Libreria
Italiano

Andare a letto con un miliardario demone

456.0K · In corso
gracey
323
CapitolI
10.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Questo libro contiene scene fortemente erotiche, sensuali e violente. Si consiglia la discrezione del lettore. ********** Lena, un'innocente cameriera, viene presa da un ricco signore miliardario. Lena ricominciò a singhiozzare. Non si era mai sentita più sola in tutta la sua vita e non era mai stata tradita in questo modo da una persona prima. Nessuno l'aveva preparata. "Lena...sto per venire dentro di te," disse Renz, guardandola. Lena gli sbatté i piccoli pugni contro il petto, ora disperata per toglierlo di dosso. "No, signore, non dentro di me!" lei ha urlato. Renz le catturò i polsi con una mano e allungò la mano per toccarle il clitoride ancora sensibile. Lena non riuscì a gestire entrambe le sensazioni e cadde all'indietro, arrendendosi completamente. È stata costretta, sedotta, corteggiata, violentata e dominata. Tradita, maltrattata e presa, ci sarà ancora qualche speranza per Lena? ******* Sleeping With A Demon Billionaire è una serie erotica bollente in 11 parti. ........... Tieni inoltre presente che questo libro contiene altre storie/serie erotiche piccanti per il t

MiliardarioCEOAlfaAmoreRomanticoSesso18+sentimento

1

Una dolce fragranza portò Lena dal suo sonno profondo allo stato di veglia. I suoi grandi occhi azzurri si aprirono e fu felice di vedere la modesta schiera di fiori di campo colorati che sedevano sul suo piccolo comodino di legno.

Afferrò il quadratino di pergamena che si trovava accanto ai fiori e lo aprì. In una scrittura semplice e inesperta, si leggeva "Buon compleanno Lena".

Lena sorrise tra sé per qualche istante, riflettendo su come il suo amore Gregory fosse riuscito a intrufolarli negli alloggi delle cameriere la sera prima, per non parlare della sua piccola stanza per consegnarle la sorpresa di compleanno. Arrossì al solo pensiero che lui la vedesse mentre dormiva.

Lena si alzò dal lettino e fece i tre passi familiari verso la finestra, con ancora un sorriso sul volto. Sebbene fosse semplicemente una domestica nella stanza di una servitù, Lena sentiva che la vista dalla sua finestra era di gran lunga superiore a quella della ricca famiglia che serviva. La vista dalle loro suite si affacciava sulle dolci colline e sulle vaste foreste nelle regioni più occidentali del maniero. Ma quello di Lena, all'angolo più orientale, si affacciava sul lago.

Lena chiuse gli occhi e respirò profondamente, assorbendo il profumo fresco e frizzante del mattino. Una leggera brezza stuzzicava i lisci capelli castani che le ricadevano lungo la schiena.

Riconobbe il familiare raggio di luce arancione che cominciava ad apparire in lontananza e attraverso l'acqua, e ammirò la graduale bellezza dell'alba che cominciò a manifestarsi.

Con un piacevole sospiro, Lena si allontanò dalla finestra, rendendosi conto che era giunto il momento di iniziare la giornata.

"Mio Dio, bambina, ti lavorerai fino alla morte!" esclamò Marie. Gli occhi di Lena si spalancarono e si interruppe nel suo compito di togliere gli arazzi della suite degli ospiti del Crown.

"Cosa vuoi dire? Cerco sempre di essere efficiente, Marie," rispose Lena. Marie scosse la testa, incredula, e si avvicinò al muro più lontano per aiutarla.

"C'è qualcosa di diverso in te oggi. Non ti ho mai visto lavorare così velocemente in tutti gli anni che hai vissuto qui. Questo non avrebbe niente a che fare con stasera?" chiese consapevolmente. Lena cominciò ad arrossire.

"Sono sicura di non sapere di cosa stai parlando, Marie. Mi piace solo fare un buon lavoro," rispose amabilmente, arrotolando distrattamente l'arazzo che teneva in mano.

La donna più anziana le prese l'arazzo e lo arrotolò nuovamente per bene.

"Quindi questo non ha niente a che fare con il fatto che questo è il tuo diciottesimo compleanno, e con i piani di quello stalliere di goderti la tua prima notte di femminilità?" lei chiese. Le guance pallide di Lena diventarono scarlatte.

"Questo è decisamente improprio! Tuttavia... sospetto che Gregory potrebbe proporgli questa sera," rispose, incapace di nascondere il suo sorriso beato.

Marie sorrise alla giovane, incapace di resistere al suo carattere dolce e gradevole.

"Sapevo che era un ragazzo rispettabile. Una coppia molto intelligente per te. Congratulazioni tesoro," disse Marie, abbracciando la giovane ragazza che era diventata per lei come una figlia nel corso degli anni.

"Grazie Marie," rispose felice Lena.

Dopo averla liberata, le due cameriere continuarono a togliere gli arazzi. Una volta terminati, al loro posto furono appesi nuovi dipinti ad olio. Nuove lenzuola e trapunte furono aggiunte al grande letto che dominava la camera da letto, e nuovi tappeti furono posizionati sulla moquette del soggiorno fuori dalle doppie porte della camera da letto.

"Perché l'improvviso bisogno di ridecorare?" chiese alla fine Lena.

"Per il ballo di stasera, ovviamente! Dozzine di amici del Maestro Sterling resteranno per la prossima settimana, e lui ha pensato che fosse meglio decorare ogni suite dei suoi ospiti più nobili con schemi adatti ai loro gusti individuali," spiegò Marie.

Lena guardò la nuova suite, incerta se le piacesse il modo in cui era decorata. Prima era luminoso, aperto e caldo. Ma ora i colori scuri e i dipinti intensi dominavano i quartieri un tempo piacevoli. Lena aggrottò la fronte guardando la pelle di tigre dall'aria arrabbiata che giaceva al centro del pavimento del salotto.

"Chi alloggia qui?" lei chiese.

"Un signore tedesco, mi sfugge il nome. Perché me lo chiedi?" Maria ha risposto. Lena alzò le spalle strette.

"Dev'essere un uomo molto gradevole, tutto qui," rispose lei, ridacchiando leggermente.

Marie e Lena riarredarono altre quattro suite prima di ritirarsi nelle cucine in modo che le cameriere potessero fare il loro lavoro. I cuochi erano impegnati a preparare il banchetto per la sera e Marie dovette discutere con Leonardo, il capocuoco, solo per ottenere una pagnotta e del formaggio.

"Devi davvero mangiare qualcosa. Sei troppo magra", ha detto Marie, mentre le due donne si sedevano fuori a pranzo. Lena scosse la testa, con il sorriso ancora luminoso sul viso.

"Non posso! Sono troppo emozionato!" rispose timidamente. Marie sorrise affettuosamente alla giovane ragazza.

"Ricordo di aver avuto la tua età con il mio primo amore. È una sensazione meravigliosa", rispose Marie.

"Con il signor Landley?" lei chiese. Gli occhi di Marie si spalancarono.

"Oh mio Dio, no! Ho incontrato mio marito anni dopo. No, questo era un ragazzo di campagna del villaggio in cui sono cresciuta. Dominic," rispose Marie, ricordando.

"Cosa gli è successo?" chiese Lena. Marie fece una pausa prima di rispondere.

"È andato in mare, con l'intento di trovare una fortuna per noi. Non l'ho mai più rivisto. Amo mio marito, mi ha dato le mie bellissime figlie, ma... non c'è nessuna come la tua prima", ha detto Marie.

Lena notò che Marie era un po' rattristata.

"A che ora inizieranno ad arrivare gli ospiti?" chiese Lena, sperando di cambiare argomento. Marie chiuse gli occhi e scacciò il sentimento di tristezza prima di rispondere.

"Al tramonto. Probabilmente dovremmo tornare dentro per finire di prepararci. Anche se..."

Lena guardò Marie in attesa.

"Che cos'è?" lei chiese.

"Sono abbastanza certa che i ragazzi della scuderia stanno strigliando i cavalli proprio in questo momento. E siamo leggermente in anticipo rispetto al programma perché prima sei stato così efficiente," iniziò Marie. Gli occhi di Lena si spalancarono dalla gioia e abbracciò Marie in segno di gratitudine.

"Grazie, Marie! Sei buona con me!" disse alzandosi.

"Fai presto, ragazza!" Marie la incoraggiò, dandole una leggera pacca sul sedere. Lena sfrecciò velocemente giù per la collina, verso le stalle.

Trovò Gregory che spazzolava Cobalt, uno stallone nero. Lo ammirò per qualche istante, con il suo corpo lungo e magro, i capelli biondi disordinati e la pelle abbronzata. Pensava che fosse molto bello.

Alla fine guardò nella sua direzione e sorrise ampiamente.

"Ebbene, la mia adorabile piccola Lena", disse calorosamente Gregory. Lena corse verso di lui e lui aprì le braccia per riceverla e la fece girare.

"Grazie mille per i fiori", disse felice. Gregory spazzò via delicatamente un viticcio vagante che si era fatto strada sul suo viso.

"Buon compleanno amore," sussurrò, baciandole dolcemente la guancia.

"So che avevamo detto che avremmo aspettato fino a stasera, ma non vedevo l'ora di vederti," esclamò Lena felice. Gregory ridacchiò.

"Sempre una ragazza impaziente, Lena. In realtà sono molto felice che tu sia passata. C'è qualcosa di cui volevo parlarti," iniziò Gregory.

Lena si sistemò e fece del suo meglio per apparire seria e matura. Gregory lasciò le sue mani e riportò Cobalt al suo box prima di iniziare a parlare.

"Ti sto corteggiando da molti mesi ormai, e... siamo arrivati al punto in cui dobbiamo prendere decisioni sul nostro futuro," disse Gregory, prendendole la mano. Lena annuì, sentendo il cuore che cominciava a batterle rapidamente nel petto.

"Ho messo da parte un po' di soldi e, anche se non sarò mai ricco come Master Sterling, ho mezzi modesti per un matrimonio e, eventualmente, una famiglia", ha continuato. Lena annuì, facendo del suo meglio per non scoppiare dall'eccitazione.

"Capisci quello che dico, Lena?" chiese Gregorio. Lena annuì, ma non riuscì a trovare le parole.

"Voglio sposarmi," disse seriamente Gregory. Le lacrime iniziarono a formarsi negli occhi di Lena, e lei si alzò in punta di piedi e gli avvolse le braccia attorno al collo.

"Oh, Gregory, mi piacerebbe sposarti!" Lena strillò.

Gregory le baciò dolcemente la fronte.

"Lena, cara...non volevo dire che voglio sposarti," disse. Lena si bloccò.

"M-ma hai detto..."

"Ho detto che volevo sposarmi, amore. A Eleanor Smith. Le ho chiesto di sposarlo stamattina", ha spiegato Gregory. Lena fece qualche passo indietro e cominciò a sentirsi come se il mondo girasse.

"Ma... hai detto che mi ami. La ami?" lei chiese. Gregorio sospirò.

"Lena, sei una bellissima ragazza. La più bella che abbia mai visto. Sei vivace, appassionata e deliziosamente innocente. Ma Eleanor è più grande; ha visto più cose del mondo. Lei... soddisfa quei tuoi bisogni." non posso. E io la amo", ha detto Gregory.

Lena sentì un ronzio nelle orecchie e la nausea cominciò a formarsi in gola.

"Sei stato intimo con lei per tutto questo tempo," mormorò.

"Non ti mentirò. Sì", rispose. Lena si mise una mano sulla fronte.

"Ma... è il mio compleanno," disse Lena, incerta su cos'altro dire. Le lacrime adesso cadevano liberamente, formando fiumi lungo le sue guance arrossate.

Gregory si avvicinò a lei e le posò una mano sulla spalla tremante.

"Mi dispiace, Lena," disse, baciandole ancora una volta la fronte.

Allora la lasciò e Lena rimase sola con i cavalli nelle stalle. Si sentiva come se qualcuno le avesse dato un pugno nello stomaco, e prima che si rendesse conto di cosa stava facendo, il malessere che sentiva accumularsi in gola finalmente si riversò, e lei cadde in ginocchio e vuotò il contenuto del suo stomaco sul pavimento della stalla.

Gregory non l'aveva mai amata. Si era appena divertito con lei. Ma ora era pronto per qualcuno di serio. E lei semplicemente non era abbastanza brava.

Lena ricominciò a singhiozzare. Ogni volta che cercava di smettere di piangere, nuove lacrime le scendevano dagli occhi. Non si era mai sentita più sola, e non era mai stata tradita in questo modo da una persona. Nessuno l'aveva preparata.

Lena ha fatto del suo meglio per tenere sotto controllo le sue emozioni una volta che gli ospiti hanno iniziato ad arrivare per il ballo. Fece il bagno e indossò la sua formale uniforme nera con pizzo bianco.

Cercava di essere gentile con gli ospiti che arrivavano, mostrando loro le loro suite e occupandosi di sistemazioni aggiuntive, ma tutto ciò che voleva davvero era piangere.

"Ho sentito che gli ospiti sono molto contenti delle stanze. Tu e Marie avete fatto bene, Lena," disse Mastro Sterling. Lena non poté fare a meno di sorridergli. Era un uomo anziano e gentile che l'aveva accolta quando era rimasta orfana da bambina. Sua madre era stata una domestica e l'identità di suo padre non fu mai conosciuta. Dopo la morte di sua madre, Sterling si era assicurato che Lena avesse sempre un posto nella sua villa.

"Grazie, signore," disse Lena educatamente.

"È un periodo impegnativo per me, con la mia acquisizione e il fidanzamento di mio figlio, ma... beh ecco," disse Sterling, porgendole una piccola scatola. Lena dimenticò temporaneamente quanto dolore provasse e il suo sorriso si allargò.

"Maestro Sterling", iniziò, toccata dal gesto. Sterling sorrise alla ragazza.