ma che per mancanza di una buona assicurazione sanitaria non ha potuto ricevere le cure che avrebbe dovuto.

Quando arriva alla clinica, viene informato che la madre è in condizioni delicate ma stabili, il che in qualche modo lo rassicura. Quando riesce a vederla, entra nella stanza e scopre che la madre sta dormendo e riposando.

C'è stato un tempo in cui la sua famiglia era benestante, suo padre era un grande protettore e fornitore. Suo fratello era amorevole e premuroso con le donne della sua famiglia e sua madre preparava pizze ogni sabato sera. Le mancavano quei tempi quando vivevano a Cary, nella Carolina del Nord.

Tutto era perfetto, fino alla chiusura dell'azienda di tecnologia mobile per cui lavorava il padre. Viene trasferito in una delle filiali di Boston, ma un incidente d'auto durante una vacanza gli danneggia la vista e non può più lavorare.

Caddero negli eccessi. Ben presto arrivò il fallimento e dovettero trasferirsi in un nuovo quartiere, arrivando così alla loro attuale residenza. Il fratello iniziò a frequentare cattive compagnie e il padre scomparve. Da sette anni vivevano in condizioni deplorevoli. La salute della madre era in declino e la depressione dovuta alle esperienze vissute le impediva persino di andare a lavorare.

Arya si sentiva sull'orlo del collasso e a volte pensava che fosse meglio prendere sua madre e sparire del tutto. Dopo tutto, a suo padre e a suo fratello non importava nulla di loro.

In attesa che sua madre si svegli, rilegge la posta di qualche giorno fa. Era stata accettata come studentessa di scambio per l'ultimo anno. Sarebbe andata all'estero, in particolare in Germania. Era felice e preoccupata allo stesso tempo, non voleva lasciare sua madre da sola.

Immaginava la sua vita in Germania, lontano dai problemi familiari e dall'incontro con nuove persone. Inoltre, l'esperienza di conoscere la medicina tedesca, che si dice sia molto sofisticata.

"Come farò a pagare il semestre?", chiede a nessuno in particolare, guardando fuori dalla finestra dell'ospedale.

Per tutta la vita aveva desiderato entrare in questa università e ora che ha finalmente realizzato il suo sogno, sembra che la vita sia decisa a strapparglielo.

"Signorina Harley?" chiede un medico entrando nella stanza. Arya si limita ad annuire e si avvicina a lui che la guida lungo il corridoio. Forse per non farsi sentire dalla madre.

"Ci sono altri membri della famiglia con te?".

"No, siamo solo io e mia madre. Hai intenzione di dirmi cosa è successo?", chiede, lanciando una rapida occhiata alla madre.

"Ha avuto un arresto cardiaco, è molto debole e deve essere operata".

Arya sente il suo mondo crollare.

Il medico inizia a parlare e a spiegare cosa può accadere, lei, in quanto studentessa di medicina, è consapevole dei termini che le vengono detti ed è cosciente dei pro e dei contro.

Arya aveva centinaia di domande, prima di tutto sulla salute di sua madre e poi sul costo di tutte le procedure a cui deve sottoporsi. È impossibile per lei coprire tutto. Non guadagna abbastanza pulendo case e poi c'è l'università e lo scambio all'estero.

(Dio, dovrò lasciare la scuola) pensa tra sé e sé.

"Aspetta, quanto costerà all'incirca tutto questo?".

Il medico la guarda attentamente prima di rispondere.

"Non so se avete un'assicurazione, ma se non l'avete, questo vi farà guadagnare una fortuna", dice senza mezzi termini.

"Quanto?", chiede ancora Arya.

"Te lo diranno dopo".

"Per favore, ho bisogno di sapere!", implora la giovane donna con i capelli decolorati e arruffati.

"Almeno cinquantamila dollari, perché, come ho detto, potrebbe aver bisogno di un intervento chirurgico se peggiora. In caso contrario, potrebbe costarvi qualche migliaio di dollari", dice a bassa voce e poi se ne va definitivamente.

Arya si dirige verso la sedia più vicina e vi si sdraia. Chiama la sua amica, che prima le aveva raccontato di come suo cugino avesse fatto fortuna senza fare nulla.

(Forse quello che ha fatto mi aiuterà in qualche modo) pensa mentre invia un messaggio a Eleanor.

Non ha scelta, sarebbe quello che ha fatto la cugina sconosciuta della sua amica, o prostituirsi per un lungo periodo di tempo, e anche in questo caso, chi vorrebbe fare sesso con una donna trasandata, magra e senza un aspetto fisico eccezionale oltre alle lentiggini sotto gli occhi?

Eleanor arriva il prima possibile, preoccupata per la sua amica. Arya le racconta l'accaduto e il suo presunto scambio all'estero. Piange inconsolabilmente, sentendosi triste, sola e devastata. Sa che deve essere forte, ma non sa come esserlo.

"Mi diresti cosa ha fatto tuo cugino per guadagnare soldi?", chiede infine Arya, "Sono disperata, Eleanor", dichiara in un sussurro mentre sorseggia.

"Cosa saresti disposta a fare per ottenere il denaro di cui hai bisogno?", chiede con cautela, l'ultima cosa che vuole è che la sua amica la veda come una pazza.

"Sono disperato, farei qualsiasi cosa a questo punto, non abbiamo niente da mangiare", la frustrazione era quasi palpabile in ogni parola.

Eleanor prende fiato e cerca le parole giuste da dire all'amica. È l'espressione di disperazione sul suo volto a convincerla.

"Mia cugina ha guadagnato i suoi soldi facendo la madre surrogata, ha avuto una gravidanza surrogata", sottolinea la parola "soldi" per renderla più attraente per Arya. L'amica la guarda incredula e persino disgustata: "I genitori del bambino hanno pagato tutto, cibo, visite mediche, terapia prenatale, viaggi, tutto, oltre a quella cifra. Con quella cifra potresti superare l'ultimo anno di scuola".

"Eleanor, sono all'ultimo anno, pensi che farei un figlio solo per avere dei soldi? È una cosa assurda sotto tanti punti di vista".

Arya si alza in piedi sentendosi insultata perché quando ha detto (qualunque cosa fosse) intendeva cose legali.

"Non sarebbe tuo..." chiarisce l'amica dal suo posto, mentre raccoglie tutto, "presteresti solo il tuo grembo per la gestazione del bambino. L'ovulo è già fecondato".

"Se so qual è l'iter, ti ricordo che abbiamo frequentato la facoltà di medicina", dice alzando la voce, "Ma ti immagini dover passare l'ultimo anno di gravidanza? È una follia.

"Beh, ti stavo solo dando la possibilità di scegliere", dice Eleanor, alzandosi e avvicinandosi all'amica, "so che stai passando un periodo difficile, ho visto che non mangi e che sei magra e so che hai problemi a casa e davvero se potessi ti aiuterei di più".

"Lo so e vi ringrazio per il vostro buon cuore, ma devo poter fare qualcosa, ci penserò e troverò un'altra soluzione", risolve senza la certezza che sia così.

Dopo averne parlato ancora un po', Eleanor torna a casa, lasciando l'argomento nella mente di Arya. Poi si ricorda della sua borsa di studio, quella che le avrebbe permesso di pagare il semestre, i soldi per la madre e il passaggio all'estero.

(Forse basterà per coprire le spese della mamma, il resto può aspettare, non è la fine del mondo) pensa tra sé e sé mentre esce dalla clinica alla ricerca del bancomat più vicino.

Aveva messo da parte solo dieci dollari per pagare le medicine della madre e il resto era in magazzino. Inserisce la password e poi si rende conto.

Sente il cuore che salta e le lacrime scendono lentamente quando vede il suo conto a zero. Tutto quello che aveva le è stato rubato.

"Com'è possibile?", chiede senza dire nulla.