Libreria
Italiano

Appartiene al re della mafia

187.0K · Completato
Queenies
147
CapitolI
82.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Ti prego, non farlo. Ti supplico". Ho trovato il coraggio di pronunciare queste parole. La mia voce è implorante e i miei occhi cercano disperatamente di raggiungerlo. "Non posso più aspettare. Non sai quanto ti desidero; persino le tue lacrime mi eccitano". Il suo viso si avvicinò a me. Sentii il suo respiro caldo sul mio viso e le sue parole mi fecero correre un brivido lungo la schiena. ☆☆☆ Quando un pericoloso rapitore mette gli occhi su una giovane ragazza, sa che deve averla, anche se questo significa prenderla contro la sua volontà.

AlfaMafiaCEOMiliardarioRomanticoMysteryCrimineNoirBadboyBrava RagazzaPossessivo

ONE

Normani Parker

Pigramente, sono rotolata fuori dal letto caldo e accogliente quando ho sentito il suono della meravigliosa sveglia.

Notate il sarcasmo.

Sbatto la mano sulla mia stupida sveglia, che mi urla di andare a scuola. Oggi mi sento così pigra. Ma chi voglio prendere in giro? Mi sento pigra letteralmente ogni giorno. Mi raggomitolo e vado sotto le lenzuola, premendo la testa sul mio comodo cuscino.

Emettendo un gemito di disapprovazione, mi sollevai dal letto. Dopo aver sistemato la stanza, mi trascinai in bagno, sbattendo la porta mentre accendevo la doccia, aspettavo che raggiungesse la temperatura giusta prima di togliermi il pigiama e sperare di fare la doccia, finendo per depilarmi le gambe. Venti minuti dopo sono uscita con i capelli bagnati e l'odore di vaniglia.

Ho scelto una tuta blu che mi arrivava a metà coscia e aveva un fiocco in vita perché volevo distinguermi. Ho applicato una crema idratante sul viso, poi un po' di eyeliner, per far risaltare i miei occhi blu, e ho applicato anche il mio lucidalabbra alla fragola. Ho legato i miei capelli biondi medi in una coda di cavallo, facendo risaltare un po' di capelli su entrambi i lati del viso. Indossai le scarpe nere e uscii dalla mia stanza per andare in cucina a preparare una tazza di caffè, aggiungendo due palline di crema al caramello francese e due cucchiai di zucchero.

Buonissimo.

Tornai in camera per prendere il telefono e la borsa nera, mentre tenevo ancora il caffè. Controllai l'ora e vidi che erano già le 9:00 e che la mia lezione iniziava alle 10:00. Bevvi il caffè in fretta e furia, prendendo una mela e mangiandola. Non mi preoccupai di bussare alla stanza di Stephanie perché sapevo che sarebbe stata a scuola, visto che stamattina aveva lezione presto.

Presi le chiavi della macchina dal bancone mentre uscivo di casa. Aprii la macchina e salii velocemente, allacciando la cintura di sicurezza, poi misi in moto. Accesi la radio e alzai il volume quando sentii la mia canzone preferita di Ariana Grande, "position". Uscendo dal mio vialetto, iniziai a dirigermi verso l'università.

Trovai un posto perfetto per parcheggiare. Scesi velocemente dall'auto e tirai fuori il telefono per controllare l'ora, scoprendo che erano quasi le dieci. Rimisi il telefono nella borsa prima di precipitarmi a scuola per andare alla mia prima lezione della giornata.

♧♧♧

"Ehi ragazza, com'è andata la lezione oggi?". Mi chiese Steph quando entrai nel nostro appartamento. Siamo migliori amiche da sempre e ora frequentiamo la stessa università. Sono molto grata a Steph e alla sua famiglia. Dopo la morte dei miei genitori in un incidente stradale quando avevo sedici anni, i genitori di Steph mi hanno accolto e trattato come una figlia. Non so dove sarei senza di loro. Sono come la mia seconda famiglia.

"La signora Williams può essere così dannatamente fastidiosa. Non so perché se la prenda sempre con me. "Mi lamentai, sedendomi sul divano accanto a lei e appoggiando la schiena sulla poltrona.

" È ancora una stronza con te? " Mi chiese, ottenendo un mio cenno di assenso. "Ha davvero bisogno di scopare. Dubito che suo marito stia facendo un buon lavoro se lei arriva sempre irritata", rispose Steph. Mi stropicciai il viso, per nulla sorpreso dalla sua risposta. "A proposito di scopare, è venerdì. Andiamo in discoteca. "

"No, ho un incarico da svolgere e le discoteche non sono il mio ambiente", dissi.

" Dai, sarà divertente, te lo prometto", mi implorò, "e tu hai davvero bisogno di sfogarti un po'".

"No, non ne ho bisogno".

" Ti prego, ti prego, ti prego". Mi voltai a guardarla mentre mi faceva i suoi migliori occhi da cucciolo, sapendo benissimo che non avrei potuto resistere.

"Va bene", sospirai, guadagnandomi un suo strillo.

"Perfetto!", "Partiremo per le 7", ci alzammo entrambi e andammo nelle nostre stanze.

Andai in bagno a fare una doccia veloce, per lavare via lo stress della giornata. Mi asciugai e guardai l'ora: erano già le sei. Speravo di fare un bel pisolino prima di uscire con Steph. Mi asciugai i capelli con calma.

Dopo averli asciugati, entrai nell'armadio per scoprire che non avevo nulla da indossare. Non vado molto in discoteca, quindi avevo solo pantaloni della tuta, jeans e cardigan. Cominciai a pensare se fosse il caso di andare o meno, ma un colpo alla porta mi distolse dai miei pensieri.

Stephanie entrò nella mia stanza con due vestiti tra le mani, che non mi lasciarono nulla da immaginare.

" Steph, dove stiamo andando veramente?". Chiesi per curiosità.

"Ok, mi hai beccato. C'è un club esclusivo per persone famose, ricche e potenti, e per caso ho ottenuto due pass", rispose eccitata.

" Steph, non credo che sia una buona idea. Stiamo parlando di un club che richiede dei pass". "Le dico che non me la sento.

"Non preoccuparti, non succederà nulla di male", mi ha assicurato, "ora vieni a sederti e lascia che ti prepari".

In che cosa mi sono cacciata?