Libreria
Italiano

Desiderio di mafia (Erotica)

791.0K · In corso
gracey
530
CapitolI
15.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Questo libro contiene scene di sesso. Voto 18+. Andrew era il boss mafioso più spietato. Era oscuro, poteva uccidere a sangue freddo e amava solo sua sorella di tre anni. Era una delle persone più squilibrate del pianeta e allontanava tutti da sé. All'esterno, Ava era una ragazza forte, indipendente e gentile che non si inchinava a nessuno, ma all'interno era distrutta. Stava cercando di allontanarsi dal suo passato quando lo incontrò. Gli avrebbe dato il permesso di aiutarla a scappare, o temeva che l'avrebbe solo spezzata ulteriormente? Scopri come le cose vanno di traverso in questa storia epica di amore, romanticismo e vendetta. ************************ NOTA..... Questo libro contiene anche altre raccolte di storie fantasy romantiche sulla mafia. Voto 18+ Si consiglia la discrezione dei lettori.

MiliardarioAlfaMafiaVendettaAmoreRomanticoSesso18+DominanteBadboyBrava RagazzaPossessivoforteprepotente

1

POV di Ava

"Per favore, non farlo, non sono stato io, mi scuso per tutto." Ho urlato, le lacrime mi rigavano le guance.

"Non mi interessa; ti venderò e finalmente mi libererò di te." La donna a cui mi sono rivolto mentre mia madre ha sputato in risposta.

Ho guardato negli occhi di mia madre, cercando un barlume di rimpianto, un barlume di dolore, qualcosa di diverso dalla rabbia e dal disgusto.

Ma non c'era niente lì, nessuna tristezza o rimpianto, solo pura gioia delirante mentre mi guardava chiedere aiuto.

Mia madre mi stava vendendo a un uomo crudele e disgustoso.

Ho urlato, preso a calci e preso a pugni nel tentativo di liberarmi dalla presa di due uomini, ma è stato inutile. Quando mia madre tornò a casa, mi ero ritirata in un angolo, sapendo che mio padre alcolizzato non era molto lontano da lei.

Eravamo la famiglia perfetta qualche anno fa; Ero ancora giovane e innocente.

Mio padre aveva un lavoro fisso e mia madre restava a casa a prendersi cura di me, nonostante all'epoca frequentassi la scuola media. Vivevamo in una bella casa e ricordavo i miei amici più cari.

Poi, circa un anno fa, mia madre ha cominciato a tornare a casa sempre meno, ignorando le sue responsabilità e non raccontando a nessuno dove fosse andata. Mio padre scoprì presto che aveva tradito con un altro uomo.

Dopo averlo scoperto, ha cominciato a bere e a giocare d'azzardo, diventando sempre meno la persona che ammiravo. Quando ha perso tutti i nostri soldi e i risparmi di una vita, ha perso anche il lavoro perché arrivava al lavoro ubriaco e fatto.

Dovemmo trasferirci in una brutta zona della città, il che non fece altro che esacerbare i nostri problemi. Mio padre venne coinvolto in una banda e presto dovette loro una grossa somma di denaro.

Ma non mi sarei mai aspettata che mi vendesse, e non mi sarei mai aspettata che mia madre fosse d'accordo, tanto meno che fosse felice.

Ma eccomi lì, mentre venivo prelevato da due uomini muscolosi in abiti da lavoro.

Ho urlato, preso a calci e ho anche cercato di mordere l'uomo che mi aveva gettato sulle spalle, ma è stato inutile.

L'uomo che mi trasportava era due volte più grande di me e quando ho visto la pistola nella sua cintura, la paura ha preso il sopravvento sulla mia adrenalina e ho capito che non c'era via d'uscita.

A causa delle lacrime che si erano formate nei miei occhi, non riuscivo quasi a vedere nulla. Ho gridato chiamando mia madre, sperando e pregando che mi salvasse da questo incubo, ma tutto ciò che ho visto prima che mi venisse iniettato qualcosa che mi metteva KO era mia madre che sorrideva, quasi sollevata dal fatto che mi stessero prendendo.

Avevo 15 anni quando fui separato dalla mia famiglia.

L'uomo che mi aveva comprato mi portò nel suo strip club e mi tenne lì per tre anni.

Sylvester era il nome dell'uomo che ha realizzato tutti i miei incubi. Era l'uomo più malato che sia mai vissuto, costringendomi a spogliarmi e ballare per uomini tre volte più grandi della mia età, toccandomi e picchiandomi.

Non gli importava cosa faceva, se mi picchiava o mi toccava contro la mia volontà, gli piaceva. La sua mente sconvolta provava piacere nel vedermi sofferente o impotente.

A causa dei miei genitori ho perso tutta la mia innocenza, così come tutto il rispetto e la fiducia per gli uomini.

Sylvester mi ha tenuto nel seminterrato per le prime settimane in cui ero allo strip club, senza lasciare che nessun altro mi vedesse. Mi dava piccole porzioni di cibo, ma presto scoprii che stava mettendo qualcosa nel mio cibo che mi avrebbe fatto svenire.

Dopodiché, mi svegliavo con lividi su tutto il corpo e la parte inferiore del corpo dolorante e dolorante. La prima volta che è successo, ho pensato che fosse perché ero stanco e mi sono addormentato, sbattendo il fianco contro qualcosa. Ma la seconda volta che è successo, ho capito che mi aveva violentata mentre ero priva di sensi.

Vorrei quasi non essere arrivato a quella conclusione perché ora ero intrappolato non solo in un incubo ma anche nella mia stessa mente, che mi stava facendo a pezzi.

Non solo lo fece altre due volte, ma quando si rese conto che era troppo facile, volle rendermi cosciente. Voleva sentire le mie urla e la mia agonia, ma non glielo permettevo. Lo calciavo, urlavo e lo mordevo ogni volta che si avvicinava a me, senza mai dargli un'altra possibilità.

Anche se non mi ha mai più violentata, ho dovuto affrontare le continue percosse fatali e i toccamenti scomodi.

Mi ha detto che avrei ballato dopo qualche settimana nel seminterrato. Ha minacciato di picchiarmi se non fossi stato d'accordo a quel punto. Di conseguenza, ho accettato.

Fortunatamente per me, ci è voluto solo un anno perché perdesse interesse per me perché non ero più un nuovo giocattolo luccicante con cui giocare. Ho iniziato a fare progetti per la mia fuga.

Mi ci sono voluti due anni per scappare finalmente.

Quando finalmente sono riuscito a fuggire, sono salito sul primo aereo che potevo permettermi con i pochi soldi che avevo. Dopo il ballo, ho infilato le banconote nel reggiseno, abbastanza in basso perché Oliver non se ne accorgesse.

E mi sono sentito sollevato quando finalmente mi sono sbarazzato dei soldi. I soldi erano sporchi e volevo dimenticare tutto quello che mi era successo.

Mi sono trasferita a New York e ho cominciato ad accettare piccoli lavori, facendo in modo che il direttore e la maggioranza del personale fossero donne perché non riuscivo a superare quello che era successo, quindi mi sono adattata.

Ho iniziato a lavorare e presto ho avuto abbastanza soldi per smettere di dormire sulle panchine e comprarmi un monolocale.

Ho iniziato a sorridere quando sono entrato nel mio nuovo appartamento; era la prima volta che sorridevo da prima che mi vendessero. Finalmente avevo un posto dove mi sentivo al sicuro; era il mio spazio.

Sono andato da un terapista dopo aver preso l'appartamento. Sapevo di essere incasinato e, anche se non volevo che nessun altro mi aiutasse, sapevo di averne bisogno.

Con mia sorpresa, la terapia è stata estremamente benefica e ho imparato la mia autostima e ho iniziato a imparare a lasciare andare, anche se sapevo che era impossibile perdonare e dimenticare, dovevo permettermi di essere felice.