Libreria
Italiano

Il padre di mia figlia

87.0K · Completato
Miri Baustian
49
CapitolI
8.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Quando sua sorella e suo cognato morirono in un incidente mortale, Carolina dovette prendersi cura delle sue due giovani nipoti; all'epoca era un giovane avvocato appena laureato; quando ebbe un colloquio di lavoro, scoprì dove si trovava l'uomo che un tempo amava, che era senza dubbio l'avvocato più potente del paese e... il suo nuovo capo. Oltre ai suoi sentimenti di donna, c'è la battaglia con la sorella del cognato, non solo per l'oscena quantità di denaro che le spetta per i figli, ma anche per la loro custodia. L'angoscia di perdere i bambini sembra non avere fine e per mantenere il suo segreto più profondo deve rinunciare al suo amore, quando finalmente quel segreto viene alla luce, mettendo in gioco, per la seconda volta, la custodia dei piccoli.

TradimentoRomanticoSegretiDrammaticoPoteriavventura di una nottegravidanza

Capitolo 1. È lui!

Da Carolina

Guardai il grande edificio, che si ergeva imponente, quasi osceno per le sue dimensioni e il suo lusso sfarzoso.

È stato maestoso.

"Si può".

Mi sono detto: questa è la terza intervista, e l'ultima.

Ho superato gli altri due colloqui senza problemi.

Ora era diverso.

Ora dovevo vedere il signor Sergio Hortiguera Del Valle.

Mi tremano le gambe solo a pensare a quel nome.

Il miglior avvocato della città.

Dovrei essere qui e sono arrivato qui perché ne vale la pena.

Ero il migliore della mia cucciolata.

Solo per questo merito una possibilità, almeno così dicono i requisiti.

Presi un bel respiro ed entrai.

La receptionist mi ha detto di salire al 20° piano, l'ultimo.

E si trattava dell'intero edificio Hortiguera Del Valle.

I migliori avvocati sono implacabili e non c'è processo che perdano.

È l'occasione della vita.

E sono appena uscito dal mio guscio.

Ho 22 anni e ho letteralmente mangiato la gara.

Scesi dall'ascensore e fui accolta da un'altra receptionist, che mi accompagnò lungo alcuni corridoi e incontrò una segretaria.

Le pareti erano bianche, con enormi finestre che conferivano all'edificio un'atmosfera moderna, impeccabile e lussuosa.

"Carolina Pridon?"

"Sì, piacere di conoscerla".

Non mi ha detto il suo nome.

"Il signore sarà da voi tra poco".

Mi sono seduto.

Un quarto d'ora dopo mi dice che posso entrare.

Bussò alla porta e dopo il temuto "avanti" entrai.

Dico temeva, perché i miei nervi erano già a fior di pelle, senza sapere che non erano nulla in confronto a quello che sarebbe successo.

Quando sono entrato, mi aspettavo sinceramente di trovare un uomo sulla sessantina, quello che appare sempre sulle copertine delle più prestigiose riviste di diritto.

Tuttavia, non mi sarei mai aspettato di incontrarlo in vita mia.

"Buon pomeriggio signorina..."

"Carolina, Carolina Pridon".

Mi tende la mano.

"Ci conosciamo?"

Deve aver notato il mio stupore o la mia esitazione.

Stavo davvero tremando.

"No, non credo, signore, speravo solo di trovare un signore più anziano".

Ride di gusto.

"Mio padre ti ascolta e sono sicuro che non ti assumerà".

"Mi dispiace".

Dico, diventando di tutti i colori.

"È il nostro segreto.

Mi dice strizzando l'occhio.

"Grazie".

"Sarò breve, non ho molto tempo, se sei arrivato fin qui hai superato tutti i requisiti, inizierai lunedì come avvocato junior, l'ufficio del personale risponderà a tutte le tue domande".

"Grazie mille... signore".

"Benvenuti a bordo".

Gli sorrisi.

Quando sono uscito, sono andato all'ufficio del personale.

Per fortuna l'intervista è stata molto breve, anche se mi aspettavo che mi facesse molte domande, non l'ha fatto, forse doveva andare in tribunale o prepararsi per un processo, per qualsiasi motivo, è stata breve e ne sono stata felice, sono stupita, sbalordita.

Mi tremavano le gambe.

Non può essere...

È lui...

Tanti anni senza nemmeno sapere il suo nome o chi fosse, e ora lavoro per lui.

Non mi ha registrato.

Non sa chi sono.

Anche se non so perché mi abbia chiesto se ci conoscevamo, deve essere per la mia esitazione.

Ho cercato di concentrarmi sul traffico.

L'ultima cosa di cui ho bisogno è un incidente.

Il garage si aprì e lasciai la BMW con le altre due auto, una era un furgone, anch'esso una BMW, e l'altra era una Mercedes, un classico, ma una delle più lussuose, dovrò ruotare le auto, altrimenti la loro benzina marcirà.

Grazie a Dio ho le carte che mi permettono di guidare tutti i veicoli.

Sono intestati a mia sorella e mio cognato.

Arrivo in salotto e i due cuccioli mi saltano addosso.

"Zia sei arrivata".

"Zia, ti voglio bene".

"Anch'io vi amo entrambi, come vi siete comportati?".

"Behnnnnn".

Sorrido, sono la spina dorsale della mia vita.

Brenda va a dire alla mia amica Andrea, che era in cucina, che sono arrivata.

Abbraccio di nuovo Priscilla, quasi tremando.

Guardo i suoi bellissimi occhi verdi...

Non me li ha tirati fuori...

Sono gli stessi di suo padre.

È incredibile, tra poco compirà 7 anni, il tempo passa così in fretta.

"Com'è andata?"

Mi chiede il mio amico, facendomi uscire dai miei pensieri.

"Inizio a lavorare lunedì.

"Eccellente, mi congratulo con voi!".

Mi guarda.

Mi conosce molto bene, anche se siamo stati lontani anni, da quando sono venuta a vivere nella più grande città turistica del Paese.

Sono stato letteralmente costretto dai miei genitori.

Ho lasciato la mia vita, il mio amico... tutto alle spalle e mi sono presa le conseguenze delle mie azioni.

Ora Andrea è di nuovo con me, ha litigato con l'amore della sua vita, la cosa tipica, l'ha trovato con un'altra donna a fare sesso a letto nel suo appartamento, voleva fargli una sorpresa e aspettarlo nell'appartamento, il suo ragazzo, ed è stata lei ad avere la sorpresa.

Subito dopo la tragedia di mia sorella e mio cognato, la mia amica è venuta immediatamente.

Eccoci qui.

Le manca un anno per laurearsi in lettere.

In realtà, mancano alcuni argomenti.

Nel frattempo ha trovato lavoro come cameriera nel bar di un albergo.

È snella, parla correntemente due lingue ed è piuttosto appariscente, è bellissima.

L'hanno presa subito, avrebbe potuto lavorare ad altro, ma si diverte e riceve buone mance oltre allo stipendio.

Mi aiuta con le spese della grande casa.

Non è casa mia, appartiene a mia sorella e a mio cognato.

Ma l'elettricità, il gas e altri servizi devono essere pagati.

Grazie a Dio mia sorella era parsimoniosa.

Non mancavano i soldi, ma mio cognato era uno di quelli che diceva che se avesse portato i soldi, se ne sarebbe occupato lui.

D'altra parte, anche mia sorella era un avvocato e suo marito non le ha mai permesso di lavorare.

Sono morti in un incidente stradale e ringrazio Dio che quel giorno sono usciti da soli, senza i bambini.

Altrimenti la mia vita, già sconvolta dalla morte di mia sorella, sarebbe finita.

Finiamo di cenare e metto a dormire le bambine.

Sono tutta la mia vita.

Priscila ha 6 anni, ne sta per compiere 7 ed è un raggio di sole, intelligente, disinibita, chiacchierona, molto matura per la sua età, e bellissima, è bionda, con la stessa tonalità dei miei capelli e con dei fantastici occhi verdi, francamente la adoro.

C'è anche Brenda, 5 anni, è più timida, ma nonostante questo, ogni volta che esce ci fa ridere.

Ha il mio stesso colore di occhi, grigio, che era lo stesso colore di mia sorella, e biondo, nel senso che è uscita da me, ha la mia stessa tonalità, mia sorella aveva un biondo più scuro e le ragazze hanno un biondo cenere, come me.

Esco dalla stanza e Andrea mi aspetta.

"Dimmi".

È l'unica persona che conosce la verità.

I miei genitori sono morti poco dopo che sono venuta a vivere a Mar del Plata, la più grande città costiera del mio Paese.

Mi hanno mandato, mi hanno costretto.

Hanno concordato con mia sorella e mio cognato, prendendo due piccioni con una fava.

Mio cognato era un ingegnere navale e viaggiava per un periodo abbastanza lungo, fino a due mesi, a volte di più, ma la maggior parte delle volte i suoi viaggi erano di 35-40 giorni.

Paula, mia sorella, era spesso sola, lui non voleva che andasse nella capitale a trovare i miei genitori, almeno non per molto tempo, quindi Paula si sentiva immensamente sola.

Da quando si sono sposati, hanno cercato di avere dei figli, ma i figli non sono arrivati.

È qui che sono entrato in gioco io e sono finito a vivere nella loro casa.

Andrea sta aspettando che le dica quello che devo dirle.

È la mia anima amica, la mia compagna di avventure e la custode del mio più grande segreto.

Avevamo 15 anni quando andammo a casa di sua zia.

Siamo rimasti per circa 10 giorni, era estate, Andrea aveva un cugino della nostra età e uno di 19 anni.

Ci siamo divertiti tutto il giorno.

E passavamo 30 volte al giorno davanti alla porta della casa dietro l'angolo dove viveva sua zia.

Naturalmente, c'erano due nuovi ragazzi.

Non li conoscevamo, il cugino più anziano ne conosceva uno di vista, era il nipote della signora che viveva in quella casa, anche se qualcuno aveva detto che la signora era morta.

La casa era la più bella del quartiere.

3 piani, con parco, piscina, una vera e propria villa.

Siamo morti per quei ragazzi, anche se erano un po' più grandi per la nostra età.

C'è stato un incontro, un ritrovo, come viene talvolta chiamato, a casa di un cugino più grande di un amico di Andrea.

A questo punto non so come abbiamo fatto a intrufolarci in quella festa.

Abbiamo visto cose che non conoscevamo.

Ragazzi che fumano spinelli, molto alcol e coppie che fanno chissà cosa nel buio del parco.

In quel momento abbiamo visto i due ragazzi che ci piacevano.

Morivo per quello con gli occhi verdi, i capelli castani, alto, muscoloso, un adone.

Le piaceva l'altro ragazzo, anche lui di una bellezza straordinaria.

Alti e muscolosi, sembravano in competizione con il loro amico per vedere chi aveva più muscoli.

Occhi scuri e penetranti e capelli castano scuro.

Gli faccio un segno non celato, se ne accorgono, quello con gli occhi chiari si avvicina e mi chiede quanti anni ho.

"Tra due settimane compirò 18 anni".

Non avrei avuto l'aspetto di un bambino.

Comincia a baciarmi, non sono mai stata baciata così prima, sono stata baciata da due o tre ragazzi e si trattava di baci sulle labbra, qualcosa di insignificante rispetto a questo.

Eravamo in una poltrona in un angolo del parco di quella casa, senza che entrasse quasi nessuna luce.

Le sue mani erano su tutto il mio corpo.

Dio, era bellissimo e mi stava baciando e toccando in un modo che non avevo mai sognato.

Sentii che le mie parti intime si stavano bagnando.

E le sue mani andarono dritte in quel punto.

Vergogna!

Mi tirò su la camicia e mi baciò il petto, sentii un formicolio spettacolare, tutto il mio corpo bruciava.

"Vuoi farlo?"

Annuii.

È stato pazzesco, non lo conoscevo ed ero vergine.

Così, si sbottonò i pantaloni e fece uscire il suo cazzo, era grosso, anche se non volevo guardare troppo, forse sono tutti uguali.

Mi ha penetrato direttamente.

Gridai di dolore e mi spostai, fino a sedermi sopra di lui.

"Sei vergine?"

Me l'ha chiesto e ho pensato che fosse infastidito.

"Ho seguito..."

Glielo dissi e, nonostante il dolore, sentivo un fuoco interiore a me sconosciuto.

Continuò a baciarmi e a toccarmi, finché un'esplosione di piacere mi travolse.

Ebbi il mio primo orgasmo tra le braccia dell'uomo più sexy che avessi mai visto in vita mia.

Arrivò pochi secondi dopo.

"Piccola, sei molto sexy, ma non mi piacciono le vergini e spero proprio che tu stia per compiere 18 anni, devi crescere".

Ho boccheggiato.

Mise via la sua cosa e se ne andò.

Non l'ho più rivisto.

Nemmeno il suo amico.

Mi sono sentita umiliata.

Tutto qui?

Ho perso la mia verginità con il più sexy, il più arrogante, il peggior figlio di puttana di sempre.

Ho cercato Andrea.

Gli ho raccontato tutto.

"Sei pazzo".

"Ho toccato il cielo, finché è durato, ma è stato solo per pochi minuti".

Poi... ho perso il ciclo.

A casa volevano uccidermi.

Non conoscevo nemmeno il nome del padre del mio bambino.

Non l'ho più rivisto.