Libreria
Italiano

L'Alfa ha scelto me

291.0K · In corso
RV.Elliott
174
CapitolI
89.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Lupi mannari? I lupi mannari non erano reali, giusto? Leah Wilson viene spinta in un mondo di cui non conosceva l'esistenza. Trasferirsi dalla sua casa in Florida e iniziare una nuova vita in Texas con la nonna non è tutto come sembra. Mettete in mezzo due spiritose amiche del cuore e un sexy maschio alfa e guardate come si evolve la situazione. Leah è umana ma sente subito un legame con Jake! Non capisce perché, ma sa che qualcosa non quadra. Seguite il suo viaggio e guardate come la sua vita inizia a cambiare sotto i suoi occhi. Jake - arrogante, aggressivo, forse un po' stronzo! Questa storia contiene scene di sesso e parolacce.

AlfaLicantropiTriangolo AmorosoMysteryAmoreBacifantasiasentimento

Capitolo 1-2

Oggi era un altro giorno più vicino alla partenza.

Fissando il cartello di vendita appollaiato sul nostro prato davanti alla casa, mi uscì un sospiro dalle labbra. Avevo vissuto in Florida per tutto il tempo che potevo ricordare. Questa era casa mia, questa era la casa di mia madre e non ero pronta a partire. Essere qui era l'unico posto in cui mi sentivo vicino a lei.

Mia madre è morta poco dopo la mia nascita. Brutto travaglio, molto sangue perso. Non potevano salvarla. Sono stata cresciuta da mia nonna.

"Sto fissando quel cartello che vedo".

Sapeva che non ero entusiasta dell'idea di andarmene. Non volevo trasferirmi e dover ricominciare tutto da capo. Ero felice qui, avevo amici qui, Tommy era qui. A 18 anni stavo abbastanza bene. Stavo andando bene, avevo un lavoro part-time, tutto sommato la mia vita andava bene.

Domani a quest'ora mi sarebbe stato portato via tutto. Come avrei potuto lasciare i miei amici? il mio ragazzo?.

"Leah, hai 18 anni. Ti farai nuovi amici, avrai un nuovo ragazzo. Abbiamo bisogno di questo cambiamento, tesoro, ci farà bene".

Mia nonna non era la più grande fan di Tommy. Diceva sempre che c'era qualcosa in lui che non riusciva a individuare. Tommy era leggermente più vecchio ma non di molto, aveva 21 anni, aveva una macchina e aveva gli occhi azzurri più brillanti che avessi mai visto. Sì, è stato il mio primo ragazzo.

Ma nel profondo sapevo che avrei incontrato nuovi amici, sarei andata avanti e avrei ricominciato da capo. Lasciarli indietro non era la mia più grande preoccupazione.

"Ho paura di perdere il legame con lei". Essendo qui, essendo in questa casa, potevo sentirla con me ogni giorno.

"Leah, tesoro, la tua mamma è qui" sussurrò mettendomi la mano sul cuore. "Lei non ti lascerà mai, non importa dove ti trovi nel mondo. Ti amava, tesoro, non dimenticarlo mai". Con le sue mani sulle mie spalle si è avvicinata per abbracciarmi. "Che ne dici di una cioccolata calda e guardiamo il tramonto?" Tirandosi indietro mi asciugò le lacrime dalle guance.

"Va bene, prendo la coperta".

Un altro motivo per cui non volevo andarmene era che vivevamo proprio sulla spiaggia. Quasi tutte le sere venivamo qui a guardare il tramonto insieme, era una specie di nostra tradizione. La spiaggia era il mio posto preferito dove andare per tutto. Ascoltare le onde che si infrangono e sentire la sabbia tra le dita dei piedi. Non c'era un posto simile.

Posizionando la coperta sulla sabbia mi sono tolto i calzini. La vista era bellissima. Prendendo posto fissai l'acqua.

"Bello, vero?".

"Tommy, cosa ci fai qui?". Alzandomi in piedi, cercai mia nonna. Ancora una volta non le piaceva davvero, ma lo tollerava per il mio bene. Ci eravamo già salutati, non doveva essere qui. Stava solo rendendo le cose più difficili.

"Non posso lasciare tutto così Leah, non riesco a smettere di pensare a come da oggi non ti rivedrò più". Colmando lo spazio tra noi, fece scivolare le braccia intorno alla mia vita.

"Tommy" sussurrai mentre alzava la mano per asciugarmi le lacrime. "Non saresti dovuto venire, stai solo rendendo le cose più difficili".

"Mi dispiace piccola". Mentre la sua presa sulla mia vita si rafforzava, una voce si schiarì interrompendo il nostro ultimo momento insieme. "Ci rivedremo un giorno, Leah, te lo prometto". Posando un ultimo bacio sulle mie labbra si voltò e camminò lungo la spiaggia nella direzione opposta.

Abbassando lo sguardo all'anello del mio indice sinistro, un grido uscì dalle mie labbra. Un anello di promessa che mi ha regalato dopo 6 mesi dall'inizio della nostra relazione ma mi sono rifiutato di indossarlo sull'anulare a causa della sfortuna. Era speciale, era bravo e non lo avrei rivisto.

"Lia?".

"Sto bene". Asciugandomi gli occhi mi schiarii la gola. Non potevo soffermarmi a non rivederlo mai più. Mia nonna non avrebbe cambiato idea. Partivamo domani e non potevo farci niente. "Devo mettere in valigia il resto delle mie cose e poi il tramonto è finito".

Addio Florida, ciao Texas

-------------------------------------------------- -----------

Eravamo in viaggio da 20 ore, fermandoci ogni tanto per fare benzina e mangiare. Mentre entrava nell'ultima stazione di servizio prima del nostro arrivo, saltai giù per poter sgranchirmi le gambe.

"Il Texas non è poi così male" Lei sorrise mentre mi guardavo intorno. "Siamo a circa mezz'ora di distanza, quindi ti pago, vai a prendere un caffè". Dopo avermi dato dei soldi, sono andato dentro. Potrebbe non essere così brutto, ma non era ancora a casa. C'era qualcosa che non andava da queste parti. Mentre preparavo due caffè ho sentito il suono della porta e subito mi si sono rizzati i peli sulla nuca.

Il mio corpo si sentiva strano.

E poi ho sentito la presenza dietro di me.

Il mio cuore batteva in modo anomalo e i miei palmi cominciavano a sudare.

Questo era strano.

Raddrizzando le spalle ho aggiunto lo zucchero, ho messo i coperchi e con un respiro profondo mi sono girata.

Non c'era nessuno.

Ok, stavo ufficialmente impazzendo. Avrei giurato di sentire la presenza di un altro dietro di me. Scrollandomi di dosso mi sono diretto verso la cassa per pagare il mio caffè.

"Normale o grande?" La ragazza le chiese un sorriso luminoso.

"2 normali e questo" Raccogliendo le pinzette mi sono ritrovato bloccato. Sì, ho avuto la più grande golosità di sempre. "Scusa" sorrisi "Ho voglia di zucchero". Improvvisamente imbarazzato ho consegnato i miei soldi e ho abbassato la testa.

"Va bene, mi chiamo Alanna".

"Lea". Prendendo il resto ho alzato il caffè.

"Nuovo in città?".

"È ovvio?" Ho chiesto.

"Ragazza di città?"

"Florida".

All'improvviso ho avuto la sensazione di essere osservato e non dalla ragazza dietro il bancone. Ancora una volta i peli del mio collo furono un brivido che mi attraversò il corpo. Cominciavo a pensare che mi stava venendo il raffreddore.

"Ho la sensazione che ti piacerà qui". Lei sorrise.

Facendo una smorfia ho alzato le spalle prima di uscire. Era strano. C'era sicuramente qualcosa di diverso in questo posto.

"Twizzlers Leah davvero?" Chiudendo la portiera della macchina sorrisi. Mia nonna sapeva quanto fossi dipendente dallo zucchero. Passandole il caffè ho guardato indietro alla stazione di servizio mentre ci allontanavamo, 4 ragazzi erano rimasti fuori a fissare direttamente la nostra macchina.

Già, perché non era strano.

"Mi piace lo zucchero" ho riso infilandomi in bocca un'altra pinzetta. Giuro che lo zucchero è stata la cosa migliore che sia mai stata inventata.

"Non dirai questo quando ti verrà la carie" avvertì prendendo velocità. "Come ti senti veramente riguardo a tutto questo?".

"Fammi questa domanda tra circa un mese". Non potevo dirle come mi sentivo perché non volevo turbarla. Pensava che fare così fosse la cosa migliore per noi, quindi avrei provato a farlo funzionare.

"So che non eri pazza per questo trasloco, ma ti prometto che ti piacerà qui. Il Texas è bellissimo, la gente è amichevole e penso che ci integreremo perfettamente".

So che stava cercando di convincermi, ma non ne ero ancora sicura. Non ero mai stata disposta a lasciare la nostra casa. Era tutto ciò che avessi mai conosciuto. Avevo paura di dover ricominciare da capo e adattarmi. Sarei stata la nuova ragazza ovunque andassi.

"Ci proverò, ok, ma non forzarmi".

Quando l'auto ha iniziato a rallentare ho preso coscienza di ciò che mi circondava.

Alberi, alberi e ancora alberi.

"Viviamo nella foresta?"

Ridendo mi mise la mano sul ginocchio e lo strinse. "Arriveremo tra pochi minuti. È proprio così che andiamo".

"Dove sono tutti i-.." Rimasi in silenzio mentre cominciavo a vedere le case.

Una strada.

"Viviamo in mezzo al nulla? fantastico". Sospirando, mi passai una mano sul viso mentre lei si fermava davanti a una casa all'angolo. Alzando lo sguardo ho sorriso quando ho visto che la camera da letto sul davanti aveva un balcone, proprio come quello di prima.

"Quella è la tua stanza".

Ero in soggezione. La casa dall'esterno sembrava bellissima ma un po' vecchia, come se fosse stata qui per un po' di tempo.

Ok, forse potrei vedermi avere una vita qui.

"Ha bisogno di molto lavoro ma dovevo comprarlo".

Entrando dentro mi è caduto un po' il cuore. Sì, sembrava bellissimo dall'esterno ma non tanto dall'interno. Tutto urlava vecchio. I tappeti, i mobili e l'odore.

"Avrò degli appaltatori che arriveranno tra pochi giorni. So che non assomiglia molto a Leah, ma possiamo provarci davvero qui. Possiamo decorarlo come vogliamo, possiamo farne la nostra casa". Mia nonna era felice e in quel momento contava solo questo.

Dovevo pensare al quadro più ampio, pensare al nostro futuro.

Non avevo intenzione di buttarci sopra i miei giocattoli dal passeggino. Una volta che lo avremo fatto nostro, so che sarà perfetto.

"Sembra davvero tranquillo. Quanto dista la spiaggia più vicina?" Avevo bisogno di un po’ di tempo per pensare e quello era il mio posto per farlo.

"Ti manca già la spiaggia?"

"Sì, ma può aspettare. Vuoi che inizi a scaricare l'auto?". Mia nonna mi ha detto che dovevo portare solo le cose di cui avevo veramente bisogno. Ha detto che avrebbe comprato tutto nuovo. Non era ricca ma aveva soldi.

"Fai così tesoro e vedrò se riesco a far funzionare il riscaldamento".

Nemmeno il riscaldamento? alzando gli occhi al cielo, mi sono diretto verso la macchina. Sicuramente non poteva andare peggio di così. Con metà del mio corpo bloccato dentro l'auto non ho sentito nessuno avvicinarsi.

"Bisogno di una mano?".

Aspetta, era quello...

"Alanna?".

"Ti trasferisci lì?" Mi chiese mentre scendevo dall'auto. "Hai comprato quella casa?". Perché adesso avevo la sensazione che ci fosse qualcosa di sbagliato in questo.

"Mia nonna l'ha fatto perché?" Chiudendo la porta con un calcio, la fissai. Anche questa ragazza sentiva qualcosa di strano. Giuro che stasera i miei sensi erano in piena allerta. "C'è qualcosa che non va?".

"No certo che non è solo che è vuoto da un po'. Vivo in fondo alla strada con mio fratello e i miei genitori abitano a poche case da noi".

"Perché è rimasto vuoto per così tanto tempo?" Ero curiosa adesso.

"Non ne sono sicura. Lascia che ti aiuti." Prendendomi la scatola dalle mani, si avviò lungo il vialetto. Non ero sicura se saremmo diventati amici o no. Non ero ancora sicura che mi piacesse.

"Leah, sono riuscita a ottenere- oh chi è questo?" chiese mia nonna prendendo la scatola da Alanna.

"Alanna vive qualche casa più in basso con suo fratello. Nonna, questa casa è vuota da secoli. Sei sicura di non voler cercare qualcos'altro?" Non volevo che spendesse tutto il suo tempo e i suoi soldi per questa casa se c'era qualcosa che non andava.

"Leah" mi avvertì e fu tutto ciò di cui avevo bisogno per tenere la bocca chiusa. Una volta decisa a fare qualcosa, niente e nessuno poteva farle cambiare idea. "Vai a svuotare il resto della macchina mentre io preparo la cioccolata calda. Sono riuscita a trovare un bollitore". Lei sorrise.

"Sembra dolce" Alanna sorrise mentre prendevo un'altra scatola. Sì, era dolce ma era anche feroce e senza paura.

"Grazie per l'aiuto ma ce l'ho da qui". Non riuscivo a capire questa ragazza. Non ero sicura se fosse amichevole perché voleva qualcosa o amichevole perché eravamo i suoi nuovi vicini.

"Non mi dispiace" Lei alzò le spalle sollevando un'altra scatola. "E poi il mio idiota di fratello ha degli amici da noi e preferirei non essere lì".

"Quanti anni ha il tuo fratello?"

"Ha 24 anni ma da come si comporta si direbbe che sia più vecchio ed è un po' stronzo".

"Come mai?". Stavo scavando ma ero curiosa e avrei preso tutte le informazioni che potevo ottenere.

"Sono sicura che un giorno lo incontrerai e lo scoprirai da sola. E tu, fratelli?".

"Figlia unica".

Risalendo il vialetto sono inciampata in qualcosa e sono caduta. Box in aria, metto giù le mani per fermare la caduta. "Merda" sibilai afferrandomi il ginocchio. Sollevando la gamba dei jeans ho sibilato quando ho tirato fuori la pietra che era incastonata lì.

"Lea, stai bene?" Proprio in quel momento sentii varie voci.

Le mie mani erano insanguinate e il mio ginocchio era sbucciato, ma stavo bene. Un po' imbarazzato ma vivrò.

"Hai bisogno di una mano, piccolo?".

"Jake". Alanna ha avvertito.

Alzando lo sguardo, mi uscì un sussulto dalle labbra. Chi era lui? e perché non aveva la maglietta addosso. Stavo sognando? I nostri occhi erano incollati l'uno all'altro, era come se non potessi distogliere lo sguardo.

"Adesso è comunque questo il modo di parlare con tuo fratello maggiore Alanna?". Alla fine ha rotto lo sguardo e mi sono sentito un idiota.

4 ragazzi erano fuori casa mia a torso nudo. Faceva freddo.

Penso che anch'io potrei aver sbattuto la testa cadendo.

Asciugandomi le mani sui jeans mi alzai in piedi. Tutto quello che c'era nella scatola adesso era sparpagliato per tutto il vialetto. Gemendo, ho afferrato la scatola e sono andato in giro a raccogliere le mie cose.

"Jake vattene via, per favore". Ha implorato.

Ma non lo fece, rimase fermo nello stesso punto e si limitò a fissarlo. Mi stava fissando e cominciavo a sentirmi un po' a disagio.

È scomparso quando ho notato cosa aveva in mano.

Teneva tra le mani la coperta di mia madre. Era vecchio e robusto ma per me era speciale. Non ho permesso a nessuno di toccarlo per paura che in qualche modo cadesse a pezzi ed ecco questo arrogante figlio di puttana lo teneva come se fosse un vecchio straccio sporco.

"Jake" sibilò Alanna.

Ero troppo occupato a fissare la coperta. Se avesse fatto qualcosa, gli avrei cavato gli occhi.

"Leah, cosa sta succedendo qui?" chiese mia nonna uscendo. I suoi occhi caddero immediatamente sulla coperta. "Giovanotto, credo che tu abbia in serbo qualcosa di molto personale per la mia Leah. Dillo". La sua voce era severa e autoritaria.

"Mi scuso signora" Consegnandolo a mia nonna, l'ho afferrato prima ancora che potesse toccarlo. Portandolo al viso inspirai profondamente. Non mi importava che stessero guardando.

"Vieni dentro tesoro, il resto può aspettare fino a domani. Alanna, sei più che benvenuta se unisciti". Non c'era bisogno che me lo dicesse due volte.

Aveva ragione, il suo disturbo era una specie di stronzo.

"Adesso ragazze accomodatevi che scalderò la cioccolata calda".

"Riporterò i telefoni in macchina".

Aprendo il vano portaoggetti, ho recuperato il telefono e ho chiuso a chiave l'auto. Quello che non mi aspettavo era che suo fratello aspettasse in fondo al vialetto. Come ho fatto a non sentirlo o vederlo avvicinarsi? Stringendomi la coperta attorno alle spalle mi fermai a pochi passi da lui.

"Alanna è ancora dentro, la manderò fuori". Mentre andavo a passare, lui allungò la mano e mi afferrò il polso. Non era duro al riguardo, non faceva male, ma questo non significava che mi andasse bene.

"Piccola" ringhiò.

Stavo lottando per liberare il polso. Chi era questo ragazzo?

"Per favore lasciami andare". Ho sussurrato ma lui aveva altre idee. Mi attirò contro di lui seppellendo la testa nel mio collo. Inspirò profondamente.

Cosa diavolo stava succedendo?

"Cazzo tesoro" sibilò. "Hai l'odore dell'oceano".

Ero spaventata. Il mio corpo era teso.

"Non devi aver paura di me, piccola". La sua voce era come il velluto.

Non mi rendevo conto di aver chiuso gli occhi ma quando li riapri lui se n'era andato. Ero ufficialmente spaventata.