Libreria
Italiano

L'amante assunta dal CEO

119.0K · Completato
Iraya Baute
89
CapitolI
22.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Hanna Müller è un'attraente studentessa di medicina che si prende cura della sorella Mia, di otto anni, la quale, dopo la morte della madre avvenuta due anni prima, è la sua unica famiglia, il suo tutto. Per mantenere entrambi, Hanna studia medicina durante il giorno, ma di notte lavora come escort in un'agenzia per uomini milionari. Una delle sue regole è che non deve avere rapporti sessuali con i suoi clienti, e ha un fidanzato. Roy William Miller, invece, è l'amministratore delegato, dopo che il padre, Norman Miller, è andato in pensione l'anno precedente. È lui a dirigere il Gruppo Miller, anche se condivide le sue quote con i fratelli e le sorelle, tra cui la gemella Alian. Il motivo per cui si è trasferito nella sede londinese di Miller è che voleva stare vicino a sua sorella, dato che non si fidava del marito, che non gli era mai piaciuto. Una notte scopre il cognato con un'altra donna, una donna attraente e desiderabile che suscita il suo interesse, proprio come lei. Anche se quest'ultimo si aggrava quando scopre che questa bellezza è solo una escort, una donna che si vende per denaro. Ma nello stesso momento accadono tre cose che cambiano tutto. Innanzitutto, Mia, la sorella di Hanna, subisce un incidente che richiede un'operazione e una lunga riabilitazione. Infine, Roy la salva dagli abusi di alcuni suoi clienti, che però la fanno licenziare. Non le resta che accettare la proposta del sanguinario amministratore delegato di diventare la sua amante per un anno, senza alcuna restrizione se non quella di innamorarsi. Cosa succederà? Venite a leggere una delle storie dei gemelli del mio romanzo d'esordio. "La notte in cui sei diventata la madre dei miei figli".

MiliardarioCEOTriangolo AmorosoTradimentoAmorePassione18+Divertente

Prologo

Hanna Müler.

Mi precipitai fuori dall'ospedale, dove stavo svolgendo il tirocinio dell'ultimo anno prima della specializzazione. Di solito sono una persona molto previdente, mi piace gestire il mio tempo, soprattutto per Mia, la mia sorellina di otto anni, ma questa volta Madame Flynn Lee non mi ha dato quasi il tempo di prepararmi.

A quanto pare stasera abbiamo avuto un servizio urgente, diversi milionari erano venuti in città per una convention alberghiera e avevano bisogno di compagnia per partecipare a diversi eventi. Avrebbe dovuto riposare questo fine settimana, ma a quanto pare non era così.

Guardai l'orologio al polso, avevo ancora due ore per arrivare a casa, dare da mangiare a Mia, dire alla signora Hollman che sarebbe rimasta con mia sorella ieri sera, e prepararmi per essere abbastanza attraente da partecipare alla convention che si sarebbe tenuta al Miller Continental Grand Hotel; era un bene che Beatriz venisse a prendermi, altrimenti non sapevo dove avrei trovato il tempo.

Ci avevano chiamato dieci dei migliori accompagnatori della mia società W.S Company, che si dividevano tra accompagnatori per signore e accompagnatori per signori. Era una società totalmente legale, offrivamo servizi di escort uomini o donne, tate o babysitter, signore o signori di servizio, organizzatori di eventi e qualsiasi altra cosa che potesse rendere più facile la vita di milionari, milionarie, uomini d'affari, donne d'affari, uomini single, donne single, uomini sposati, donne sposate, o vedove, vedovi, vedove.

Le regole della W.S. Company erano molto chiare: non si trattava di una società di accompagnatori per signore e signori, dove i servizi più particolari, come le relazioni sessuali, erano severamente vietati, ma semplicemente di una società di servizi. Era anche vietato rivelare i segreti dei clienti o entrare in qualsiasi conflitto in cui il cliente sarebbe stato esposto, e soprattutto innamorarsi di un cliente.

Logicamente, il cliente doveva impegnarsi a rispettare alcune regole previste dal contratto, come comportarsi in modo educato e rispettoso nei confronti della escort, non fare regali che non fossero già previsti nel servizio che avevamo fornito, non innamorarsi della escort e, naturalmente, non diffondere cattiva pubblicità sulla società con cui aveva stipulato il contratto. Qualsiasi violazione di queste regole, sia da parte delle escort sia da parte del cliente che aveva richiesto il servizio, costituiva una violazione del contratto, con la conseguente sanzione pecuniaria prevista dal contratto o il licenziamento, a seconda dei casi.

In realtà, questo non era il lavoro dei miei sogni, stavo studiando medicina, mi mancava un anno e poi volevo specializzarmi in chirurgia generale, oltre a fare un tirocinio, che mi avrebbe dato abbastanza soldi per lasciare questo lavoro. Nel frattempo dovevo prendermi cura di mia sorella, dopo la morte dei nostri genitori due anni fa, in un incidente stradale multiplo, in cui sono morte molte persone.

I miei genitori erano genitori meravigliosi e veri e propri studiosi di medicina, mio padre era professore di medicina e si occupava di ricerca sul cancro, mia madre era un'eccellente pediatra, come medici erano eccellenti, ma come molti scienziati importanti, per tutto ciò che riguardava l'economia, la gestione finanziaria e il risparmio, erano un disastro totale. Nonostante i loro lauti stipendi, non erano affatto parsimoniosi. Non hanno mai pensato di fare provviste, in caso di futuro, o come in questo caso, dopo l'incidente stradale che ha tolto loro la vita, per il futuro delle loro figlie.

A sua discolpa dico che, fino a due anni fa, era una tipica studentessa di medicina, figlia di studiosi del settore, a cui interessava solo studiare e che il padre le dava tutto quello che chiedeva, amavo fare festa e divertirmi con le amiche, che condividevano il mio hobby nascosto, ma finirono tutte per sparire quando la mia famiglia cadde in disgrazia.

Quando i miei genitori morirono in quell'incidente, i creditori che fino a quel momento si erano accontentati di ricevere una cambiale a causa della grande fortuna che mio padre avrebbe guadagnato una volta terminati gli studi, mentre gli stipendi astronomici pagavano la casa e i lussi che io e mia sorella richiedevamo, chiesero la loro esecuzione e si abbatterono sui restanti beni della famiglia.

Dovetti vendere la grande villa che i miei genitori avevano acquistato, così come molti dei tesori e dei gioielli che io e mia madre possedevamo, per pagare il debito che mio padre aveva contratto.

Quando tutto finì, ci rimase abbastanza denaro per comprare un piccolo appartamento alla periferia di Londra, vicino alla mia università, in modo da poterci arrivare a piedi, visto che dovetti anche vendere la mia auto sportiva.

All'inizio pensai di abbandonare la laurea in medicina e di andare a lavorare per occuparmi di mia sorella, ma quando mancavano due mesi al pagamento delle tasse di iscrizione per il semestre successivo, uno dei miei compagni di corso mi parlò della W.S. Company. A quanto pare molti studenti universitari avevano lavorato per essa, usandola per pagarsi la laurea, dato che, tra lo stipendio e le mance che ricevevo per i clienti, ci si poteva permettere quel lusso.

Nonostante mi avesse parlato bene del lavoro, all'inizio rifiutai, pensavo che avrei dovuto fare altre cose per soldi, per il mio modo di pensare di allora, una escort era uguale a una prostituta o a un jineteo.

Ma questo era dovuto ai miei pregiudizi, niente di più sbagliato. Altre cause del mio primo rifiuto sono state il fatto che ho un fidanzato da quattro anni, è un uomo meraviglioso che è rimasto al mio fianco nonostante tutto quello che ho sofferto, è stato il primo e unico uomo con cui sono stata e non volevo nemmeno superare quel limite.

Ma come dice il proverbio, "il desiderio nasce dalla necessità", e quando le bollette si sono accumulate, le tasse scolastiche di mia sorella non potevano più essere rimandate e il semestre universitario si avvicinava rapidamente, ho deciso di fare un tentativo e di provare a risolvere il mio problema per qualche mese. Ma quando ho iniziato a lavorare e ad avere clienti regolari, mi sono resa conto che non era così male come pensavo. Tutti i miei clienti erano molto rispettosi e si attenevano alle regole dell'azienda, iniziai ad avere clienti regolari, che quando passavano per la città, richiedendo i miei servizi, stipulavano sempre il mio regalo precedente, che di solito era economico.

Inoltre, i guadagni di questo lavoro mi hanno aiutato a pagare gli studi miei e di mia sorella, così abbiamo potuto trasferirci in una casa più grande e migliore e vendere quella vecchia.

I soldi sono diventati pochi, ho iniziato a risparmiare e sono riuscito a comprare un'auto, pagandola in contanti.

Quando avrei iniziato il tirocinio l'anno prossimo, avrei lasciato questo lavoro, inoltre, fino ad ora, il mio ragazzo John non aveva mai scoperto in quasi due anni il lavoro che stavo facendo, pensavo che facessi dei turni extra all'ospedale per sostenere mia sorella, se tutto fosse andato bene, non credo che l'avrebbe mai scoperto.

Non è che non voglia dirgli la verità, il problema è che John proviene da una famiglia molto conservatrice, la famiglia Raddiffe, una famiglia molto nota nel settore alberghiero. Infatti, a causa di quello che è successo ai miei genitori, e perché era su tutti i giornali, dove si parlava di come la morte di uno dei migliori scienziati tedeschi, un'icona nella lotta contro il cancro, avesse portato alla bancarotta economica della famiglia.

Per questo motivo, io e John abbiamo dovuto fingere di aver interrotto la relazione, di fronte al rifiuto e all'opposizione della famiglia, soprattutto di sua madre, di continuare il nostro corteggiamento con una donna che aveva perso l'eredità.

La verità è che è stata una mia idea, volevo rendere più facile al mio ragazzo avere problemi con la madre, che avrebbero causato problemi alle sue aspirazioni. John era immerso in una lotta con i suoi fratelli maggiori per diventare presidente della catena alberghiera Raddiffe Blue, che il padre aveva lasciato dopo la sua morte per un arresto cardio respiratorio, ma era solo la madre ad avere l'ultima parola, così decisi di aiutarlo.

La mia migliore amica e collega in azienda, Beatriz Walker, mi disse: "Sei pronta?" Era una modella in ascesa, per pagarsi la carriera e per farsi pubblicità, visto che spesso c'erano eventi a cui partecipavano stilisti e persone di quel mondo.

"Ho messo i tacchi e basta, tra l'altro, questo vestito che avete scelto per me, non vi sembra molto scollato, se sospiro, la parte superiore del vestito scoppierà e io darò un vero spettacolo", mi lamentai con le mie amiche.

Bea era la responsabile dello shopping e degli abiti per le signore e i signori dell'azienda. Aveva un occhio clinico per la moda e lo stile, così ogni giorno ricevevo l'abito che dovevo indossare la sera in cui lavoravo, dovevo restituirlo pulito e senza strappi il giorno dopo, altrimenti mi sarebbe stato detratto dallo stipendio, e quello era anche il giorno in cui dovevo essere pagata per il servizio che avevo svolto la sera prima.

"Non lamentarti, Cappuccetto Rosso, è per far sì che il tuo lupo si senta a suo agio accanto a te e ti dia una buona mancia", disse il mio simpatico amico.

"Basta che sia una mancia e che tu non voglia mangiarmi", dissi prendendolo in giro anche io, che stupida che ero.

Purtroppo, avrei dovuto insistere di più per cambiare questo piccolo cappuccio perverso, perché, a causa di questo accidente e di un malinteso, la mia vita avrebbe iniziato a cambiare drasticamente, che lo volessi o meno.