Libreria
Italiano

Incinta Del Crudele Ceo

112.0K · Completato
AZAHARA
103
CapitolI
11.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Alice Anderson è una ventenne figlia di un amministratore delegato multimilionario, che spende e si diverte con i soldi dei genitori fino a quando non è costretta a lavorare per vivere. L'azienda è di proprietà del padre di Alice e di Kevin, un altro amministratore delegato più giovane, più arrogante, più dominante e più vecchio di Alice. Kevin deve recarsi a Las Vegas per concludere un contratto con alcuni clienti e Alice lo accompagna su consiglio del padre. Ma ciò che accade a Las Vegas non rimane a Las Vegas, perché la prima notte, a causa di un'ubriacatura, il capo e l'assistente tornano sposati e un po' più .............

MiliardarioCEOMatrimonioTriangolo AmorosoRomanticoSegretiSessoDrammaticoBugie18+

1- L'ULTIMA FESTA ESSENDO LA RAGAZZA ELEGANTE

Mi chiamo Alice Anderson e sono la figlia di un amministratore delegato multimilionario del Kansas, ho vent'anni e una vita molto facile, studio quello che mi piace, informatica per le aziende, ma non lavoro, mi piace flirtare con i ragazzi più belli alle feste, ma una cosa vi posso assicurare, flirtare sì, andarci a letto è un'altra cosa, perché ne conservo molti per il mio futuro marito, quando lo troverò ovviamente. Sua sorella Dory è la fidanzata del socio di mio padre, un altro amministratore delegato, ma questo, anche se è più scontroso, è un figo, bello, intelligente, con gli occhi del colore del miele, con le labbra modellate ma molto desiderabili, un addome molto ben lavorato e marcato, l'uomo ideale di qualsiasi ragazza, ma è il fidanzato di Dory e secondo lei è intoccabile.

Mio padre mi ha già minacciato molte volte di non darmi più soldi, ma io lo coccolo e gli passa subito la rabbia, anche se a volte diventa molto fastidioso, ma quasi sempre ottengo quello che voglio.

- Alice dà una festa a casa di mio cognato stasera e grazie a mia sorella siamo state invitate, mi ha fatto promettere di fare la brava, ma ho incrociato le dita ""Festa" - ha gridato la mia amica quando è entrata in casa mia.

Per andare alla festa io e la mia amica eravamo vestite in modo quasi identico, abito corto color malva, con la schiena scoperta perché faceva caldo, scarpe lucide e borsetta di cachemire, come una giovane donna dovrebbe fare. Quando arrivammo a casa del fidanzato di Dory, salutammo i conoscenti che si mescolavano tra gli invitati, l'assistente di mio padre mi si avvicinò offrendomi da bere, Klaus, questo è il suo nome, non è affatto male, ma quello che mi piace davvero è Kevin, muoio per lui anche se ha trent'anni ed è il cognato della mia amica, darei qualsiasi cosa per passare una notte intera con lui.

Era quasi l'alba e mi sentivo male, cercai un bagno buio, quando entrai mi avvicinai al water vomitando fino alla colazione, mi lavai la faccia e mi sciacquai la bocca, cercando di uscire ma urtai Kevin che in quel momento stava per entrare, cademmo entrambi a terra e io ero sopra di lui. Ci fissavamo negli occhi e senza accorgercene le nostre labbra erano incollate come se avessero del miele addosso, Kevin mi girò e si trovò improvvisamente sopra di me, io aggrovigliai le dita nei suoi capelli, mentre lui mi accarezzava l'inguine facendomi sentire qualcosa di elettrico che mi saliva lungo la schiena, e come se fosse un riflesso involontario aprii le gambe lasciandomi accarezzare da lui mentre mi faceva gemere, desiderando di averlo dentro di me. Non so ancora se sia stato il drink o il desiderio, ma ci siamo ritrovati entrambi nudi, con il suo cazzo duro dentro di me, che mi penetrava sempre più forte, mentre io avvolgevo le gambe intorno ai suoi fianchi, sentendo dentro di me quella cosa dura e lunga, sentendo come tremava dentro di me quando entrambi abbiamo raggiunto un climax meraviglioso...

Due settimane dopo la festa, mio padre mi fece andare nella sua azienda, quando arrivai la sua segretaria mi fece accompagnare nell'ufficio di mio padre, bussò alla porta con le nocche e quando mio padre le lasciò il posto, mi aprì la porta per entrare nell'ufficio, avevo paura di quello che mi avrebbe detto vedendo Kevin seduto su una delle poltrone che c'erano, bruciandomi il viso da quanto era rosso.

- Beh, io me ne vado, quello di cui dovete parlare è una cosa tra padre e figlia", disse Kevin alzandosi dalla sedia.

- Resta Kevin, sei il mio socio e quindi anche il proprietario dell'azienda", disse mio padre molto seriamente.

- Siediti Alice, voglio parlarti dell'azienda, è ora che tu lavori, che tu abbia delle responsabilità e che tu sappia cosa significa guadagnarsi da vivere ogni giorno", mi disse.

- Ma papà, non ho ancora finito gli studi e sono ancora troppo giovane per iniziare a lavorare", risposi, facendo ridere un po' Kevin.

- Sarai la segretaria privata di Kevin, sarai la sua assistente quando viaggerai con lui, andrai alle conferenze che tiene, alle riunioni a cui io non posso andare e devo sostituirmi, è ora che tu sappia quanto costa tutto il denaro che stai spendendo e mi aspetto molto da te Alice, sei la mia unica figlia e un giorno dovrai prendere in mano le redini dell'azienda con Kevin. - mio padre mi ha detto

- Va bene come vuoi tu papà, posso andare ora? - chiesi, volendo andarmene da lì, imbarazzato per aver fatto ridere Kevin con la mia infantile stupidità.

- Puoi andartene, ma finiremo di parlare a casa, capito? - mi ha chiesto

Senza voler guardare Kevin con imbarazzo, mi alzai dalla sedia, aprii la porta dell'ufficio e uscii dall'azienda, uscii in strada, presi un taxi e diedi all'autista l'indirizzo di casa mia; appena arrivato vidi mia madre in cucina con Adeli, la cuoca.

- Papà ha voluto vedermi per dirmi che devo guadagnarmi i soldi che spendo, parlagli tu, per favore mamma - ho detto facendo le fusa.

- Alice, hai vent'anni, devi lavorare, in quale posizione in azienda tuo padre ti ha detto di lavorare?

in cosa ti metterà? - ha chiesto

- Segretario del suo socio Kevin, dovrò viaggiare con lui, partecipare alle sue riunioni, devo finire i miei studi - ho protestato.

- Figlia con Kevin imparerai molto", rispose.

Prima di andare a dormire, preparai i vestiti che avrei indossato il giorno dopo, una gonna a tubino, una camicia bianca e una giacca per sentirmi una vera dirigente. Quella notte quasi non dormii pensando che di giorno in giorno sarei stata molto vicina a Kevin e questo mi faceva stare male, perché mi piaceva molto e il pensiero di doverlo vedere abbracciare o baciare Dory non mi faceva stare bene.

Il giorno dopo, quando suonò la sveglia, mi alzai molto stanca, andai in bagno a fare una doccia mentre mia madre preparava la colazione, entrai nella doccia lasciando scorrere più acqua fredda che calda per vedere se mi avrebbe schiarito un po' le idee. Dopo la doccia, presi l'asciugamano e me lo avvolsi intorno al corpo, uscii dal bagno e mi imbattei in mio padre che stava andando in salotto.

- Verrai con me in azienda, sbrigati Alice", disse.

Non volli dirgli nulla, andai in camera mia, mi vestii, andai in cucina a prendere la colazione, ma non ebbi il tempo di prendere una tazza di caffè, perché mio padre mi stava già aspettando sulla porta di casa protestando come faceva sempre quando facevo tardi da qualche parte. Uscimmo di casa e salimmo sulla limousine che era già parcheggiata in strada, io salutai l'autista prima di salire sul veicolo e mio padre si sedette accanto a me.

- Credo che Kevin abbia in programma un viaggio a Las Vegas, chiediglielo quando lo vedi, il povero ragazzo ha molto lavoro da fare, mi stai ascoltando Alice? - chiese mio padre

- Sì, papà, ricorda a Kevin il suo viaggio a Las Vegas - ho ripetuto quello che ha detto.

Quando arrivammo all'edificio dove mio padre aveva la sua azienda, scendemmo dalla limousine, ci avvicinammo agli ascensori, salimmo, mio padre premette il pulsante del suo piano, perché Kevin aveva l'ufficio un piano sopra, mio padre scese al piano dove aveva l'ufficio e poi io premetti il pulsante dell'ascensore dove si trovava Kevin.

- Buongiorno Sara - salutai la sua assistente uscendo dall'ascensore.

- Buongiorno Alice, il tuo tavolo è quello di fronte all'ufficio di Kevin, se hai bisogno di qualcosa fammelo sapere, perché sembra che oggi non sia dell'umore giusto - mi ha sussurrato.

- Quello che mi mancava oggi, un attimo fa mio padre grugniva e ora Kevin - gli ho detto

- Alice", gridò Kevin chiamandomi dal suo ufficio.

- Buona fortuna - ha detto Sara

Andai alla scrivania, lasciando la giacca e la borsa sul tavolo, battei le nocche sulla porta dell'ufficio e quando cedette, la aprii ed entrai, vedendo Kevin più bello, la giacca del completo come il colore dei suoi occhi, le labbra ben modellate ma desiderabili, i capelli sciolti all'indietro che rivelavano il suo viso perfetto.

- Ogni volta che vi chiamo, dovete venire preparati, con taccuino e matita, signorina", ha detto.

- Scusa Kevin, è il mio primo giorno", risposi.

- Per te sono il signor Taylor, qui in azienda, tu sei uno degli altri finché non ti guadagni il posto", disse molto seriamente.

- Sì, signore, prendo il taccuino", dissi.

- Lascia stare, oggi pomeriggio partiamo per Las Vegas, ti vengo a prendere a casa tua, ti faccio preparare i bagagli non mi piace aspettare e ora di' a Sara di venire e tu portami un caffè forte con latte e senza zucchero - mi disse.

- Glielo porto subito, signor Taylor", dissi prendendolo in giro, notando un piccolo sorriso sul suo volto.

Mi voltai per andare alla porta, ondeggiando i fianchi per provocare, aprii la porta e andai al bar per portarle il caffè che aveva chiesto, ma prima dissi alla sua assistente che volevo vederla quando passavo davanti al suo tavolo. Andai al bar della caffetteria, aspettai al bancone il mio turno e ordinai il caffè quando fu il mio turno.

- Ciao, sei nuovo qui, vero?" disse un ragazzo che serviva al bar.

- Sì, ho iniziato a lavorare qui oggi, mi dia un caffè per Kevin Taylor", ho risposto.

- Mi chiamo Bryan, piacere di conoscerti, ecco il tuo caffè, con latte e senza zucchero - disse versando il caffè in una tazza da asporto.

- Grazie Bryan, lo sai già a memoria, mi chiamo Alice, mi dispiace ma devo andare - gli dissi.

- Vediamoci presto, ti offrirò tutto quello che vuoi la prossima volta che ci vedremo", mi disse sorridendo.

Sono andato nella parte dove c'erano gli ascensori per salire al piano, quando sono arrivato sono andato nell'ufficio di Kevin, ho bussato alla porta e quando mi ha dato il via, ho aperto la porta e sono entrato.

- Signor Taylor, il suo caffè - dissi, lasciandolo sulla sua scrivania.

- Sara ti aiuterà a preparare la documentazione che dobbiamo portare con noi, spero che tu non dimentichi nulla, è molto importante l'incontro che ho - mi disse.

- Non si preoccupi signor Taylor, imparo molto velocemente e se non vuole altro me ne andrò", dissi.

- Non ne ho bisogno, ho un appuntamento con tuo padre, bevi il tuo caffè, non ho tempo ora", disse sorridendo.

Quando Kevin se ne andò, presi il bicchiere di caffè e lo gettai con forza nella spazzatura, macchiandomi la gonna, uscii dall'ufficio di corsa per andare in bagno, entrai e mi tolsi la gonna per lavarla un po', tenendo il perizoma che indossavo, ma all'improvviso la porta del bagno si aprì e vidi Kevin che mi guardava, cercai di coprirmi con la maglietta che indossavo ma era corta.

- Cosa vuole, signor Taylor? - Ho chiesto

- Io, beh, niente, faccio da solo", disse guardandomi e andandosene pochi secondi dopo.

Nel pomeriggio, quando Kevin è venuto a prendermi con la sua macchina, ero già pronta, lui e mio padre si sono salutati mentre mettevo i bagagli in macchina, mio padre si è avvicinato a me abbracciandomi e salutando Kevin.

- Stai prendendo il meglio", disse mio padre a Kevin.

- Lo so Michael, ti chiamo domani e ti faccio sapere", ha risposto.

Arrivammo all'aeroporto lasciando l'auto di Kevin nel parcheggio, salimmo sull'aereo della compagnia che era già pronto e arrivammo a Las Vegas ore dopo, prendendo un taxi allo stesso ingresso, il mio capo disse all'autista in quale hotel saremmo andati.

Kevin ci registrò entrambi nell'hotel, dandomi la chiave della mia stanza, il fattorino prese i nostri bagagli e salimmo con l'ascensore al piano dove alloggiavano loro.