Libreria
Italiano

Fidanzata con il mafioso

73.0K · Completato
Lily Arzola
49
CapitolI
3.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Belle, una giovane donna bella dentro e fuori, torna nella sua città natale per ricongiungersi con il padre, ma ciò che la giovane bella non sa è che verrà venduta a un uomo milionario che cambierà completamente la sua vita. Alexander, freddo e calcolatore, vuole usare la giovane donna solo per i suoi affari con la società che otterrà dal padre e per i suoi affari con la mafia, senza rendersi conto che si innamorerà profondamente di Belle. I due saranno coinvolti in una storia d'amore a prova di bomba. Una storia di amore, odio e passione Amerebbe la persona che l'ha comprata?

MiliardarioMafiaMatrimonioSegretiSlowburnVero AmoreBadboy

Capitolo 1

Il mondo gira in tondo, ma non mi sarei mai aspettata che la mia vita cambiasse fino al giorno in cui quell'uomo pomposo entrò nella mia vita. All'inizio era solo un altro estraneo nella mia vita, ma all'improvviso e dal nulla è diventato la persona che ha comprato la "bellezza del Messico".

Avevo solo vent'anni quando mio padre, che era un famoso avvocato, mi vendette a uno degli uomini più importanti e ricchi del Messico. Era un uomo che aveva una grandissima fama, mentre si diceva anche che fosse un uomo ambito da tutte le donne, coinvolto dal padre in un affare di mafia.

Ma prima di mettermi nelle vostre mani, vi parlerò un po' di me.

Mi chiamo Belle Fernandez, quando sono arrivata nelle mani di Alejandro Ferreira, stavo tornando dalla Francia, dove mio padre mi ha tenuta per gran parte della mia vita, vivendo in uno dei migliori collegi di tutta Parigi. Per tutta la vita sono stata abbandonata da mio padre, che quando perse mia madre, quando avevo solo cinque anni, si abbandonò alla solitudine e alla tristezza, per abbandonare anche me.

Non posso negare che quando mi disse che mio padre voleva che tornassi in Messico, fu un momento in cui pensai che le cose sarebbero cambiate, forse mi passò per la testa la possibilità di passare più tempo al suo fianco, ma ciò che non presi mai in considerazione fu che desideravo con tutto me stesso che qualcosa cambiasse nella mia vita di privazioni e solitudine nel collegio dove non ricevevo visite da nessuno. Per tutta la mia infanzia ho trascorso un inferno in collegio, perché ero chiamato "l'orfano", mio padre pagava solo la retta del collegio che apparteneva a persone prestigiose. I figli di persone importanti in Francia frequentavano con me, ma nonostante fossero figli di genitori impegnati, i genitori venivano a trovare i loro figli quando potevano, ma io non ricevevo nessuno.

Arrivando in Messico, ho potuto constatare che molte cose erano cambiate, dato che avevo solo cinque anni quando ho lasciato il mio bel Paese, quindi, arrivando in città a vent'anni, tutto era nuovo e strano per me. Ma non sarebbe mai stato strano per me vedere una delle persone che preferisco al mondo. Era Miguel, il figlio dell'autista. Quando lasciai il Messico, Miguel aveva quattordici anni. Era il mio migliore amico, mi faceva sempre compagnia quando mio padre non c'era, quindi vederlo come un uomo maturo e bello mi rende così felice, che non posso fare a meno di sentirmi eccitata dal fatto che il mio corpo veda un uomo completamente diverso.

"Miguel?", borbottai come un idiota quando vidi un uomo con gli occhi verdi e i capelli neri, vestito tutto di nero mentre teneva in mano un cartello con il mio nome: "Sei tu?".

Miguel, senza un'altra parola, lasciò cadere il cartello a terra per abbracciarmi forte.

"Belle, non posso credere che sia tu!". Dopo l'abbraccio mi guardò attentamente, forse notando che non ero più quella bambina pallida con gli occhi grandi che lo guardava giocare in giardino accanto a me.

"Anch'io non riesco a credere che sia tu". Feci scorrere le mani su e giù per le sue braccia muscolose: "Quando sono cresciuti questi muscoli?".

"Qualche anno dopo la tua partenza". Risponde gentilmente, poi prende la mia valigia e la porta attraverso l'aeroporto. Mi accompagna alla macchina mentre parliamo di tutto quello che abbiamo fatto dopo il nostro addio, dove lui mi prega di non lasciare il Messico, ma suo padre e mio padre ci hanno quasi picchiato a morte per aver fatto una scena così drammatica e lacrimevole.

"Sono davvero felice di essere tornato". Gli dissi mentre guidava verso la villa, che apparteneva alla famiglia di mio padre, che era un burocrate del denaro.

"In realtà sono felice e anche un po' scioccato", dice il giovane mentre mi guarda nello specchietto retrovisore. Dice il giovane mentre mi guarda nello specchietto retrovisore: "Pensavo che non ti avrei più rivisto. Pensavo che avresti sposato un francese e saresti diventata la moglie perfetta di un francese senza umorismo". Il tono della sua voce è un po' cupo, come se odiasse quel futuro, che forse anch'io avevo in mente.

"Credo che il futuro di ognuno di noi possa cambiare in cinque secondi". Mormorai mentre guardavo le gocce d'acqua cadere dal finestrino dell'auto, "Ora tutto ciò che voglio è che mio padre mi ami".

Miguel si è schernito di fronte al mio commento.

"Chi non ti amerebbe?" E all'improvviso i suoi occhi verdi incontrarono i miei.

Non potevo negare che, quando i nostri sguardi si incontrarono, cominciai a sentire un senso di pace riempire il mio corpo. Ma sapevo che l'unica cosa che Miguel poteva farmi provare era la pura tranquillità e niente di più, dato che era come un fratello per me.

La villa di mio padre si trovava in uno dei luoghi più esclusivi di Città del Messico, nel "Bosques de Chapultepec", dove eravamo circondati da persone molto potenti come mio padre, che era uno dei migliori avvocati di tutto il Messico. Quando i cancelli neri della villa "los canarios" si aprirono, potei rendermi conto che era un posto così bello, dove giocavo con Miguel nei giardini pieni di rose rosse e fontane ovunque.

"Non posso crederci!" Dissi senza fiato mentre facevo scorrere le mani sul vetro della finestra, "non posso credere che questa sia casa mia".

"Ti piace?", chiede il giovane, "ho aiutato il giardiniere a mantenere questo posto come l'Eden, sperando solo che quando tornerai troverai lo stesso giardino che tua madre curava con tanta attenzione".

Con emozione mi guardo le mani con lo smalto rosso, ricordando mia madre, che aveva solo trent'anni quando morì per una polmonite inaspettata. Era così bella e giovane quando ha lasciato questo mondo, ma evidentemente mia madre aveva lasciato la sua eredità in me, che ero una giovane donna con gli occhi azzurri e i lunghi capelli neri, proprio come lei. Quando sono nata mi sono innamorata delle infermiere e del medico che mi hanno accolta, ottenendo un soprannome inaspettato, ovvero "la bellezza del Messico". Un soprannome che è rimasto in Messico e che non ho mai potuto portare con me in Francia.

"So che ti manca". Dice Miguel catturando la mia attenzione, mentre parcheggia l'auto davanti alla grande villa, "Ma ora tu e tuo padre potete diventare più vicini". Sorrido alla prospettiva di avere di nuovo un buon rapporto con lui.

Subito uno dei domestici mi aprì la porta. La persona che mi stava aprendo la porta era il padre di Miguel, che era l'autista della casa.

"Signorina Belle!" Disse il vecchio dai capelli bianchi, che ora sembrava piuttosto stanco.

"Señor Alberto". Lo salutai con un sorriso amichevole: "È da molto tempo che non lo vedo". All'epoca era l'autista e mi accompagnava ovunque, prendendosi cura di me come se fossi una figlia per lui.

"È bello vederti Belle! Spero che non ti dispiaccia che non sia più ai tuoi ordini".

"Señor Alberto, quello di cui ha bisogno è il riposo", dissi sorridendo. Gli dissi sorridendo, facendo scorrere la mia mano lungo il suo braccio: "Mio padre deve darti il tuo riposo.

"Come sempre, preoccuparsi degli altri". Disse il signor Alberto con un sorriso, illuminando il suo volto rugoso, "Ma mi riposerò quando morirò, voglio ancora continuare a lavorare per tuo padre. E ancora di più se tu sei qui". Non ho potuto fare a meno di provare nostalgia per il fatto che fosse felice di vedermi.

E così il mio corpo cominciò a riempirsi di farfalle e fuochi d'artificio, esplodendo nel mio stomaco come mai prima. Sapevo infatti che, se Miguel e suo padre erano davvero felici di vedermi, forse mio padre sarebbe morto per avermi tra le sue braccia. Così entrai nella villa con i suoi pavimenti di marmo bianco e nero, fino a raggiungere lo studio dove mio padre si nascondeva sempre per lavorare. Con le mie dita esili toccai delicatamente la porta, per sentire la sua voce.

"Vai avanti!"

Sorridendo aprii la porta di legno svizzero, trovando una scena un po' strana. Mio padre non era solo, ma in compagnia di un giovane uomo, di cui si vedeva solo il retro del bel vestito marrone cammello.

"Padre?" chiesi senza distogliere lo sguardo dall'uomo sconosciuto, che era rimasto seduto quando ero entrato nella stanza.

"Belle!" Mio padre si alza immediatamente dalla sedia, mentre i suoi occhi si illuminano come non mai. Devo dire che gli anni sono passati per mio padre, visto che i suoi capelli sono ora una combinazione di nero e bianco, mentre il suo viso mostra rughe molto pronunciate, sulla fronte unta: "Che bello che tu sia già arrivata!". Come non mai mio padre si diresse verso di me, per prendermi per mano e condurmi davanti alla sua scrivania, dove posso vedere quest'uomo che per me era un mistero.

Quando riuscii a guardarlo dritto negli occhi, mi trovai di fronte a uno degli uomini più attraenti che avessi mai visto in vita mia. I suoi occhi erano di un verde chiaro che si illuminavano come mai prima d'ora, mentre la sua pelle era abbronzata e liscia e i suoi capelli castani erano portati indietro con stile e compostezza.

I miei occhi si allargano quando lui sorride, contento di vedermi. Il suo sguardo era accattivante e potente, come se il dio stesso ti stesse fissando in faccia. Di punto in bianco, come un gentiluomo, si alza dalla sedia, mostrando ora di essere piuttosto alto ed elegante.

"È mia figlia". Mio padre sembra emozionato, poi mi mette le mani sul mento, facendomi sentire molto strana e un po' imbarazzata: "Non è bellissima?", si vanta con me come se fossi una bambola senza vita.

"È la più bella giovane donna che abbia mai visto". Confessò l'uomo con un sorriso così bello e illuminato. Non posso negare che per un attimo mi fece piacere avere l'approvazione di quell'uomo pomposo, ma non avrei mai pensato di vedere cosa sarebbe successo dopo.