Libreria
Italiano

Città della passione e del desiderio

570.0K · Completato
Ragnar De Brunhoff
376
CapitolI
1.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Benvenuti negli incontri di piacere, nei racconti erotici di mondi fantastici, lanciatevi in ​​racconti d'amore e di passione, nelle avventure delle coppie di città, quelle innumerevoli forme di amore, in mezzo a racconti di incontri sessuali, tra umani, gentiluomini della notte, vampiri, streghe e lupi mannari, i loro incontri d'amore e di piacere, e i loro intrighi e avventure dell'alta società e dei suoi cittadini della città di Lovecraft, avvolti tra la magia, dall'arte alla seduzione, oltre alle fantasie di storie d'amore e incontri con esseri fantastici, da mettere alla prova, in cui tutti sono coinvolti in racconti d'amore, passione e sesso puro, in un universo di piacere e seduzione. Tra racconti erotici di ogni persona che vive in questo mondo, tra racconti di seduzione, incontri sessuali, vite mondane, prove sessuali e case di piacere. Una città conosciuta per il covo della passione, la mecca del crimine, della seduzione, una storia di sesso, in cui si va oltre la città mafiosa, la mecca del crimine, le forze della passione, l'evidenza del piacere, usando i propri corpi nel controllo della propria uomini e donne, gli incontri tra le case e quello dei mafiosi, i racconti dei piaceri, vedere che durante i viaggi, le storie e le convivenze delle persone, la vita sessuale di ogni persona che vive in queste città, nelle quali visitano le diverse covi di piacere in questa città avvolta da storie d'amore e di seduzione. Coinvolti e nonostante siano storie d'amore e di sesso, durate per molti anni, furono innumerevoli le guerre tra bande che si risolsero con punti d'amore e relative cospirazioni, omicidi, storie d'amore, piacere e passione, in cui i numerosi clan mafiosi sono stati coinvolti in lotte per il territorio, i signori del crimine nei loro giochi di passione, nella lotta per il controllo delle loro volontà e delle loro passioni, per il controllo dei loro corpi, nelle lotte per il potere e il controllo. I ricchi mondani nei loro giochi di piacere e in mezzo alle lotte per il potere, le innumerevoli lotte per la passione, in mezzo ai racconti di fantastiche avventure di passione e piacere in giro per la città, in cui tutti sono coinvolti in racconti di viaggio e di visita di ogni luogo, quando sei stato coinvolto in schemi di cospirazione e manipolazione, nel mezzo delle tue feste di piacere e passione, in cui puoi imbarcarti in questo mondo di fantasia e seduzione, in cui vedrai questo mondo oscuro attraverso le autorità che sono state comprate e manipolate , quando il crimine cresceva e la città si sviluppava, una vita di passione, tra racconti di suspense. Tra storie di piacere, di passione, quando si susseguivano omicidi, famiglie mafiose, intrighi, storie d'amore e di seduzione

MiliardarioCEOTriangolo AmorosoMagiaAmoreSessoLGBT18+fantasiasoprannaturale

1

Percorrendo i tortuosi sentieri del piacere e del desiderio, veniva invitato ad una grande festa dell'alta società, alla quale partecipava l'immortale e bellissimo eterno giovane, il Principe di Lovecraft County.

Tsuki, ora immortale, all'età di 36 anni, era ancora a una festa aziendale, portando nuovi soci, nuove iniziative, un'ondata di donazioni, investendo e utilizzando fondi governativi per lavori, manutenzione e costruzione, oltre a investire nell'istruzione e nel centro di lavoro. investimenti.

Essere elogiato nel bel mezzo di una ruota d'affari. - Beh, quanto è intelligente e laborioso. – disse una ricca signora, quando fu convinta di investire nella città a fare donazioni, e alcuni di loro erano in giro per investire e finanziare la costruzione di orfanotrofi e scuole in tutta la città.

Alcuni facoltosi benefattori erano lì a chiacchiere, pettegolezzi, chiacchiere e finanziare studi con borse di studio, oltre l'assistenza sociale, quando tutti facevano festa, accanto a loro, in cui gli stessi investitori, maghi, vampiri, tra aste mistiche, oltre a clan di lupi mannari e vampiri, coinvolti nella gestione, ricostruzione ed espansione delle attività commerciali, con la città come base operativa.

Ora, un uomo adulto stava raccontando la storia della sua adolescenza, quando era seduto a un tavolo con diverse persone sulle storie della sua vita.

Sono successe diverse cose, lui era ad una festa intima, dopo essere tornato da un'altra festa di raccolta fondi, seppur stanco, tra loro, a un tavolo nell'ingresso del sacco di pietra, che era l'ingresso al giardino della sua villa in stile gotico.

Tsuki Miki Delphos era accanto ai suoi fidanzati, ai quali ha rivelato alcuni segreti quando ha finito di allenarsi in una sala di allenamento in una grotta, sotto la sua magione, in cui ricorda un'avventura vissuta quando aveva poco più di 14 anni, si sentiva come un feticcio o un amore, non lo sapeva, nella sua mente da adolescente, era qualcosa che aveva in comune, un tipico adolescente.

Oggi all'età di 36 anni, era ben inteso con se stesso, cosa che non si diceva della sua fase adolescenziale, poiché era difficile, sapeva come erano gli adolescenti, ecco perché quando si prendeva cura dei suoi alunni, essendo un filantropo, un eroe e ricco, anche se nessuno è morto per mano sua in quel modo, tranne che combattendo il crimine.

Era al tavolo del pranzo, dopodiché ha voluto avere la priorità nel dirmelo al Re di tutti i vampiri e Imperatore dei lupi mannari, in cui ha rivelato cosa ha fatto quando aveva 14 anni.

Nimurta il dio sotto forma di lupo mannaro, durante una guerra con Apsu, entrambi lanciarono incantesimi, nella creazione dei primi lupi mannari, quando e dei mostri pipistrello, in cui ognuno di loro creò i propri eserciti essendo i primi vampiri di Nimurta e i primi lupi mannari di Apsu,

Divennero suoi insegnanti e maestri nelle arti occulte quando iniziò ad allenarsi con loro all'età di 15 anni, un anno dopo la sua missione con la professoressa Viktoria, poi, crescendo con loro, scoprì che gli piacevano. due, anche se anche a lui piacevano le donne...

Poi, quando entrambi crearono i propri guerrieri ed eserciti, nel mezzo delle guerre, tra gli dei, tra gli Accadi, durante le grandi alluvioni, entrarono finalmente in una tregua, dopo più di duemila anni di guerre.

Quando si sedeva a tavola, con suo marito, quel nuovo dio di pietra proveniente da un'altra galassia, che sembrava scoprire le sue passioni e cosa stava facendo.

- Hai un pezzo in mano, si prepara molto facilmente. – disse la sua madrina lupo Veronika, consegnandolo ai due dei millenari, in cui ora pensava al suo futuro matrimonio, in cui questo portava con sé un bagaglio di storie.

Secondo quanto riferito, la sua madrina avrebbe detto al vampiro di averlo sfidato a sedurre il suo insegnante.

- Com'è...? – chiese Nimurta.

Mentre a sua volta, Apsu disse ridendo.

- Era sempre cattivo. – Disse l’altro dio.

- Non era un insegnante qualsiasi. - Egli ha detto. – Era il mio insegnante di storia. - Egli ha detto.

- A cosa serve? - L'oscurità lo interrogò.

- Non era un'insegnante qualsiasi, in realtà era una spia, essendo imparentata con una rivale in affari della mia madrina Veronika che si era infiltrata nell'accademia di Chambers Hitomi, era una città su una piccola isola lontana dalla terraferma, che apparteneva al territorio giapponese.

Era tornato dalle lezioni, il problema era che la madrina Veronika, a causa della sua attività di terrorista e mafiosa, grazie alla morte dei suoi genitori, lo aveva preso sotto la sua protezione, questa non era la prima, né la seconda scuola in meno In più di sei mesi, è successo qualcosa, tra le battaglie, oltre alla guerra per il dominio della mafia giapponese, cinese, di tutta la potenza asiatica, insieme alla mafia italiana e alla mafia russa.

Ciò che Tsuki scoprì fu che i mafiosi russi amavano un cane, combattevano e uccidevano per lui.

Diversi anni fa ci fu una guerra per il dominio della malavita sul territorio giapponese.

Veronika il demone lupo delle Alpi svizzere, dominava parte del continente europeo, più precisamente in Francia, aveva base nelle Alpi svizzere.

Tsuki Miki Delphos si nascondeva tra i pilastri, ascoltando una conversazione nella tana e nel mezzo della sala delle torture dei nemici di Veronika.

Guardò verso la donna, mentre indossava una maschera da volpe, per scendere le scale verso la conversazione.

- Mi sta indagando. – disse Tsuki, entrando nel cellulare con la foto.

- Non puoi fare di meglio. - Disse la donna. – Non pensavo che avrebbe agito così in fretta. - Disse la donna.

- Beh, grazie a te, sono maturo e capisco i suoi movimenti, ma non è per niente esplicita e non è nemmeno un elefante nella stanza. - Egli ha detto.

Un mafioso russo biondo e troia con grandi tette, infiltrato in una scuola giapponese, insegnando storia e francese.

- Voglio vederti fare meglio. - Disse la donna. – Sii l’elefante nella stanza. disse Veronica.

- Scommetto che riuscirò a sedurla in meno di una settimana. - Egli ha detto.

- Ne dubito. - Lei disse.

- Chi rifiuterebbe la carne fresca? - Chiese.

Parlò verso la donna. – Ho organizzato una festa con te e le tue figlie il mese scorso, nessuno ha rifiutato. - Egli ha detto.

- Oh certo. – Ha detto, continuando a torturare il mafioso giapponese a testa in giù.

Aveva aghi e pugnali in ogni parte della schiena, Veronika lo affilava, oltre a scaldarne le punte, prima di ogni interrogatorio negativo.

- Dove sono i gioielli dell'imperatore di giada. - Lo interrogò, apparentemente per la centesima volta.

- Vuoi unirti, tesoro? - Interrogò la donna.

- Io posso? – Ha chiesto.

- Ti insegnerò come prolungare la vita e la tortura per più di 12 ore. - Lei disse.

- Va bene, posso pugnalare? – Ha chiesto.

- Evita i punti vitali, voglio lasciarlo al setaccio, ma non morto. - Lei disse.

- Tubo bene, nella pancia, puoi? – Ha chiesto.

- Evitare di aprire lo stomaco. - Lei disse.

Così fece, accanto a lei, per qualche ora.

Comunque alla fine avrebbe ceduto, poi, dopo qualche altro urlo in cinese dopo che gli insulti erano cessati, ha cominciato a chiedere l'elemosina.

- Ora, voglio farti sanguinare, qualunque cosa tu dica adesso. – Quella volta, quando fu trafitto dappertutto, dal petto alla schiena.

Quindi, dopo che l'uomo lo ha implorato di fermarsi, Veronika ha detto. – Ora, non voglio sapere, voglio mandare un messaggio. – Ha detto, tirando fuori l'ago dalla tasca, iniziando a cucirsi la bocca, quando Tsuki se n'è andata, non voleva vedere il resto della tortura, salendo le scale, verso la sua stanza per un piano di una cagna francese .

Il giorno dopo, ha indossato la colonia Gogo Boys di Veronika, pantaloni attillati al posto dell'uniforme, un lungo mantello nero, abiti succinti, per gettarsi davanti alla puttana che, secondo le voci, lei avrebbe ucciso dopo il sesso, beh meno male che lei era un assassino che uccideva dopo aver fatto sesso con l'obiettivo nel letto, nel quale aveva collocato alcune cimici e comunicatori, con l'aiuto di Veronika, che lo lasciò davanti alla porta dell'accademia, poi, dirigendosi verso il corridoio, affollato di studenti e insegnanti.

Comunque, mentre usciva per andare a scuola, sono arrivati gli scagnozzi di Veronika e hanno portato via l'uomo come avvertimento, anche se lui ricorda di non aver fatto di proposito i compiti che lei gli aveva chiesto, due volte di seguito, qualunque cosa. cosa, era stupido.

In quel momento, vide la donna, gonna corta, scollatura prominente, capelli biondi sciolti sopra la testa, una lunga coda di cavallo, tacchi alti, vestiti attillati, una Jezebel completa..., nelle parole della sua madrina.

Aveva un piano, quindi lo mise in pratica, ottenere informazioni da lei, da una mafia rivale sarebbe stato facile, aveva i farmaci che gli aveva dato la sua madrina Veronika, aveva una settimana prima che lei uccidesse il figlio di un'altra studentessa che apparteneva alla famiglia di Veronika gruppo.

Le sue due settimane di lezioni erano ammucchiate nello zaino, lui le afferrò, mentre il suo compagno di classe stupido e ormonale si avvicinava a lei, afferrò una bottiglia di soda, mezzo metro prima di trovare il suo insegnante, giocando con tutto in faccia.

- Scusa, sono inciampato. - Egli ha detto.

- Maledizione... - Stava per dire il resto, ma qualunque cosa stesse per finire di dire, cadde letteralmente lì, quando Tsuki gli diede un calcio all'inguine, spingendolo con sé, il monitor, vide il ragazzo cadere, se si avvicinava al Tsundere giapponese e capiclasse come lui.

- Cosa gli è successo? - Ha chiesto.

- È inciampato, ha battuto la testa, cadendo con la soda. - Egli ha detto.