Libreria
Italiano

Il CEO ama sua moglie

2.0M · Completato
Beatrice Tassone
1087
CapitolI
68.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Immediatamente dopo che il suo ragazzo ha messo incinta sua sorella, ha sposato il famigerato magnate degli affari, Archie McCarthy. Si dice che abbia avuto abbastanza successo nel coltivare idoli e abbia salvato la sua azienda da molti disastri di pubbliche relazioni. Inoltre, era anche un'imprenditrice, una pilota di auto da corsa di prim'ordine e una designer di livello mondiale... Come poteva esserci una donna così perfetta? Proprio da quel momento in poi, si era improvvisamente trasformata da povera ragazza abbandonata a una dea adorata da milioni di persone. Improvvisamente, si è guadagnata così tanti ammiratori in tutto il paese. Quando ha notato tutti quegli occhi ammirati su di lei, il signor McCarthy l'ha presa tra le sue braccia: "Non pensarci nemmeno! È la mia donna!" Tutti erano sbalorditi. Ma prima ancora che potessero capire cosa fosse successo, una piccola ragazza corse da Natalia e l'afferrò per una gamba, esclamando: "Papà cattivo, lo sai che è mia!"

MiliardarioCEOMatrimonioRomanticoAmore

Capitolo 1 Adulterio Colto in flagrante

"Ciao, hai ancora i preservativi a coste intensi Durex?"

"Ci sono."

"Inoltre, datemi anche un dildo e un vestito da gatto nero sexy."

"Nessun problema, indirizzo?"

"Stanza 2202 dell'Hotel Reika."

.........

Era già mezzanotte quando Natalia Dawson arrivò finalmente all'hotel.

In un momento come questo, non era del tutto sicuro per chiunque lavorasse nel settore dei prodotti per adulti fare consegne di persona.

Per non parlare di una ragazza come lei, giovane e bellissima.

Ma d'altra parte, cosa poteva fare? La vita non era mai facile, e lei aveva dovuto pagare per la sua vita. Ancora più importante, Shawn sarebbe tornato al paese tra pochi giorni.

Stavano insieme da sei anni, ma la maggior parte del tempo vivevano in città diverse. Shawn aveva degli affari di cui occuparsi all'estero e sicuramente lei non poteva semplicemente trattenerlo.

Fortunatamente, negli ultimi sei anni, la loro relazione era stata semplicemente fantastica. Dopo il lavoro, lei gestiva anche la sua piccola attività. Tra pochi giorni sarebbe stato il suo compleanno, e lei aveva preparato una sorpresa per lui.

Ora che ci penso, lei arricciò le labbra silenziosamente e la sua bocca si divise in un leggero sorriso.

Ma il suo viso delicato era coperto da una maschera, e le persone intorno a lei potevano vedere solo un paio di occhi profondi e calmi che emanavano un accenno di fredda freddezza.

Abbassò un po' di più la tesa del suo cappello nero, prima di entrare nell'hotel con la cassetta delle consegne e prendere l'ascensore.

L'Hotel Reika era un famoso stabilimento di sperpero di denaro nella città di Julio.

Normalmente, solo i personaggi più ricchi della città venivano qui ad ammazzare il tempo.

La grande sala era arredata sontuosamente come ci si aspettava, e anche gli ascensori erano tutti decorati con ornamenti d'oro e d'argento, facendoli brillare ovunque sotto le luci. Stando lì, non poteva fare a meno di pensare che questo non era il suo posto.

Detto questo, Natalia si limitò a tenere la sua scatola di consegna e non lasciò che i suoi occhi vagassero un po'.

Il suo bel viso era coperto da una maschera, rivelando solo un paio di occhi profondi e calmi che emanavano un accenno di fredda freddezza.

L'ascensore si fermò al ventiduesimo piano con un "ding". Uscì, trovò rapidamente la stanza 2202 e suonò il campanello.

Ancora prima che la porta si aprisse, c'erano già i gemiti febbrili di un uomo e di una donna che risuonavano dall'interno.

"Shawn, ah... ah, ah, ah, sto per raggiungere l'orgasmo, Shawn, ah...fermati un attimo, qualcuno ha portato i preservativi alla porta".

"Aspetta, ci penso io."

La bocca di Natalia non poté fare a meno di arricciarsi mentre si trovava fuori dalla porta.

Sembra che si siano divertiti così tanto anche senza il loro piccolo giocattolo.

Quanto desideroso!

La porta si aprì rapidamente, e apparve un uomo appena lavato che indossava un accappatoio.

Natalia non lo guardò e si limitò a consegnare la scatola. "43 euro! In contanti?"

La persona di fronte a lei non si mosse.

Due secondi dopo, una voce esitante suonò: "Natalia?".

Natalia rimase leggermente spaventata e alzò la testa. La sua espressione si raffreddò all'istante.

L'uomo di fronte a lei, che indossava solo un accappatoio bianco, con l'acqua che gli colava dai capelli corti, era esattamente lo Shawn Miller che aveva amato per sei anni!

L'uomo in piedi davanti alla porta era alto, con i capelli corti e umidi. Indossava solo un accappatoio bianco, e sotto il bagliore della calda luce gialla, il suo bel viso era pieno di sorpresa, sgomento e... un pizzico di panico.

Il viso di Natalia si raffreddò all'istante.

"Shawn, chi è?"

"Niente. Solo il fattorino".

In preda al panico, Shawn Miller parlò frettolosamente prima che Natalia potesse emettere un suono. Estrasse rapidamente un mazzo di banconote dal suo portafoglio e gliele mise in mano prima di strapparle la scatola.

La porta si chiuse con un "botto".

Natalia rimase lì, con i polpastrelli che le tremavano leggermente. Il suo viso era pallido.

Un attimo dopo, improvvisamente sogghignò.

Guardò la pila di banconote che aveva in mano come se avesse sentito una battuta incredibile, e scoprì quanto fosse stata ignorante e stupida.

Quando i suoni del fare l'amore iniziarono all'interno, fece un respiro profondo e costrinse a ritirare l'asprezza negli occhi.

Poi si girò e tirò fuori il telefono dalla tasca mentre si dirigeva verso l'ascensore.

"Pronto, è il dipartimento di polizia di Julio? Ho trovato qualcuno che si droga e c'è anche una prostituta con lui. Sono all'Hotel Reika. Il numero della stanza è..."

Venti minuti dopo.

Una macchina della polizia ha parcheggiato davanti all'Hotel Reika insieme a diversi giornalisti con telecamere.

Mentre le persone nell'hotel venivano scortate fuori, i giornalisti si precipitarono in avanti.

"Sig. Miller, qualcuno ha riferito che lei prendeva droghe e assumeva prostitute in questo hotel. È vero?"

"Sig. Miller, come erede del gruppo Miller, pensa che sia giusto per lei fare questo?"

"Signor Miller, chi è la donna che è con lei? Si dice che sia una famosa attrice del mondo dello spettacolo. È vero?"

"Sig. Miller..."

Shawn era così circondato dai giornalisti che nemmeno la polizia riuscì a fermarli.

Dopo un po', non riuscì più a sopportarlo e ruggì con rabbia: "Toglietemi il cazzo dagli occhi!

I giornalisti erano spaventati ma si allontanarono come richiesto.

Shawn guardò oltre la folla e fissò Natalia. I suoi occhi erano pieni di odio e spietatezza.

"È questo che vuoi?"

Natalia sorrise freddamente, mentre un accenno di derisione balenò nei suoi occhi.

"Non mi avrai qualunque cosa tu faccia!"

Natalia si fece improvvisamente avanti e alzò la mano davanti a tutti i giornalisti e alla polizia.

"Schiaffo!"

Con uno schiaffo pungente al lato del viso, la testa di Shawn fu spostata di lato.

I dintorni divennero improvvisamente silenziosi.

Un poliziotto aprì la bocca. "Signora..."

"Scusi, mi è scivolata la mano".

Lei sorrise debolmente e si strofinò il polso. La sua voce era chiara e fredda mentre guardava Shawn con risentimento.

"Pensi che mi importi di un pezzo di carta caduto nel water? Puoi pensare a quello schiaffo come agli interessi. Riscuoterò il capitale rimanente entro i prossimi tre giorni!"

Gli occhi di Shawn lampeggiarono di panico. "Co... Quale capitale?"

Natalia alzò le sopracciglia. "Vuoi davvero che te lo ricordi?"

La faccia di Shawn divenne immediatamente bianca.

Lei sorrise freddamente, il suo viso pieno di ridicolo e di disprezzo.

Quando la polizia vide che non avevano più nulla da dire, agitò la mano e scortò i due in macchina.

Ora che erano stati portati via, i giornalisti non avevano più motivo di restare. Anche loro cominciarono ad andarsene.

L'ingresso dell'hotel, che all'inizio era pieno di gente, si svuotò improvvisamente.

Natalia rimase lì per un po' e aspettò di sentirsi meglio, poi se ne andò.

Inaspettatamente, non appena girò la testa, la sua vista fu accolta da un paio di occhi profondi e indagatori.

Appartenevano a un giovane uomo in abito scuro. Aveva una figura alta e dritta, e capelli corti e ordinati. I suoi occhi erano profondi come un mare senza fondo.

Sotto la luce fioca della notte, dai suoi lineamenti delicati si poteva percepire una fredda e nobile freddezza, in netto contrasto con l'ambiente corrotto che lo circondava.

Il cuore di Natalia tremò.

In fondo alla sua mente, pensò che quell'uomo le sembrasse in qualche modo familiare.

Tuttavia, quando lo guardò di nuovo, il suo sguardo si posò segretamente sulla segretaria dietro di lui e sulla Porsche argentata parcheggiata accanto a loro. Allora sentì che non c'era modo di conoscere un tale pezzo grosso.

Non pensò molto, ma si girò direttamente per andarsene.

Quando la figura minuta si confuse nel traffico, Archie McCarthy distolse lo sguardo e chiese dolcemente: "Chi era quello di poco fa?".

Dietro di lui, Brian Simpson rispose rapidamente. "Signor McCarthy, intende la persona che è stata portata via dalla polizia prima? Sembra essere il figlio del proprietario della Miller Corporation. È tornato dall'estero solo pochi giorni fa".

Archie si accigliò leggermente. "Sto parlando della ragazza".

"Come?" Brian era leggermente confuso. "Quale ragazza?"

Notando l'espressione cupa di Archie, Brian capì subito: "Scusa, signor McCarthy. Controllerò subito..."

"Non c'è bisogno."

Archie lo interruppe. Pensò profondamente per qualche secondo e improvvisamente si ricordò di qualcosa.

Una traccia di sorpresa gli balenò negli occhi, e guardò ancora una volta nella direzione in cui la ragazza si era allontanata. Le sue labbra si unirono in un sorriso. Quindi era lei. Donna interessante".

Poi si diresse verso l'ascensore, non vedendo l'ora di incontrarla di nuovo nel suo cuore.

Poi, finalmente, entrò.

...