Il maestro e la vergine ninfetta

79.0K · Completato
Sol Rodrigues
48
CapitolI
10.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni
Inizia a leggere

Riepilogo

Celine è una ragazza di 18 anni che sta iniziando un corso di legge all'Università della California. Lei è verginale e pudica, con un'innocenza unica e allo stesso tempo seducente, ed è estremamente audace. Tutto cambia quando incontra l'ambito professore Kyle. Ha tutte le studentesse ai suoi piedi, ed è abituato a farsi desiderare da tutte, tranne Celine a cui non frega niente della sua esistenza, e lo tratta con indifferenza e questo lo mette completamente a disagio. Non si fermerà finché non l'avrà ai suoi piedi. Celine avrà abbastanza equilibrio emotivo per resistere a tutti gli attacchi del professore? Parti per questa deliziosa avventura Romance Hot. Dove il piacere è il tuo principale alleato.

PossessivoSessoUniversitàOneshotVero AmoreDominanteRomantico18+AmoreVergine

IL PRIMO GIORNO

Amore? Che cos'è l'amore?

Non è stato amando qualcuno che sono entrato in una delle migliori università della California.

Credo che l'amore sia una distrazione.

Chi ama diventa ostaggio di qualcuno che può o meno prendersi cura del proprio cuore, ma il più delle volte l'amore lo distrugge.

Non ho mai voluto rimanere in quella posizione, per paura di creare una dipendenza affettiva da qualcuno.

Mi chiamo Celine, ho 18 anni e sono vergine.

Non che qualcuno abbia mai provato a portarmi a letto, ma non credo che dovrei donare a chiunque.

Sono bianco, ho gli occhi verdi, ho le lentiggini e i miei capelli sono rossi naturali.

Ricevo l'attenzione dei ragazzi ovunque io vada e vengo costantemente molestato da loro, il che ha creato in me una sorta di difesa.

Alcuni ragazzi mi chiamano ragazza di ghiaccio, altri mi chiamano birichina preppy, e in realtà sono solo una ragazza disposta a proteggere il proprio cuore.

Sono single, per mia scelta.

Il giorno in cui ho deciso di uscire con qualcuno, ha messo le mani sulle mie tette nella prima settimana di appuntamenti, e quando gli ho chiesto di smetterla, mi ha detto che i fidanzati fanno sesso e che dovremmo fare sesso, e quando ho deciso di rompere su, ha avuto l'audacia di chiamarmi frigido.

Non sono frigida, semplicemente non tratto il sesso con banalità.

Oggi è il mio primo giorno di giurisprudenza, voglio fare l'avvocato come hanno fatto i miei genitori, non perché mi hanno costretto a farlo, ma perché ho sviluppato un amore per questa professione.

In effetti, questo è l'unico amore affidabile.

Appena arrivata all'università prestavo attenzione a tutte le ragazze, molto ben vestite, super truccate, con tacchi giganti, e molte di loro camminavano come se fossero su una passerella.

Non che fossi vestito male, ma non indossavo nemmeno abiti da parata.

Stavo cercando la mia stanza, quando un uomo mi è passato accanto, il suo profumo mi ha impregnato le narici.

Era bianco, alto, maschio, sembrava molto giovane e aveva un sorriso angelico.

I suoi capelli erano splendidamente acconciati e aveva un pizzetto perfetto.

Mentre camminava lungo il corridoio, un sacco di ragazze camminavano con lui, chiamandolo puzzolente, bello e un altro lo chiamava un insegnante sexy.

- Quindi è un insegnante? Quanta dissolutezza. Ho pensato.

Non si può negare, è molto figo, ma a quanto pare è un donnaiolo, ed è proprio questo tipo di uomo che mi fa venire voglia di restare single.

Si fermò a chiacchierare con alcune ragazze, e io continuai la mia ricerca per la stanza, finché non mi fermai davanti a una di loro.

- E' questo.

Prima che entrassi, nella stessa stanza arrivò anche l'insegnante donnaiolo.

Alcune ragazze che erano dentro la stanza iniziarono ad uscire per salutarlo, e io dovetti allontanarmi per non essere calpestata.

Appena sono entrato c'erano tanti ragazzi e poche ragazze, perché gli altri erano sulla porta a tirare il culo a quella maestra.

Ho cercato un posto dove sedermi, per poter seguire perfettamente la lezione.

A poco a poco gli studenti sono entrati e si sono seduti, solo che non capivo come lo conoscessero, se eravamo ancora al primo semestre, allora la stanza doveva essere solo per le matricole.

Ho guardato il mio foglio e ho chiesto alla ragazza accanto a me se ero nella stanza giusta.

“Rilassati, ci sono un sacco di persone veterane qui che lo hanno ripetuto nel suo articolo, io sono uno”.

Quindi è stato spiegato perché lo conoscevano già.

Hanno passato così tanto tempo a provarci con lui che si sono dimenticati di prestare attenzione in classe.

“Buongiorno signore, mi chiamo Kyle, ma tutti mi chiamano Ky.

Sono un professore di diritto costituzionale e spero che tu possa vedermi come un tuo amico, non solo come un professore, e sono qui per risolvere tutti i tuoi dubbi.

Vedo che abbiamo un sacco di facce nuove qui, quindi benvenuto.

Le ragazze più anziane iniziarono ad applaudire e le matricole si unirono senza capire veramente perché venivano picchiate.

Rimasi fermo nel mio, non volendo credere che quegli applausi fossero per il professore. Ma per cosa?

Scossi la testa in senso negativo e lo guardai, e rimasi sorpreso quando vidi che mi stava fissando.

La gente ha smesso di applaudire, e lui ha guardato di nuovo la classe e li ha ringraziati, poi ha guardato di nuovo me, come se mi stesse scrutando.

- Oh, risparmiami. Vuoi che applauda anch'io? Ho pensato.

Ho guardato il pavimento e ho riso dei miei stessi pensieri quando mi ha parlato.

Kyle: Ciao, come ti chiami?

Lo guardai e risposi senza paura.

- Céline.

Kyle: Vuoi condividere con la classe il motivo della grazia?

- Scusa maestra, ma ho la libertà di ridere senza dover spiegare a qualcuno.

Allo stesso tempo, sono iniziati i mormorii in classe.

Kyle: Hai ragione, proprio come ho il diritto di insegnarti o no, puoi per favore andartene.

- Non mi ritirerò finché non mi darai una giustificazione plausibile.

Cosa hai intenzione di dire nella direzione? Che non mi avresti lasciato guardare la tua lezione perché stavo ridendo a crepapelle, o era perché non applaudivo per te?

L'atmosfera è diventata tesa all'interno della classe e l'insegnante era completamente insensibile.

- Non c'è alcuna giustificazione? Bene, allora rimango, e puoi insegnare alla tua classe per favore, perché sono venuto qui per studiare, non era per gonfiare il tuo ego.

Si guardò intorno nella stanza e poi di nuovo su di me.

Kyle: Va bene signorina Celine, lascerò perdere, perché non abbiamo ancora avuto il tempo di conoscerci, forse quando mi conoscerai meglio, sarai più accogliente ed educata.

- Mi interessa solo conoscere il tuo insegnante e non te.

Ho notato un lieve sorriso all'angolo della sua bocca, e il suo sguardo è passato su tutto il mio corpo, si è avvicinato alla mia sedia, sotto lo sguardo attento degli studenti, e ha parlato ai piedi del mio orecchio.

Kyle: Ecco cosa vedremo Miss Celine.

Mi ha voltato le spalle e ha continuato con la sua lezione, mentre mi sentivo accapponare la pelle.