Libreria
Italiano

La vendetta del mafioso

60.0K · Completato
Sirley A.
52
CapitolI
8.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Il ritorno di Alexander Santoro in Italia ha qualcosa di nascosto e sconosciuto agli altri, dove la vita della dolce Amara Mendoza cambierà completamente nelle mani del mafioso Alexander Santoro.

MafiaDemoneVendettaTradimentoRomanticoSegreti18+Rapimento

1. Conoscere il diavolo.

Presente:

"Ho un regalo di nozze per te, Alexander", ha detto Amara Mendoza all'ex marito.

"Ti presento nostra figlia Alexandra Mendoza, quel feto di un mese che hai ordinato di portarmi via", le parole della donna hanno lasciato il mafioso più potente e temuto d'Italia senza una traccia di sangue.

Passato:

Era il 13 gennaio quando la vita della dolce Amara Mendoza cambiò. Quando il più potente mafioso di tutta Italia tornò nel paese.

Alessandro Santoro, un uomo considerato il diavolo in persona, è il re della mafia europea. È stato fuori dal Paese per tre anni, ma è tornato, e molti dicono che il suo ritorno potrebbe scatenare l'inferno sulla terra. Si dice che l'uomo sia sfigurato e su una sedia a rotelle dopo aver subito un attacco comandato dall'Unione della malavita asiatica.

Questa sera ci sarà una cena con la famiglia Mendoza in cui una delle figlie del suo amico Blas Mendoza diventerà la moglie del mafioso.

La famiglia Mendoza è stata formata da uno dei leader della Banda del Narcotraffico Blas Mendoza, sposato da 22 anni con Alicia Lynch, durante i quali hanno dato vita a due bellissime giovani donne. Lorena Mendoza e Amara Mendoza.

Lorena Araceli ha 21 anni e Amara Camila 20. Il destino di una di loro sarà segnato nelle mani di un uomo pericoloso. Ed è stato quello della dolce Amara Mendoza.

Tutti sapevano che essere legati ad Alessandro Santoro significava morte a causa del suo passato criminale.

La notte era arrivata, un veicolo blindato parcheggiato davanti alla villa dei Mendoza, un uomo vestito completamente di nero con un'aura intimidatoria era in piedi all'ingresso. Pochi minuti dopo la famiglia Mendoza scese le scale, nessuno doveva sapere dove si trovava la base di Alexander, per questo solo i suoi uomini potevano spostare i loro ospiti.

L'uomo è stato tenuto sotto un tocco misterioso che molti volevano decifrare, ma nessuno ha le qualifiche per farlo. Alessandro Santoro non è una persona con cui scherzare, praticamente decide il futuro dell'Italia con uno schiocco di dita, visto che possiede il 60% dell'economia bancaria.

Un'ora dopo il veicolo entrò in una piccola, ma bellissima foresta. I bellissimi occhi verdi si meravigliarono del luogo, ignari del fatto che proprio lì sarebbe iniziato il loro peggior calvario.

Mentre la famiglia scendeva dal veicolo al terzo piano di un'imponente dimora uscita da un'immaginazione senza precedenti, un paio di occhi blu osservavano i loro ospiti, mentre un ghigno malvagio si formava sul loro volto.

"Amara Mendoza, sarai costretta a sposare il diavolo e ti farò vivere in un matrimonio infelice", sussurrò l'uomo, lasciando il bicchiere di vino che teneva in mano sul comodino e preparandosi a uscire dalla sua stanza.

Nell'enorme sala le quattro persone stavano aspettando l'ospite, con pensieri diversi: le giovani donne pensavano che si trattasse solo di una cena di amicizia, Blas era sicuro che stasera avrebbe concluso un grosso affare e Alicia Lynch pensava che da questo incontro non potesse uscire nulla di buono, soprattutto quando la persona coinvolta era il criminale più letale di tutti.

Dalle scale si sentirono dei passi e quando Amara e Lorena videro l'imponente figura maschile scolpita che scendeva, inghiottirono la saliva.

Alessandro Santoro era l'opposto di come era stato descritto, era un giovane di circa 24 anni, alto un metro e novanta con caratteristiche uniche, come se fosse stato scolpito dagli dei stessi, era come si dice un dio greco con bellissimi occhi azzurro cielo, la sua presenza intimidatoria era una qualità unica e pericolosa.

"Buonasera". La voce magnetica dell'uomo fece uscire i presenti dalle nuvole, tutti avevano a che fare con lui, ma nessuno poteva vederlo, era la prima volta che lasciava che qualcuno, oltre ai suoi subordinati, vedesse il suo volto.

Blas sapeva già che si trattava di Alexander, perché aveva già sentito quella voce inquietante molte volte.

"Señor Santoro". Blas Mendoza ha salutato con un sorriso.

"È un piacere riceverla". Alexander rispose: l'uomo aveva la sua aura criminale e irraggiungibile, capace di togliere il fiato alle donne, oltre a una rara sensazione di formicolio.

"Andiamo in salotto". L'uomo ha riferito, senza dubbio, che a volte l'atmosfera stava diventando tesa.

Mentre prendevano posto, Alexander teneva un bicchiere di vino tra le mani e guardava Amara, alzandolo in segno di brindisi, la donna deglutì saliva, quell'uomo la rendeva nervosa.

"Parliamo di affari". Disse Alexander, lanciando un'occhiata a Blas.

"Tu dici Santoro". L'uomo rispose.

"Ho deciso di stabilirmi definitivamente in Italia, come è noto il nostro mondo ha bisogno di donne e di eredi che possano subentrare se qualcosa sfugge al controllo". Ma le parole pronunciate da Alex alle sue condizioni non erano possibili, l'uomo nascondeva un altro segreto.

"Certo, Alexander, conosco perfettamente il nostro mondo e ciò che comporta farne parte".

"Voglio prendere una delle vostre figlie in sposa". Alexander pronunciò quelle parole senza battere ciglio, le giovani donne della Famiglia Mendoza non poterono fare a meno di pensare che si trattava di una follia, loro più di chiunque altro conoscevano il pericolo di stare vicino a un Santoro.

Le parole di Alexander si mescolavano all'aria fredda e agghiacciante, le parole del Capo a Blas facevano capire che Alexander era serio, anzi non era mai stato un uomo da scherzi.

"Sei sicuro della decisione?", chiese Blas.

"Se non fossi sicuro, Blas, ti assicuro che non saresti in questo momento davanti a me, puoi rifiutare, ma domani tutti i telegiornali riporteranno l'incidente stradale che hai subito e che la tua morte è profondamente rimpianta".

Le parole di Alessandro fecero sì che Blas sentisse un brivido attraversare il suo corpo. Se Alessandro Santoro diceva così, era perché aveva già calcolato quell'incidente.

"Firma, questo è il prezzo per una delle tue figlie e io scelgo la più giovane, firmando il documento tua figlia mi appartiene fino alla morte, anche se muore deve farlo nelle mie mani".

Amara non aveva alcuna traccia di sangue sul viso, la paura e tutto ciò che l'uomo implicava la spaventavano, la sorella maggiore poteva solo stringere le mani. Alicia aveva le mani legate e non poteva intervenire, ma immaginare la piccola Amara in potere di Santoro era terrificante.

Alexander si alzò da dove si trovava e tese una penna a Blas: "Ti do un minuto di tempo".

Blas, vedendo la somma di denaro che Alexander offre per Amara, si lascia scappare un piccolo sorriso mentre la sua firma viene apposta sul documento.

Il destino di Amara era stato scelto, le lacrime cominciarono a riempire gli occhi della dolce ragazza dagli occhi verdi.

"Bene, passiamo alla sala da pranzo". Alexander sembrava aver acquisito una nuova proprietà.

Nessuno osò proferire parola, ma il cuore di Amara e Lorena soffriva.

"Amara." La voce di Alexander fece trasalire la donna: "Stanotte tornerai con loro, ma domani verrai qui, da stanotte mi appartieni".

"Signor Santoro". Alicia non sopportava più questa situazione.

"Signora Mendoza, le donne nel business non sono una buona idea, se ha qualcosa da dirmi, ne parli prima con suo marito, dopo tutto è lui che ha appena venduto sua figlia".

"Gli hai dato la possibilità di scegliere?". Amara rispose con rabbia.

"Questo è un gioco che conosco solo io, se nessuno chiede il tuo parere non darlo e io ho cambiato idea non tornerai con loro, e se vogliono vederla devono consultarmi per la loro visita vedrò secondo il giorno, il soggetto delle visite".

"E buona notte, divertitevi". Alexander si alzò e lasciò la sala da pranzo. Nel momento in cui la famiglia rimase sola, Amara si alzò per affrontare il padre.

"Sono così piccola per te?", chiese Amara con un dolore palpabile in lei.

"Non sei così piccola, ha offerto una buona somma, inoltre l'hai detto tu stessa, non avevamo scelta, quindi non ha senso piangere sul latte versato".

"Voglio che se ne vadano, non voglio vederli mai più, soprattutto tu, papà, non sei capace di proteggere tua figlia, cosa proteggerai dei tuoi stupidi soldi, della tua stupida merce? Non mi sono mai aspettata nulla da te, eppure riesci ancora a deludermi". Amara andò a guardare fuori dalla finestra, ma Alexander aveva sentito le parole della donna, rivelando un sorriso terrificante.

La famiglia lasciò la villa mentre Alexander guardava il veicolo allontanarsi, fece il bonifico sul conto di Blas, l'uomo scese con la sua aura intimidatoria e pericolosa e si diresse verso Amara: "Hai paura di me? Non dovresti averne". L'ironia nella voce di Alexander rese Amara più inquieta.

"Non hai intenzione di parlare?". L'uomo non aveva molta pazienza.

"Non voglio parlare con te, solo perché sei l'uomo più potente e pericoloso puoi gestire tutto a tuo piacimento con minacce di morte, preferisco morire". Amara si voltò, non aveva idea di dove sarebbe andata, ma qualsiasi posto era meglio che stare vicino al criminale che aveva appena cambiato il suo destino.

Ma prima che potesse continuare il suo cammino, le mani di Alexander la fermarono, avvicinando il viso della donna al suo, e successivamente le afferrò il mento: "Queste non sono solo minacce, sono un uomo di parola, lo capisci". I tratti del viso di Alexander si indurirono: "La prima stanza a sinistra sarà tua, e non avvicinarti e non guardare a destra, non sei autorizzata ad avvicinarti alla mia stanza".

Alexander si allontanò da Amara, lasciando la donna con un po' di dolore per la forza esercitata su di lei, il suo bel visino si arrossò, Amara salì le scale velocemente trovando la prima stanza, la chiuse a chiave e si buttò sul letto, le lacrime cominciarono a scendere, la tristezza e l'impotenza la invadevano, e questo le faceva male, una notte in cui le stelle illuminavano il cielo scuro, i suoi sogni sono diventati bui, bui come gli affari dell'uomo con cui dividerà la sua vita.

Non era quello che voleva, anzi non l'aveva mai immaginato, e nel bel mezzo del pianto la giovane donna si era addormentata, mentre Alexander era nel suo ufficio.

L'uomo prese il cellulare e compose il numero di uno dei suoi uomini: "Preparate il furgone, io esco".

Pochi secondi dopo il veicolo parcheggiato davanti ad Alexander, l'uomo si diresse verso il Pantheon della famiglia Montero, dove riposano le ceneri della sua ex fidanzata e del suo grande amore. L'uomo si allentò la cravatta: "Julia Montero, vita mia, da stasera inizia la mia vendetta in tuo nome, la Vendetta del Mafioso".