Libreria
Italiano

Il mio ex marito mi chiede di ritornare

2.0M · In corso
Lana Carr
1374
CapitolI
159.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Lo ha amato per dieci anni. Per sposarlo, ha lasciato tutto. Sposati da un anno, lui le chiese il divorzio a causa del suo primo amore. Per mantenere la dignità, lei ha accettato e ha detto: "Dopo il divorzio, non ci incontreremo più". Lui ha risposto: "Non si penta!". Tuttavia, quando il matrimonio finì, lei lo fece. Anni dopo, quando è tornata con un uomo, lui l'ha pregata: "Tesoro, vieni a casa con me!".

MiliardarioCEOMatrimonioTriangolo AmorosoAmoreRomanticoVero AmoreFelicitàCoppia

Capitolo 1 Non ci vediamo più dopo il divorzio

Villa Hanyama.

Era la villa più bella di Hance City.

Un uomo nella camera da letto principale si alzò dal letto ed entrò nel bagno con un'espressione vuota sul volto.

L'uomo che si era soffermato su di lei un secondo prima cambiò improvvisamente espressione, cosa a cui Camille Armstrong era abituata da tempo.

Si alzò e si vestì, il viso arrossato sotto i lunghi capelli, era bellissima, una perfetta combinazione di sexy e provocante.

"Firma questo", disse l'uomo uscendo dal bagno, con un'espressione morbida e gelida sul viso e con una fredda noncuranza tra le sopracciglia.

Spiegò mentre prendeva un pezzo di carta dal cassetto accanto al letto e lo gettava sul letto.

Camille abbassò lo sguardo e notò le parole abbaglianti "Accordo di divorzio" scritte sopra.

Fissandolo, chiese incredula: "Vuoi il divorzio?".

"Eileen si è svegliata e vorrei mantenere la promessa fatta a lei". L'uomo si accese una sigaretta e il suo bel viso diventò quanto di più sassoso potesse esistere.

Lei era pallida, con gli occhi pieni di incredulità, le labbra leggermente arcuate, e trovò il coraggio di chiedere di nuovo: "È necessario divorziare? Non c'è modo di alleviare la situazione?".

"Camille, dovresti conoscere lo scopo del nostro matrimonio, ho già deluso Eileen una volta, non voglio ferirla di nuovo".

Era diretto e intransigente, lasciando intendere che non c'era via d'uscita.

Camille era invidiosa della sua tenerezza quando nominava "Eileen", e capiva perfettamente che il suo cuore era pieno di Eileen Khan, che quasi ospitava la sua vita per lui.

Lei, invece, non era nulla in confronto a lei.

Il suo sguardo era caldo e calmo, e rifletté per qualche secondo prima di pronunciare chiaramente una sola parola: "OK".

L'uomo si accigliò leggermente quando sentì la voce calda e gentile della donna, ma solo per quasi un secondo prima che sparisse.

"Puoi chiedere tutto quello che vuoi. Posso accettare qualsiasi richiesta, purché non sia eccessiva", disse.

Camille alzò la testa, il suo viso sembrava freddo e chiaro, ma i suoi occhi rimasero dolci: "Ho solo una richiesta".

"Dilla".

"Non ci vedremo mai più dopo il divorzio".

I suoi occhi erano pieni di un senso di determinazione.

C'era uno sguardo profondo negli occhi dell'uomo mentre parlava con voce bassa e roca: "Camille, stai facendo i capricci con me?".

Camille fece un leggero sorriso e disse: "Certo che no, cosa te lo fa pensare?".

Diceva sul serio, era la verità.

Ayan Simpson, tuttavia, non sembrava persuaso.

I suoi occhi scuri lampeggiarono di un sottile strato di oscurità mentre si accigliava leggermente. Sollevò le palpebre e disse: "Ti ho chiesto di fare una richiesta, non di arrabbiarti".

"Non vederci mai più? Non lo trovi un po' infantile?".

"Essere infantile?" Non le sembrò così: "Questa è la mia richiesta, per il resto non ne ho bisogno", rispose freddamente.

Temeva di non riuscire a controllare le emozioni e di gridare, così si voltò rapidamente e prese l'accordo di divorzio, prendendo una penna dal bancone e firmando il suo nome senza nemmeno guardarlo.

In modo netto, deciso e senza esitazioni.

Era triste per Camile, perché nessuno sapeva che era stata innamorata di quell'uomo per dieci anni.

Le sue labbra si strinsero e si rifiutò di versare lacrime ricordando come lui fosse stato obbediente con lei il primo anno del loro matrimonio, come avesse fatto ciò che un marito avrebbe dovuto fare per la moglie: darle cura e sostegno. Era caduta nell'illusione, dimenticando che c'era sempre qualcun altro nel suo cuore.

Era giunto il momento di restituirlo al suo proprietario originario.

Espirò a bassa voce, si girò verso Ayan e chiese: "Quando saranno espletate le formalità?".

Ayan si accigliò sentendo questa domanda.

Dopo un anno di coppia, non si era accorto che la donna, sempre gentile, era così ansiosa di liberarsi di lui.

Non si rendeva conto che la donna, sempre gentile, fosse così ansiosa di liberarsi di lui dopo un anno di matrimonio.

Socchiudendo gli occhi, disse con indifferenza: "Hai fretta? Sai che è impossibile che non ci vediamo mai. Inoltre, il nonno e i Simpson ti vogliono così bene, non hai nemmeno i Simpson con cui tenerti in contatto?".

"Sei tu che hai chiesto il divorzio, Ayan." E stiamo divorziando, vuoi ancora farti gli affari miei?", argomentò disperata.

Si sentiva come se il suo cuore fosse trafitto da un coltello, ma finse di sorridere con indifferenza.

"Ti sei reso conto che questo mi avrebbe portato a fraintendere, a interpretare il fatto che tu avessi un amore non corrisposto per me? "

Lei non osò guardarlo direttamente negli occhi, ma sorrise: "Oppure non sei innamorato di Eileen, ma sei innamorato di me?".