Libreria
Italiano

Di proprietà del capo della mafia

199.0K · Completato
Roxy
101
CapitolI
10.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Lei lo fece prima. Alessio Salvatore. Affascinante, stupenda, e completamente fuori dai limiti. Lo guardai proporre e mi considerai fortunato quando mia sorella disse "sì" al famigerato gangster. Ho dei piani per la mia vita. Nessuno di loro implica dormire con il nemico, anche se è per mediare la pace tra le nostre famiglie. Ma quando mia sorella muore misteriosamente, la mia vita si capovolge. Ora sono l’erede dei beni di mio padre, e senza un matrimonio combinato, le nostre famiglie sono sull’orlo della guerra. Fino a quando mio padre non fa un’offerta ad Alessio non può rifiutare.

MiliardarioCEOMafiaMatrimonioAmoreRomanticoDominanteBadboyBrava RagazzaVero Amore

1

MIA

Tutto era sparito.

Avevo distrutto gli inviti di nozze di mia sorella, cancellato la nostra galleria di Pinterest e svuotato la cucina di salva-appuntamenti. I monogrammi di Alessio & Carmela sono finiti nella spazzatura, insieme a tutti i dettagli legati al matrimonio riguardanti locali, fioristi e pasticcerie.

La mamma non aveva bisogno dei promemoria.

Un groppo si è incastrato nella mia gola mentre seppellivo il bellissimo futuro di mia sorella. Le sue speranze e i suoi sogni si unirono a pezzetti di guscio d'uovo, buccia di banana e pasta avanzata. I miei pugni hanno stretto le sue foto di fidanzamento, che sono state le più difficili da distruggere. Avevo passato troppe ore a rimuginare su what-if del percorso che non avrebbe mai preso.

Era una tortura autoinflitta. Una ferita che continuavo a riaprire.

Carmela non sarebbe più tornata.

Non poteva.

Come si è passati da fidanzati a morti?

Mia sorella è scomparsa sei mesi fa. La polizia aveva trovato abbastanza del suo sangue in una zona boscosa per indagare sulla sua scomparsa come omicidio. Sono passate tre settimane da quando la sua bara vuota è stata calata nel terreno, trascinando con sé un pezzo della mia anima.

Non riuscivo ancora a crederci.

La ragazza che mi aveva assillato, mi aveva insegnato a usare la matita per le labbra e sembrava indistruttibile con la sua sicurezza di ferro, aveva lasciato questo mondo. Non avrebbe mai più cantato a squarciagola una ballata italiana o litigato con me per un paio di tacchi.

Giorno dopo giorno, la finalità risuonava dentro di me come il sordo battito di un tamburo. Andato andato andato.

La borsa dei cimeli del matrimonio pesava più del mio braccio mentre la portavo fuori. Scesi dal portico e mi diressi verso la strada piena di Cadillac. L'aroma dolciastro del gelsomino, che circondava la proprietà, si attaccò alla mia pelle.

La scorsa notte ha piovuto, lasciando tutto più scuro, specialmente l'orto delle erbe, che esplode di viti di pomodoro e basilico. Ho spinto il cancello girevole nel cortile laterale, dove un alto mafioso si è appoggiato alla staccionata. Quando la porta si aprì, scattò sull'attenti. Aveva vinto la lotteria genetica italiana con il suo corpo da linebacker e le eleganti creste sugli occhi che imploravano un bacio.

Una maglietta grigia attillata con un profondo scollo a V gli avvolgeva il petto muscoloso, cosparso di peli fini. La morbida punta di una vedova lasciava il posto a una folta criniera nera ben pettinata. Era accorciato ai lati e le basette piombavano su una barba che gli copriva la mascella e il labbro superiore. Splendido da tutte le angolazioni.

Alessio Salvatore era un uomo bevuto.

Era anche il fidanzato della mia defunta sorella.

Lo ammiravo da lontano perché da vicino mi terrorizzava.

Avevo sentito tante brutte cose su Alessio. Voci orribili. Aneddoti grafici sussurrati da un coniuge all'altro fino a penetrare nel nostro circolo di gossip. Il vicecapo di Costa aveva un istinto per la brutalità, e ogni volta che provavo una fitta di gelosia, ricordavo i dettagli sordidi. Non importava comunque; il suo sguardo era sempre sembrato scivolare oltre me. Intorno a lui, ero invisibile.

Ha reso più facile provare a fingere che non esistesse. Una commissione da sciocchi, considerando che il mondo era scomparso in un lontano mormorio con lui nella stanza. Fino a poco tempo fa, ogni interazione con lui mi faceva sentire impotente. Ora mi guardava come un cacciatore attraverso il suo mirino.

Per favore lasciami in pace.

Uomini come lui non rispondevano alle preghiere. Uomini come lui erano la ragione per cui avevamo bisogno di loro.

La ghiaia crepitò mentre Alessio veniva verso di me. Prima che spingessi la busta nel bidone della raccolta differenziata, me l'ha tolta dalle mani e l'ha buttata via.

"Grazie."

L'ho aggirato, ma lui mi ha fermato.

"Come stai?"

Scrollai le spalle, sperando che scomparisse.

I suoi occhi induriti mi dicevano che non si sarebbe mosso. Non potevo scappare senza toccarlo.

"Non mi chiedi come sto?"

Ho permesso al mio sguardo di viaggiare sulle sue scarpe di pelle fino al colletto del suo blazer. “Sembri a posto. Mi scusi."

Alessio si aggrappò al palo del cancello prima che mi muovessi, la sua presa dalle nocche bianche mi bloccava la strada. "Dovremmo parlare."

"Riguardo a cosa?"

"Evitarmi non cambierà ciò che le nostre famiglie hanno pianificato." Una sottile nebbia turbinava nell'aria mentre il sole si nascondeva dietro le nuvole. Gocce raccolte sulle onde d'ebano di Alessio mentre si chinava, la bocca tesa in una linea cupa. "Questa abnegazione rende le cose più difficili per tutti."

"Non sto negando."

«Allora guardami.»

non potevo.

Avrei sentito qualcosa e non volevo.

La pioggia cadeva, macchie scure sulla mia maglietta. Una goccia mi colpì la fronte. Toccai il chiavistello e tirai, ma lui si rifiutò di cedere.

"Ho appena seppellito mia sorella." Metaforicamente, almeno. "Lasciami in pace."

"Non abbiamo tempo per questo."

Fanculo per aver parlato del mio dolore come se fosse un raffreddore. "Carmela non era un pesce domestico."

“La vita va avanti, stellina. Che tu lo voglia o no.

Ho afferrato il cancello e ho strattonato. Lo ha rilasciato, permettendoci di passare. Tornai a casa, Alessio alle calcagna. Asciugandomi i piedi, scivolai dove si erano mescolati un manipolo di soldati Ricci e Costa.

Alessio mi ha seguito oltre la camera dei miei genitori che è rimasta chiusa perché la mamma si era barricata dentro ed è entrata di corsa nella mia stanza. Alessio afferrò la porta col gomito, chiudendola.

La serratura scivolò a casa.

Un brivido mi percorse la schiena. "Cosa fai? Non puoi stare qui.

Papà era intransigente riguardo agli uomini con sua figlia. Uno dei motivi per cui non li ho mai portati qui.

Alessio si è comportato come se non avesse nulla da temere. "Sì posso."

Stronzo pazzo. "Mio padre cagherà un mattone, e preferirei non affrontare il dramma."

"Tesoro, devi svegliarti." Si lisciò i capelli bagnati e si asciugò l'umidità sulla giacca. “Non ti rendi conto di cosa c'è in gioco? Vuoi che muoiano più membri della famiglia? Lo faranno se non...»

"Stai zitto. Semplicemente fermati."

L'agonia mi punse il petto mentre mi voltavo da lui. Non potevo combatterlo ancora per molto. Il mio futuro si era riscritto nel momento in cui quello di mia sorella era finito, ma accettare la sua morte era impossibile. Ho preso una nostra foto dal comodino e ho fissato le nostre facce felici. La liberazione emotiva non sarebbe arrivata. La tensione mi stringeva le viscere. Era un inferno come non l'avevo mai vissuto.

"Se n'è andata."

"Lo so."

Il suo tocco rotolò sulla mia spalla e mi strinse, cosa che attraverso la maglietta umida sembrava follemente intima. Era come se mi avesse accarezzato la pelle, e scosse mi attraversarono il corpo. Mi sporsi, odiando il modo in cui il suo sguardo più vecchio di dieci anni assorbiva ogni dettaglio della mia stanza. Era un tale predatore. Non c'era sottigliezza nel modo in cui sorrideva al mio poster degli Aerosmith o ai libri di testo di contabilità impilati sullo scaffale. Poi la sua attenzione si è posata sul salva-appuntamento appuntato sulla mia bacheca e l'arroganza gli è scomparsa dal viso.

"Perché hai tenuto questo?"

Un nodo grande quanto un pugno mi si è incastrato in gola. «Sono la sua damigella d'onore. Ho scelto il design.

"Carmela e io abbiamo finito."

Una fitta mi colpì il cuore. "Perdonami per essermi aggrappato a ciò che resta di lei."

Niente di Alessio era morbido, ma ha abbassato la voce così c'era meno ghiaia. “Capisco che tu stia soffrendo, ma abbiamo delle cose da fare. Insieme."

"Non farò niente con te."

«Non farmi fare lo stronzo, Mia. È inutile. Sai che potrei spezzarti la spina dorsale come un braccio oscillante. Questo atteggiamento è una perdita di tempo.

"Vaffanculo."

La sua bocca si è assottigliata quando ho sparato con un fucile alla sua offerta di pace. Alessio strappò il salva-data dallo spillo e lo strappò in quattro. Pezzi della mia anima scivolarono sul pavimento. “Ho cercato di essere paziente. Non sono un uomo paziente, ma ti ho concesso del tempo. Tempo che non abbiamo.

"Sei mesi non sono abbastanza..."

"Scusa. Questo è tutto quello che ho.

Avevo intorpidito i miei sentimenti da quando Carmela era morta, ma la sua insensibilità mi faceva male.

Era un coglione.

«Non ti è mai importato di lei.»

“Sai che non è vero. Mi piaceva. Non farò finta di amarla, ma era una brava ragazza.

Converse su di me come le nuvole fuori. Deglutii a fatica quando sprofondò nel materasso, il suo corpo che affollava il mio. Più difficile che negare la morte di mia sorella è stato rifiutarlo. Ogni volta che mi baciava sulla guancia, mi salutava, mi toccava, un volo di farfalle prendeva il volo e io bruciavo dall'interno.

Ciò non significava che lo rispettassi.

Una parte di me lo odiava per non amarla.

I calli di Alessio mi sfiorarono la mascella mentre mi girava verso di lui, scatenando una catena di impulsi elettrici che non si curavano della lealtà.

I nostri sguardi si scontrarono.

“Dirò tre cose. Non sarà facile per te accettarli, ma devi farlo perché non c'è via d'uscita. Numero uno. Ci sposiamo tra un mese".

Una calda ondata di paura ha demolito le mie pareti d'acciaio.

“Sì, Mia. Sarai mia moglie.

Il mio stomaco si contrasse mentre immaginavo di camminare lungo il corridoio con lui. Riuscivo a malapena a sopportare la sua presenza. Come tollererei un matrimonio?

"Due. So di David.» La sua voce si indurì mentre lasciava cadere le parole come un martello.

Feci un respiro affannoso, pronto a negare, negare, negare. "Chi?"

“Mi dispiace dirtelo, ma è risaputo. Sono stupito che Ignacio non si sia tagliato la testa, perché il bastardo dice a chiunque ascolti che si sta scopando la figlia del capo. Un sorriso di scuse gli balenò sul volto. “Non prenderla sul personale. Non ha molto altro di cui vantarsi.

"Non siamo una coppia."

“Non me ne frega un cazzo. Non lo vedrai più. Se lo farai, lo scoprirò. E se ti tocca mentre indossi il mio anello, lo ammazzo.

"Non sei serio."

"Sono."

Era orribile. Non lo sposerei mai.

Alessio non parlò per diversi istanti, come se volesse farmi forza. “Tre, voglio dei bambini. Quando saremo sposati, inizieremo a provare.

Questo mi ha inchiodato con un pugno allo stomaco. Tutto il mio corpo si è afflosciato. Le tre bombe sono esplose in un enorme relitto. Uomini come lui non volevano figli. Li hanno tollerati.

“Vuoi un bambino. Con Me."

"Sì lo faccio."

"Sei fottutamente pazzo?"

“No, sono pratico. Tra qualche anno, forse meno, sarò il capo. I miei ragazzi, o ragazze, saranno i volti dei miei affari legittimi quando avranno vent'anni. Inoltre, devo poter giocare con i miei figli. Ho trentatré anni. Fai i conti. Non posso aspettare troppo a lungo.

L'acqua tintinnava contro le grandi finestre mentre fissavo Alessio. Non sorrise, non rise o accennò che stesse scherzando. Il mio stomaco affondò. Aveva senso, ma non c'era modo all'inferno.

«Sei fuori di testa. Non sono la tua macchina per bambini. E non ti sposerò.

Alessio sorrise come se le mie proteste lo divertissero. «Tic tac, Mia. Sta succedendo."

"Partire!"

Un uomo educato avrebbe obbedito, ma il sorriso che gli incideva le guance dimostrava che era tutt'altro che rispettabile.

"Ottenere. Fuori!"

La voce di papà rimbombò attraverso il muro. "Tutto bene lì dentro?"

"Stiamo bene." Alessio si voltò verso il suono. "Non c'è bisogno di preoccuparsi."

“Resti a cena?”

"No non è!" Mi precipitai alla porta e la spalancai, ringhiando. "Papà, fallo andare via!"

"Va tutto bene, Ignacio." Alessio tagliò le parole che stavano per uscire dalla bocca di mio padre. "Andrò. Penso che abbia recepito il messaggio.

No, non l'ha fatto.

Ha salutato papà, che gli ha stretto la mano. «Te la preparo domani.»

"Bene." Alessio si abbottonò la giacca e catturò il mio sguardo. "Ci vediamo."

Vaffanculo. Vaffanculo entrambi.