Libreria
Italiano

Il mio personale re

127.0K · Completato
Angelina Bhardawaj
85
CapitolI
80.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Victoria Gibberson, una ragazza telepatica di 18 anni che può leggere la mente degli altri quando vuole. È stata una maledizione più che un regalo. I suoi genitori sono morti in un incidente d'auto, un anno fa e quindi, la prima cosa che ha fatto dopo aver completato il liceo ha cambiato il suo luogo di residenza per un cambiamento. Trasferitasi in una piccola città chiamata Pearly Canines con sua zia, ha detto addio ai vecchi ricordi desiderando ricominciare da capo con i suoi studi universitari. Ma c'era qualcosa che non andava in questo posto. L'atmosfera che stava ricevendo era di inquietudine, ma qualcosa la attirava. La cosa più strana per lei era che provava un'innegabile attrazione per questo ragazzo chiamato Alexander Hunter. L'avrebbe fissata profondamente come se conoscesse i suoi segreti più profondi, ma l'avrebbe ignorata la maggior parte delle volte. Non l'ha aiutata quando una notte le si è avvicinato e si è chinato prima di sussurrarle in modo seducente nelle orecchie: ""Ciao, amico. Innamoriamoci l'uno dell'altro."

LicantropiRomanticoVero AmorePossessivo

Capitolo-1 Nella nuova città "Pearly Canines

IL PUNTO DI VISTA DI VICTORIA

Caro diario,

Oggi è l'ultimo giorno che sono qui. È passato esattamente un anno da quando è successo l'incidente. Mi è stato detto che tutte le mie decisioni sono sempre impulsive e avventate. Ma sto andando via da qui per proseguire i miei studi e forse anche per una pausa. Mamma e papà avrebbero voluto questo, giusto? Che io vivessi la mia vita felicemente.

So che mi mancherà qui, ma credo di aver bisogno di cambiare vita e luogo, altrimenti non credo che riuscirò mai a superare il fatto che entrambi mi hanno lasciato a combattere in questo mondo da solo.

Mi trasferisco con mia zia Marla nella sua città Pearly Canines. Il nome è strano, vero? Ma è la più vicina all'università che mi piaceva una volta e la aiuterà anche a prendersi cura di me. Lei è fantastica e super cool, avevo sempre pensato di vivere con lei e divertirmi, ma non ho mai pensato che l'avrei fatto in queste circostanze, spero solo di non implicarmi troppo con lei.

Ora devo fare le valigie.

Con amore.

Vic.

Scrivendo l'ultima voce del diario, l'ho messo velocemente nello scomparto nascosto della mia stanza, che era dietro il mio armadio.

Proprio come oggi, anche la voce che ho scritto sul diario era l'ultima, perché era l'ultima pagina. Sembra che dovrò comprarne uno nuovo appena arrivo.

Nuova vita, nuove voci, nuovi ricordi. Questo era il mio piano per il futuro, niente di troppo complicato.

Spero solo che le cose funzionino come mi aspetto.

Controllando un'ultima volta che tutto fosse posizionato perfettamente, ho chiuso la zip del borsone e ho preso la mia valigia. Avevo deciso di prendere solo poche cose, come i miei vestiti preferiti, le necessità come l'album di foto del padre di mia madre, e tutte le altre piccole cose che mi renderanno felice e mi faranno sentire a casa.

Il resto delle cose, ho solo fatto in modo che fossero disposte ordinatamente e non fossero in pericolo di cadere fuori posto.

Anche se stavo andando via da questo posto, non ho intenzione di vendere questa proprietà per ora. Ha i ricordi di mamma e papà con me. Forse quando l'università sarà finita, potrei tornare a vivere qui.

Assicurandomi che tutti i rubinetti e le finestre fossero chiusi, ho dato un'ultima occhiata alla casa prima di sorridere tristemente e chiudere la porta.

"Vai da Vittoria?" Chiese la zia del mio vicino che era in polizia.

"Sì, zia. Dovrò disturbarti per badare alla casa". Dissi educatamente.

"Questo non è un problema caro. Sono pronta a prenderti sotto le mie ali e a scartare quel mio inutile figlio se sei d'accordo". Ha scherzato.

"Ehi! Ho sentito mamma!" Una voce venne da dentro casa sua.

"Era destinato ad essere sentito". Lei urlò di nuovo a suo figlio, prima di ridere educatamente di me.

Ho sorriso tristemente all'interazione madre-figlio. Mi mancano troppo mamma e papà, anche se non erano i miei veri genitori, non li ho mai amati di meno.

Annuendo un'ultima volta a lei, ho fatto il giro della casa dove un taxi mi stava già aspettando.

Portando il borsone e una valigia, uno per mano, partii per l'aeroporto.

La città era a tre ore di distanza dall'aeroporto. E il mio volo sarebbe durato circa 4 ore, quindi, tutto sommato, dovevo soffrire quasi 9 ore di viaggio ora.

Semplicemente fantastico!

Collegando le mie cuffie, ho scaricato rapidamente qualche altra canzone, 3 audiolibri da ascoltare quando sarò sul volo. So che hanno spento la politica dei telefoni ovunque, ma posso sempre ascoltare le canzoni scaricate in modalità aereo.

Sentendomi molto soddisfatto della mia idea, ho abbracciato l'idea del viaggio macabro.

___________Dopo 9 ore__________

Ho chiesto all'autista del taxi di fermarsi davanti all'indirizzo che ricordavo e ho tirato fuori il mio bagaglio prima di dargli la tariffa.

Non so perché ma sentivo uno strano tipo di vibrazione dal momento in cui sono entrato in città.

Come se qualcosa mi attirasse.

E non ha aiutato molto quando l'autista mi ha guardato come se fossi una strana personalità quando ho detto che volevo andare a Pearly Canines.

Mi ha fatto pagare il doppio della fiera, il che mi ha fatto roteare gli occhi per la sua tattica. Un modo per andare con le persone nuove della zona.

Non preoccupandomi molto ho accettato la sua offerta perché nessun'altra persona era pronta a venire qui.

In piedi davanti a una casa, contemplai se questo era lo stesso indirizzo o no? Sono stato qui solo una volta quando ero bambino, dove avevo quasi litigato con un ragazzo e da allora, mamma e papà non mi hanno mai permesso di venire qui.

La casa che ricordavo da circa 9 anni non era come questa. Ma da quello che ricordo questo dovrebbe essere il posto esatto.

Inoltre, il carillon appeso al balcone della stanza al primo piano era troppo difficile da ignorare, perché era stato fatto personalmente da me.

Ho guardato la casa eccezionalmente ben costruita e ho suonato il campanello due volte, ma nessuno ha aperto la porta.

Tirando fuori il mio telefono, ho fatto scorrere la lista dei contatti e ho visto alcuni numeri, sotto un unico nome. Ho chiamato zia Marla con il numero che aveva usato per chiamarmi l'ultima volta. Spero solo che sia lo stesso di prima, perché lei ha l'abitudine di tenere numeri diversi e quale sia quello funzionante quando, nessuno lo può prevedere.

"Pronto? Sto parlando con la signorina Marla Gibberson? Huh, grazie a Dio. Marla, sono davanti a casa tua. Puoi per favore venire ad aprire la porta, se sei in casa".

"Ehi, tesoro, mi dispiace tanto. Sono in un supermercato qui vicino a fare la spesa per te, sarò lì tra mezz'ora. Posso per favore disturbarti per sederti nel caffè qui vicino fino ad allora?". Chiese Marla goffamente.

Conoscendo le sue abitudini, probabilmente era impegnata a comprare all'ultimo minuto, generi alimentari, snack e cioccolatini per me e stava contemplando se mi sarebbero piaciuti o no.

"Non preoccuparti, fai con calma. E non preoccuparti troppo. Mi piace tutto quello che scegli". Con questo, ho chiuso la telefonata.

Ha detto un caffè nelle vicinanze? Ho guardato alla mia sinistra e alla mia destra per controllare se ce ne fosse uno, e ben presto ne ho trovato uno. L'insegna del caffè era troppo difficile da ignorare.

Posando il mio bagaglio dietro il cancello principale, ho tirato fuori il mio portafoglio, prima di muovermi verso il caffè.

Questo caffè aveva un bell'aspetto. Dall'esterno, potrebbe non sembrare così grande, ma l'interno era tutta un'altra storia. Era allo stesso tempo accogliente ed elegante.

"Ehi, cosa posso offrirle?". Chiese la signora dietro il bancone.

"Mm un caffè freddo con sciroppo di cioccolato extra e choco chips per la bevanda e posso avere quei due panini insieme a loro? Grazie". Ho ordinato educatamente.

"Tesoro! L'hai sentita. Due panini e un caffè freddo con cioccolato extra e choco chips". La signora ha urlato di rimando.

"Tesoro, sembri nuova. Sei venuta a trovare qualcuno qui? Sono sicura, non ti ho mai visto in giro". Chiese la signora.

"Umm sì... starò qui per un po' di tempo. Sono qui da mia zia e proseguirò l'università da qui". Ho risposto.

Non c'era niente di male nel rispondere a qualche domanda, pensai. Inoltre questa signora sembrava innocua e accogliente.

Dopo aver ordinato le mie cose, mi sono seduto in un tavolo vicino alla finestra.

Guardando fuori, ho notato un gruppo di adolescenti della mia età che ridevano e scherzavano. Era una vista squisita per me. Mi divertivo così con i miei amici prima che i miei genitori mi lasciassero.

Scuotendo la testa per liberarmi dai tristi ricordi, guardai il gruppo e notai qualcosa.

Non solo i ragazzi del gruppo erano estremamente ben costruiti e belli, ma anche le ragazze lo erano, eccezionalmente belle.

È questo il posto da dove vengono raccolti i futuri modelli e le persone per le imprese di intrattenimento?

Il mio sguardo seguì uno dei maschi che sembrava il mio tipo, o il mio tipo prima dell'anno scorso. Li ho visti entrare nel caffè e così, il trambusto che stava accadendo fuori è stato sentito anche nel caffè.

"Ragazzi, smettetela di urlare. State rovinando la prima impressione di questa città davanti al nostro ospite". Disse la signora del bancone, muovendo lo sguardo verso di me.

Come se le sue parole avessero fatto scattare qualcosa in loro, tutti si sono subito calmati e hanno iniziato a guardare verso di me.

Così, gente, è così che si diventa il centro dell'attenzione indesiderata.

Avrei voluto alzare gli occhi al riguardo. Questa città non riceve così tanti forestieri?

"Ehi, sei nuovo qui?" Il ragazzo che ho detto essere il mio tipo è venuto da me e ha chiesto educatamente.

Grazie per aver chiesto l'ovvio, signor ovvio. Avrei voluto dire.

"Sì. Frequento l'università qui". Dissi e ringraziai il cameriere che portò le mie porzioni.

Il cibo sul volo non era troppo buono, e mi sentivo affamato.

"Wow...sembra buono. Tutti noi andremo all'università quest'anno. Ehi ragazzi, abbiamo un nuovo compagno di classe qui. Venite a salutare". Ha gridato verso i suoi amici.

"Oh, dimenticavo, il mio nome è Daniel. Potete chiamarmi Dan o Niel o Daniel. Qualsiasi cosa. Non mi importa." Disse mostrandomi i suoi denti perfetti.

"Victoria", dissi io.

"Ehi, sbrigati. Voglio presentarmi a quella ragazza". Sentii un chiacchiericcio lontano, che mi mise un po' in imbarazzo. Era così tanto tempo che non mi chiamavano così, una tipa. Per il resto, ero solo abituata agli sguardi di simpatia dei miei amici e di chiunque mi conoscesse.

Ho solo sorriso all'atteggiamento amichevole di Daniel.

Era bello e fantastico, ma non ero ancora a mio agio con così tante persone intorno a me. Prima che tutti potessero venire da me dopo aver piazzato i loro ordini, ho preso il mio in mano prima di correre fuori dal caffè.

Lo so, mi sono tirata indietro e ho detto che andavo a cambiarmi, ma non riuscivo a fingere un sorriso per troppo tempo. Mi ci vorrà un po' di tempo per adattarmi qui, specialmente con queste foreste circostanti.

Raggiungendo la casa di mia zia, ho notato che il mio bagaglio non c'era. Probabilmente zia Marla l'aveva già portato dentro.

Huh! Guardando la casa, ho fatto un respiro profondo prima di mettere il miglior sorriso naturale che potevo fare ed entrare.

Ecco la mia nuova vita.

Entrando in casa, ho salutato Marla con un dolce abbraccio, che è stato ricambiato da uno schiaccia-ossa.

Anche se era mia zia, non le è mai piaciuto essere chiamata così.

Secondo lei essere chiamata zia la faceva sentire vecchia, e penso che avesse ragione. Se qualcuno non la conoscesse, probabilmente penserebbe che ha appena compiuto 22 o 23 anni, anche se quest'anno ne avrebbe compiuti 34.

"Ehi, Vittoria. Così finalmente possiamo vivere insieme uhh? So che devi essere triste e sentirti solenne per quello che è successo, ma non ti è permesso di rimanere triste qui. Promettimi che dimenticherai i brutti ricordi e andrai avanti, coltivando quelli belli". Disse lei.

"Lo prometto", risposi. Questo era esattamente il motivo per cui ero qui. Per dimenticare i brutti ricordi e andare avanti coltivando quelli belli.

"Ohh, ho dimenticato di dirtelo. Ho un ragazzo di nome Markus. La maggior parte del tempo vivo con lui, ma non preoccuparti, verrò ogni giorno a farti compagnia per un po' di tempo". Disse mentre si muoveva in cucina per sistemare la spesa negli armadietti.

"Voi due fate sul serio?" Ho chiesto curiosamente. Non ho mai sentito dire che avesse un fidanzato, per quanto ne so, ha sempre detto che stava aspettando quello giusto.

"Certo, è il mio compagno". Disse lei.

"Compagno? Nel senso di anima gemella?" Chiesi. Non avrei mai immaginato che una persona figa come Marla credesse in questa stronzata del compagno.

Tutto quello che so è che la gente al giorno d'oggi è così avida che non si avvicina a nessuno senza un secondo fine. E anche se qualcuno ha una relazione, questo non garantisce che rimarranno insieme per l'eternità della loro vita.

"Uhuh... Anima gemella. Beh, questo argomento sarà discusso un altro giorno. Ho sistemato tutte le provviste e gli spuntini di cui avrai bisogno. So che hai sempre amato stare da solo, non osare pensare che io non sappia, quanto sia stata merdosa la tua vita in quest'ultimo anno". Ha rimproverato di nuovo.

Io dall'altra parte mi limitai a sgranocchiare la caramella che mi aveva portato mentre la ascoltavo.

"Quello che voglio dire è che è ora che tu vada avanti, Vic. Ci sono ancora persone che tengono a te. E lo scoprirai presto. Ora me ne vado. Ricordati di chiudere porte e finestre di notte. Molti lupi escono dalla foresta di notte per portare via le ragazze". Scherzò con aria seria.

"Sì, sì....e si dà il caso che io sia la nuova carne qui". Ho continuato.

"Beh, almeno hai colto il punto". Ha ridacchiato prima di abbracciarmi e andarsene con la sua borsetta che conteneva alcune cose innominabili di cui non voglio nemmeno parlare.

Sembra che siano troppo seri con la loro relazione, visto il numero di misure protettive che Marla ha comprato. Stanno progettando di non uscire dalla stanza per un anno intero? Ho pensato nella mia mente.