Libreria
Italiano

L'alfa DANNA, regina dei lupi senza umanità

143.0K · Completato
Yun Leben
115
CapitolI
16.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Danna era una ragazza di 20 anni con una bellezza naturale e bellissimi occhi multicolori. Era dolce e tenera, cresciuta da una coppia di Omega, e la sua vita era tranquilla finché non incontrò il suo compagno. Eros era l'alfa del branco blu. A 30 anni, era un uomo arrogante, freddo e calcolatore. Aveva una fidanzata che non era la sua compagna, Lamia, una giovane alfa purosangue che doveva marchiare per essere la luna del branco e stringere alleanze. Il giorno della proclamazione di Eros a grande alfa degli alfa nelle pianure della punta meridionale dell'Alaska, un odore delizioso si diffuse nelle sue narici, mandandolo fuori controllo. Cercò la fonte finché non vide Danna; i loro sguardi si incontrarono ed Eros si infuriò alla vista del suo aspetto di omega. Lei, vedendo l'espressione dei suoi occhi, sapeva che la sua vita sarebbe stata miserabile da quel momento in poi. Danna fu portata nella villa dell'alfa, ed Eros non sapeva cosa fare con la sua compagna, perché, per il bene del branco, avrebbe dovuto avere al suo fianco una luna alfa dal sangue puro e non un debole omega. Lei divenne gelosa e lui cedette alla tentazione; passarono tre giorni pieni di passione ed Eros la marchiò. Un giorno, Danna fu accusata di aver fatto del male a Lamia; Eros, infuriato, decise di obbedire ai vecchi lupi; quella stessa notte marchiò Lamia. Danna provò un forte dolore al marchio, sembrava che la bruciasse, il dolore era insopportabile. Lì scoprì di essere stata tradita dal suo compagno. Lei, ferita, cercò di andarsene, ma lui la lasciò rinchiusa e pretese di averla come amante. Nel mezzo del suo dolore, scoprì di essere incinta e di avere dei nemici all'interno della villa. Una notte riuscì a fuggire, ma i lupi inseguitori la inseguirono senza sosta. Tuttavia, con l'aiuto della dea Selene, i lupi senza umanità la trovarono e la protessero, portandola nella regione più fredda del Paese. Altri lupi esiliati, rendendosi conto del potere di Danna sulle bestie selvatiche, la proclamarono regina e il suo regno portò prosperità alla terra. Nel frattempo, nelle terre del sud, una maledizione sembrava essere caduta su di loro. La fertilità svanì e gli alberi smisero di fiorire. Cinque anni dopo, iniziò la guerra terrestre con gli umani. Eurides, madre di Eros, cercò l'aiuto della grande regina delle terre del nord. Danna è tornata per vendicarsi delle persone che hanno reso la sua vita miserabile nel branco blu, mentre sua figlia Eos ha una missione affidatale dalla dea Selene. Cosa farà Eros per riavere la sua compagna? L'odio e il risentimento di Danna potrebbero distruggere il padre di sua figlia?

AlfaLicantropiVendettaMagiaOdioPassioneDominante

Capitolo 1

Danna vive in una capanna in mezzo alla foresta. È stata cresciuta in campagna da una coppia di Omega. I suoi genitori sono morti quando lei aveva 17 anni: suo padre è morto in battaglia e sua madre, non avendo alcun legame con il suo compagno, è morta di depressione.

Un giorno, Danna si recò al branco e la gente era in subbuglio per l'incoronazione del nuovo alfa degli alfa. Incuriosita, decise di rimanere a guardare l'evento.

Il consiglio degli anziani e gli alfa degli altri branchi erano seduti in attesa del nuovo alfa di alfa. Eros aveva assunto la carica di alfa del branco blu sei mesi fa, dopo la morte del padre in una battaglia per difendere le terre dell'Alaska meridionale.

Per scelta dei vecchi lupi del branco, Eros è stato nominato alfa degli alfa perché, come suo padre, era un guerriero e uno stratega in battaglia. Si era anche laureato nella migliore università degli Stati Uniti ed era tornato nel branco dopo la morte del padre.

Eros stava parlando alla gente dei suoi doveri nel branco e nella regione, quando un odore squisito gli arrivò disperatamente alle narici. Il suo lupo, Ercole, stava borbottando in modo incontrollato.

"È il mio compagno!"

Cercò la fonte del profumo finché non vide Danna. Anche lei era così e i loro sguardi si incontrarono. Danna era entusiasta di vedere quell'uomo alto, forte e con gli occhi azzurri; il suo portamento era imponente e il suo lupo Hedé era inquieto. Eros si immerse in quegli occhi mistici per qualche secondo, poi corrucciò il viso e si sentì infastidito dal modo in cui la sua compagna appariva con quel pelo blu-nero spettinato. Chiamò uno dei suoi uomini della sicurezza.

Danna notò come la guardava, e la sua emozione scomparve. Uscì di corsa, spingendo via la gente, e corse per le strade verso la foresta dove avrebbe liberato Hedé, solo per essere intercettata da tre guerrieri che la catturarono.

"Lasciatemi andare, vi prego, chi siete?", gridò disperata.

"Si calmi, signorina, andiamo alla villa di Eros, che presto le parlerà".

Danna fu fatta salire con la forza sul sedile posteriore di un'auto e portata alla villa. Da quel momento, sapeva che la sua vita sarebbe cambiata.

Nello studio, Eros era indignato per la compagna che la dea Luna aveva messo sul suo cammino. Non sapeva perché lo avesse punito in quel modo. Quando le sue guerriere entrarono con Danna, le lanciò un'occhiata. Non poteva negare che fosse bellissima e che quegli occhi lo abbagliassero, ma per il suo mandato di alfa degli alfa, non gli serviva come compagna.

"Omega, come osi scappare da me, sono il tuo compagno e devi accettare il tuo destino con me", gridò tirannicamente.

Danna arrossì al suono della sua voce, che trovava piacevolmente densa e roca, e si sentì indifesa di fronte a quel monumento di uomo.

"Mi hai sentito, omega? D'ora in poi sarai rinchiuso finché non deciderò cosa fare di te", gridò imponente e infastidito.

Danna uscì dalla sua confusione e supplicò tristemente.

"Alfa, so che ti sembro insignificante, quindi ti prego di lasciarmi andare e ti prometto che non mi vedrai più".

L'odore dei fiori selvatici non abbandonava le sue narici. Eros non sapeva perché quell'odore la colpisse così tanto? Avrebbe voluto gettarsi sulle sue labbra, ma doveva mantenere la sua postura. Mentre stava per rispondere, sentì una voce che la fece uscire dai suoi pensieri.

"Eros, amore mio, non dirmi che questa omega è la tua compagna? Cosa ne farai di lei?" si espresse Lamia con calma e dolcezza.

Eros le si avvicinò con un caldo sorriso, le prese delicatamente le mani e guardandola sussurrò.

"Lamia! Sì! È la mia compagna.

"Eros, ma se è il tuo compagno, hai intenzione di annullare il nostro fidanzamento?", fece il broncio.

"Lamia! Presto sarai la Luna della regione. Ti ho dato la mia parola e quella degli anziani, perché non andiamo a riposare?", distolse lo sguardo dai guerrieri che tenevano in braccio Danna, "Portatela nella stanza nell'ala sinistra della magione, non fatela uscire, solo Gin può entrare per portarle il cibo".

"Come tu comandi, alfa".

Danna era sconvolta dalla scena a cui aveva appena assistito. Il suo cuore sanguinava di delusione mentre guardava Eros parlare con un'altra lupa. Con riluttanza, si lasciò condurre dagli uomini nella stanza che le era stata assegnata. Entrando, sospirò tristemente contemplando il suo destino, segnato dalla dea della luna: un compagno freddo e arrogante che non amava lei ma un'altra lupa.

Avendo voglia di piangere, si appoggiò alla porta e si guardò intorno sconsolata. La stanza era dipinta di bianco e aveva un letto al centro. Su un lato c'erano un tavolo e un piccolo armadio. Notò anche una porta a destra, che probabilmente conduceva al bagno.

Si diresse verso la finestra, cercando una possibile via di fuga, ma si rese conto che era troppo alta per saltare fuori. Fece qualche passo verso il letto e, sentendosi sopraffatta dall'accaduto, vi si sedette sopra.

In quel momento, decise di connettersi con la sua lupa per trovare conforto e forza.

"Hedé, il nostro compagno ci disprezza. Quell'idiota ha il pregiudizio di essere un omega".

"Se decide di respingerci, saremo una vergogna e ci confinerà da queste terre". La sua lupa era ansiosa.

"Sciocca lupa, dal suo sguardo freddo e privo di emozioni, ti assicuro che siamo nei guai. Se è così, preferisco restare da solo".

Hedé si rattristò al pensiero di un possibile rifiuto del suo compagno. Danna sciolse il suo legame quando sentì la porta aprirsi. Arrivò una giovane donna con dei vestiti in una mano e un vassoio di cibo nell'altra. Guardò Danna dall'alto in basso e si stropicciò il viso. Con voce sprezzante, disse:

"Io sono Gin, questa è Lady Lamia, Luna dell'alfa Eros, che ti manda a cambiare quei luridi stracci e inoltre l'alfa ti manda del cibo".

Danna sgranò gli occhi e strinse i denti. Sentiva lo sguardo pesante della giovane donna su di lei. Poteva solo alzarsi e prendere le cose e poi dire.

"Grazie".

Gin voltò disinteressatamente le spalle e lasciò la stanza. Danna si mise a mangiare, poi andò a letto e dormì fino al giorno dopo.