Libreria
Italiano

Desideri perversi (Storie erotiche)

80.0K · Completato
Yajaira Peinado
59
CapitolI
3.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Si dice che ciò che è proibito è molto più eccitante. In questa storia troverete racconti erotici in cui ogni personaggio realizza le proprie fantasie e i propri desideri più oscuri. Le storie di questo racconto non sono reali, sono frutto della mia immaginazione, così come i personaggi e i luoghi in cui ciascuna di esse si svolge.

CEOSegretiPassione18+DominanteBadboyforte

Angelo o demone (Parte 1)

ATTENZIONE: QUESTO LIBRO CONTIENE SCENE DI SESSO ESPLICITO E UN LINGUAGGIO SCURRILE CHE POSSONO OFFENDERE LA SENSIBILITÀ DEL LETTORE. NON ADATTO AI MINORI DI 18 ANNI.

****

Antonella

Avete mai desiderato mangiare il frutto proibito? Questa domanda mi è stata posta dalla mia amica Luciana, che dice che mangiare il proibito è assolutamente eccitante e lo è ancora di più se lo si fa in luoghi dove si può essere visti.

L'adrenalina corre a mille chilometri all'ora mentre ci si abbandona al desiderio, alla passione e alla lussuria. Nel mio caso, non ho molta esperienza nei rapporti sessuali, tanto che a 20 anni sono ancora vergine.

La mia vita ruota intorno ai miei studi, papà vuole che mi concentri sull'essere il migliore e per questo non ha voluto che cercassi un lavoro, per questo lavora e mi dà tutto ciò di cui ho bisogno. Si può dire che la mia vita è monotona e noiosa.

Attualmente sto studiando economia aziendale e la prossima settimana inizierò il mio tirocinio nell'azienda di cui mio padre è il proprietario, so che all'inizio è stato un po' folle, ero sotto shock quando ho scoperto che avrei fatto il mio tirocinio nell'azienda di mio padre. Ora si può dire che sarò osservata sempre e in ogni momento.

Sono in camera mia e sto finendo di sistemare alcune cose dell'università, guardo l'orologio e vedo che sono le sette di sera e mi resta solo mezz'ora per prepararmi, vado in discoteca con la mia amica Luciana, approfittando del fatto che mio padre è uscito per una cena di lavoro con mia madre.

Vado in bagno come un fulmine, faccio una doccia veloce senza lavarmi i capelli e quando esco rovisto nel mio armadio alla ricerca di abiti comodi che mi permettano di muovere il corpo a ritmo di musica. Indosso una gonna a quadri rossa, sì, è un kilt, una camicia a righe bianche e scarpe da ginnastica nere. Mi lego i capelli in una coda alta e mi trucco con toni chiari.

Quando mi guardo allo specchio mi piace il mio aspetto, sembro una ragazza angelica ma con un tocco di malizia. Sento suonare il clacson di un'auto ed è il segnale che stavo aspettando.

Prendo le chiavi e scendo le scale due alla volta fino a raggiungere il soggiorno, mi assicuro che non ci sia nessuno del personale e esco in punta di piedi, chiudendo la porta con molta attenzione.

"Che figuraccia che fai, amico!", dice il mio amico, "Stanotte cesserai di essere casto e puro".

"Smettila di dire sciocchezze e andiamo", salgo in macchina, "oggi è venerdì e il corpo lo sa".

Senza ulteriori indugi, accendo lo stereo e la voce di Bon Jovi riempie l'aria con la canzone It's My life.

Questa non è una canzone per chi ha il cuore spezzato

Nessuna preghiera silenziosa per i fedeli defunti

E non sarò solo un volto tra la folla

Sentirete la mia voce quando la griderò a voce alta

È la mia vita

Ora o mai più

Ma non vivrò per sempre

Voglio solo vivere finché sono in vita

(È la mia vita)

Il mio cuore è come un'autostrada aperta

Come ha detto Frankie, "ho fatto a modo mio".

Voglio solo vivere finché sono in vita

È la mia vita.

( Traduzione )

(Questa non è una canzone per chi ha il cuore spezzato.

Nessuna preghiera silenziosa per i morti

E non sarò solo un volto tra la folla.

Sentirete la mia voce quando la griderò ad alta voce

È la mia vita

Ora o mai più

Ma non vivrò per sempre

Voglio solo vivere finché sono in vita

(È la mia vita)

il mio cuore è come una strada aperta

Come ha detto Frankie, "ho fatto a modo mio".

Voglio solo vivere finché sono in vita

È la mia vita).

Cantiamo entrambe a squarciagola, sembriamo una coppia di pazze scatenate. Pochi minuti dopo parcheggiamo l'auto davanti al grande locale "Angel or Demon", dove secondo la mia amica puoi comportarti come un angelo senza commettere alcun tipo di peccato o come un demone scatenando tutte le tue passioni e soddisfacendo ogni tua fantasia.

All'ingresso c'è una lunga coda, ma non c'è bisogno di fare la fila perché il portiere conosce il mio amico e ci fa entrare, mentre entriamo la musica rimbomba dagli altoparlanti, le luci colorate illuminano la pista da ballo. Il locale è stracolmo, non c'è un solo tavolo libero e il bar è completamente pieno, quindi non si cammina ma è la gente stessa a muoversi nel locale.

Ci teniamo per mano e raggiungiamo come meglio possiamo un angolo del bar, qui sembriamo sardine in scatola ma questo è il minimo quando si arriva a scatenare la follia più perversa.

Ordiniamo entrambi delle tequila, mentre aspettiamo ispeziono il locale, la mia testa è come un ventaglio che gira da una parte all'altra. Da qui vedo che c'è un'area VIP al terzo piano.

"Devono essere i figli di mamma e papà al piano di sopra". Mi distraggo dai miei pensieri quando sento un pizzico sul braccio.

"Ahi...", gemo per il dolore, "Luciana che fa male, sei pazza?".

"Pazza non è la mia regina, attenta a tutto", si morde il labbro inferiore, "Quell'uomo laggiù non ti toglie gli occhi di dosso".

Mi volto sorniona e il mio amico ha perfettamente ragione, da quando mi sono girata non ha smesso di guardarmi, alza addirittura il bicchiere e mi fa l'occhiolino, sento le guance bruciare e devo sembrare un pomodoro. È un uomo di circa 30 anni, fisico ben lavorato, capelli neri, pelle bruna e occhi di cui non si distingue il colore a causa della distanza, insomma un adone scolpito dagli dei dell'Olimpo.

Il suo sguardo penetrante mi mette un po' a disagio, è come se mi stesse spogliando solo guardandomi, mi giro di nuovo dandogli le spalle, se continua a guardarmi così credo che perderò le mutandine.

Il barista ci porge i nostri drink e io prendo il mio in un sorso, scuotendo la testa per la reazione che il drink ha provocato, sento qualcosa salire sul viso e provo la sensazione di arrapamento all'istante.

"Se continui a bere così, non credo che riuscirai a uscire da qui, figuriamoci a goderti la serata.

"Certo che no, è solo che ne avevo bisogno", faccio spallucce, "E poi, in questo modo posso riscaldarmi per una volta".

All'improvviso sento qualcuno che si avvicina alle mie spalle e mi sussurra all'orecchio.