Libreria
Italiano

Amata dal CEO

102.0K · Completato
Sirley A.
55
CapitolI
4.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Genesis Sousa, diventa la moglie dell'ex fidanzato della sorella, scomparso pochi giorni prima del matrimonio. Leandro Betancourt accetta la proposta di sposare la più giovane del clan Sousa, senza immaginare che questa unione lascerà la nobiltà della ragazza, ma tutto cambia dopo due mesi di matrimonio, da lì il male nascosto lascerà cenere.

MiliardarioSegretiPoteriMatrimonio combinatodolceDominanteBrava Ragazza

CAPITOLO 1

Sono passati 2 mesi da quando Genesis e Leandro Betancourt si sono sposati, un veicolo totalmente sconosciuto ha parcheggiato davanti alla grande villa, naturalmente Genesis sapeva che era arrivato qualcuno della famiglia del marito, ma è stata una sorpresa che la nuova arrivata fosse sua suocera, la rispettata Manuela de Betancourt.

Genesis durante questo periodo di matrimonio non aveva incrociato il marito nemmeno un giorno, anche se sapeva che ogni notte lui passava in ufficio e prima dell'alba lasciava la villa, l'uomo anche se era deluso da Gisele e dal suo improvviso abbandono accettò di sposare un membro della famiglia Sousa, naturalmente il punto di vista di entrambi è diverso rispetto a quell'unione che doveva durare 1 anno come stabilito nel contratto di Matrimonio combinato.

Genesis era scesa in salotto e aveva subito incontrato la suocera, naturalmente Manuela aveva uno sguardo di assoluto disprezzo per Genesis.

"Signora". Genesis parlò con la sua voce dolce e con un piccolo sorriso stampato sul suo bel visino, i cui occhi azzurri ne esaltavano la bellezza.

"La servitù non deve rivolgermi nemmeno la più piccola parola, quindi torna da dove sei venuta, maledetta approfittatrice, ruba-fidanzati", l'accusa della suocera fece impallidire gli occhi della giovane donna, che aprì gli occhi come piattini nel sentire Manuela esprimersi in quel modo su di lei.

"Mamma!" Leandro Betancourt era arrivato, mentre Genesis aveva esaurito l'aria nei polmoni osservando l'uomo imponente che indossava abiti neri nella loro interezza, la sua eleganza e la sua presenza spiccavano e l'enorme stanza sembrava piccola in sua presenza.

"Non sapevo che i domestici avessero dei privilegi in questa casa e che potessero camminare come volevano". Queste le parole di Manuela.

"Smettila mamma, sai bene che lei non è la serva, Genesis è mia moglie". Leandro aveva un'aria molto seria, la sua aura inondava l'intero locale, non era un uomo di molte parole e dopo aver pronunciato quelle parole si diresse di nuovo verso il suo ufficio, Genesis deglutì saliva e Manuela fece capire che non gli piaceva.

Tutto sembrava dissolversi, Genesis era andata in camera da letto, Manuela era fuori a fare la spesa, anche se Genesis non sa se il marito è ancora in ufficio, ma prima che potesse pensare ad altro squillò il suo cellulare e capì che era sua madre, così prese felicemente la chiamata.

"Mamma, c'è qualcosa che non va?" Genesis era preoccupata per suo padre, aveva paura, dato che ogni giorno andava a trovare i suoi genitori nel pomeriggio e ora era solo mezza giornata, anche se suo padre non parlava e non si muoveva, era confortante per lei stare vicino a loro in casa.

"Sì Genesis, ma lascia che ti dica che tua sorella è tornata". Quel Genesis non capiva perché generasse in lei un po' di fastidio, ci vollero alcuni secondi prima che la giovane riuscisse a formulare qualche parola.

"Gisele è in casa?", chiese a voce molto bassa.

"Sì, è in casa, inoltre tuo padre è riuscito ad articolare qualche parola con il suo ritorno". Lucia Sousa aveva un'aria triste, e non era una novità che Raul Sousa avesse la sua preferita tra le figlie, e cioè Gisele, molte volte Genesis era stata persino rifiutata da lui, ma l'affetto della figlia lo aveva sempre tollerato, anche lei aveva solo bisogno ed era disposta ad accettare briciole dell'affetto del padre anche se lui non dimostrava affetto nei suoi confronti, Genesis prima di parlare di nuovo emise un piccolo sospiro.

"Capisco mamma, è meglio se non vado oggi". Esprime la bionda dagli occhi azzurri: "Non voglio mettere a disagio Gisele, mamma.

"Tesoro, questa è la tua casa, proprio come la sua, e hai tutto il diritto di venire qui, e nessuno possiede la casa più dell'altro.

"Lo so mamma, ma preferisco non andare oggi, ci sentiamo più tardi, ti voglio bene". Genesis si accomiatò, chiudendo la telefonata.

La giornata era trascorsa velocemente, dopo quella telefonata con la madre Genesis si era addormentata e quando riaprì gli occhi era già mezzanotte, la donna sentiva la gola secca, aveva dormito più di 8 ore, anche lo stomaco brontolava e questo la fece accigliare, così optò per andare in cucina, uscì con cautela dalla stanza, il corridoio era buio e desolato, non voleva essere troppo rumorosa considerando che in casa c'era la suocera e il minimo che voleva era metterla a disagio e farla disprezzare ancora di più.

Quando arrivò in cucina le luci erano spente, c'era da aspettarselo, si versò un bicchiere di latte, il suo sguardo azzurro cielo si perse nella finestra che dava sul giardino che era avvolta da grandi vetri che mettevano ancora più in risalto la bellezza dei fiori, i minuti passavano e il silenzio era calmo per il suo cuore, inoltre quello era il suo posto preferito in questi due mesi di permanenza qui, si metteva sempre a osservare il giardino da quella stessa finestra, ora inspiegabilmente c'era un piccolo divano lì, che era stato messo dopo il suo terzo giorno passato a osservare il grande giardino.

"Mia moglie sta pensando a me?" la voce del marito fece alzare velocemente la giovane donna dal divano e far cadere il bicchiere di latte che teneva in mano, sentendo il vetro infrangersi e disperdersi sul pavimento allo stesso modo del liquido.

"Cosa ci fai qui?" Genesis non era abituata alla Presenza o alle apparizioni di Leandro, anzi, era abituata a stare da sola, suo padre le diceva sempre che non si adattava a nessun posto e che era meglio per lei stare a casa, quindi apprezzava di più la sua solitudine che uscire e cercare di inserirsi in una società ipocrita come quella attuale.

"Ti ricordo che questa è casa mia". Leandro le si avvicinò facendo indietreggiare la piccola donna, senza rendersi conto che il latte versato sul pavimento era la stessa zona che stava calpestando in quel momento, Genesis aveva perso l'equilibrio, dato che era scivolata, ma il colpo previsto non arrivò, un braccio forte le circondò la piccola vita e la sua reazione d'istinto le fece avvolgere le braccia intorno al collo dell'uomo che la teneva, Quell'azione sembrava una telenovela romantica in cui il protagonista salva la sua amata da qualche male, solo quando si trovarono faccia a faccia con i loro corpi uniti lei osservò gli occhi nocciola dell'uomo, il suo viso perfetto, le sue sopracciglia, Leandro Betancourt non a caso era stato eletto l'uomo più elegante e bello di tutta la Spagna.

"...grazie..." fece un tentativo di allontanarsi dall'uomo, ma la presa di Leandro su di lei si intensificò: "Lasciami, non volevo afferrarti". Genesis si era subito scusata, sapeva dalle governanti che suo marito era un feticista della pulizia e non sopportava che la gente gli stesse vicino, i vestiti che indossava dovevano essere sterilizzati, gli ingredienti per il suo cibo venivano portati esclusivamente da oltreoceano, era un caos quando lo sentiva, i milionari avevano altri problemi.

"Sei consapevole che se ti muovi produrrai una reazione nel mio corpo e non credo che tu sappia come gestirla", era chiaro che Leandro stava stuzzicando.

"Non ho nessun batterio, non produrrò nessuna reazione nel tuo corpo, mi sono solo spaventata, non pensavo che saresti stato qui, non volevo, ti prometto che non succederà più, lo giuro", alzò le mani in segno di promessa.

"Devi sviluppare un po' di più la tua mente, non stavo parlando di nessun virus o batterio", la voce dell'uomo era roca, Genesis si era fatta prendere dal panico pensando che suo marito soffrisse davvero di qualche allergia, dovuta ai prodotti idratanti che usa, o ai vestiti di scarsa qualità che indossa, ah, era in preda al panico.

"Mi dispiace molto". Espresse gli occhi già pieni di lacrime, aveva sentito dire che Leandro era troppo spietato se qualcosa la infastidiva, naturalmente aveva sentito tutto questo dalla gente di Limpieza, dato che non parlava con sua sorella, Gisele l'aveva sempre discriminata e non gliel'aveva mai detto, anche se Genesis era troppo buona che aveva sempre trascurato tutto questo, lei adora la sua famiglia e questo non cambierà, non importa quanto siano cattivi i rapporti.

"Ti dispiace piccola Genesis?", la piccola donna tremava tra le braccia di Leandro mentre osservava gli occhi scintillanti dell'uomo, "Mi stai stimolando sessualmente, mi stai eccitando, questa è la reazione che generi nel mio corpo.

Genesis impallidì quando lo sentì, con le labbra che le tremavano.

"Che cosa mi farai?" si agitò di nuovo, provocando il grugnito di Leandro, non era una sciocca, sapeva perfettamente che stava eccitando suo marito proprio come gli aveva detto, ma ora il suo dubbio era: gli piace? Genesis scosse la testa, non poteva essere così, ma sentiva la mascolinità dell'uomo, sentiva il membro maschile indurito e questo la spaventava di più, uscì dai suoi pensieri nel momento in cui sentì la stoffa dei suoi vestiti strapparsi, la schiena che toccava il divano Leandro la spinse, lasciò che il suo corpo schiacciasse il suo piccolo corpo e pochi secondi dopo il dolore lacerante di essere penetrata in un modo inaspettato e sorprendente.

Leandro la stantuffò con forza e in profondità, il suo membro eretto si perse nella cavità femminile ancora e ancora.

Genesis era sul punto di urlare, ma Leandro le coprì la bocca, le lacrime le salivano agli occhi azzurri, l'uomo era diventato selvaggio, a ogni spinta il suo corpo cominciava a reagire, le sue mani accarezzavano ogni parte del corpo nudo di Genesis.

I loro corpi si scontrano, è ossessivo per Leandro sentire e riascoltare i gemiti della moglie, che accompagna goffamente i suoi movimenti, quando tutto è finito, Genesis non riesce più a muoversi, piange inconsolabilmente, i suoi vestiti sono distrutti, mentre Leandro sembra non avere nulla, ha ancora il contegno di un re mentre si aggiusta i pantaloni e si mette la camicia.

"Perché l'avete fatto?", si chiedeva Genesis, "non era previsto dal contratto, non c'era bisogno di farlo".

"Perché è questo che fanno i mariti, fanno sesso, non lo vuoi anche tu? Inoltre, pensavo di piacerti, i tuoi gemiti lo confermano", risponde l'uomo con un sorrisetto affascinante.

"Sei una bestia". Genesis si coprì con i suoi vestiti strappati, o almeno cercò di farlo.

"Non sto cercando di dimostrare che sono un buon samaritano, sei mia moglie, non puoi rifiutare, lo faremo tutte le volte che voglio". Genesis sa che le parole del marito erano giuste, non può rifiutare, ma non si aspettava che l'uomo facesse una cosa del genere: "Vai in camera tua". Ordinò Leandro.

E la voce dell'uomo questa volta generò in lei una sensazione sconosciuta, Genesis si era alzata, il disagio nella sua zona intima era qualcosa di totalmente nuovo per lei, si morse le labbra e avanzò fino a raggiungere le scale e a salire in camera sua, la cucina era ancora nel buio più totale, ma Leandro accese uno degli interruttori che le permise di vedere una piccola luce proprio dove si trovava il divano, e lì la macchia di sangue era visibile, l'uomo indurì i suoi lineamenti quando osservò il liquido cremisi.

"Interamente mio". L'uomo mormorò con orgoglio