Libreria
Italiano

Amante del paziente vedovo

112.0K · Completato
Ginya Les
74
CapitolI
974
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Milo Hope è intrappolato in una profonda depressione e disperazione dalla morte della moglie. Vive come sinonimo di sfortuna e tristezza, finché una notte il suo dolore lo fa precipitare in un baratro ancora più profondo. In un momento di agonia, Milo lascia che le sue emozioni abbiano la meglio su di lui e finisce in ospedale dove incontra Maya Hart, l'antitesi della sua esistenza. Man mano che la loro relazione cresce, Milo inizia a mettere in discussione la sua visione della vita e a trovare un barlume di speranza nel suo mondo oscuro. Ma mentre si addentra nell'amore e nella felicità, Milo si rende conto che il suo passato lo perseguita e che la sua capacità di superarlo potrebbe essere la sua prova più grande.

Triangolo AmorosoRomanticoOdioSlowburnamore tristeseconda possibilitàgravidanza

Prefazione

Intestazione

Non sei tu a trovare l'amore, è l'amore a trovare te.

Ha qualcosa a che fare con il destino, il fato, la fortuna

e ciò che è scritto nelle stelle.

Anaïs Nin.

***

Ariana giace immobile sul letto da quella che sembra un'eternità, anche se in realtà sono passati solo pochi minuti. L'ansia mi attanaglia e mi dispero, ma cerco di rimanere il più possibile calma. Nel profondo del mio cuore, so che il discorso indesiderato deve essere fatto e non può essere rimandato oltre.

Mi alzo dalla poltrona reclinabile, che rimane su un lato del letto, e mi accovaccio accanto a lei per guardarla in faccia; una piccola lacrima le scende dall'occhio mentre cerca di non scoppiare a piangere. Le sfioro la frangia dalla fronte e poi le do un tenero bacio, proprio come quando eravamo bambine.

La sua pelle è liscia contro le mie labbra, la sento rabbrividire per la tenerezza di un semplice gesto.

"Sono qui, principessa, sono con te. Non sei sola". Alle mie parole, prende la mia mano cullandosela al petto e scoppia a piangere.

La abbraccio.

Due giorni fa il medico ci ha detto che non c'erano più esami da fare. Dovevamo solo aspettare il momento finale. Ci ha consigliato di andare a casa, di mettere tutto in ordine e di goderci gli ultimi giorni insieme, e così abbiamo fatto.

"Ho paura, Milo", confessa con tristezza nella voce. Poi, voltandosi verso di me e incontrando il mio sguardo, sospira: "Non voglio ancora morire".

"Lo so, piccola..." Cerco di essere forte e di non piangere, di essere forte per lei: "Non avere paura, sono qui con te. Non sei sola".

"So che non sono sola, ma non voglio nemmeno lasciarti". Mette la sua mano ferita da un ago sulla mia guancia e mi guarda come se le parole si stessero accumulando sulla sua lingua: "Ricordi tutti i progetti che avevamo? Andare in Irlanda, vedere le cascate di Iguazu..." fa una pausa per respirare prima che il pianto la fermi, "avere dei figli".

Le lacrime cadono dai suoi bellissimi occhi come acqua nella stagione delle piogge, le sue sopracciglia perfette diventano rosse e così il suo naso, e allora la stringo tra le mie braccia. La stringo in questo momento così duro, così crudele, così spietato. Chi ha detto che (non c'è medicina che curi ciò che la felicità cura), ha mentito. Né la più grande felicità né la scienza più avanzata sono state in grado di restringere quel ponte tra il destino e la vita per la donna che amo.

Ora, tutto ciò che mi resta è amarla e darle la pace di cui ha bisogno in questi tempi disperati. Non importa cosa provo, non importa l'impotenza, la frustrazione, il dolore, la tristezza, l'unica cosa che ha davvero la priorità nella mia vita, in questa vita, è lei, Ariana.

"Non pensarci, amore. Non torturarti supponendo ciò che non potrebbe essere, rifletti sul presente". Le presi le mani e le baciai dolcemente: "Che siamo insieme, che qualunque cosa accada, se c'è una cosa di cui devi essere sicura non è il domani, ma il mio amore per te. Perché ti ho amato anche quando ti conoscevo appena, ti amo nonostante abbia visto le tue cicatrici e ti amerò sempre, anche se non sarai al mio fianco. Ebbene, anche se tutto diventa insopportabile, devi essere sicuro che alla fine della strada, quando ti guarderai indietro, vedrai che tutto quello che hai vissuto, tutto quello che hai fatto, le persone che hai aiutato, i sorrisi che hai avuto, le lacrime che hai versato e tutto, tutto l'amore che mi hai dato non è stato vano. Hai segnato molte vite, hai segnato la mia vita tesoro, per sempre".

Mi sostiene con lo sguardo, si nutre delle mie parole che lentamente affondano in lei e le trasmettono la pace di cui ha bisogno per calmare le sue paure. Aveva bisogno che le ricordassi che la amo, non per dirle che non morirà, perché mentirebbe ed è inevitabile, ma per calmare quelle onde che si alzano prima della sua calma, aveva bisogno che le ricordassi che, per amore, nulla è vano.