Libreria
Italiano

Contratto Con Il Ceo Miliardario

114.0K · Completato
AZAHARA
104
CapitolI
11.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Sofia Lopez è un eccellente avvocato che lavora in uno dei più prestigiosi studi legali di New York. Mark Harris è un amministratore delegato multimilionario e molto potente. Sofia riceve il signor Miller nel suo ufficio senza aspettarsi una proposta che la lascia un po' sbalordita. L'amministratore delegato le chiede di sposarlo o rivelerà dei segreti che Sofia preferisce tenere nascosti. E così la ricatta per diventare sua moglie, dato che Mark Miller ha una figlia adottiva e vuole una madre per lei. Quali segreti avrà Sofia per convincere l'amministratore delegato a volerla come moglie? Accetterà il ricatto che il miliardario le sta facendo? Di chi sarà figlia la bambina di Miller?

MiliardarioCEOMatrimonioTriangolo AmorosoSessoRomanticoAmorePassione18+

1- VISITA A SORPRESA

Mi chiamo Sofia Lopez e sono socia di un importante studio legale di New York, ho ventotto anni, sono bruna, i miei occhi hanno il colore del miele e posso affrontare qualsiasi caso difficile, tranne quello che un giorno si è presentato nel mio ufficio senza preavviso.

- Sofia, il signor Mark Harris è qui fuori, dice che ha bisogno di parlarti con urgenza", ha detto Lina, la mia segretaria.

- Mark Harris, non ho un appuntamento con quell'uomo, non so nemmeno chi sia, digli di chiederti un appuntamento Lina, sono molto impegnata in questo momento - risposi.

Lina uscì dal mio ufficio, mentre io stavo ancora preparando i documenti per il processo che avrei avuto tra tre giorni, quando all'improvviso sentii sbattere la porta del mio ufficio. Guardai verso la porta e vidi entrare un uomo molto alto, con un abito costoso, la carnagione abbronzata, i capelli neri e gli occhi verdi come smeraldi.

- Ho bisogno che tu ti prenda cura di me adesso", mi gridò.

- Mi scusi, ma ho un appuntamento, sono molto occupato in questo momento", dissi, alzandomi dalla sedia e avvicinandomi all'uomo.

- Non vedo l'ora, sei un avvocato, vero? Ti pagherò tutto quello che mi chiederai, i soldi non sono un problema, quello che voglio da te è che tu mi sposi", disse, facendomi ridere.

- Non ho bisogno dei tuoi soldi, ma hai bisogno di uno strizzacervelli, ma se è così urgente, per favore siediti e dimmi qual è il problema di cui hai bisogno di parlarmi.

- Sono l'amministratore delegato di Harris Telecomunicazioni e Trasporti", ha detto, facendomi ridere,

- Non ti conosco affatto e inoltre ho un fidanzato - gli dissi.

- Guarda queste foto e dimmi se hai intenzione di sposare il tuo fidanzato", disse porgendomi una grande busta.

Quando ho aperto la busta e ho visto le fotografie del mio fidanzato che entrava in un albergo con una donna che non conoscevo, un'altra fotografia scattata all'interno della stanza di loro due nudi che facevano l'amore e così via, sono rimasta senza parole.

- Vuole sposarmi ora, signorina Lopez? - mi ha chiesto

- Dove ha preso queste foto, signor Harris? - Ho chiesto

- Ho fatto seguire te e il tuo fidanzato da un detective, volevo essere sicuro di avere ragione nella mia decisione di scegliere te come madre di mia figlia e di farti diventare mia moglie", ha detto.

- Perché io? Ci sono molte ragazze che vorrebbero essere la moglie di un miliardario.

- Perché tua madre era l'amante di mio padre e la responsabile del divorzio dei miei genitori quando hai dato alla luce una ragazza che ora è mia figlia, come ti ho detto, so da dove vieni e quasi tutta la tua vita e se non vuoi che tutto venga alla luce sui giornali scandalistici, spero che la tua risposta sia sì, la tua segretaria ha il mio numero di telefono, buongiorno --- si alzò dalla sedia, aprì la porta del mio ufficio e se ne andò senza dirmi altro.

Non appena Mark Harris lasciò il mio ufficio, raccolsi tutti i documenti che avevo sulla scrivania, li riposi nel cassetto con grande nervosismo, mi alzai dalla sedia e presi la borsa dall'appendiabiti per andarmene, avevo urgente bisogno di parlare con mia madre perché Harris minacciava di pubblicare la mia vita sui tabloid.

-Sofia, ho bisogno di te", ha detto uno dei miei partner.

- Non ora, Davis, devo partire urgentemente", risposi nervosamente.

- Lina, se qualcuno mi chiama, per favore citalo per questo pomeriggio, devo partire adesso - le dissi

Andai dove c'erano gli ascensori, salii su uno di essi per scendere al parcheggio dove avevo l'auto, scesi e poi salii in macchina, la misi in moto molto nervosamente e mi allontanai dall'edificio fino alla casa a schiera dove vivevano i miei genitori. Arrivai e parcheggiai l'auto in strada, suonai il campanello e Nancy, la domestica, mi aprì la porta.

- Buongiorno Sofia - ha detto

- Nancy, mia madre è in casa? - chiesi mentre entravamo in casa

- Sì, tesoro, è in piscina, posso portarti qualcosa di fresco da bere?

- Sì, per favore, oggi fa molto caldo", risposi.

Andai subito in piscina e vidi mia madre, sdraiata su uno dei lettini a prendere il sole.

- Buongiorno mamma - ha salutato

- Sofia, tesoro, oggi hai finito di lavorare presto, mi fa piacere, così possiamo pranzare insieme - rispose lei.

- La verità è che sono venuta qui per un altro motivo, mamma", dissi seriamente, e mia madre si sedette, facendomi sedere accanto a lei.

- Cosa sta succedendo a Sofia? Tu e Hugo avete litigato, vero?

- Questa è un'altra domanda, mamma, conosci un certo Mark Harris? della società di comunicazioni con il suo cognome? - Chiesi vedendo come cambiava il volto di mia madre.

- Perché fai questa domanda, Sofia? Sì, tuo padre e io li conosciamo, il padre è appena morto in un incidente stradale", rispose lei.

- Mamma, eri l'amante del padre di Mark Harris? - Le chiesi, vedendo come diventava nervosa alla mia domanda.

- Sofia, figlia mia, non capisco perché sei così interessata", rispose.

- Mamma, per favore, rispondi alla domanda - chiesi.

- Sofia cara, mi sono innamorata perdutamente di William Harris, abbiamo passato due anni a vederci in segreto, finché tuo padre non l'ha scoperto e mi ha dato un ultimatum, ma perché me lo chiedi? - ha detto

- Oggi Mark è venuto nel mio ufficio con uno dei suoi figli, mi ha chiesto di sposarlo e me ne ha parlato, anche se all'inizio non gli ho creduto, aveva bisogno che tu me lo dicessi, ha minacciato di portare alla luce il tuo segreto se non avessi accettato la sua proposta, ha anche scoperto che ho partorito una bambina due anni fa - gli ho detto.

- Figlia, cosa farai? Sei fidanzata con Hugo

- Non lo so mamma, devo proteggere la reputazione della mia famiglia e soprattutto la mia, inoltre Hugo mi tradisce con un'altra donna, Harris mi ha dato diverse foto che lo confermano, ma - dissi abbracciando mia madre come sapevo di non stare bene, con la sua confessione.

- Mi dispiace tanto figlia, sai che ti aiuterò in ogni modo possibile, vuoi che parli con questo Mark?

- Non credo che sia una buona idea, ti incolpa del fatto che sua madre li ha abbandonati", risposi.

Dopo pranzo lasciai la casa dei miei genitori, salii in macchina per tornare allo studio legale, mentre guidavo pensavo a quale risposta avrei dato a Mark Harris, mi chiedevo perché mia madre non mi avesse mai detto nulla dei suoi affari, visto che eravamo sempre stati molto uniti, e dove avesse preso le informazioni sul bambino che avevo, visto che quando nacque il mio bambino lo diedi in adozione senza che nessuno lo sapesse. Arrivai all'edificio dove si trovava lo studio legale, lasciai l'auto nel parcheggio, entrai nell'ascensore, premetti il pulsante del piano a cui stavo andando e appena Lina, la mia segretaria, mi venne incontro.

- Sofia ha un visitatore nel suo ufficio, non ho potuto evitarlo, mi dispiace", ha detto.

- Non preoccuparti, non preoccuparti, chi è? - Ho chiesto

- Signor Harris", disse, sorprendendomi

Entrai nel mio ufficio e vidi Mark Harris in piedi che guardava fuori dalle finestre del mio ufficio, avevo lasciato la borsa sull'appendiabiti e lui si girò quando mi sentì entrare nel mio ufficio, ci guardammo entrambi e notai il luccichio nei suoi bellissimi occhi verdi.

- Stamattina mi ha detto che avrei dovuto chiamarla signor Harris, non ha pazienza? - Ho detto

- Ho bisogno di una risposta urgente da parte sua, ci ha già pensato, signorina Lopez? - chiese

- Non mi ha dato molto tempo per decidere", risposi, sedendomi sulla poltrona e appoggiando le braccia sulla scrivania, con le dita piegate tra le mani.

- E non ho molto tempo nemmeno per Sofia e suppongo che dopo due anni vorrai conoscere tua figlia", disse, mettendo le mani sul mio tavolo e avvicinando il suo viso al mio.

- Se accetto la sua proposta, presumo che ci sarà un contratto con delle condizioni", ho risposto.

- Ho qui il contratto, potete leggerlo e se siete d'accordo potete firmarlo. Il mio avvocato ha stipulato tutte le condizioni, ho organizzato un incontro nel suo ufficio in modo che possa leggere tutte le clausole e possiamo firmare", ha detto.

- Mi scusi, signor Harris, ma non ho bisogno di un avvocato che mi spieghi i termini di un contratto, o dimentica che io stesso sono un avvocato? - Gli ho risposto

- Tua madre non la pensava così quando andava a letto con mio padre, vero? - ha risposto

- Mia madre è una donna rispettabile e quello che ha fatto o non fatto nella sua vita non mi riguarda", risposi.

- Queste sono le condizioni, signorina Lopez, accetti o oggi pomeriggio vedrà la sua foto sulle riviste rosa, cosa decide? - mi chiese avvicinandosi a tal punto che le nostre bocche erano a pochi millimetri di distanza.

- Esca subito dal mio ufficio, signor Harris, nessuno mi costringe", risposi sottovoce.

- Ha un'ora di tempo prima che la stampante inizi a lavorare, un'ora signorina Lopez, un'ora, e le lascio qui i documenti perché possa leggerli con comodo - mi ha sussurrato, lasciando poi il mio ufficio.

Mi sedetti sulla mia poltrona e guardai la mia segretaria entrare in ufficio.

- Sofia, stai bene?

- No Lina, non mi sento molto bene - risposi.

- Sapete che se posso aiutarvi in qualche modo

- Lo so, grazie, potete andarvene

Guardavo l'orologio del mio ufficio ogni cinque minuti, anche se ero grata che non mi avesse chiamato e non fosse tornato di nuovo nel mio ufficio, visto che non mi stavo concentrando su nulla di ciò che stavo facendo e il tempo stava per scadere, decisi di chiamarlo io stessa e di incontrare Mark al club di cui ero socia, per parlargli e cercare di dissuaderlo dalle sue intenzioni, mi alzai dalla sedia, presi la mia borsa dall'appendiabiti e uscii dal mio ufficio chiudendo la porta dietro di me.

- Lina, quando avrai finito di fare quello che stai facendo potrai andartene, domani ci vedremo - le dissi.

 

Sono salita in ascensore e sono scesa nel parcheggio con lui, sono uscita dalla cabina, sono salita in macchina e sono andata al club dove ero solita andare, quando sono arrivata ho parcheggiato, sono scesa dalla macchina e sono entrata nel club avvicinandomi al bar.

- Ciao Sofia, tesoro, a che ora sei qui oggi? Non ho ancora visto il tuo fidanzato", disse Aron, il barman.

- Devo incontrare un cliente qui, mi dia il solito", dissi,

Mi voltai a guardare le persone presenti, vedendo Mark a un tavolo arretrato rispetto all'ingresso, presi il mio drink e mi diressi verso il mio nemico.

- Pensavo che non mi avresti chiamato", disse.

- Non sono venuto qui perché tu faccia il carino con me, voglio che tu riconsideri la tua proposta", risposi.

- Signorina Lopez, non mi faccia perdere tempo, basta una telefonata e la tipografia sarà operativa", ha detto.

- Per favore, signor Harris, non è colpa mia se... non mi ha lasciato finire la frase.

- Mia madre si è suicidata a causa dell'amante di mio padre, che per caso era sua madre e che ha lasciato me e mio fratello da soli con mio padre quando eravamo ancora molto piccoli, dimmi sì o no - disse in modo categorico.

- Accetto la sua proposta, signor Harris, devo salvaguardare il nome della mia famiglia - risposi.

- Ha portato la documentazione che ho lasciato nel suo ufficio, firmata? - ha chiesto

- Non è firmato, ce l'ho sulla cartellina, ma lo firmerò subito", risposi, vedendo un sorriso sornione sul suo volto.

- Dimmi una cosa: se odi così tanto la mia famiglia, perché hai scelto me?

- Sai Sofia, i figli pagano sempre i piatti rotti dei genitori come hai fatto tu con tua figlia, e scopare con una Lopez sarà un onore per me, domani andrò nel tuo ufficio a firmare il certificato di matrimonio, così semplice sarà il nostro matrimonio, arrivederci - mi disse alzandosi dalla sedia guardando mentre usciva dal locale.