Libreria
Italiano

Legato a una mafia

216.0K · Completato
Roxy
112
CapitolI
136.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Tre libri in un unico set. Liliana Ricci Crescere a New York come figlia del leader della mafia ha i suoi vantaggi. Non sono mai cresciuta desiderando qualcosa con valore monetario, non ho mai avuto fame o sete e ho sempre avuto un letto in cui dormire. Quello che cercavo era compagnia, amore, libertà. Mio padre ha organizzato il mio matrimonio con una delle famiglie più spietate, Antonio Moretti, famoso per essere freddo e calcolare. È il capotasto più recente dell’equipaggiamento della mafia a Chicago a causa della morte di suo padre. Il corredo è indebolito dal Bratva e mio padre pensa che questo matrimonio ci aiuterà a mantenere i nostri legami. Non sono altro che un affare. Ho sentito dire e storie di Antonio Morretti che mi spaventano al cuore. Non sono pronta a rinunciare alla mia innocenza, non sono pronta a essere costretto in un matrimonio meraviglioso come tutte le donne abbastanza sfortunate da nascere in questa vita. Antonio Morretti Il Bratva ha ucciso mio padre insieme ad altri diciotto in missione. Una missione che avrei dovuto fare con mio fratello minore. Ora sono il capotasto legittimo del vestito. Non è la prima volta negli ultimi mesi che Bratva attacca e massacra i miei soldati, ci deve essere un topo. L’unico modo per vendicarmi è se ho l’aiuto di New York. Marco Ricci offre una buona maggioranza dei suoi uomini in cambio del fatto che sposo la sua figlia di nove anni, Liliana. Non mi sono mai visto come il tipo sposato o il tipo padre, ma conosco la descrizione del lavoro e quello che ci si aspetta da me. Sono d’accordo sul matrimonio perché ho bisogno degli uomini. Uno guarda negli occhi azzurri e già mi sento... strano. È accattivante, è innocente, ma è diversa da tutte le altre donne che ho incontrato. Lei è debole e riservata e non si fischia contro di me come sono abituato a fare. Mi rifiuto di avvicinarmi a lei. La vicinanza è debolezza. Questo libro presenta situazioni e lingue adulte ed è raccomandato ai lettori di età pari o superiore a 18 anni.

MiliardarioCEOMafiaMatrimonio18+AmoreRomanticoDominanteFelicitàBadboy

1

Liliana

«Andiamo a Chicago», dice mio padre mentre riattacca.

"Quello che è successo?" Mio fratello maggiore, chiede Luca. Le rughe sulla sua fronte sono ben visibili.

“Lorenzo Moretti è morto”, si pizzica il ponte del naso. «Anche diciotto dei suoi uomini.»

Scambio sguardi con mia madre. Sembra sempre così spaventata e preoccupata. Sapevo che stavano avanzando e che la guerra tra mafia e Bratva stava aumentando, ma non avrei mai pensato che il Capo del Chicago Outfit sarebbe morto. Non mi sarei mai aspettata di sentire quelle parole. Lorenzo era l'uomo più potente e rispettabile della mafia. Pensavo fosse indistruttibile. Immagino che dimostri quanto sono ingenuo. Entrambi i miei fratelli maggiori sono Made Men, Luca è l'erede di mio padre, sarà il prossimo capo della mafia di New York. Sono nata in questa vita, ma mio padre ha fatto del suo meglio per proteggermi dai suoi orrori.

Non sto dicendo che la mia vita sia perfetta, sì: vivo in una villa, abbiamo molti soldi e siamo una famiglia potente, ma come figlia di un capo non ho libertà. Ho solo un'amica, anche lei fa parte di questo stile di vita. L'anno scorso mi sono diplomata in un liceo cattolico privato per sole ragazze. La mia virtù, secondo la tradizione, ha bisogno di protezione ad ogni costo. Nessun ragazzo o uomo può avvicinarsi a me senza una scorta presente. Mio padre mi prometterà di ottenere il miglior vantaggio politico, così gliel'ho sentito dire una volta.

Sono contenta che a diciannove anni non sia ancora stata promessa a nessuno, mio padre mi ha parlato della possibilità di lasciarmi andare al college. È tutto quello che ho sempre desiderato, laurearmi in Storia dell'Arte e magari lavorare in un museo un giorno. Il Metropolitan sarebbe il mio ultimo lavoro da sogno.

"Andiamo. Facciamo le valigie.", ci congeda mio padre.

Luca, Angelo e io andiamo di sopra e giù per il corridoio e nelle nostre stanze individuali per fare le valigie. Afferro il mio vestito nero, modesto a differenza dei miei abiti da cocktail che indosso per le riunioni sociali. Ho sempre amato Chicago, ci sono andata solo una manciata di volte quando papà ci ha portato quando aveva riunioni o affari a cui partecipare. Anche se non mi è stato permesso di lasciare l'attico che abbiamo lì, abbiamo una vista incredibile. Fantastico di vagare per le strade e andare nei musei dove incontrerò il mio unico vero amore. Entrambi ammireremo un dipinto di...

"Prepara dei bei vestiti", dice mia madre dalla soglia. Sembra che abbia pianto, i suoi occhi sono iniettati di sangue. Mio padre deve averle urlato di nuovo.

“Ho messo in valigia il mio vestito nero. Per quanto tempo rimarremo così so quanti vestiti devo effettivamente portare.

"Non intendo il tuo vestito nero, porta alcuni dei tuoi vestiti migliori."

"Perché? Andremo a un funerale» aggrotto le sopracciglia.

"Parteciperemo ad alcuni incontri sociali lì..."

«Non fare domande a tua madre. Porta il vestito rosso e un altro», il padre sembra distratto. "Preparati tra venti minuti, partiamo stasera." Scompare nel corridoio e nella stanza di mio fratello dall'altra parte del corridoio.

***

Sul nostro aereo privato, mi siedo accanto ad Angelo mentre Luca parla di affari con papà e mamma dorme. Angelo sembra nervoso, scuote la gamba e giocherella con i pollici. Angelo è sempre stato il fratello più bello, le ragazze della mia classe lo adoravano sempre. Anche se era l'unica scuola femminile, avevano più libertà di me. Le ragazze della mia classe devono andare alle feste ed è lì che hanno visto Angelo. Sfortunatamente ho sentito molte storie imbarazzanti che una sorella non dovrebbe sentire su suo fratello.

Angelo, come me, ha i capelli biondo oro e gli occhi azzurri. La sua pelle abbronzata, i denti bianchi e l'alta statura fanno sbavare tutte le ragazze. Luca invece con i capelli castano scuro e gli occhi castani è bello, ma i suoi lineamenti freddi spaventano a morte tutti. Divenne un uomo artificiale a tredici anni, Angelo un uomo artificiale a quindici: che delusione per mio padre, ma tutto quello che poteva dire era grazie a Dio che Angelo non era il suo erede. Lui è il ricambio, e Angelo si è sempre arrabbiato a sentirsi pensato così.

"Cosa c'è che non va?" Chiedo a lui.

“Sai cosa significa la morte di Lorenzo e dei suoi uomini migliori?”

Scuoto la testa.

“Significa che Chicago è debole al momento. Avranno bisogno di soldati perché i russi colpiranno sicuramente ancora. Dopo il funerale alcuni degli uomini di papà rimarranno per aiutarli a combattere.»

“E tu rimani,” cerco i suoi occhi che ora guardano fuori dal finestrino dell'aereo. La sua mascella ticchetta.

"SÌ. Resto a combattere.

Non vuole, so che non vuole. Angelo non è un combattente, fingerà di essere il freddo assassino che papà si aspetta da lui, ma proprio come me, non vuole far parte di questo stile di vita.

Incrocio le braccia sul petto strofinandomi le braccia per il freddo che ho nell'aria condizionata dell'aereo. I miei seni non sono piccoli, ma nemmeno grandi, mi è sempre piaciuto il loro aspetto normale. L'unica cosa di cui mi sentivo a disagio era la mia figura. Mi sento come un bastoncino, non ho fianchi, né sedere, per non parlare del fatto che sono bassa, poco più di un metro e mezzo. Lo compenso con i miei folti capelli biondi ondulati che mi scendono sulle spalle, la lunghezza che termina vicino all'ombelico. Mi sono sempre vantato degli occhi, sono la mia arma segreta. Luminosi occhi azzurri con lunghe ciglia scure che sembravano ancora più lunghe solo con il mascara. Le lentiggini occasionali sono sparse sul mio naso e sulle mie guance, non sono mai stata una loro fan, ma Gia, la mia migliore amica, ha sempre detto quanto le ami. Ha detto che mi fa sembrare più carina, ma non voglio sembrare più carina. Voglio essere chiamata stupenda, calda, bella. Ho diciannove anni, non ho bisogno di essere definito carino come un bambino. Voglio più di ogni altra cosa non essere scambiata per una ragazzina, sono una donna.

***

Siamo atterrati a Chicago e abbiamo preso la macchina direttamente all'attico. Era appena passata la mezzanotte e mio padre mi portò a letto di corsa, probabilmente per parlare di affari con i miei fratelli.

Mi siedo sulle scale e invece orolino.

“Non mi piace,” dice Angelo.

“Non importa cosa ti piace. È ciò che gioverà alla mafia», abbaia mio padre a denti stretti.

"Dovresti lasciarla decidere!" Angelo continua a discutere.

“Non voglio sentire un'altra parola su questo. Imparerai qual è il tuo posto, Angelo! urla papà. “Vedi tuo fratello che si lamenta? No, perché sa che questa sarà un'unione benefica. Non ascolterò più litigi e non ci saranno più chiacchiere!”

Dopo qualche secondo che non parlo, sono sorpresa da Angelo che gira l'angolo con aria incazzata.

“Dovresti essere a letto. Vai", suona freddo e distante.

Annuisco con la testa e decido di non cacciarmi in ulteriori guai. Inoltre mi sto stancando.

Suo. Angelo disse: "lascia decidere a lei". Rimasi sveglio nella mia stanza fissando il soffitto cercando di decifrare chi fosse. Potrei essere io? Perché mio padre non dovrebbe dirmi quello che sta nascondendo?

Forse riguarda la mamma?

Mi sveglio al suono della mia sveglia che suona. Immagino di essere stata così esausta che sono svenuta. Non ricordo nemmeno di essermi addormentato. Ricordo però su cosa stavo riflettendo. Suo.

Scendo le scale ma mi fermo in cima quando vedo Luca seduto da solo a mangiare i cereali, mi stupisco che mamma non si sia alzata. Di solito si terrà occupata cucinando. Dato che c'è poco preavviso, la nostra cameriera e la cuoca non saranno all'attico, quindi in situazioni come questa la mamma cucinerà. Per colazione prepara sempre frittelle, uova e pancetta.

Mi giro e mi dirigo verso la stanza dei miei genitori per vedere se forse la mamma è malata. Mi fermo davanti alla porta e alzo la mano per bussare quando sento dei singhiozzi provenire dall'interno.

"Non voglio che lo faccia!" Mia madre piange.

“Riprenditi, Valentina! Sai che è suo dovere!

“Potrebbe dire di no! C'è ancora una possibilità!

“Non dirà di no alla mia offerta. Non quando il Vestito è stato indebolito in questo modo.

"Ma-"

"Basta piangere!" Il padre urla e la madre urla.

Corro via dalla porta e voglio piangere per essere stata una tale codarda. Sarei dovuta precipitarmi dentro e impedire a mio padre di picchiare mia madre. Avrei dovuto fermarlo così tante volte.

«Di nuovo intercettazioni?» Angelo mi picchietta sulla spalla da dietro.

"Mi hai spaventato a morte!" Tengo il mio cuore che batte veloce.

"Lasciala da sola. Non sono affari nostri."

“Non è vero? Non sono almeno affari miei?"

Angelo strinse i pugni.

Dovresti lasciarla decidere.

Io sono lei.

«So cosa stai pensando, che puoi salvare la mamma. Papà è molto più forte, farebbe del male anche a te se intralciassi i suoi affari. Lasciarlo andare."

"Non ti fa male sapere che nostra madre è il suo sacco da boxe personale!" Io urlo.

“Liliana. Vai a farti una doccia e inizia a prepararti. dice Luca dal fondo del corridoio. Sembra arrabbiato. "Angelo, una parola."

"Ma-"

“Basta così, Liliana! Devi smetterla di comportarti come un marmocchio ficcanaso. Angelo ha ragione, non sono affari tuoi», ringhia Luca. Mi lancia uno sguardo di avvertimento come per dire che mi sfida a rispondergli. Stringo le labbra in una linea sottile e le oltrepasso per andare nella mia stanza.

Inizio la doccia nel mio bagno privato e raccolgo i vestiti che indosserò al funerale. L'ultima volta che ho visto la famiglia Moretti è stato quando avevo sedici anni. Lorenzo da quel che ricordo ha due figli, Antonio e Rocco. Entrambi erano più grandi, Antonio ha più o meno l'età di Luca a venticinque anni e Rocco solo qualche anno in meno. Non mi hanno mai prestato molta attenzione considerando che all'epoca ero solo una stupida adolescente per loro e loro erano adulti sulla ventina.

I fratelli Moretti avevano appena perso la madre tre anni fa, da quanto ho sentito era malata di cancro. Deve essere difficile perdere l'ultimo dei loro genitori, ma poi di nuovo se il loro padre fosse come il mio...

Ho fame quando finisco di prepararmi. I miei capelli biondi sono raccolti in una coda di cavallo bassa, il mio trucco minimo con solo il mascara. Il mio vestito nero mi cade sulle ginocchia, le maniche sono a tre quarti e la scollatura arriva alle clavicole. Le mie ballerine sono semplici e nere, niente di me sembra squisito, sembro noiosa e desolata. A parte i miei vibranti capelli dorati e gli occhi di un colore blu così penetrante che potresti distinguerli da lontano.

Al piano di sotto sembra che tutti mi stiano aspettando. Tutti già vestiti di nero e con facce stoiche.

"Ti dispiace se prendo qualcosa da mangiare?" Mi dirigo verso la dispensa.

“Sì, mi dispiace. Ce ne stiamo andando. Ora." Dice papà uscendo dalla porta e gli altri lo seguono.

Crollando le spalle e fantasticando sul cibo, gemo e mio padre mi lancia uno sguardo cupo sfidandomi a lamentarmi di nuovo.

“Avresti potuto mangiare qualcosa se non avessi passato la mattinata ad ascoltare cose che non sono affari tuoi,” dice Luca prima di chinare la testa per salire in macchina. Volevo rimproverarlo, ma non esiste un punto in cui so che mio padre si schiererà dalla sua parte in qualsiasi battaglia.

***

La chiesa è enorme, è la chiesa in cui si sono sposati i miei nonni. Mia madre è originaria del Chicago Outfit, suo padre era consigliere e l'ha sposata con il figlio del capo di New York, Domenico, mio padre.

Mio padre è andato direttamente dai fratelli Moretti e ha espresso le sue condoglianze. Rocco mi guardò sbalordito mentre mio padre sussurrava qualcosa all'orecchio del nuovo Outfit Capo. Le sopracciglia di Antonio si aggrottano e poi il suo viso diventa vuoto. Annuisce semplicemente con la testa.

"Luca, Angelo, che piacere rivedervi" dice Rocco.

Angelo lo stringe in un abbraccio e gli dà una pacca sulla schiena. “Mi dispiace per tuo padre. Sembra che rimarrò più a lungo della durata del resto della mia famiglia per aiutare."

“Sei un bravo soldato, siamo stati contenti di trattenerti temporaneamente,” annuisce Rocco. Abbassa lo sguardo su di me. "Liliana, è passato tanto tempo."

"Tre anni," deglutisco improvvisamente nervoso.

"Così è stato."

“Vieni, sediamoci”. Papà mi allontana dallo sguardo persistente di Rocco.

Ci sediamo nella fila direttamente dietro i fratelli. Ascoltare il prete era duro, soprattutto quando Antonio e Rocco bisbigliavano tra loro e avrei giurato che mi guardassero con la coda dell'occhio. Mi agito a disagio sperando che sia solo la mia immaginazione.

Il resto del servizio sembrò andare veloce e all'improvviso mi ritrovai a guardarli calare la bara di Lorenzo nel terreno. Ci sono donne che piangono e alcuni uomini che piangono anche, ma quando guardo Antonio e Rocco i loro volti sono di pietra. Antonio come nuovo boss della mafia non può mostrare alcuna debolezza ai suoi uomini, piangere è una debolezza e una parte di me si chiede quanto fosse triste davvero. Voglio dire, da un corso di psicologia che ho seguito al liceo abbiamo imparato che reprimersi fa male.

Quindi chi sarei diventata, la sua terapista?

Il tempo piovoso di Chicago era adatto al funerale, io ero accanto a mio padre e lui sollevava l'ombrello per coprirci entrambi. Mio padre non mi ha detto due parole oggi da prima che lasciassimo l'attico. Ormai sto morendo di fame. Il mio stomaco brontola e prego che nessuno possa sentire. Mio padre mi batterebbe la prossima settimana se lo metto in imbarazzo.

***

Il raduno dopo il funerale si è tenuto a casa degli zii di Antonio e Rocco. Questo per garantire privacy e sicurezza al nuovo Capo, proprio come a New York, solo pochi eletti degli uomini di mio padre sanno dove andremo. Se c'è un traditore tra di noi, cosa che c'è stata in passato, allora probabilmente saremmo morti o trasferiti in un nuovo luogo segreto. I cugini dei fratelli Moretti piangono tutti e Rocco conforta la zia mentre Antonio non si trova da nessuna parte. Nemmeno mio padre.

Vago per i corridoi alla ricerca dei due. Sono sorpresa quando escono da una stanza e mi incontrano.

“Liliana Mia Ricci! Che diavolo ti ho detto sulle intercettazioni!" dice mio padre con le mani serrate a pugno.

“Stavo solo, uh, cercando il bagno. Non ho sentito niente. Odio come mi rannicchio."

“Va tutto bene, Domenico. Posso stare un momento da solo con lei?" Chiede Antonio.

Mio padre sembra un po' meno arrabbiato e compiace il nuovo Capo. Mio padre non mi fa mai entrare in una stanza da sola con un uomo.

Cosa diavolo sta pensando?

Antonio mi mette una mano sulla schiena e mi conduce in una delle camere da letto. Chiude la porta e mi fissa.

Dopo un momento di imbarazzante silenzio, decido di parlare. "Cosa vuoi?" La mia voce trema.

"Sei spaventata?"

Discuto sulla menzogna, ma so meglio che mentire a un uomo al potere. Se Antonio lo dicesse a mio padre, sarei in disgrazia e avrei una punizione da aspettarmi. "SÌ."

"Bene. Tu dovresti essere." Cammina.

Perché sta camminando? Mi rende solo più nervoso. Mi ucciderà? Papà alla fine si è stufato di me e ora si sta sbarazzando di me? La sua unica figlia?

“Posso tornare fuori, ho davvero fame. Non ho mangiato tutto il giorno.

“No,” Antonio fa un passo verso di me. "Sai di cosa stavamo discutendo io e tuo padre?" Scuoto la testa. «Stavamo parlando di come, come nuovo Capo, dovrei apparire più maturo ai miei uomini, e che dal momento che la Famiglia a New York sta aiutando l'Outfit, tuo padre crede che ci sia un modo per ripagarlo della sua generosità. Crede che un'unione assicurerà la pace tra l'Outfit e New York.

"Unione?" Sento che le mie gambe si indeboliscono.

Non dirlo. Non dirlo. Non dirlo.

“Dobbiamo sposarci. Annunceremo il nostro fidanzamento alla fine della settimana e ci sposeremo il mese prossimo”.

La mia vista si oscura e l'ultima cosa che vedo prima di toccare terra è Antonio che corre verso di me.

***

"Non ha mangiato tutto il giorno!" Riesco a distinguere Angelo che urla.

"Ogni giorno mi mette in imbarazzo!" Il padre ringhia.

Apro gli occhi e con sorpresa vedo Antonio a lato del letto che incombe su di me. "Stai bene?"

Annuisco con la testa. "Sì. Ho fame e sete, tutto qui.

“Ecco, ti ho portato delle merendine dal piano di sotto,” Angelo sostituisce Antonio porgendomi un piatto di crackers, formaggio e salame piccante. Quando alzo lo sguardo e scruto la stanza, Antonio non c'è più.

"Sono io..." mi schiarisco la gola quando diventa rauca. “Sposo davvero Antonio?”

Angelo sospira ancora una volta sconvolto. Luca guarda papà che annuisce. "SÌ. Non tornerai a New York. Resterai nell'attico con Angelo, e una delle guardie del corpo di Antonio non lascerà il tuo fianco. Quando tornerò a New York chiederò a qualcuno di spedire tutta la tua roba.»

“Ma non voglio lasciare New York,” piango, “voglio frequentare la NYU e lavorare al Met! Per favore, non farmi fare questo!

Papà mi schiaffeggia forte in faccia. "Abbastanza! Farai come ti è stato detto! Si precipita fuori dalla stanza. Chiama dal corridoio: "Non farla tornare di sotto finché voi due non siete sicuri che non mi metterà ulteriormente in imbarazzo!"

Piango tra le mani e Angelo si siede sul letto accanto a me. Mi lancia uno sguardo pietoso e mi alza un bicchiere d'acqua da bere.

"Per favore, non vogliamo che tu svenga di nuovo."

«Non puoi lasciare che papà mi faccia questo», singhiozzo e respingo l'acqua.

“Dovresti essere onorato di sposare l'uomo più potente della Compagnia,” dice Luca a denti stretti. “Bevi quella dannata acqua, idratati così possiamo tornare. Sono stanco di farti da babysitter.

"Come puoi dirlo? È nostra sorella!» Angelo sostiene.

“Papà ha ragione, è ora che imparate entrambi a stare al vostro posto. L'unico motivo per cui i Made Men hanno figlie è per darle via, e il motivo per cui hanno figli è per farne dei soldati! Luca infila il dito nel petto di Angelo.

“Ha diciannove anni, ha dei sogni! I suoi sogni vanno a puttane quando sposa Antonio. Diventerà nient'altro che un mezzo per dargli un erede, pensi che sia un onore?!”

«Ancora una parola e ti metto una fottuta pallottola in mezzo agli occhi», avverte Luca, indugia, poi se ne va quando Angelo ha zitto per sempre.

"Per favore, smettila di litigare con lui, grazie per avermi difeso, ma è inutile." Mi asciugo una lacrima che mi scende lungo la guancia e finalmente bevo il bicchiere d'acqua per un lungo sorso.

"Vedrò se c'è qualcos'altro che posso fare—"

"NO. Io... posso sposarlo. Non sarà poi così male, almeno non è vecchio, grasso e brutto,” singhiozzo una risata e finisco per singhiozzare ancora più forte.

Angelo mi avvolge tra le braccia e mi stringe forte. “Vedrò se riesco a rimanere nel Completo per sempre, così posso stare con te. Avrai bisogno di qualcuno che si prenda cura di te.

“Mio padre non accetterà mai... ma sarebbe bello averti qui. Non ti sentirai così solo,” tiro su col naso.

***

Al piano di sotto c'è un silenzio inquietante, a parte qualche singhiozzo straniato proveniente dai cugini di Antonio. Mi guardo intorno, i miei occhi catturano il mio futuro marito, mi alza il drink e beve un sorso. Posa il bicchiere e se ne va con un'aria davvero incazzata. Deglutisco, ma nessuno sembra più arrabbiato di mio padre e di Luca.

“Sembra che diventeremo suoceri,” dice Rocco accanto a me, una bevanda alcolica tra le mani.

"Sai?"

Sbuffa. "Certo che lo so. Sai che speravo di aver ricevuto l'onore di sposarti,” si morde il labbro inferiore in modo seducente.

Il mio cuore batte fuori dal suo petto. "Bene, mio padre vuole la migliore unione possibile e quella sarebbe con il nuovo Capo."

Rocco beve un sorso del suo drink e me lo offre.

«Non sono legale» scuoto la testa. Papà mi proibisca di toccare alcol che non sia il vino che beviamo sempre a cena.

“Esatto,” ridacchia Rocco. “Dimmi, Liliana, sei ancora vergine? Giusto?"

Un rossore si insinua sulle mie guance. "Questa è una domanda molto inappropriata."

"Beh visto che mio padre non è qui per interrogarti e vedere se sei giusto per mio fratello..."

“Vedere se ho ragione? Intendi solo se ho ancora la mia virtù! Stringo i pugni.

"Esatto", un sorriso malizioso si allarga sul suo viso. "O dovrei controllare se stai mentendo."

"Non farai niente del genere!" La mia faccia non potrebbe essere più rossa.

Rocco inclina la testa all'indietro e ride. Stava solo scherzando.

Voglio andarmene, voglio tornare a New York. Non avrei mai pensato che sarei arrivato a odiare Chicago.

***

"No", papà sceglie il vestito più rivelatore che ho portato con me. “Indosserai questo, lascia i capelli lunghi e ricci. Fatti aiutare da tua madre con il trucco. Oh, e indossa i tuoi tacchi più alti.

Mi sento una ricca prostituta, i vestiti sono costosi, ma mi fanno sentire scadente. I miei seni sono sollevati e penzolano dal mio vestito rosso cremisi scollato. La mamma usava troppo mascara, ombretto troppo scuro e rossetto troppo rosso. I tacchi neri sono a malapena calpestabili, mi danno almeno quattro pollici rendendomi solo un'altezza media. Papà mi dice sempre che agli uomini piacciono le ragazze alte con le gambe lunghe, anche con i tacchi non posso essere una ragazza alta, solo nella media.

E la media non ti fa risaltare.

"Sei bellissima", la mamma batte le mani e ricomincia a piangere per la terza volta da quando mi sono truccata.

Guardandomi allo specchio, a parte lo scadente, mi sento bellissima. I miei capelli biondo miele sono ricci e sembrano morbidi e folti. I miei occhi azzurri sembrano così pallidi da essere del colore degli iceberg. Il vestito rosso sta bene in contrasto con il colore della mia pelle e dei miei capelli.

«Partiamo subito dopo la festa. Angelo si prenderà cura di te e Antonio avrà qui la sua guardia del corpo. Sarai al sicuro, chiama quando puoi. La mamma mi bacia la tempia.

"Abbi cura di te, mamma." La abbraccio velocemente.

Papà ei miei fratelli indossano i loro migliori completi blu scuro, tutti con cravatte di colore diverso. Mio padre indossava sempre una cravatta blu che si abbinasse ai suoi occhi. Luca, vestito di rosso, e Angelo, viola. La mamma indossava un vestito rosa chiaro che papà l'avrebbe rimproverata in seguito: il rosa la fa sempre sembrare arrossata e lui diceva sempre quanto fosse brutta. Anche se è il suo colore preferito.

Le mie mani sudano per tutto il viaggio fino alla villa, l'altra zia di Antonio ha deciso che la sua casa è abbastanza grande per una festa del genere e ha ragione. È grande quasi quanto la villa che abbiamo a New York City, quella in cui non vivrò mai più. Angelo mi prende discretamente la mano tra le sue e passa il pollice sulle mie nocche dicendomi silenziosamente che andrà tutto bene. Ma non lo farà. Sto per sposare un uomo che non amo né conosco.

La famiglia Moretti ci accoglie nel foyer, siamo elegantemente in ritardo, quindi gli ospiti sono già arrivati e hanno cominciato a mescolarsi tra loro.

La zia Cordelia di Antonio mi abbraccia e mi guarda: “È proprio carina. Davvero molto carino."

Mi sento come un pezzo di carne che stanno ispezionando.

“Cognata,” Rocco mi stringe in un abbraccio. “Sei incantevole,” mi sussurra all'orecchio.

Con i tacchi gli arrivo solo al petto, forse è alto 6 piedi e due, e Antonio ha sicuramente due pollici sul fratellino. Entrambi sembrano così simili, entrambi hanno i capelli castano scuro e gli occhi scuri, Rocco ha il viso più rotondo mentre suo fratello ha lineamenti più affilati. Rocco ha anche una voglia sul mento dove Antonio ha una cicatrice sulla guancia. Entrambi i fratelli sono teneramente belli, ma entrambi mi spaventano a morte. Beh, Rocco non tanto, sembra un burlone, ma non lo conosco abbastanza bene per dire che è innocuo. Voglio dire, è un Made Man e consigliere dell'Outfit.

“Il tuo fidanzato è nell'altra stanza,” sussurra Rocco e mi spinge leggermente in direzione di Antonio.

Quando entro nel soggiorno, tutti smettono di parlare per fissarmi. Le ragazze sembrano amaramente gelose e gli uomini sono caduti a bocca aperta. Guardo Antonio che si sente incredibilmente nervoso. Indossa un abito nero con una cravatta rossa: è una coincidenza che stiamo abbinando? La sua mascella ticchetta mentre i suoi occhi scrutano il mio corpo. Si avvicina a me e comincio a sentirmi mansueto. Devo alzare la testa per guardarlo in faccia. È estremamente alto e muscoloso, comincio a immaginare come sembra senza camicia.

Ininterrotto.

Guardo le sue scarpe nere lucide. “Buon pomeriggio, signor Moretti.”

"Vieni. Ho qualcosa da farti vedere."

Per favore, non essere sessuale.

Mi trascina di sopra finché non sentiamo più parlare la folla. Apre la giacca del completo e fruga nella tasca. Sussulto, ma quello che tira fuori è una scatola di velluto nero. Lo apre e rivela un grande anello di diamanti, il modo in cui brillava mi diceva che era stupidamente costoso.

«Non avresti dovuto» dico con il fiato in gola.

"Sei la mia fidanzata e la mia fidanzata ha bisogno di un anello."

"Ma non così costoso", ho paura di toccarlo.

Scuote la testa. "Solo il meglio."

“Ma perché, non mi conosci nemmeno. Questo è troppo gentile.

Antonio ridacchia piano. “Non sono gentile. Questo anello deve dimostrare che sono ricco e potente. Non scambiarmi per un brav'uomo, Liliana. Mi afferra la mano sinistra e mi infila l'anello al dito.

Sembra così bello. Ho sempre pensato che questo momento sarei stato io a piangere lacrime di gioia mentre saltavo tra le braccia del mio fidanzato e lo baciavo.

Bacialo. Sono fidanzata e ancora non ho mai dato il mio primo bacio!

"Ora, sei pronta per fare il nostro annuncio ai nostri ospiti?"

“Pronta come non lo sarò mai,” respiro affannosamente in preda al panico.

Antonio semplicemente mi prende le mani e mi accompagna al piano di sotto dove i nostri ospiti sono sorpresi dalla nostra mano che ci tiene.

“Benvenuti a tutti, grazie per la vostra presenza, sono sicuro che stavate aspettando di sentire la notizia. Come tutti sapete, ho preso il posto di mio padre come Capo dell'Armata, siamo forti, ma abbiamo perso la maggior parte dei migliori soldati di mio padre e mio padre stesso. New York è stata gentile con noi e con la mia gratitudine e il mio onore, sposerò Liliana Ricci”, mi alza leggermente la mano per mostrare l'anello di fidanzamento. Le donne restano a bocca aperta e so che nelle loro menti vorrebbero essere me. Lo desidero anch'io. «So che il preavviso è breve, ma il matrimonio sarà tra una settimana. Gli inviti dovrebbero essere consegnati a tutti voi entro domani. Speriamo di vedervi presenti.” Antonio china la testa e si volta verso di me mentre la folla applaude e parla fra sé ad alta voce.

"Sei andata a comprare abiti da sposa?"

"NO-"

"Mia cugina, Arabella, ti accompagnerà domani."

"Va bene ma..."

“La tua guardia del corpo, uno dei miei migliori e più fidati soldati, Carmelo, ti sorveglierà fino alla nostra prima notte di nozze. Confido che anche tua madre ti abbia detto cosa ci si aspetta da te.»

"Vuoi dire la nostra prima notte di nozze?"

"SÌ."

Mentre io provo imbarazzo e una sfumatura di trepidazione, Antonio sembra stoico e freddo. Non sembra avere alcun interesse a parlare con me a livello personale. Sono tutti affari.

“Penso di sì, ma non... non dobbiamo. Giusto?" La speranza riempie i miei occhi.

Scuote la testa. “È tradizione. Se hai bisogno di qualcosa, Carmelo te lo procura”. Proprio così Antonio se n'è andato e Carmelo lo sostituisce ma si tiene a distanza.

Solo in mezzo all'atrio, non mi sono mai sentita così sconfitta. La mia vita non è più mia e sarò schiavo del nuovo capo dell'outfit. Costretta a vivere nella miseria, proprio come mia madre.

Quando avevo sei anni ho pianto con mia madre chiedendole perché mio padre mi odiasse e la sua semplice risposta mi è rimasta impressa per tutti questi anni.

Non è che ti odia, lui è Capo, non riesce ad amare negli affari. È debolezza, amarti lo metterebbe in pericolo.

Nemmeno mio padre ha mai amato mia madre: se l'avesse fatto, sarebbe stata usata come mezzo per ferire mio padre. Ora sono destinato a vivere una vita sposata con un uomo incapace di amare chiunque o qualsiasi cosa tranne gli affari. Il mio dovere come sua moglie sarà quello di allargare le gambe e dargli un erede e una riserva.

Dio mi proibisce di concepire una figlia, così non dovrà mai vivere come sono costretta a vivere io.