Libreria
Italiano

Dipendente da lei

56.0K · Completato
Viviana
30
CapitolI
5.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Mauricio Rinaldi non è alla ricerca di una relazione stabile nonostante l'età, anzi gli piace la solitudine della sua casa, per questo motivo non aveva mai portato in vita sua nessuna delle sue amanti a casa sua, in quanto era un rifugio. Tutto cambia nella sua vita quando viene assunta una nuova dipendente, perché le altre due non svolgevano adeguatamente le loro funzioni in casa. Questa ragazza lo ha affascinato dal primo momento in cui l'ha vista uscire dalla porta, tutto il suo corpo si è eccitato solo a vedere quel viso innocente e quel corpo naturale. Era stanco di scopare con le modelle, di plastica e finte. Ma quando vide Amber tutto cambiò dentro di lui, da quel primo momento desiderò quella donna fino alla morte. La sua ambizione era così grande che escogitò un piano per averla da sola in casa sua e portarsela a letto. Avrebbe scopato Amber in qualsiasi momento, profanando quel corpo vergine che lo rendeva sempre più dipendente, ma ciò di cui questo milionario perverso non si rendeva conto era che la sua ossessione per lei stava prendendo una direzione diversa. Il sentiero dell'amore si stava facendo strada e lui vi stava entrando senza rendersi conto di farlo.

CEOMiliardario18+PassioneSessoBullismourbanoavventura di una notte

Capitolo 1. Scopare con una modella

Gocce d'acqua scivolavano su quell'incredibile, formidabile corpo bianco, ma abbronzato, facendole venire l'acquolina in bocca. Il pulsare feroce della sua figa la stava facendo impazzire.

Era incredibile quello che poteva provare solo vedendo quel corpo maschile davanti a lei. Si sentiva così eccitata, per non parlare del desiderio che aveva di intrufolarsi in quel bagno senza nemmeno un capo d'abbigliamento.

La sagoma possente e mascolina del suo capo la faceva impazzire al punto che sentiva le mutandine bagnarsi dei suoi liquidi vaginali. Gracia si morde le labbra mentre guarda attentamente Mauricio attraverso una piccola apertura nella porta.

Il biondo stava facendo la doccia con la porta semiaperta e lei era appena entrata nella sua stanza per consegnargli un vestito che aveva ordinato di portare in camera sua. La giovane donna che origliava era molto incuriosita dal rumore della doccia.

Dopo aver lasciato l'abito accuratamente steso sul letto, si avvicinò alla porta e notò che il suo capo stava facendo la doccia, le porte di vetro erano aperte permettendo alla bruna di apprezzare la figura nuda dell'uomo.

Gracia si morde le labbra dal piacere, era completamente innamorata di Mauricio, un uomo attraente ed estremamente virile. A 40 anni, era un uomo in grado di bagnare le mutande di qualsiasi donna.

Con un corpo così definito, la sua bocca aveva di nuovo l'acquolina in bocca, in quel momento fu provocata a togliersi tutti i vestiti per entrare nella doccia con lui e scopare tutta la mattina fino a che la sua figa non avrebbe punto.

Gracia lo guarda con occhi di desiderio e immagina come sarebbe stato scopare il suo capo per un giorno intero. Era il suo sogno più caro, averlo tutto per sé era ciò che chiedeva ogni giorno. Che lui si accorgesse della sua presenza e la prendesse con la forza per scopare senza tabù.

-È come vuole", borbotta per non farsi sentire.

In quel momento, si accorge che lui chiude il rubinetto e si prepara a voltarsi, quando la brunetta si allontana dalla porta per uscire dalla stanza in preda al panico... mentre esce nel corridoio, sente il cuore battere freneticamente.

Si guarda alle spalle dalla porta semiaperta e sospira: è stata una sciocca a pensare che Mauricio Rinaldi avrebbe notato una ragazza come lei. Sapeva bene che lui rimorchiava solo donne più grandi, di quelle che apparivano sulle riviste di gossip.

Le famose modelle dalla figura sottile e dalla taglia zero...

Non si sarebbe mai fatto vedere coinvolto con una semplice cameriera, tanto meno con una come lei che non aveva un posto dove morire. Poteva solo sognare di scopare quell'uomo nei suoi sogni.

Nessuno può toglierci questo diritto...

[...]

Mauricio esce dal bagno completamente nudo e bagnato mentre si asciuga i capelli con un asciugamano, il biondo dà un'occhiata al letto notando che la sua tuta è sul materasso, poi gira il viso verso la porta notando che è semichiusa.

Tuttavia, capì che uno dei dipendenti era salito al piano superiore, ovvero Gracia. L'amministratore delegato si diresse verso il letto per vestirsi e andare in ufficio. Quella mattina aveva molto lavoro da fare.

Appena pronto, scende al piano di sotto e nota che Gracia è seduta al tavolo della colazione. L'amministratore delegato si dirige verso il tavolo, notando che la donna si tende alla sua vista.

-Buongiorno, signor Rinaldi.

-Buongiorno", saluta con serietà, prendendo la sua tazza di caffè.

- C'è qualcos'altro in offerta?

-Puoi andare ora.

Mauricio inizia a bere il suo caffè senza nemmeno guardare Gracia.

[...]

Nel suo ufficio era al computer quando la segretaria bussò alla porta, pochi secondi dopo entrò lui.

-Signor Rinaldi, c'è una visita per lei", alza lo sguardo l'amministratore delegato.

-Non sto aspettando nessuno.

-È la signorina Thomson.

L'amministratore delegato le fa cenno di entrare nel suo ufficio, si piega all'indietro e aspetta che lei entri nel suo ufficio... appena vede la bionda, sorride a mezza bocca.

-Rebecca, che sorpresa vederti qui.

-Non vedevo l'ora di vederti stasera, ho osato farti una sorpresa oggi pomeriggio", dice mentre si avvicina a lui, agitando provocatoriamente la vita.

- È così? -Mauricio aggrotta le sopracciglia mentre la guarda avvicinarsi alla sua scrivania.

-Non volevo che mi dessi buca", aggiunge con voce seducente.

Mentre la bionda inizia a sciogliere il nodo del cappotto, Mauricio osserva attentamente i suoi movimenti, sentendosi eccitato. Mentre lei scopre il suo corpo, l'amministratore delegato nota che Rebeca non indossa altro che una bellissima lingerie sotto il cappotto.

- Questa sì che è una sorpresa!

- Sorpreso? -Gli dice mentre si toglie il cappotto, che è caduto a terra, e poi fa un paio di passi fino a trovarsi a poca distanza dal biondo. Ho fatto tutta questa strada aspettando di vederti.

-Lo vedo.

Il biondo la prende per la vita mentre ammira la minuscola biancheria intima che indossa. Il corpo di Rebecca era perfetto, la sua silhouette era squisita, tutto era al suo posto.

L'amministratore delegato avvicina la bionda a sé e finisce per farla sedere sulle sue ginocchia, lei si mette a cavalcioni su di lui, strofinando i seni contro il suo petto.

-Voglio scopare nel tuo ufficio, Mauricio", mormora lei contro le sue labbra, la bionda le lecca mentre infila le mani sotto il suo cappotto. Vuoi scoparmi?

Le mani di Rebeca scendono gradualmente lungo il petto fino a raggiungere la cintura dei pantaloni. Dopodiché, la giovane modella abbassa la cerniera dell'amministratore delegato e inserisce audacemente una mano attraverso l'apertura.

Non appena sente la durezza del pene di Mauricio, sorride maliziosamente.

-Proprio come immaginavo che avresti reagito", si morde le labbra e si avvicina a quelle di Mauricio. Dopo averlo baciato, Rebeca inizia a massaggiare il pene del biondo.

- Lo sente gemere contro le sue labbra e questo aumenta il desiderio della bionda.

Approfondisce il bacio e contemporaneamente stringe l'uccello di Mauricio, facendo sì che l'amministratore delegato le stringa il culo.

- Ahh! Sì...

Con un po' di disperazione libera il suo corpo dai pantaloni di lui e, come può, li tira giù fino a vedere l'enorme erezione del biondo. Rebeca si inginocchia tra le sue gambe fino a chinarsi sul cazzo molto eccitato dell'uomo.

Tenendola per la base, porta la bocca sul glande e inizia a succhiare e leccare il liquido chiaro che sgorga dall'apertura dell'uretra.

Mauricio appoggia la testa all'indietro mentre si gode quel pompino, Rebeca era davvero brava quando si trattava di succhiare il suo cazzo, non lo negava, era incredibile. Geme dolcemente quando sente che lei inizia a prendere tutto il suo cazzo nella sua bocca calda.

Questo lo portò a tenerla per la nuca per farla scendere un po' più in basso, poteva sentire il suono umido della bocca e della lingua di lei contro il suo cazzo. Questa donna stava divorando il suo cazzo e gli piaceva che lo facesse.

Lui abbassa lo sguardo e la vede mentre infila agilmente il suo cazzo in bocca e lo succhia deliziosamente. Lei geme e allo stesso tempo mostra un'espressione di piacere sul suo volto, il piacere che stava provando era enorme.

Improvvisamente Rebecca si ferma e lui ne approfitta per alzarsi in piedi, girando il corpo della bionda che finisce sdraiata sulla sua scrivania. Il sedere della modella è sopra la scrivania, provocando l'amministratore delegato in modo pericoloso.

- Sei venuta per una bella scopata? -mormora all'orecchio della bionda mentre la tiene per i capelli.

-Sì, sono qui per questo.

-Allora, mi lascerai fare quello che voglio? -A questo punto ringhia.

- Che cosa vuoi dire? - chiede esitante.

L'amministratore delegato allarga le gambe della modella con il ginocchio, poi stringe il suo cazzo, percependo una goccia dei suoi fluidi che sgorga dalla fessura dell'uretra.

- Mauricio, cosa vuoi fare? -La bionda scosta le mutandine e inizia subito a strofinarsi il centro della figa.

Rebecca era molto bagnata, le sue dita si inzupparono rapidamente dei suoi fluidi corporei. La sua vagina era molto bagnata e le labbra interne leggermente gonfie; lo sfregamento lento le fece inarcare un po' di più la schiena.

Tiene la modella per i capelli e le inclina la testa all'indietro, notando che è molto eccitata e pronta a tutto. L'amministratore delegato apre il cassetto alla sua sinistra e tira fuori un preservativo, che indossa rapidamente.

Lui masturba ancora un po' il clitoride della modella sentendola gemere contro il tavolo della sua scrivania, lei si aggrappa al bordo del tavolo e allo stesso tempo alza il culo sapendo cosa sta per succedere.

Mauricio prende il suo cazzo nel culo di Rebeca, ma invece di penetrare la sua figa, inizia a spingere il suo cazzo nel piccolo orifizio del suo ano.

- Ahh! Mauricio, aspetta un attimo..." obietta Rebecca che non si aspettava che scopassero nel culo.

-Hai detto che eri disposta a fare qualsiasi cosa", brontola lui con voce roca mentre si fa strada lentamente nel suo culo.

-Sì, ma... Ahh!" ansima stringendo la scrivania.

-Allarga le gambe, Rebeca. Sii buona.

-Maurizio", ansima quasi debolmente.

L'amministratore delegato spinse il suo cazzo sempre più in profondità finché non riuscì a penetrarla completamente, tenendo Rebecca per i capelli per inclinarle la testa all'indietro, lei respirava pesantemente ma non gli chiedeva di tirarlo fuori.

Capito che lei voleva che lui continuasse a scoparla nel culo, inizia a muovere il bacino contro il culo della bionda, godendo lentamente della stretta dentro di lei. Le stringe la vita mentre le stantuffa l'ano.

- Ahh! Ahh!" cominciò a gridare.

-Stai tranquilla, siamo nel mio ufficio", la avvertì, anche se sospettava che fosse già troppo tardi. Inoltre, la sua segretaria conosceva bene le sue peregrinazioni.

Abbassa lo sguardo e vede il suo cazzo che entra ed esce dall'ano di Rebecca, aumentando febbrilmente la sua eccitazione. Chiude gli occhi e si morde le labbra, sentendo Rebeca ansimare e sentendo il suo cazzo contrarsi, l'amministratore delegato è ancora sul punto di sborrare.

Portò la mano alla figa di Rebeca, sentendo che ora era più lubrificata e viscida di prima, così lubrificata e viscida che iniziò a strofinarle le labbra vaginali mentre continuava a scoparla nel culo.

Inclina la testa verso il basso, guardando la pelle biancastra della donna sudata, le perle di sudore che le colano lungo la schiena, ma non si ferma finché le sue dita non iniziano a bagnarsi un po' troppo.

Rebeca stava avendo il suo orgasmo, riversandolo nella sua mano mentre sentiva quella delizia tra le sue dita, l'amministratore delegato si liberò completamente e finì per sborrare.

- Ahhhh! - ansima con foga mentre sente il suo cazzo esplodere nel buco del culo di lei.

Stringe la vita della bionda con entrambe le mani mentre continua a muoversi lentamente dentro e fuori il suo corpo. Dopo aver finito, getta la testa all'indietro, con il respiro affannoso mentre l'amministratore delegato torna alla realtà.

Guarda la bionda ancora sdraiata sulla scrivania e quando estrae il cazzo dal suo culo la sente ansimare.

- Che cazzo, Mauricio? È la prima volta che scopiamo nel culo, sei impazzito? -Lui cerca di sedersi, ma è un po' difficile.

-Sei venuto qui per una bella scopata, vero?

-Sì, ma non per farci fallire nel culo", si lamenta mentre raddrizza il suo corpo malconcio.

-Non ho sentito lamentele.

Lei lo guarda stupita, lui si dirige verso il bagno come se nulla fosse. Erano mesi che scopavano e lui era stato così attento a non prenderla nel culo, ma senza successo.

BENVENUTE, MIE BELLE SIGNORE, A QUESTA NUOVA STORIA...