Libreria
Italiano

Il padre di un amico

109.0K · Completato
Elen Blio
83
CapitolI
7.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

- Evangeline, sto aspettando. Il mio tempo è prezioso. - Mi dispiace, io... mi dispiace Adam Janowicz, io... non so da dove cominciare. - Cominci dalla cosa principale. Di cosa ha paura? O c'è un motivo? Un'amica mi ha detto di non innamorarmi di suo padre, ma non l'ho ascoltata. È un uomo duro, cinico, ricco, esperto e bello. Non mi permetterei mai di parlare dei miei sentimenti. Ma ho bisogno di soldi. E l'unico che può aiutarmi è lui. Il padre del mio amico. Che pensa che io stia cercando di vendere la mia innocenza. Ma è disposto a comprarla.

MiliardarioAmoreRomantico18+AgegapPossessivo

Capitolo 1

Entro in ufficio sentendo le ginocchia tremare.

Sto perdendo la testa, ma non ho via d'uscita. Ho bisogno del suo aiuto.

Adam alza la testa, con aria sorpresa. Sì, credo di non avere il solito aspetto. Il vestito è troppo scollato, la gonna troppo corta.

L'unica volta che mi aveva visto così era stato quando io e sua figlia avevamo infranto il tabù. Ci siamo intrufolate in una festa per adulti. Beh, noi non siamo ragazzine, siamo adulte. Era furioso con noi, soprattutto con me.

- Cosa vuoi, Eva?

- Buonasera, Adam Janowicz. Mi dispiace arrivare così, senza preavviso....

- Eva, ti ho chiesto cosa vuoi. Rispondi alla domanda.

- Io... io... io... - stupida abitudine di ripetere le parole e balbettare, ma sono selvaggiamente nervoso.

- Calmatevi e parlate normalmente.

Il suo sguardo è duro, ma ci sono abituata, mi guarda sempre come se volesse buttarmi fuori, o sgridarmi come un gattino dispettoso.

Adam Yanovitch Aghdamov, il padre della mia migliore amica Yasmina, per qualche motivo non mi piace molto. No, non dovrebbe amarmi, ma almeno rispettarmi? Non ho fatto nulla di male!

- Evangeline, sto aspettando. Il mio tempo è prezioso.

- Mi dispiace, io... mi dispiace Adam Janowitz, io... non so da dove cominciare.

- Iniziate dalle basi. Di cosa avete paura? O c'è un motivo?

C'è un motivo, ovviamente. Ho davvero una paura folle di chiederglielo.....

- Ho bisogno... ho bisogno del suo aiuto.

- Ok. Passiamo agli affari.

Dobbiamo scappare! Scappare da qui e non tornare! È meglio che vada a Gromila, da Vanya Gromov, lui mi aiuterà sicuramente dietro compenso. Ma non è Gromila che voglio pagare.

- Hai bisogno di soldi, vero, Eva?

Arrossisco per la vergogna, strofinando l'orlo del vestito. Ha capito tutto. Certo, è Agdamov!

Annuisco, terribilmente imbarazzata, mi tremano le gambe e anche le mani. Cosa penserà di me?

- Adam Janowicz, mi dispiace, ma non ho nessun altro a cui rivolgermi. Sono un sacco di soldi.

- Mi stai chiedendo un prestito o cosa? - La sua voce è roca, spaventosa.

Alzo rapidamente la testa, uno sguardo.

- Adam Janowitz, io... certo che... restituirò tutto appena possibile.

E ancora, occhi sul pavimento. Mi vergogno così tanto! Ho sbagliato tutto! Perché mi sono vestita così? Come... come... Cosa penserà di me?

Fisso il costoso parquet dello studio, senza riuscire a sollevare lo sguardo.

- Oppure.

- Eva, cosa vuoi offrirmi esattamente?

Perché pensa subito il peggio di me? Non sono venuto per questo!

Oh, Eva, a chi stai mentendo? È per questo che sei venuta. Questo è ciò che volevi dal primo momento in cui hai visto Adam Aghdamov!

- Li restituirò tutti, li guadagnerò e li restituirò. Ma ho bisogno di soldi adesso. È urgente.

- Guadagnare cosa? Fare il tutor? O forse vuoi cambiare carriera, eh? È per questo che sei vestito così?

Dio, perché sono venuto! È stato un fallimento fin dall'inizio.

- Mi dispiace, non volevo... Vado io.

- Tienilo fermo lì. Non ti ho lasciato andare. Evangelina Andreeva.

Si alza e si allontana dal tavolo. Si avvicina quasi a me.

- Avete deciso di vendervi per guadagnare di più?

Le parole mi fecero cadere la terra da sotto i piedi e lo guardai negli occhi, con le labbra che mi tremavano.

- Perché... perché pensi questo di me? Perché...

- Perché sei vestita come una puttana.

- Io..." Sentivo le lacrime salirmi agli occhi. - Volevo solo... volevo solo essere bella.

- Per cosa? Per avere soldi? Da me? O non sono il primo candidato? O non sono l'ultimo?

- Tu... tu... mi dispiace.

Faccio un passo indietro, ma lui mi afferra il braccio. Grido.

- Merda, scusa, di nuovo il braccio? - Il suo tono cambia radicalmente, diventando quasi normale.

- No, non è quella mano, l'altra. Vado... vado io.

- Aspetta. Allora per chi volevi essere bella?

Sono tentata di dire: "Per te", ma mi taccio, solo per mordermi involontariamente il labbro e vederlo subito avvicinarsi, come un predatore che si avvicina alla sua preda.

E la preda sono io.

- Quindi hai bisogno di soldi e sei venuta da me, eh? Indossa un vestito più corto per fare la giusta impressione?

- No, io...

- Sei vergine, vero, Eva? Hai deciso di venderti per avere di più?

Ho un flash come se mi avessero spruzzato in faccia della benzina e mi avessero dato fuoco.

Sono terrorizzato.

Faccio un altro passo e improvvisamente mi ritrovo tra le sue braccia. Adam mi tiene per la vita e non mi guarda di buon occhio.

- E se accetto di comprare?