Libreria
Italiano

La madre sterile dà alla luce i sestini al CEO

302.0K · Completato
Author Feathers
151
CapitolI
115.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Amy non si aspettava che suo marito, che aveva amato e di cui si fidava seriamente per molti anni, l'avrebbe tradita facendo sesso con la sua segretaria. Quando lo ha affrontato, lui e la sua segretaria l'hanno presa in giro e l'hanno ridicolizzata, l'hanno chiamata sterile in faccia, dopotutto, non aveva concepito negli ultimi tre anni di essere stata sposata con suo marito, Callan. Terribilmente con il cuore spezzato, ha chiesto il divorzio ed è andata al club, ha scelto un gigolò a caso, ha avuto un'avventura di una notte calda con lui, lo ha pagato ed è scomparsa in una piccola città. È tornata in campagna sei anni dopo con tre ragazzi carini identici e tre ragazze carine identiche della stessa età. Si stabilì e trovò un lavoro, ma presto scoprì che il suo amministratore delegato era il gigolò con cui aveva fatto sesso sei anni fa al club. Riuscirà a nascondere i suoi sei piccoli adorabili al suo CEO, che sembra essere l'uomo più potente di NorthHill e ritenuto sterile? Amy e l'uomo più potente di NorthHill possono andare d'accordo considerando il divario sociale tra di loro.

MiliardarioCEOMatrimonioVergine18+Brava Ragazza

1 Allontanarsi dal dolore

Amy era impegnata con il suo laptop quando il suo telefono ha cinguettato all'improvviso, ha quasi ignorato quanto fosse assorta, ma ha deciso di dare un'occhiata allo schermo del telefono in un momento in cui la chiamata stava quasi per finire.

Vedendo che l'ID del chiamante era la segretaria di suo marito, Joan, sollevò rapidamente il telefono chiedendosi perché doveva averlo chiamato. Ha salvato solo il numero di Joan perché è la segretaria di suo marito e nei giorni in cui potrebbe non essere in grado di contattare suo marito, Callan, al lavoro, chiamava semplicemente Joan per passargli il telefono.

Ma questa volta era la prima volta che Joan le chiamava. Ha risposto alla chiamata mentre si metteva delicatamente il telefono sull'orecchio, ma i suoni sporchi che sentiva la lasciavano sbalordita e turbata.

Ha dovuto guardare di nuovo lo schermo del telefono per essere sicura che fosse Joan a ricevere una chiamata, si è riposta il telefono sull'orecchio e ha sentito gli stessi suoni sporchi, erano gemiti duri e forti che descrivono chiaramente che qualcuno stava facendo un pesante giro di sesso con lei.

Con le poche volte in cui Amy aveva parlato con Joan, riconosceva la sua voce e sapeva che i gemiti erano sicuramente quelli di Joan. Ha digitato per errore il suo numero durante la sua sessione intima con il suo ragazzo? Amy ha pensato che potesse essere un errore, quindi ha voluto riattaccare, ma quello che Amy ha sentito dopo le ha quasi fatto cadere la testa dal collo.

Ha dovuto mettere da parte il laptop solo per essere sicura di aver sentito la cosa giusta, ha ascoltato di nuovo chiaramente e Joan ha ripetuto: "fottimi, piccola... Callan, vai più a fondo, lo adoro... Oh mio Dio !"

Il cuore di Amy divenne turbato, molto turbato dal fatto che dovette resistere. Non e possibile. Concluse e riattaccò. Si fidava di Callan per la sua vita e lo amava così tanto. Anche se non poteva ancora concepire per lui, ma entrambi si mostrarono amore e affetto.

Non è possibile che Callan la tradisca. Non è solo possibile. Scosse la testa cercando di non crederci. Forse, Joan aveva appena deciso di trasformarsi improvvisamente in una cattiva nel loro matrimonio, ma purtroppo non avrebbe mai funzionato.

Amy si sedette e volle ignorare quello che era appena successo, ma una voce gentile che parlava dentro di lei non le avrebbe permesso di calmare la mente. In un mondo in cui tutto è possibile, e se Callan la stesse effettivamente tradendo?

Mentre era in profonda riflessione, il suo telefono cinguettò brevemente e vedendo che si trattava di un messaggio di testo, prese il telefono. Ma il suo cuore batteva forte quando si rese conto che il mittente di questo messaggio non era altro che Joan.

Ha letto il messaggio che le diceva di recarsi in un luogo, il luogo era un hotel e la stanza esatta in cui doveva recarsi era indicata in quel messaggio.

Cosa stava succedendo? La mente di Amy divenne ancora più turbata. Chiuse il portatile e si avviò velocemente verso il suo guardaroba. Indossava il suo abbigliamento da casa e poiché ha intenzione di uscire ora, ha dovuto cambiarsi in un vestito.

Una volta finito, è uscita dalla sua stanza e ha voluto dire a sua suocera che viveva nella stessa casa con loro che aveva qualcosa di urgente di cui occuparsi.

Andò in camera sua e bussò ma non riuscì a trovarla lì, dove altro poteva essere oltre alla cucina? Fece un rapido passo verso la cucina e quando fu quasi sulla porta, sentì prorompere da lì una sonora risata. Era di sua suocera.

Dopo una sessione di risate, sua suocera ha detto, ignara che Amy fosse fuori, "quella donna sterile è una tale idiota, mi chiedo cosa ci veda mio figlio in lei in primo luogo? Sto solo consumando i soldi di mio figlio e non può nemmeno partorire un figlio! Non ho mai visto una donna così spudorata".

Rise di nuovo dopo averlo detto, era ovvio che era al telefono con qualcuno.

Amy non credeva che sua suocera potesse dirlo, le lacrime quasi le scendono dagli occhi ma lo trattenne, si precipitò all'interno della cucina all'improvviso e sua suocera, Wilma, si voltò subito verso di lei con il cuore in gola.

Appena trenta minuti prima, Amy aveva detto a Wilma che sarebbe stata impegnata dentro fino a notte inoltrata, Wilma non si aspettava di trovarsi qui in questo periodo. Per questo poteva parlare liberamente e con noncuranza al telefono.

Wilma si chiese se Amy avesse sentito quello che aveva detto, dopo un breve momento di intenso silenzio tra loro, Wilma finse di tossire e disse: "Amy, ehm... pensavo... Tu... stai uscendo?"

"Mamma, hai paura?" chiese Amy con un sorrisetto, come se non stesse soffrendo.

"Spaventata...perché?...perché? Perché dovrei?" Balbettava.

"Me ne vado, ho qualcosa di importante da fare, mamma", disse Amy e si voltò, lasciando intenzionalmente la donna confusa. Non avrebbe saputo se Amy avesse sentito quello che stava dicendo al telefono o se non l'avesse fatto.

Amy è arrivata all'hotel in un batter d'occhio e si è diretta verso la porta esatta che era stata indicata nel messaggio inviato da Joan.

Amy avrebbe voluto bussare all'inizio ma non sarebbe stata una mossa intelligente, ha ruotato la maniglia e la porta si è aperta, i suoi occhi quasi si sono staccati quando ha visto Callan e Joan nude, infatti, come quando è entrata, Joan stava facendo un pompino a Callan.

La borsetta di Amy cadde e le sue gambe divennero gelatina in una volta, pregò subito che questo fosse un sogno, lacrime calde le arrivarono lungo la guancia e sentì un dolore lancinante torturarle il cuore.

"Call... an!" Riuscì a chiamare tra il suo dolore e l'agonia.

Tuttavia, Callan rise con sua sorpresa, anche Joan si unì alla risata, Joan ora si stava appoggiando a Callan e nessuno dei due aveva alcun senso di rimorso.

"Perché piangi, ragazza sterile?" chiese Callan. "Pensavi davvero che ti sopporterò per sempre? Oh! Quindi non vuoi che io abbia un figlio. È tuo destino non avere un figlio perché sei sterile, ma non è il mio destino."

Amy pianse più forte, non riusciva a credere che il suo amato marito potesse mai dirlo. L'ha tradita da sempre? È iniziato di recente? Ma lui l'amava, cosa è cambiato?

"È davvero brava a piangere", disse Joan a Callan e la derise.

Amy aveva voglia di correre verso di lei e colpirle la testa con un metallo, ma è stato un errore di Joan che suo marito l'ha tradita? La colpa è tutta di Callan. Ha tradito il suo amore e la sua fiducia per lui.

Lei ha fatto un sorrisetto all'improvviso e ha messo in pausa le lacrime, "Mi hai tradito, Callan. È finita tra noi."

Prese la borsetta e uscì dalla stanza, ma aveva appena fatto qualche passo nel corridoio quando si accasciò contro il muro e pianse così forte. Il dolore che stava provando in quel momento era il peggior dolore che avesse mai provato in tutta la sua vita.

Era come se l'unico modo per superare la cosa fosse uccidersi, presto salì in macchina, si recò in tribunale con rabbia, chiese il divorzio e tornò a casa.

Ha incontrato sua suocera mentre prendeva un tè caldo a pranzo, ha messo il foglio del divorzio che solo lei aveva firmato ma che doveva ancora essere firmato da Callan davanti a Wilma e ha detto: "Mamma, ho sentito cosa hai detto al telefono prima che me ne andassi."

Wilma quasi si strozzò quando lo sentì, Amy le mise davanti la carta del divorzio e disse: "Ho anche beccato Callan che mi tradiva con la sua segretaria. È ovvio che non sono più desiderata in questa famiglia. Ecco la carta del divorzio, ho firmato. Ogni volta che torna a casa, digli di firmarlo e digli che me ne sono andato".

Wilma era così felice dentro che Amy avrebbe finalmente lasciato Callan, ma la sua faccia era aspra come se fosse triste.

"Non comportarti in modo triste, mamma. Sappiamo entrambi che non mi vuoi con tuo figlio", disse Amy e si voltò nel tentativo di andarsene, ma Wilma si alzò e parlò.

"Dove stai andando?" chiese Wilma, non aveva più senso nascondere i suoi veri colori.

Amy si voltò di nuovo verso di lei e rispose: "per ritirare le mie cose ovviamente".

"Callan ha detto che non devi scegliere nemmeno una cosa da qui, tutto quello che hai qui è stato comprato dai suoi soldi, quindi vattene e basta", disse Wilma senza cuore.

Amy ha provato un dolore ancora più grande quando lo ha sentito, ma è riuscita a piantarsi un sorrisetto sulle labbra, "certo!"

La cosa più preziosa per lei è stato il braccialetto che sua madre le ha regalato anni fa, poiché aveva il braccialetto in mano, ha guardato verso la porta che conduce all'esterno e si è allontanata lentamente e faticosamente.